Collegati con noi

Spettacoli

Fabi-Silvestri-Gazzè, a luglio festa al Circo Massimo

Pubblicato

del

Nel 2014 nasceva, dopo un viaggio insieme in Sudan di Niccolò Fabi, Max Gazzè e Daniele Silvestri, l’album a sei mani (seguito da un tour) Il Padrone della Festa. Un disco che toccava anche, prima che diventassero di moda, temi fondamentali come la difesa dell’ambiente, ricco di canzoni simbolo, da L’amore non esiste a Il dio delle piccole cose, che il trio di cantautori ripercorrerà dieci anni dopo con un concerto evento al Circo Massimo il 6 luglio 2024. Un live unico, prodotto da Francesco Barbaro per Otr Live e organizzato da The Base, in sinergia con il Comune di Roma e con l’assessorato ai grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda, per cui i biglietti saranno in vendita dal 28 novembre.

“Speriamo la città viva il concerto come una festa sia propria che aperta a tutti” dice in conferenza stampa in Campidoglio Silvestri per un album “nato in maniera molto spontanea a casa di Daniele a Fregene facendo musica insieme. Non viene da un’operazione discografica, come qualcosa di forzato” spiega Gazzè. “È stato percepito dal pubblico come un disco onesto – osserva Fabi -. anche perché avevamo iniziato a suonare insieme 20 anni prima al Locale, ai nostri inizi, quando avevamo tutti grande desiderio anche di riconoscere la propria identità. Allora abbiamo imparato a improvvisare e mescolarci. Un tipo di cultura che ci ha dato una ginnastica mentale anche per ascoltarci a vicenda non solo per esprimerci”.

Insieme “vogliamo far rivivere per una sera anche quella gioia, la voglia di giocare”. Il Circo Massimo “è una collocazione affascinante, siamo di Roma e anche se questo concerto non è solo dedicato ai romani, poter ospitare per bene tutti nel nostro salotto preferito non ci dispiace” spiega Silvestri. A lungo “ci siamo detti di lasciare quella di 10 anni fa come una cosa unica e irripetibile, ma poi ci siamo lasciati sedurre dall’idea di tornarci perché in questi anni molto spesso ai nostri concerti, anche ragazzi, ci hanno chiesto se l’avremmo rifatto”. In questi anni “c’è sempre stata la grande forza di supportarci a vicenda, tirare fuori il meglio dell’altro, sostenerci, l’uno per l’altro siamo una squadra emotivamente importante – sottolinea Gazzè -. Siamo un po’ fratelli, c’è un affetto, un bene, alla base di quel progetto che ha aggiunto qualcosa ai percorsi di ognuno di noi”.

Si vogliono festeggiare quelle canzoni, per questo “non ci saranno nuovi singoli” dicono i cantautori, anche se aggiunge Silvestri sorridendo “ho ritrovato qualche cosa che non avevamo inciso…” . Rispetto alla possibilità di un disco live “la risposta per ora è boh -. dice sorridendo Gazzè – stiamo ancora parlando di tutto”. Escluso invece un passaggio a Sanremo: “non avrebbe senso” risponde Silvestri. “Ci possiamo andare, ma d’estate” chiosa Fabi. “Siamo felicissimi che Fabi, Gazzè e Silvestri abbiamo deciso di festeggiare i 10 anni del disco molto bello fatto insieme in una location unica – dice il sindaco di Roma Roberto Gualtieri – In una scena romana che stiamo cercando di rendere il più possibile viva e di qualità e i risultati stanno arrivando”. Il concerto ha come media partner Radio 2 e Frecciarossa (Trenitalia) consentirà ai fan di raggiungere il live a Roma a prezzo scontato, grazie a promozioni dedicate.

Advertisement

Spettacoli

Geolier porta premio delle Cover su tomba amico morto per tumore

Pubblicato

del

Daniele Caprio, 17 anni, è stato ucciso da un sarcoma qualche giorno prima che Geolier, suo amico, vincesse il premio della “Serata Cover” di Sanremo. E il rapper di Secondigliano, come aveva promesso, si è recato oggi a trovare la famiglia e poi al cimitero con il premio che si era aggiudicato esibendosi con Gigi D’Alessio, Gué e Luché.

Ha un cuore d’oro Emanuele (questo il nome di battesimo di Geolier) e lo ha dimostrato in più occasioni come quando andava a trovare Daniele in ospedale: dalla fine del 2023 il sarcoma che lo tormentava da cinque anni si era aggravato e proprio quando Daniele venne trasferito nel reparto per le cure palliative dell’ospedale Santobono-Pausilipon, Geolier andò a trovarlo, come ha fatto prima di andare a Sanremo da dove è tornato quando però era già morto. In quell’occasione Daniele l’aveva incitato: “Sono sicuro che vincerai – gli aveva detto – e se non ci sarò più io comunque ti starò accanto su quel palco”.

Continua a leggere

Spettacoli

Barbara D’Urso, dolore per la cacciata da Mediaset è ancora qua

Pubblicato

del

Emozionata, la voce rotta, Barbara D’Urso è tornata in tv, ospite di Mara Venier a Domenica in. “Avevo cominciato qui in questi studi che una volta si chiamavano Dear, avevo 19 anni, sono tornata un giorno prima, ieri, per l’agitazione, lo sono veramente, l’emozione ti sorprende sempre”, ha detto D’Urso che si è definita “professionalmente serena”.

Poi però ha confessato: “tutto il mio dolore è ancora qua. Sono stata strappata alla mia vita, sono stata 23 anni in Mediaset, felice soprattutto nei primi anni, per 16 anni sono andata in diretta tutti i giorni, l’azienda mi ha dato tanto ma io ho dato la vita. Il modo terribile in cui sono stata mandata via, il 26 giugno alle ore 16,20, non l’ho dimenticato, nessuno mi ha mai spiegato, per me è ancora un dolore grande, piano piano passerà”. zVenier e D’Urso, spesso entrambe commosse, hanno ricordato gli anni ’92- ’93 alla Rai: “Vicine di camerino, io a Domenica in – ha detto Venier – e tu a Mezzogiorno in famiglia”.

Continua a leggere

Spettacoli

Eleonora Riso vince Masterchef Italia

Pubblicato

del

Il suo menù ‘Ichigo Ichie’, ispirato al Giappone e ai pesci della sua terra, la provincia di Livorno, ha conquistato tutti, giudici compresi, e le ha permesso di coronare il suo sogno a Masterchef. Eleonora Riso, 27enne cameriera di Firenze, è la vincitrice della tredicesima edizione del cooking show più seguito d’Italia, che ha registrato numeri da record nell’ultima puntata, collezionando il dato più alto delle ultime quattro finali. Su Sky Uno/+1 e on demand il programma prodotto da Endemol Shine Italy è stato seguito da 1.145.000 mila spettatori medi con il 5,4% di share, oltre 1.589.000 contatti unici e il 72% di permanenza, cifre in crescita del +8% rispetto agli omologhi episodi della stagione precedente e del +45% nel confronto rispetto a una settimana fa.

Nel dettaglio, il primo episodio ha raggiunto 1.218.000 spettatori medi, con il 4,9% di share, oltre 1.693.000 contatti unici e il 72% di permanenza; il secondo, con i menù dei tre finalisti e la proclamazione ufficiale, ha totalizzato 1.073.000 spettatori medi, con il 5,94% di share, 1.484.000 contatti e il 72% di permanenza. Sui social la conversazione è letteralmente esplosa: 792mila interazioni totali, dato in crescita del +62% rispetto a un anno fa e del +212% rispetto ai precedenti episodi, portano MasterChef Italia in cima alla classifica degli show più commentati della serata; l’hashtag ufficiale è entrato nella classifica dei Trending Topic italiani direttamente alla prima posizione rimanendovi stabilmente fino alla mattina di venerdì; non solo, #MasterChefIT è apparso anche nei Trending Topic a livello globale, in seconda posizione a cavallo della proclamazione di Eleonora.

“E’ stata una montagna russa, non c’è stato un secondo uguale all’altro, è stato un delirio – ha raccontato l’esuberante 27enne, prima toscana a imporsi a Masterchef, all’indomani della messa in onda della finale – Il mio menu è stato un rischio, volevo divertire e stupire che secondo me è la cosa più ‘ganza’ quando uno assaggia qualcosa di nuovo”. E’ il caso del mochi, dolce tipico giapponese e punto di partenza nella scelta dei piatti da presentare ai giudici, che hanno premiato la sua genialità e la sua fantasia rispetto agli altri due finalisti, Michela Morelli, personal trainer 44enne proveniente da Bolzano, e Antonio Mezzola, geometra 28enne che vive a Monaco di Baviera ma è originario di Palermo.

“Eravamo tutti molto amici, c’è stato tanto supporto tra noi nonostante una competizione così forte e importante”, ammette Eleonora, che è rimasta vaga invece sulla natura del suo rapporto con Nicolò, il dottore ravennate uscito nelle fasi finali del programma (“le prese in giro sono sempre in agguato con lui ma anche con me, per cui stay tuned…) e anche sui suoi progetti futuri. “Il progetto c’è, adesso seguiamo il flow e cavalchiamo l’onda, poi getterò le basi per il mio progetto incredibile – ha raccontato – Voglio andare a vivere in campagna e utilizzare uno spazio per fare ciò che mi va: accogliere le persone, dar da mangiare, avere gatti e cani”. Di certo “il mio futuro è la cucina, ma anche tutto ciò che le sta attorno”. Il prossimo passo? La pubblicazione del suo primo libro di ricette, in uscita l’8 marzo a cura della casa editrice ‘Baldini+Castoldi’, dal titolo ‘Laboratorio di sapori’. Perché sperimentare e immaginare è uno dei segreti dietro al successo di Eleonora.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto