Collegati con noi

Esteri

Assange vince un round, può fare appello contro gli Usa

Pubblicato

del

Si riapre la partita per la libertà di Julian Assange, che guadagna se non altro tempo rispetto alla prospettiva d’essere consegnato hic et nunc nelle mani degli Usa. Ad offrirgli una nuova chance è un collegio di seconda istanza dell’Alta Corte di Londra, che ha dato oggi via libera a un nuovo processo d’appello contro l’estradizione oltre oceano, dove il cofondatore di WikiLeaks – inseguito senza tregua da quasi 20 anni per aver diffuso montagne di documenti sottratti al Pentagono o al Dipartimento di Stato, contenenti fra l’altro rivelazioni su crimini di guerra commessi in Afghanistan e Iraq – rischia sulla carta una sentenza monstre.

Ammesso di sopravvivere. Il verdetto dei giudici Victoria Sharp e Jeremy Johnson è arrivato dopo un primo spiraglio socchiuso a marzo, quando gli stessi magistrati avevano accettato di ridiscutere l’istanza difensiva – rigettata in primo grado – ammettendo la possibilità di concedere un ulteriore appello laddove i rappresentati del governo americano non avessero fornito rassicurazioni “soddisfacenti” sul pieno rispetto del diritto dell’ex primula rossa australiana a “un giusto processo”.

Cosa che evidentemente non è successa, nell’interpretazione del breve dispositivo con cui Sharp e Johnson – ascoltate ancora una volta le parti – hanno rimesso tutto in gioco: evitando di decretare come chiusa la vicenda di fronte alla giustizia britannica e di dare quindi l’ok a un’estradizione immediata o quasi. Decisone accolta con sollievo dagli avvocati di Assange, che si sono abbracciati in aula tra loro, mentre reazioni analoghe contagiavano l’irriducibile compagna dell’ex primula rossa australiana, Stella Morris, e il padre, usciti a dare l’annuncio a decine di sostenitori, politici e attivisti dei diritti umani radunati fuori dal palazzo di giustizia. Julian ha invece ricevuto la notizia in cella, nel soffocante carcere di massima sicurezza di Belmarsh dove è rinchiuso da oltre cinque anni e da dove non è potuto uscire nemmeno per l’udienza odierna, prostrato – a quanto è stato riferito – da una condizione di salute psico-fisica sempre più precaria, dopo aver trascorso ormai quasi tre lustri dei suoi 53 anni di vita scarsi da preda in gabbia o da detenuto.

Ora l’artefice di WikiLeaks avrà “alcuni mesi” per preparare il nuovo procedimento, precisa Bbc. Anche se, almeno per il momento, è destinato a rimanere in custodia cautelare – senza condanne alle spalle – dietro le mura di una prigione affollata di assassini, terroristi, criminali conclamati della peggiore risma. Le argomentazioni sollevate dalla difesa per invocare l’ulteriore appello riguardavano due punti cruciali per un processo equo (secondo gli standard minimi europei): il rischio di una condanna a morte (prevista se non altro sulla carta per il reato contestato ad Assange negli Usa di violazione dell’Espionage Act del 1917, inedito per un giornalista); e il timore di non poter invocare, in quanto cittadino australiano, il Primo Emendamento della Costituzione, baluardo della libertà d’espressione e informazione.

Sul primo punto i legali di Washington hanno garantito che la pena capitale non sarebbe stata “chiesta dalla pubblica accusa” statunitense; ma è sul secondo che non sono riusciti a far breccia, limitandosi a rinviare vagamente alla futura pronuncia di una Corte d’oltre oceano il possibile riconoscimento (o meno) della tutela del “First Amendment”. Una “non rassicurazione”, tanto nelle parole dell’arringa finale dell’avvocato Edward Fitzgerald quanto nelle valutazioni dei giudici. Valutazioni che allontanano lo spettro dell’estradizione, ma che soprattutto offrono margini di tempo agli auspici di una vittoria giudiziaria conclusiva; o magari di una soluzione politica dell’odissea, se Joe Biden vorrà darvi seguito concreto prima delle elezioni di novembre.

E dietro le quali Kristinn Hrafnsson, giornalista d’inchiesta islandese succeduto ad Assange in veste di direttore di WikiLeaks, intravvede “finalmente un primo barlume di speranza” in fondo al tunnel. Una speranza di cui Stella, moglie e madre dei due figli di Julian, si dice “grata” sia ai sostenitori tornati oggi in strada a Londra al grido di “Free Assange”, sia ai “milioni di persone” che nel mondo – accanto a leader progressisti come il premier australiano Anthony Albanese o il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva – continuano a protestare contro “la sua persecuzione”.

