Collegati con noi

Pixel

Addio al grande fotografo Douglas Kirkland: fu l’autore delle foto più sexy di Marilyn Monroe

Pubblicato

del

Le foto di Douglas Kirkland sono entrate nella storia. Come quelle a Marilyn Monroe, ancora oggi tra le immagini piu’ belle che siano mai state scattate all’attrice. Leggendario il suo servizio fotografico realizzato nel 1961 per la rivista Look Magazine, dove Kirkland, appena ventiquattrenne, assistente di Irving Penn, immortalo’ la divina a letto avvolta solo da lenzuola di seta bianche (e Chanel n. 5), trasformandola nell’icona del cinema piu’ sexy di tutti i tempi. L’artista canadese e’ morto nella sua casa a Los Angeles, a 88 anni, dove viveva con la moglie Francoise, con cui lavorava insieme da decenni. Nato il 16 agosto del 1934 in Canada, Kirkland ha fotografato piu’ di 600 grandi celebrita’, e’ stato “special photographer” sul set di oltre 150 film (titoli del calibro di 2001: Odissea nello Spazio, La mia Africa, Moulin Rouge, Titanic. Il Grande Gatsby, Australia, I Fantastici 4). Nel 2014 era venuto in Italia per accompagnare A life in pictures, una mostra-evento dal titolo calzante, a Venezia nell’ambito della Mostra del cinema, prodotta da Vanity Fair in collaborazione con l’Istituto Luce Cinecitta’. Le domande cadevano sempre la’, su Marilyn e quella notte storica. “Marilyn si presento’ con tre ore di ritardo – aveva raccontato Kirkland – poi scomparve per un momento e torno’ indossando solo un accappatoio. Non c’era luce stroboscopica, solo un semplice proiettore costante che ha contribuito a produrre le ombre laterali”. Kirkland si arrampico’ su una ringhiera sopra di lei e comincio’ a scattare. Marilyn lo guardava, gli sorrideva seducente e con quegli scatti l’ha consegnata al mondo per sempre. “Sapeva esattamente cosa fare, i suoi movimenti, le mani, il suo corpo era semplicemente perfetto. Era la piu’ sexy. Meglio di chiunque altro. Emotivamente, ha fatto bene ogni cosa. Ha espresso proprio quello che volevo”, aveva detto. Kirkland e’ entrato a far parte di Look Magazine poco piu’ che ventenne e successivamente di Life Magazine. Durante l’eta’ d’oro del fotogiornalismo degli anni ’60/’70 i suoi incarichi spaziavano dalla Trans Siberian Railway al Giappone, dalla moda al cinema. Ha fotografato la mitica Coco Chanel al lavoro e le star di centinaia di film con indimenticabili servizi dedicati al mondo della moda e dello spettacolo. Oltre a Marilyn, per lui hanno posato le piu’ grandi celebrita’ internazionali del cinema, dell’arte e della musica, da Mick Jagger a Sophia Loren, da Coco Chanel a Elizabeth Taylor, a Marlene Dietrich e Andy Warhol, da Brigitte Bardot a Sofia Loren, a Michael Jackson, da John Lennon a Nicole Kidman, da Paul Newman a Peter Falk, Sharon Stone e decine di altri. Le sue foto sono state esposte in tutto il mondo, ottenendo numerosi premi e riconoscimenti prestigiosi, a livello internazionale, tra cui il LUCIE Award for Outstanding Achievement in Entertainment Photography. Gia’ nel 2008, Vanity Fair gli aveva dedicato una retrospettiva alla Triennale di Milano. Fino a qualche tempo fa ha continuato a lavorare nella sua villa-studio sulle colline di Los Angeles, tenendo lezioni pubbliche allo Smithsonian Institute, all’Art Center College of Design di Pasadena e nei Kodak Center di Hong Kong, Singapore e Taiwan. A lui e’ stato dedicato un documentario, That Click: raccontava l’uomo che ha dato un volto alla cultura pop per 60 anni, ritraendone le star.

Advertisement

Cinema

28 Settembre-1° Ottobre 1943, “Le quattro giornate di Napoli” nel capolavoro di Nanni Loy

Pubblicato

del

Non è facile approcciarsi ad una analisi sul capolavoro di Nanny Loy sulle Quattro Giornate di Napoli, perché questo è molto più di un semplice film, è un viaggio nella memoria, nelle strade, tra le grida disperate di mogli, mariti e figli, tra spari ed esplosioni in una Napoli che conserva ancora quello spirito ribelle sopito ma mai spento del tutto con  tutte queste emozioni, sensazioni e sentimenti che vengono ampliate dalla maestria di Nanni Loy, un regista mai troppo chiacchierato quando si parla di mostri sacri del cinema italiano eppure con la sua regia ci trasporta, al pari della  DeLorean  conosciuta in  Ritorno al Futuro, in quella Napoli, dove gli attori per scelta decidono di comparire in maniera anonima, come omaggio a chi quella storia l’ha interpretata davvero.

Se ci trovassimo in America questo film si potrebbe paragonare a capolavori come “Salvate il soldato Ryan,”  “Platoon” o anche al bellissimo “Orizzonti di gloria”, questo perché  ci troviamo di fronte ad uno dei  più bei War Movie che siano stati realizzati in Italia , al pari degli altrettanto splendidi Paisà e Roma città aperta di Rossellini, anche se rispetto ad essi,  Nanni Loy riesce a mettere in scena un conflitto bellico molto più accattivante, con un taglio stilistico nella regia, quasi da documentarista con scene di tensione intensissime, quasi a sfiorare il ritmo cardiaco fibrillante. Fortissime, tra le tante scene,  quelle dell’esecuzione allo stadio collana o il lancio della bomba da parte del piccolo Gennarino, ingioiellate tra  interpretazioni magistralmente strazianti come quella di Pupella Maggio nel momento in cui  apprende della morte di suo figlio Arturo.

Stiamo parlando di un film pluripremiato, che vanta ben due nomination agli Oscar (film e sceneggiatura) e sicuramente uno dei più famosi del regista, ma come si accennava all’inizio questo è più di un semplice film. Le quattro giornate di Napoli il capolavoro di Loy, è un inno alla libertà, alla vita, un grido che risuona eterno per le strade ed i vicoli, nei racconti dei nonni, nelle fotografie ormai sbiadite e nei palazzi che portano ancora i segni di quei giorni, giorni di terrore, morte, rinascita ,ribellione e vita, giorni in cui il popolo napoletano fece sapere al mondo che Napoli è n’ata cosa.

C’è una frase nel film Il Gladiatore di Ridley Scott, ovvero “ciò che facciamo in vita rieccheggia nell’eternità” ebbene questo film cosi come la sua memoria rimarrà eterno.

Carmine Laporta

 

 

 

 

Continua a leggere

Cultura

Gallerie d’Italia, atto amore Intesa Sanpaolo per Torino

Pubblicato

del

La grande fotografia e la cultura dell’immagine sono protagoniste delle Gallerie d’Italia di Torino, aperte da Intesa Sanpaolo in piazza San Carlo, salotto buono della citta’. Nascono nel barocco Palazzo Turinetti, sede direzionale dell’Istituto Bancario Sanpaolo dal 1963 e oggi sede legale del gruppo. Spazi completamente trasformati in tempi record e di grandissimo effetto scenografico, nei quali prende vita un hub culturale, aperto alla citta’, con un percorso espositivo di 10mila metri quadrati su cinque piani, di cui tre ipogei. E’ la quarta sede del polo museale di Intesa Sanpaolo, con quelle di Milano, Vicenza e Napoli. Uno dei piu’ grandi investimenti culturali in Italia, ma anche “un atto d’amore verso Torino” e un segno del legame con la citta’, spiegano i massimi rappresentanti della banca. Nelle Gallerie d’Italia Torino – dirette da Michele Coppola, exhecutive director Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa Sanpaolo – si terranno mostre temporanee commissionate a fotografi di fama internazionale, con spazi per attivita’ didattiche per le scuole e per la ricerca scientifica. La prima mostra e’ “La fragile meraviglia. Un viaggio nella natura che cambia”, un centinaio di scatti di Paolo Pellegrin dell’agenzia Magnum Photos. “Protagonista e’ la natura fragile, sofferente e sempre in pericolo”, spiega Walter Guadagnini, direttore di Camera-Centro Italiano per la Fotografia, che ha curato la mostra con la collaborazione di Mario Calabresi. L’altra mostra “Dalla Guerra alla luna”, a cura di Giovanna Calvenzi e Aldo Grasso, racconta l’Italia che rinasce dalle macerie del secondo conflitto mondiale fino ai sogni legati alla conquista della luna, attraverso una selezione di opere dall’Archivio Publifoto che nelle Gallerie avra’ la sua nuova sede. Un patrimonio enorme, acquisito da Intesa Sanpaolo nel 2015, di oltre 7 milioni di immagini scattate dagli anni Trenta ai Novanta. Al Piano -3, dove prima c’era il secondo caveau, si trova oggi la ‘Sala immersiva’, una sala multimediale che e’ “un vero gioiello di tecnologia e di innovazione, dotata di 17 proiettori 4K in grado di offrire al visitatore la sensazione di essere letteralmente immersi nelle immagini e nei video”. Nelle Gallerie si trovano anche opere della collezione storica della banca con dipinti, sculture, arazzi, arredi in particolare del Sei e Settecento. “L’apertura della sede di Torino, con un radicale e audace intervento dell’architetto Michele De Lucchi, e’ una delle tappe piu’ importanti nella storia dell’impegno della banca in ambito culturale. In uno scenario di drammatica incertezza e’ un segnale di speranza e di fiducia nel futuro” spiega Giovanni Bazoli, presidente emerito di Intesa Sanpaolo. “Nelle sale dove si prendevano decisioni vitali per la Banca, oggi si respira arte, cultura, creativita’. Il futuro nasce dalle radici”, sottolinea il presidente Gian Maria Gros-Pietro. “L’impegno in nuove iniziative come quella che oggi inauguriamo e’ parte integrante del nostro Piano d’Impresa” afferma il ceo Carlo Messina. “Torino si arricchisce di un nuovo spazio che contribuira’ a rendere la citta’ sempre piu’ protagonista nell’arte e nella cultura” commenta il sindaco Stefano Lo Russo. “La nostra e’ una terra fortunata perche’ puo’ contare su realta’ che, oltre a essere eccellenza del nostro sistema economico, hanno da sempre sensibilita’ e responsabilita’ sociale d’impresa straordinarie”, afferma il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio.

Continua a leggere

In Evidenza

Addio a Massimo Capodanno, storico fotografo dell’ANSA

Pubblicato

del

Si è spento all’eta’ di 77 anni lo storico fotoreporter dell’agenzia ANSA Massimo Capodanno. Nato a Roma il 21 ottobre del 1944, è approdato alla fotografia negli anni Settanta. Con le sue immagini ha raccontato l’Italia con le sue contraddizioni: la violenza degli anni di piombo, le personalità della Democrazia Cristiana e del Partito Comunista, le tragedie che hanno sconvolto il Paese, senza dimenticare i presidenti della Repubblica e i papi che si sono succeduti. Capodanno non si e’ limitato al racconto dei grandi eventi, si e’ anche dedicato alle storie di persone comuni, raccontando vizi e virtu’ di un Paese in cambiamento. Il suo tesoro, le immagini da lui realizzate, rimangono per sempre nella nostra memoria. Alcune piu’ delle altre, specie quelle drammatiche come il cadavere del bambino fotografato nelle acque di Ustica, dopo la strage, diventato simbolo di una pagina dolorosa e oscura della Repubblica.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto