Collegati con noi

Esteri

Colombia: storico Petro, primo presidente di sinistra

Pubblicato

del

Gli elettori colombiani hanno scritto una pagina di storia senza precedenti permettendo al senatore Gustavo Petro, leader della coalizione Pacto Historico, di portare per la prima volta la sinistra ai vertici del potere in Colombia. Dopo essersi aggiudicato agevolmente il 29 maggio il primo turno di votazioni con oltre il 40% dei suffragi davanti all’outsider indipendente Rodolfo Hernandez (28,15%), nelle ultime tre settimane Petro ha dovuto fare fronte ad una crescita del suo avversario, appoggiato da vari candidati della destra.

I sondaggi della vigilia indicavano fra i due candidati l’esistenza di una ‘parita’ tecnica’, compatibile con il margine di errore dei rilevamenti, ma alla fine il Registro nazionale elettorale colombiano ha mostrato che sulla base dello scrutinio dei voti del 99,57% dei seggi, Petro ha ottenuto 11.260.105 suffragi, oltre 700.000 in piu’ del suo avversario, equivalenti al 50,48% del totale. Nella sua prima reazione via Twitter, il neo-eletto presidente ha parlato di “giorno di festa per il popolo. Che festeggia la prima vittoria popolare. Che tante sofferenze siano attutite dalla gioia che oggi inonda il cuore della Patria. Questa vittoria e’ per Dio e per il Popolo e la sua storia. Oggi e’ la giornata delle strade e delle piazze”.

Il primo a congratularsi con lui, e con la vicepresidente eletta afrodiscendente Francia Marquez, e’ stato il presidente uscente, Ivan Duque, che ha reso noto attraverso le reti sociali di aver chiamato il vincitore per rallegrarsi del suo successo. “Ho chiamato Gustavo Petro per congratularmi con lui come presidente eletto colombiano. Abbiamo deciso di incontrarci nei prossimi giorni per iniziare una transizione armoniosa, istituzionale e trasparente”. Da giorni gli analisti, esaminando le prospettive del ballottaggio, avevano sostenuto che la Colombia andava verso cambiamenti storici, perche’ chiunque dei due candidati avesse vinto, avrebbe determinato la fine definitiva del ‘bipartitismo imperfetto’ conservatori-liberali che ha retto la Colombia per 200 anni. Entrato in gioventu’ nella guerriglia del M-19 (con il soprannome di Aureliano, ispirato ad un personaggio dei romanzi di Gabriel Garcia Marquez) senza mai entrare pero’ in operazioni militari, Petro e’ forte di oltre 20 anni di attivita’ politica. Ha 62 anni, ed era al suo terzo tentativo di conquistare la Casa de Narino presidenziale, dopo avere perso nel 2010 con Juan Manuel Santos, Premio Nobel per aver firmato la pace con le Farc, e poi nel 2018 con Duque. La sua elezione costituisce sicuramente un problema da risolvere per gli Stati Uniti, che hanno utilizzato per decenni la Colombia, fedele alleato, come pietra angolare della loro politica di sicurezza in America latina, investendo cospicue somme di denaro e di aiuti militari.

Advertisement

Esteri

Morto a 76 anni O. J. Simpson

Pubblicato

del

E’ morto l’ex giocatore di football americano O.J.  Simpson dopo una battaglia contro il cancro. Aveva 76 anni. Lo riporta Tmz citando la famiglia.

‘The Juice’, così come era conosciuto negli anni d’oro quando indossava la maglia dei San Francisco 49ers, era stato accusato di aver ucciso la sua ex moglie Nicole e il suo amico Ronald Goldman. Il processo era andato avanti per mesi e aveva spaccato l’America, innescando anche un furioso dibattito sulla questione razziale. L’ex campione era stato alla fine scagionato per mancanza di prove. Nel 2008 però è finito in carcere per rapina e sequestro. Nel 2017 ha lasciato il carcere.

Continua a leggere

Esteri

007 alleati, Putin vuole il crollo di Kiev e un governo fantoccio in Ucraina

Pubblicato

del

“Mosca punta ad una guerra di logoramento per fiaccare il morale degli ucraini, ridurre la disponibilità di mezzi fino al collasso interno. E’ uno scenario simile a quello della Prima Guerra mondiale: i piccoli cambiamenti nelle posizioni al fronte non sono importanti”. E’ l’analisi di un alto funzionario di un servizio d’intelligence alleato. “L’obiettivo – dice la fonte  – è il ‘reset’ del Paese, provocare 10 milioni di rifugiati verso l’Ue e installare un regime fantoccio al governo a Kiev”.

Uno dei grandi nodi, per non dire dubbi, è spiegare come il Cremlino intenda poi controllare l’Ucraina, una volta presone il controllo. “Il dopoguerra – spiega il funzionario – potrebbe essere assimilato a uno scenario simile al Patto di Varsavia: poche truppe russe sul terreno, pezzi di società ucraina che si prestano a gestire il Paese”. Il risultato, per Mosca, sarebbe quello di avere “una seconda Bielorussia” e chiudere l’anello difensivo fino al Mar Nero. Ecco perché diventa fondamentale fare in fretta e aiutare l’Ucraina da qui all’estate con nuove forniture di armi e munizioni, “dando priorità a iniziative concrete come quella lanciata da Praga”. In caso contrario, le ripercussioni per l’Occidente potrebbero essere gravi.

“Se il fronte in Ucraina crolla, interno o esterno, non sarà possibile al vertice di Washington della Nato emettere comunicati positivi e farla franca: l’Alleanza in quel caso mostrerà debolezza, non forza”. L’esito della guerra in Ucraina determinerà poi i passi successivi di Mosca. Le indicazioni, conclude la fonte, è che il Cremlino si stia già preparando a un possibile conflitto con la Nato “nell’arco dei prossimi dieci anni”.

Continua a leggere

Esteri

Tragedia in Pakistan: 17 morti e molti feriti in un incidente stradale

Pubblicato

del

Nel sud-ovest del Pakistan, una tragedia ha scosso la provincia del Balochistan, lasciando dietro di sé un bilancio spaventoso di morte e feriti. Almeno 17 persone hanno perso la vita e altre 41 sono rimaste ferite in un grave incidente stradale avvenuto recentemente.

L’incidente è avvenuto quando un mezzo trasportante, presumibilmente un camion, è precipitato in un burrone. Il vice commissario distrettuale, Munir Ahmed, ha dichiarato che il camion stava viaggiando a una velocità eccessiva e ha perso il controllo mentre affrontava una svolta critica sulla strada.

Le autorità locali sono state pronte a rispondere all’incidente, inviando squadre di soccorso e ambulanze sul luogo dell’incidente per assistere i sopravvissuti e recuperare le vittime. Tuttavia, il bilancio delle vittime ha continuato a salire, evidenziando la gravità dell’incidente e la necessità di interventi immediati per prevenire tragedie simili in futuro.

Le indagini sull’incidente sono ancora in corso, con le autorità che cercano di determinare le cause esatte dell’incidente e se ci fossero eventuali violazioni delle normative sulla sicurezza stradale da parte del conducente o di altri fattori coinvolti.

 

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto