Collegati con noi

Cronache

Arresto Di Lauro, invece di dire sciocchezze su pirati delle immagini si faccia una campagna di sensibilizzazione al diniego dell’uso di foto e video di certe istituzioni

Pubblicato

del

Quanto vale indignarsi? É la stampa Baby e tu non puoi farci niente. Piu’ che la stampa sono le dinamiche economiche distorte che regolano alcuni meccanismi malati nel settore giornalistico e in special modo quello legato alle fotografie e alle riprese video.

Antico proverbio, non cinese, ma napoletanissimo recita: “compa’ ma rai ‘na vacca?” che tradotto significa banalmente “Caro amico, se mi dai una mucca gratuitamente, la accetto volentieri”.

Il dilemma è proprio questo, in merito alle varie prese di posizione, legittime e circostanziate da molte parti, ma anche strumentali, poco attente e sinceramente inutili da altre, assunte per la diffusione di immagini dell’arresto del super latitante Marco Di Lauro e per la mancata impossibilità data ai professionisti dell’immagine visiva di poter riprendere l’evento, credo sia giunto il momento di innescare, dopo i vari tavoli “imbanditi” con le associazioni e le istituzioni di categoria, un dibattito che sia veramente pubblico e prima di tutto con il pubblico. Perché, se qualcuno avesse ancora la coscienza di ricordarlo, è il pubblico il principale fruitore del lavoro giornalistico.

C’e stato qualche eminente personaggio della categoria che “inveendo” contro l’uso di immagini non realizzate da iscritti all’ordine, ma da forze dell’ordine, ha definito i secondi dei dilettanti. Non credo assolutamente che siano dei dilettanti, anzi, sono dei signori professionisti della comunicazione.

 

Comunicazione che non è sinonimo di informazione, ma di esposizione delle cose da un punto di vista particolare e di parte, sia essa giusta o sbagliata. Nel chiaro solco del tutti colpevoli nessun colpevole, si evocano fantomatici pirati, ricordando compiti e mansioni che non credo di aver mai percepito e studiato come esclusivi.

Piu’ ragionata e contestualizzata è stata la posizione del Sindacato, che conoscendo bene la strada e i problemi della categoria inquadra l’accaduto, oramai normalità operativa, come pericoloso e dannoso atteggiamento nei confronti della libertà di informazione.

Ovviamente verrebbe da dire, aldilà delle posizioni delle istituzioni di categoria, che la soluzione sarebbe in un compromesso tra forze dell’ordine e fotocineoperatori, non intervenire quando le ragioni di sicurezza lo impongono, far lavorare gli operatori dell’immagine non solo quando le divise sono ben stirate e i visi sono sorridenti a favore delle telecamere.

Le foto prodotte dai professionisti, le foto inviate dagli uffici comunicazione, le foto libere e le foto pubblicitarie, le foto/foto e le immagini anche sfocate, mi chiedo: ma non sarebbe il caso che queste ultime non venissero pubblicate dalle testate? E ancora, puo’ un direttore che sbandiera la propria autonomia professionale abusare di immagini pubblicitarie di enti preposti alla sicurezza?

Il nodo è questo, se ti danno una vacca gratis la usi, ma poi non sarai piu’ libero di poter dire che l’allevatore maltratta gli animali.

L’Ordine dei Giornalisti, non dovrebbe nascondersi dietro la foglia di fico di comunicati stizziti contro fantomatici pirati dilettanti, ma avviare una seria campagna di sensibilizzazione al diniego dell’uso di immagini fornite dagli enti pubblici. Dovrebbe far capire che oltre al chiaro  segnale di prostrazione a tali meccanismi, si interrompe una catena professionale che garantisce libertà e autorevolezza oltre ad arrecare danno a suoi iscritti.

Dovrebbe, l’Ordine,  mettere in piedi meccanismi semplici  di deterrenza all’uso di tali “servizi” quali l’impossibilità ad accedere a fondi pubblici per tutte le testate che utilizzano foto/videoprodotti   realizzati da  dipartimenti della comunicazione di enti pubblici o da funzionari e operatori protagonisti di operazioni di ordine pubblico o salvataggio.

Non è certo l’uovo di Colombo, ma un percorso che oramai diventa sempre piu’ lungo, ma come ogni utopia, anche questa ha un protagonista che deve essere risolutivo e come tutti i protagonisti dovrà lottare per far valere le sue ragioni. Il lettore è quel protagonista, sì proprio tu che ora stai leggendo, proprio tu che compri il giornale o con le dita della mano clicchi sulla tastiera o sul display di uno smartphone, tu lettore, quante volte hai scritto ad un giornale o ad una testata televisiva dicendogli che le foto o i filmati che erano in pagina o in onda non erano all’altezza delle tue aspettative? Credo che pochissimi potranno rispondere dicendo IO L’HO FATTO. Ecco il nodo è questo: il lettore italiano non è abituato a dialogare con il giornale e alla fine, passivamente lo subisce, qualunque sia la sua posizione, lo subisce pedissequamente, come oramai, purtroppo, siamo abituati nel nostro Paese in vari campi. E allora lettore, fallo, scrivi ai giornali dicendo che i contenuti fanno schifo, non farlo solo il sabato, con lettere forbite, sperando di uscire nella rubrica la domenica, scrivi a valanga dicendo anche soltanto : “non ti compro piu’, perché le foto fanno schifo” .

Fallo e metterai tutti di fronte alle proprie responsabilità ricordando che   tu lettore devi ri-assumere la tua centralità e per farlo devi avere fiducia, una fiducia che passa non per meri  comunicati, ma per azioni che ribadiscano l’affidabilità di una categoria sempre piu’ preda non solo di mire politiche e affaristiche, ma anche di mancanza di prospettive e di quella parola, oramai desueta e ridicolizzata, che definiamo ideali.

 

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Cronache

Operazione antiriciclaggio della Guardia di Finanza: un giro di denaro sporco per 2,6 Miliardi di euro

Pubblicato

del

Le indagini sull’organizzazione criminale smantellata dalla Guardia di Finanza nel Napoletano hanno rivelato un giro di denaro sporco pari a 2,6 miliardi di euro, una cifra impressionante, otto gli arresti eseguiti.

Secondo quanto riferito dai finanzieri, il patrimonio sequestrato ammonta a 25 milioni di euro, includendo quindici immobili a Vilnius, capitale della Lituania, di cui due appartamenti di lusso nel centro storico, due alberghi e un bar-ristorante, oltre a quattro immobili a Riga, capitale della Lettonia, di cui due di lusso, una villa ad Ercolano con piscina e campo di calcio, e altri immobili sparsi tra Portici e Como, oltre a uno yacht.

Le dimensioni del fenomeno sono state ulteriormente chiarite durante una conferenza stampa presieduta dal procuratore Gratteri, il quale ha sottolineato l’uso di tecnologie avanzate, tra cui quelle israeliane, per proteggere la rete informatica dell’organizzazione criminale.

“Questa indagine particolarmente sofisticata non l’avremmo potuta fare se fosse stato in vigore il disegno di legge in discussione in questi giorni”, ha dichiarato il procuratore Nicola Gratteri, mettendo in evidenza l’importanza delle nuove leggi per combattere la criminalità finanziaria.

 

L’analisi dei dati ha rivelato un coinvolgimento diffuso, con circa seimila individui identificati come clienti dell’organizzazione, provenienti da diverse regioni italiane. “Ci sono campani, laziali e lombardi tra i 6mila clienti dell’associazione a delinquere”, ha affermato il comandante provinciale della Guardia di Finanza, generale Paolo Borrelli.

Le indagini hanno coinvolto anche collaborazioni internazionali e l’esame di documenti criptati, oltre al monitoraggio di oltre 140.000 transazioni bancarie.

Il cuore del sistema criminale risiedeva in un istituto di moneta elettronica a Vilnius, utilizzato per condurre operazioni bancarie illecite e offrire servizi di riciclaggio di denaro a una clientela variegata, composta da criminali, consulenti, professionisti e altri individui con capitali da occultare.

“È stata una lotta contro il tempo e la tecnologia”, ha dichiarato il procuratore Gratteri, evidenziando la necessità di comunicare efficacemente con il pubblico per aumentare la consapevolezza e la fiducia nella magistratura e nelle forze dell’ordine.

 

Continua a leggere

Cronache

“Rione Amicizia” di Napoli, sequestro per occupazione abusiva di 17 immobili pubblici: sgombero entro 30 giorni

Pubblicato

del

Napoli si ritrova nuovamente al centro dell’attenzione per una delicata operazione delle Forze dell’Ordine che ha portato alla notifica di un decreto di sequestro preventivo per occupazione abusiva. La Procura della Repubblica di Napoli ha emanato il decreto su richiesta del GIP presso il Tribunale di Napoli, riguardante ben 16 indagati individuati come occupanti abusivi di 17 immobili situati nel complesso di edilizia pubblica noto come “Rione San Francesco”, più comunemente conosciuto come “Rione Amicizia” nel quartiere San Carlo all’Arena.

L’attenzione delle autorità è stata focalizzata sull’isolato 12, ubicato in via L. Giusso n.17 e nelle vie limitrofe, all’interno del quale sarebbero state individuate abitazioni occupate abusivamente da soggetti riconducibili a contesti di criminalità organizzata, in particolare alla famiglia criminale Contini/Bosti, affiliata all'”Alleanza di Secondigliano”.

Le indagini condotte dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Napoli, dalla Squadra Mobile, dalla Guardia di Finanza di Napoli e dalla Polizia Locale di Napoli – Unità Operativa Tutela Patrimonio, hanno permesso di raccogliere elementi incriminanti a carico dei 16 indagati per invasione di terreni ed edifici.

Il decreto prevede un termine di 30 giorni entro il quale i destinatari devono abbandonare gli immobili, altrimenti si procederà con lo sgombero coatto.

Questa operazione rappresenta un importante passo avanti nel contrasto alla criminalità organizzata e nell’effort delle autorità per garantire la legalità e il rispetto delle normative in materia di occupazione degli immobili pubblici.

Continua a leggere

Cronache

Manganellate, l’inchiesta a Pisa: pm puntano su catena di comando

Pubblicato

del

I carabinieri del nucleo investigativo di Pisa hanno depositato oggi in procura un’informativa che si fonda sull’acquisizione dei video circolati sui social, ma anche sulle immagini della videosorveglianza urbana nei luoghi dove si sono verificate venerdì scorso le cariche della polizia al corteo studentesco pro Palestina. Anche a Firenze le immagini video sono già a corredo dell’inchiesta aperta oggi dalla procura per gli scontri tra la polizia e i manifestanti di un altro corteo per la Palestina, nel capoluogo toscano, più o meno nello stesso orario di Pisa; a Firenze le cariche ci sono state quando alcuni hanno tentato di forzare il tragitto regolarmente preavvisato, per andare oltre, al consolato degli Stati Uniti. Intanto a Pisa, l’attenzione della procura – che ha anche acquisito, inserendola nel fascicolo ancora senza ipotesi di reati né indagati, la relazione di servizio della questura -, in questa fase si concentra sulla catena di comando e su chi e perché abbia dato l’ordine di caricare gli studenti. Ora sarà il procuratore facente funzioni, Giovanni Porpora a decidere quali reati ravvisare e a chi assegnare l’inchiesta.

Dal governo però il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, in un’informativa al Consiglio del ministri, spiega che “durante lo svolgimento del corteo, i manifestanti non hanno voluto fornire indicazioni su dove fossero diretti e si sono sottratti ai reiterati tentativi di mediazione da parte di personale della Digos, provando, nonostante gli ammonimenti da parte del dirigente del servizio e la richiesta espressa e ripetuta di non dirigersi in piazza dei Cavalieri, di forzare il blocco delle Forze di polizia e venendo volutamente a contatto con i reparti mobili”. Comunque sia, ha detto Piantedosi, i video girati dalla Digos durante la manifestazione “al momento sono a disposizione della magistratura e non sono divulgabili”. Tesi di fatto condivisa dalla Lega con il deputato Edoardo Ziello e l’europarlamentare Susanna Ceccardi la quale dice che esistono immagini precedenti da descretare. Il primo, che è capogruppo in consiglio comunale a Pisa, ha preso le distanze dal sindaco leghista Michele Conti, che nel suo intervento aveva parlato di “pagina buia” e che la “polizia si può criticare”.

Ziello ha difeso le forze dell’ordine spiegando “che le cariche di alleggerimento sono state decise per difendersi dal tentativo di forzare un presidio statico e che un periodo buio è anche rappresentare una realtà strumentalizzata per denigrare la polizia che ha usato il manganello come strumento di difesa”. Ceccardi ha chiesto apertamente alla procura di “desecretare video e immagini precedenti alle cariche che dimostrerebbero gli attacchi e le provocazioni di persone dei centri sociali infiltrate in testa a un corteo studentesco”. Per il consigliere comunale Pd, Enrico Bruni “invece il comportamento della polizia è stato illegale e auspico che si faccia giustizia nelle sedi opportune”.

Infine, secondo l’avvocato Andrea Callaioli, che coordina un team di legali incaricato di rappresentare le famiglie di sette-otto ragazzi contusi che partecipavano al corteo studentesco “le parole del Capo dello Stato sono state chiarissime e impediscono che questa vicenda possa chiudersi con scorciatoie di qualunque tipo: sarà necessario fare chiarezza e ci aspettiamo che la procura la faccia”. Poi, ha spiegato che “prima di procedere attendiamo di conoscere la linea della magistratura per capire quali saranno i reati ipotizzati, ma non c’è dubbio che il monito di Mattarella necessita di risposte anche dal punto di vista investigativo, anche se ci aspettiamo che qualcuno dei ragazzi che rappresentiamo e che è stato identificato nell’immediatezza dei fatti possa assumere la veste di indagato”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto