Collegati con noi

Cronache

Chat contro un 12enne “ti odiamo”, sette coetanei indagati

Avatar

Pubblicato

del

La quotidianita’ scolastica ormai era diventata un incubo per una ragazzina di 12 anni che si e’ trovata suo malgrado vittima di una grave vicenda di bullismo, avvenuta in una scuola media di Piacenza, e portata avanti, con tratti quasi sadici, da alcuni suoi coetanei. Solo grazie all’intervento professionale della sezione investigativa della Polizia locale e’ stato possibile, con la sensibilita’ e la delicatezza necessarie quando si tratta di ragazzini cosi’ giovani, porre fine a una situazione che aveva gia’ portato la 12enne ad ammalarsi a causa dello stress causato dai bulli. Il “bullismo – ha detto il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti – e’ una piaga sociale che lascia delle ferite profondissime nelle vittime. L’episodio di Piacenza, dove per mesi dei ragazzini hanno minacciato una loro compagna di classe, e’ inaccettabile. Tolleranza zero nei confronti di questi comportamenti vigliacchi”. La procura presso il Tribunale dei minori di Bologna ha aperto un fascicolo per violenza privata continuata, minacce e diffamazione. Gli indagati sono sette compagni di classe fra i 12 e i 13 anni che per mesi l’hanno fatta bersaglio di cattiverie, insulti e prese in giro basate su una patologia invalidante da cui la ragazzina e’ affetta da tempo. Trattandosi pero’ di soggetti minori di 14 anni, non sono imputabili e per loro non vi sara’ alcun processo, ma alla fine il “capo” di questo gruppetto di bulli, maschi e femmine, ha capito l’errore e ha scritto di suo pugno una lettera di scuse alla compagna di classe e alla madre. In gennaio era stata proprio lei a rivolgersi agli agenti segnalando che la figlia non voleva piu’ andare a scuola perche’ era bersagliata di insulti molto gravi che facevano leva sulla sua malattia. Anche il personale dell’istituto aveva notato che il suo rendimento scolastico, da sempre al di sopra della media perche’ molto intelligente, era precipitato senza un motivo apparente. Negli atti di indagine e’ finita addirittura una chat di gruppo creata su Whatsapp dai compagni di classe e intitolata “noi ti odiamo”, nella quale era stata inserita, e subito dopo esclusa, anche la stessa 12enne “solo per il gusto sadico di farle sapere che avevano cerato quel gruppo apposta per insultarla alle sue spalle” spiegano gli agenti della Polizia locale di Piacenza. “Sei marcia e devi morire” era il tenore delle frasi che ogni giorno a scuola qualcuno del gruppo le rivolgeva in continuazione. In un caso la ragazzina era stata addirittura paragonata a un bidone dell’immondizia tanto che quegli stessi compagni le lanciavano addosso i rifiuti. Archiviata ormai l’azione penale, come detto a causa della non imputabilita’ dei protagonisti, pare invece profilarsi un’azione civile di risarcimento del danno. Ma la cosa piu’ importante e’ che ora finalmente la 12enne ha potuto fare ritorno a scuola in tutta serenita’.

Advertisement

Cronache

Barca off shore si schianta contro una diga a Venezia, 3 morti e un ferito

Avatar

Pubblicato

del

Tre persone sono morte ed una quarta è rimasta ferita in un incidente nautico avvenuto stasera a Venezia. Secondo le prime informazioni riferite dai vigili del fuoco, uno scafo offshore sarebbe finito contro la diga di San Nicoletto, in localita’ Lunata, e nello schianto tre occupanti della barca sono morti. Sul posto si trovano i vigili del fuoco e mezzi della Capitaneria di Porto. I corpi dei primi due deceduti sono stati recuperati subito, mentre un terzo componente dell’equipaggio risultava disperso. E’ stato individuato poco dopo, anch’egli deceduto, dai vigili del fuoco. L’incidente, con il buio fitto, sarebbe avvenuto davanti alla sulla ‘lunata’, una diga artificiale fatta di grossi massi calati sul fondale costruita a protezione delle opere del Mose, a sud della diga di San Nicolo’ del Lido.

Continua a leggere

Cronache

Autostrade travolta dalle inchieste, Castellucci lascia Atlantia: deleghe a Comitato

Avatar

Pubblicato

del

Atlantia volta pagina dopo la bufera scatenata dagli sviluppi dell’inchiesta sul crollo del ponte di Genova e dalle nuove misure cautelari a carico di dipendenti delle controllate Aspi e Spea. L’a.d. Giovanni Castellucci nel corso di un cda straordinario durato oltre 5 ore si e’ dimesso da amministratore delegato e direttore generale dell’azienda, dopo 18 anni trascorsi nel gruppo. Nel periodo di transizione fino alla nomina di un nuovo ad le deleghe esecutive passano in via temporanea ad un comitato di 5 consiglieri (Fabio Cerchiai, Carlo Bertazzo, Anna Chiara Invernizzi, Gioia Ghezzi e Carlo Malacarne). Castellucci esce con 13 milioni di buonuscita oltre alle competenze di fine rapporto. Giancarlo Guenzi, gia’ cfo, e’ nominato direttore generale. Al termine di una giornata di attesa, il titolo in Borsa ha comunque chiuso a +1,57% (a 20,76 euro), dopo aver accumulato in due giorni una perdita del 15%. Il cambiamento al vertice della holding che controlla Aspi era stato preannunciato da Luciano Benetton che aveva espresso lo choc per gli ultimi fatti emersi dalle inchieste partite dopo la tragedia del ponte. Gia’ sabato Edizione aveva esplicitato il suo cambio di passo, dicendosi pronta a prendere le iniziative necessarie. Dal cda di ieri della famiglia di Ponzano Veneto e’ filtrata un’identita’ di vedute e oggi Luciano Benetton ha confermato la necessita’ di voltare pagina: “E’ una settimana che siamo sotto choc per quello che appare dai comunicati della giustizia. Speriamo che si chiarisca. Sicuramente ci sara’ qualche cambiamento. Questo lo aspettiamo dal cda di oggi”. Castellucci, 60 anni, ingegnere originario di Senigallia (Ancona) era arrivato ad Autostrade da Barilla nel 2001, prima come direttore generale del Gruppo Autostrade, dal 2005 come a.d. di Aspi e dal 2006 come ad di Atlantia. Il suo passo indietro dalla holding, nella quale si e’ occupato personalmente dell’operazione Abertis conclusa lo scorso anno, della internazionalizzazione e diversificazione di aeroporti e infrastrutture e da qualche mese anche del dossier Alitalia, arriva dopo 8 mesi dalle dimissioni dal vertice di Autostrade. Una decisione annunciata in un cda ad inizio agosto 2018 per concentrarsi sullo sviluppo internazionale della holding, ma divenuta effettiva a inizio 2019, anche per motivi di opportunita’ in seguito alla tragedia del ponte Morandi. Gli ultimi provvedimenti cautelari a carico di dipendenti di Aspi e Spea per i report ‘ammorbiditi’ sulla stato dei viadotti hanno pero’ riportato l’attenzione sulla societa’, verso la quale e’ venuta meno la fiducia della holding dei Benetton (che detiene il 30,25%).

Continua a leggere

Cronache

Accusata di violenze e di aver avviato all’uso della droga la figlia 14enne, condannata

Avatar

Pubblicato

del

Accusata di maltrattamenti e di aver avviato all’uso di sostanze stupefacenti la figlia 14enne, una donna di 45 anni e’ stata condannata oggi a due anni e mezzo di reclusione dal tribunale di Arezzo. Il pm Chiara Pistolesi aveva chiesto una pena di sei anni. L’indagini erano partite dal racconto fatto dalla stessa ragazza dopo essere stata portata in ospedale. Da quanto sostenuto dall’accusa, la donna, spesso sotto l’effetto di droga e alcool, avrebbe sottoposto la figlia a violenze fisiche e verbali, e avviata anche all’uso di stupefacenti.

Continua a leggere

In rilievo