Advertisement

Esteri

Putin e Kim firmano un patto di difesa reciproca

Pubblicato

del

Un patto di assistenza reciproca in caso di aggressione a uno dei due Paesi e l’impegno comune a combattere “le pratiche neocolonialiste” dell’Occidente, a partire dalle sanzioni. La visita di Vladimir Putin a Pyongyang, conclusa da un invito al “caro compagno Kim Jong-un” a recarsi a Mosca, riporta alla memoria il mondo diviso in due dalla Guerra Fredda. Con il 38esimo parallelo che torna ad essere una delle frontiere della sfida tra Mosca, impegnata a sostenere la Corea del Nord, e Washington, alleata del Sud. Kim ha ribadito l’appoggio a Mosca nel conflitto in Ucraina, che ha reagito accusando Pyongyang di fornire aiuti militari alla Russia per compiere “assassinii di massa” di civili. Il consigliere della presidenza Mykhailo Podolyak ha quindi chiesto alla comunità internazionale “un approccio più rigoroso per arrivare ad un vero isolamento” della Corea del Nord e della Russia. La coreografia della visita di Putin sembrava studiata per sottolineare un ritorno al passato, con guardie a cavallo, bambini con i palloncini, ritratti giganti dei due leader e la folla radunata sulla Piazza Kim Il Sung che saluta la prima visita di Putin a Pyongyang dal 2000. Anche se Kim è arrivato ad affermare che il livello di “prosperità” degli attuali rapporti bilaterali non era stato toccato nemmeno ai tempi delle “relazioni coreano-sovietiche del secolo scorso”.

Ai tempi di suo nonno Kim Il Sung, appunto. Putin e Kim hanno parlato per ben 11 ore, tra incontro bilaterale con le rispettive delegazioni, due ore di faccia a faccia con i soli interpreti e poi passeggiata, cerimonia del té e cena. Abbastanza per confermare tutti i timori degli occidentali, che accusano Pyongyang di fornire a Mosca missili balistici e munizioni da usare in Ucraina e sospettano la Russia di assicurare alla Corea del Nord aiuti per sviluppare i suoi programmi missilitici e nucleari. I due Paesi si guardano bene dal confermare tali intenzioni. Ma Kim non ha perso occasione per ribadire il sostegno a Mosca nel conflitto in Ucraina, ricevendo il pubblico ringraziamento di Putin. E quest’ultimo ha detto che la Russia “non esclude una cooperazione tecnico-militare” con la Corea del Nord. Per auspicare poi una revisione da parte del Consiglio di Sicurezza dell’Onu (di cui Mosca è membro permanente) delle sanzioni in vigore contro Pyongyang. In generale, ha rincarato il presidente russo, i due Paesi si oppongono a sanzioni “motivate politicamente” che “minano solo il sistema economico e politico globale”.

Ma il pezzo forte della giornata, al termine della quale Putin è partito per il Vietnam, è stata la firma del trattato di cooperazione strategica, che impegna tra l’altro ciascuna delle due parti a intervenire a difesa dell’altra sostituendo un patto del 1961 tra Corea del Nord e Unione Sovietica. Il leader russo ha commentato l’accordo mettendolo in relazione alle dichiarazioni degli Stati Uniti e altri Paesi Nato sulla possibilità per l’Ucraina di colpire il territorio russo con armi di precisione e in un prossimo futuro con jet F16 forniti dall’Occidente. “Una flagrante violazione di tutte le restrizioni a cui i Paesi occidentali si sono impegnati nell’ambito di vari obblighi internazionali”, ha detto Putin. Da parte sua Kim ha detto che il patto serve solo a mantenere “la pace e la stabilità nella regione”. Ma, con toni entusiastici, ha sottolineato che esso dimostra come la Russia sia “l’amica e l’alleata più onesta” della Corea del Nord e lo stesso Putin “il più caro amico del popolo coreano”. Con buona pace dunque della Cina, finora il principale sostenitore politico e militare della Corea del Nord, con la quale ha un trattato di difesa.

Continua a leggere

Esteri

La finanza del terrore,l’impero di Hamas e Hezbollah

Pubblicato

del

Asset, fondazioni, banche, criptovalute, broker, agenti. Le parole della finanza cancellano la retorica ideologica di cui si ammantano Hamas e Hezbollah per mettere a nudo le imponenti risorse che nascondono. Ne ha parlato con la stampa nazionale, dopo incontri istituzionali ad alto livello a Roma, Uzi Shaya, ex alto ufficiale israeliano del Mossad, esperto di operazioni finanziarie di entità terroristiche e Paesi sponsor del terrorismo. “Distruggere la capacità militare di Hamas non è sufficiente per fermare il terrorismo. Bisogna smantellare le infrastrutture civili di Gaza da cui passano enormi flussi di denaro che finiscono per finanziare il terrore”, ha affermato Shaya, spiegando punto per punto come i canali amministrativi tra la Striscia e la Cisgiordania siano il cuore della sopravvivenza militare di Hamas.

La stima, formulata seguendo i flussi di denaro, parla di un miliardo e mezzo di dollari a disposizione ogni anno (fino al 7 ottobre) dei miliziani di Yahya Siwar per tenere in piedi l’organizzazione militare che “è riuscita a invadere Israele e infliggere la sconfitta peggiore da quando il Paese esiste”, ha sottolineato l’ex ufficiale del Mossad. I soldi passano regolarmente dai canali ufficiali per sostenere l’amministrazione palestinese per il mantenimento della vita civile. Clandestinamente fiumi di denaro arrivano da Iran e Qatar (oltre a quelli in chiaro approvati dal governo israeliano), attraverso i money transfer principalmente da Libano, Turchia, Egitto. Hamas può contare su un portfolio con asset per mezzo miliardo di dollari l’anno, entità finanziaria assistita dal sistema bancario di Ankara. La maggior parte delle aziende commerciali di proprietà sono state sanzionate dopo il 7 ottobre, ma ha detto Shaya, le operazioni sono continuate.

Una delle maggiori menti di questa rete finanziaria è Hamid al Ahmar, businessman yemenita e leader dei Fratelli musulmani a Sanaa trasferito in Turchia, con rami operativi legati a Hamas anche in Libano, Sudafrica e altri Paesi. L’attività prevede pure il finanziamento di conferenze e convegni pro-Paestina con attività di cui in Italia si occupa un broker sardo, ha raccontato Shaya. “I soldi delle commercial companies finiscono nelle tasche dei leader di Hamas e delle loro famiglie, con enormi investimenti diversificati”, ha spiegato. La montagna di soldi nella Striscia è però meno ingente in confronto all’impero finanziario gestito da Hezbollah. Il partito di Dio ha possibilità più ampie, la mole di denaro più grande, tutto viene gestito attraverso la maggiore banca libanese.

“E del resto, Hezbollah ha il controllo dell’intero sistema finanziario del Paese”, ha spiegato Shaya, “il 70% del denaro viene da Teheran. Gli islamisti di Nasrallah gestiscono centinaia di attività commerciali in tutto il mondo, Hamas ne ha a disposizione una ventina. Hezbollah ha partecipazioni ovuneque, si serve di ong, così come Hamas, partecipa al traffico di droga internazionale, sviluppa le sue attività attraverso reti che aggirano le regole finanziarie”. “L’infiltrazione del sistema finanziario internazionale è un problema che riguarda tutti. Israele, combattendo questa guerra nascosta, in questo momento rappresenta tutto l’Occidente”, ha dichiarato Shaya, “il governo italiano sta facendo il possibile. Ho chiesto una più efficace cooperazione per questa battaglia comune”, ha avvertito.

Continua a leggere

Esteri

Rimossi i pannelli della discordia tra Argentina e Cile

Pubblicato

del

La Marina militare dell’Argentina ha rimosso le infrastrutture di un avamposto in Terra del Fuoco, nell’estremo sud del del Paese, che erano state costruite per errore oltre il confine con il Cile. Lo rende noto oggi il ministero della Difesa argentino dopo le forti proteste espresse nei giorni scorsi dal governo del presidente cileno Gabriel Boric. Buenos Aires aveva riconosciuto subito l’errore chiedendo scusa alle autorità del Paese vicino e affermando che avrebbe rimosso la struttura non appena le condizioni climatiche lo avrebbero reso possibile. Una risposta che tuttavia non ha soddisfatto il governo cileno obbligando lo stesso presidente Boric a intervenire. “Abbiamo appreso qualche tempo fa che l’Argentina, installando una base militare nella regione della Patagonia, ha collocato pannelli solari in territorio cileno. Abbiamo ricevuto le scuse del ministero degli Esteri argentino, ma vorrei dirvi molto chiaramente che i confini non sono qualcosa di ambiguo. Devono rimuovere i pannelli solari il prima possibile, o lo fanno loro o lo faremo noi”, ha detto. A fronte della protesta di Boric il governo argentino ha ordinato l’immediato invio di un equipe specializzata per la rimozione dei pannelli solari. La struttura, secondo quanto si osserva dalle immagini pubbblicate dalle autorità cilene, è stata smontata in effetti nonostante le condizioni climatiche estreme.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto