Collegati con noi

Ambiente

CONOU sceglie Changee, partnership strategica per promuovere l’eccellenza dell’economia circolare in Italia

Pubblicato

del

Il Consorzio Nazionale degli Oli Minerali Usati (CONOU) ha annunciato una nuova e importante fase nella sua missione di promuovere l’economia circolare in Italia. Dopo un approfondito processo di gara che si è svolto da maggio a novembre 2023, CONOU ha selezionato Changee, un’agenzia di comunicazione integrata associata a The Network One di Londra, per sviluppare il suo nuovo piano triennale di comunicazione, che verrà lanciato nel 2024.

L’obiettivo principale della partnership tra CONOU e Changee è quello di consolidare la posizione di CONOU come uno dei principali attori dell’economia circolare in Italia. La strategia di comunicazione sarà progettata per coprire una vasta gamma di canali, sia fisici che digitali, al fine di amplificare la consapevolezza dell’importante ruolo svolto dal consorzio nel promuovere pratiche sostenibili di gestione degli oli minerali usati.

Riccardo Piunti, Presidente di CONOU, ha dichiarato entusiasticamente: “Siamo un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale. Vogliamo raccontare la nostra storia e farla conoscere, perché pensiamo che questo modello italiano sia davvero vincente ed esemplare. In questo senso, la comunicazione svolgerà sempre più un ruolo chiave e potrà darci quella marcia in più che ci serve”.

La partnership tra CONOU e Changee si propone anche di sensibilizzare e coinvolgere cittadini, imprese e istituzioni nel loro ruolo di protagonisti fondamentali nell’adozione di pratiche sostenibili e nell’impulso all’economia circolare. La comunicazione mirerà a trasmettere il messaggio che ciascuno può contribuire in modo significativo alla creazione di un futuro più sostenibile.

Le attività previste in supporto a questa strategia saranno pianificate e attuate in stretta collaborazione con la sede di Roma di Changee, garantendo un coordinamento efficace e un’implementazione sinergica delle iniziative di comunicazione.

Con questa partnership strategica, CONOU si propone di rafforzare il proprio impatto e di raggiungere un pubblico più ampio, dimostrando che l’Italia può essere un faro di innovazione e sostenibilità nel contesto dell’economia circolare. La comunicazione diventerà così uno strumento chiave per amplificare la voce di CONOU e ispirare azioni concrete verso un futuro più verde e responsabile.

Advertisement
Continua a leggere

Ambiente

Le polveri sottili calate in 10 anni, ma non basta

Pubblicato

del

L’inquinamento da polveri sottili è sceso in Italia negli ultimi anni, ma non basta ancora. Le concentrazioni di Pm10 sono calate del 45% fra il 2013 e il 2022 (-2,1% annuo). Ma nel 2022 il valore limite giornaliero della normativa nazionale è stato sforato nel 20% delle giornate. E l’Italia è ancora lontana da rispettare i limiti delle polveri sottili raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità, l’Oms. Mentre scoppia l’emergenza inquinamento atmosferico in Lombardia, il 4/o Rapporto Ambiente del Snpa (Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente, la rete formata da Ispra nazionale e Arpa regionali) inquadra il problema nella sua prospettiva storica. Ma non solo. Lo studio fa anche una carrellata su tutte le principali questioni ambientali del paese. Nel 2022, è stato registrato un solo sforamento del limite annuale fissato dalle legge italiana per le Pm10: solo lo 0,2% dei casi. Ma il valore limite giornaliero è stato superato nel 20% delle giornate.

Il limite annuale di legge delle Pm2,5, le polveri più pericolose, è stato sforato solo in 4 stazioni dimonitoraggio, pari all’1,3% dei casi. Il 93% delle stazioni supera però i limiti annuali di Pm10 raccomandati dall’Oms, e il 99,7% quelle delle Pm2,5. Si tratta di limiti molto più severi rispetto a quelli delle normative italiane, e giudicati da alcuni esperti troppo ambiziosi. Il ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica Gilberto Pichetto, alla presentazione del rapporto a Roma ha commentato che contro l’emergenza smog “l’azione è sul fronte della decarbonizzazione, con la modernizzazione del sistema industriale e dei fabbricati. Dobbiamo andare avanti con l’efficientamento energetico e dei veicoli e con la modernizzazione del sistema agricolo”. “Questo è un percorso che non si risolve con un provvedimento immediato – ha proseguito Pichetto -. L’emergenza del giorno può essere combattuta con blocchi veicolari. Ma è un cerotto sul breve periodo”.

Sulle altre questioni ambientali, il Rapporto di Snpa ha rivelato che nell’ultimo anno il consumo di suolo in Italia è stato di oltre 21 ettari al giorno, 2,4 metri quadrati al secondo. Le emissioni di gas serra sono ripartite dopo la pandemia (+8,5% nel 2021), e l’inquinamento acustico è sceso appena dell’1,3% rispetto al 2013. In compenso, è in costante discesa la quantità di rifiuti smaltiti in discarica. Dal 63,1% del 2002 si è passati al 17,8% del 2022. La Campania è la regione che usa meno le discariche, il Veneto il campione in raccolta differenziata. Il 78% dei fiumi e il 69% dei laghi sono in stato chimico buono. In Italia è protetto il 21,7% dei suoli e l’11,2% dei mari. L’agricoltura biologica interessa il 18,7% della superficie agricola e il 7,3% delle aziende del settore.

Continua a leggere

Ambiente

A Napoli in pieno inverno come ad agosto, folla sulle spiagge

Pubblicato

del

In pieno inverno come ad agosto. Sulle spiagge di Napoli oggi in tanti erano in costume da bagno, qualcuno addirittura si è avventurato in acqua per un tuffo fuori stagione. La temperatura mite, tra i 17 e i 19 gradi, ha favorito, dal lungomare a Posillipo ma anche in costiera amalfitana l’afflusso di persone che hanno approfittato della bella giornata di sole. In molti hanno portato da casa le sdraio aperte sulle spiagge libere e organizzato un pic nic ma si registra il tutto esaurito anche nei lidi, sia per chi è rimasto in spiaggia sia per chi ha preferito consumare un pranzo con vista mare. Mare ideale anche per chi lo ha attraversato in canoa.

Continua a leggere

Ambiente

Nautica, i motori Suzuki: affidabili, ecologici e consumano meno. Parla Paolo Ilariuzzi

Pubblicato

del

Una serie di motori affidabili, versatili e soprattutto ecologici, con soluzioni pensate addirittura per filtrare le microplastiche che sono nei nostri mari: è la gamma di fuoribordo Suzuki Marine. Un successo che va avanti da anni, nonostante i periodi difficili del Covid, gli appassionati della nautica da diporto scelgono questi motori non solo per le piccole imbarcazioni ma anche, addirittura soprattutto per quelle barche o gommoni che montano motori di grossa cilindrata. “Utenti consapevoli” come li ha definiti Paolo Ilariuzzi, Direttore della Divisione moto e Marine di Suzuki Italia intervistato da Juorno. Ilariuzzi commenta anche con entusiasmo il packaging con una barca napoletana nuova ma dalle grandi prestazioni che è l’AtalanteZ 340 del cantiere napoletano Nautica Mediterranea Yachting, presentata per la prima volta a Genova 2023 ed ora a Napoli, già un grande successo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto