Collegati con noi

Politica

Zingaretti chiude la campagna elettorale in Calabria e pensa a “mettere il turbo al governo Conte”

Avatar

Pubblicato

del

“Pippo Callipo è il simbolo di quella Calabria che combatte, che ha combattuto e sara’ un ottimo presidente. Lui e’ meglio di quell’accozzaglia di differenze che si mette insieme sempre per la gestione del potere”. Non arretra di un millimetro dalla sua linea Nicola Zingaretti, segretario del Pd, che torna in Calabria, per la chiusura della campagna elettorale a sostegno di Pippo Callipo, e, nel campus di Arcavacata di Rende, assieme al candidato presidente della Regione, incontra gli studenti dell’Universita’ della Calabria. Ma soprattutto Zingaretti chiude la campagna elettorale con un avviso al governo in chiave nazionale: non possiamo fermarci e, con qualunque risultato tra Calabria e Emilia Romagna, il governo andra’ avanti solo se fa le cose.

“Saremo esigenti”, annuncia il segretario del Pd consapevole che soprattutto in caso di sconfitta l’esecutivo puo’ sopravvivere solo dimostrando di aver messo il turbo all’azione di governo. “La Calabria e’ dei calabresi – dice il leader del Pd ai giovani – e non puo’ essere messa in vendita per i soliti giochi della politica e per cio’ che abbiamo visto: le stesse barzellette, le stesse falsita’, le stesse battute, le bugie, lo stesso rito che poi ha spesso distrutto questa terra”. Solo a qualche chilometro di distanza pero’ la musica cambia. Jole Santelli, candidata governatrice del centrodestra – che a detta di Berlusconi, reduce dalle due tappe calabresi di ieri a Tropea e Lamezia Terme, sara’ da lunedi’ la terza presidente di Regione donna in Italia dopo l’Umbria, gia’ acquisita, e l’Emilia Romagna – chiama a raccolta i suoi sostenitori e promette di volere costruire una “Calabria rock e delle eccellenze”. “Dobbiamo cambiare la Calabria – dice Jole Santelli – ad iniziare dalla Regione. Non una terra matrigna, ma una regione al servizio dei cittadini. Abbiamo pero’ bisogno di spiegare le ali per volare, abbiamo le teste per farlo e lavorando tutti insieme ce la faremo. Alla politica chiedo di liberare la Calabria perche’ ne abbiamo la capacita’. Noi se vinceremo lo faremo a mani libere. La piu’ grande soddisfazione e’ che sono Jole per tutti. Ero Jole ieri e’ se saro’ presidente saro’ Jole anche domani”. In serata a Reggio Calabria dopo essersi detto “molto soddisfatto” per i provvedimenti fiscali presi dal Governo definiti “primo passo per la riduzione del cuneo fiscale”, Zingaretti prende di mira la destra a trazione leghista che, dice, “diffonde odio e stupidaggini per raccattare voti cavalcando la rabbia e i problemi”. Poi invita a guardare con rispetto alle Sardine “una grandissima opportunita’ per la democrazia italiana”, invitando la politica a non “tirarle per la giacchetta”. Ed ai calabresi Zingaretti lancia un ulteriore appello. “Sono contento – dice – di essere qui l’ultimo giorno di campagna elettorale. Mi raccomando, mettetecela tutta, pancia a terra. Salvate la Calabria perche’, da non calabrese, conosco la vostra potenza quando in tutta Italia, anche nel Lazio, in tutto il mondo, nella scienza, nell’arte, nel campo della giustizia, lavorate e spesso create diventando il valore aggiunto. E non e’ giusto che tutta questa ricchezza emigri, perche’ in tanti sono costretti ad andarsene. Ora avete la possibilita’ di evitare tutto questo”.

Advertisement

In Evidenza

Bikeshedding, il profilo politico della destra italiana di fronte alla crisi del coronavirus

Angelo Turco

Pubblicato

del

Supponiamo che si stia discutendo, in un’importante riunione di esperti e politici, della costruzione di una centrale nucleare di nuova generazione che comporterebbe un investimento di 1 milardo di euro. Ciascuno porta il suo contributo sugli aspetti nucleari, ingegneristici, securitari, ambientali, economico-finanziari finché qualcuno solleva il problema della tettoia sotto la quale il personale dovrebbe ricoverare le proprie biciclette: il colore, per esempio, oppure la dimensione, oppure la posizione rispetto all’ingresso del perimetro della centrale. Che succede? Continuate voi, con l’avvertenza che questa storiella riassume la “legge di Parkinson sulla futilità” dal nome di colui che la formulò nel 1957.

Centrodestra. Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini

Ecco, il bikeshedding rappresenta esattamente il profilo politico che sta assumendo la destra di fronte alla crisi del coronavirus. Rivela la sua incapacità di contribuire, come opposizione, alla soluzione dei problemi centrali, di natura sociale e di sanità pubblica, generati dalla pandemia. Soffermandosi invece sulla “tettoia per le biciclette”: il governo ha cominciato in ritardo, le mascherine non sono a norma, i comunicati vengono fatti la sera tardi, il Parlamento non si riunisce per discutere le misure del Governo, il Presidente del Consiglio non può affidare le sue dichiarazioni a una diretta Facebook, quando riaprono le scuole, troppo presto, troppo tardi! E tentando di far apparire questo come “il problema” per il quale il Governo dimostrerebbe la sua sostanziale e gravissima incompetenza tecnico-sanitaria, la sua inefficacia economica e persino la sua pericolosità per le istituzioni democratiche. Francamente, la casalinga di Voghera, per ricordare Alberto Arbasino che ci ha appena lasciati, avrebbe saputo fare meglio. Di fatto, il bikeshedding rappresenta il clamoroso fallimento culturale della destra italiana confrontata a un problema gravissimo che avrebbe richiesto un contributo tanto utile quanto intelligente da parte di tutti, nell’intento di creare un clima di union sacrée per la salvezza della casa comune. Chiedendo non già di partecipare al tavolo in cui si prendono le decisioni (quali, tra le molte che il Governo prende quotidianamente?). Non già, quindi, di entrare in pratica nella maggioranza, ma sviluppando sostanzialmente tre prospettive su cui ci aspetteremmo “idee” da un’opposizione responsabile e dotata di senso della politica. La prima ha a che fare con la difesa della democrazia: vigilare, senza strepiti, per fare in modo che la “strategia brancolante”, necessaria per la comprensione e la gestione della crisi, non trasformi la decretazione d’urgenza -di cui ha bisogno per funzionare- in un temibile “Stato d’eccezione”. Rendersi conto, inoltre, che la crisi è un “ambiente di apprendimento” e che, pertanto, ci sono dei punti di rottura, delle biforcazioni determinate dall’accatastamento delle informazioni le quali hanno, accanto a risvolti tecnici (che bisogna lasciare ai tecnici), delle ricadute politiche importanti: per esempio sul tavolo europeo. Infine, e per chiudere qui, vegliare sul rispetto di un principio di equità sociale affinché la fattura di questa crisi, attualmente in carico ad anziani, malati, personale sanitario, e che sarà pesantissima sul piano economico, sociale e territoriale, non sia buttata sulle spalle dei soliti noti, delle fasce più deboli della popolazione, del tessuto produttivo di base che rimane nel pantano mentre la finanza fa quello che ha sempre fatto e che del resto sa fare con la sua cieca pulsione speculativa. Quale che sia il modello di società verso cui andiamo, o speriamo di andare, nessuna visione può fiorire, nessun progetto si può edificare in un mondo di disoccupati, di piccole e medie imprese in ginocchio, di partite Iva allo sbando, di territori drammaticamente indietro rispetto al resto del Paese. La giustizia sociale non può continuare ad essere “solo” una preoccupazione della sinistra: diventando un autentico valore nazionale, può e deve trasformarsi in un driver inderogabile nell’agenda di tutte le forze politiche. Insomma, avendo le capacità, ci si può occupare d’altro rispetto alla pur interessante questione delle tettoie per le biciclette. 

La foto di copertina è tratta dal profilo Twitter del leader della Lega Matteo Salvini. È un selfie scattato da Salvini assieme a Giorgia Meloni prima dell’inizio del primo incontro col premier per cercare di trovare una strada comune di lotta al coronavirus. Erano le fasi iniziali di una crisi che è poi diventata drammatica.  

*Angelo Turco, africanista, è uno studioso di teoria ed epistemologia della Geografia, professore emerito all’Università IULM di Milano, dove è stato Preside di Facoltà, Prorettore vicario e Presidente della Fondazione IULM

 

Continua a leggere

Eventi Live

Emergenza coronavirus, in diretta da Palazzo Chigi il premier Conte illustra le misure del Governo per aiutare gli italiani che soffrono

Avatar

Pubblicato

del

Continua a leggere

Politica

Conte parla della fine dell’emergenza sanitaria: le restrizioni resteranno, ne usciremo gradualmente

amministratore

Pubblicato

del

“Al momento è prematuro fare previsioni, ma ci auguriamo di poter tornare quanto prima alla normalità. Ridurremo le restrizioni fino alla loro completa eliminazione, ma lo faremo gradualmente, per evitare che gli sforzi sin qui compiuti siano vani”. Lo afferma il presidente del consiglio Giuseppe Conte in una lunga intervista a ‘il Sole 24 Ore’ sull’emergenza coronavirus. “Possiamo già dire che, come già anticipato dal ministro Azzolina, la sospensione delle attività scolastiche proseguirà anche dopo il 3 aprile – osserva Conte – Queste settimane di emergenza ci hanno mostrato quanto sia irrinunciabile l’impulso alla trasformazione digitale del Paese. Con il decreto ‘Cura Italia’ abbiamo stanziato 85 milioni per potenziare la didattica a distanza, soprattutto a beneficio degli studenti meno abbienti. Inoltre abbiamo appena sbloccato 200 milioni di finanziamenti da parte del Comitato per la diffusione della Banda Ultra-larga (Cobul), che porteranno la connessione ultra-rapida in oltre 40mila complessi scolastici in tutta Italia, gratuitamente per i prossimi cinque anni”.

 

Conte esorta anche l’Europa tutta a “non compiere errori tragici” e avverte che “l’intero edificio europeo rischia di perdere la sua ragion d’essere”. Litigio con la cancelleria Angela Merkel sulla politica economica dell’Ue?  Conte dice che “più che un litigio è stato un confronto duro e franco, perché stiamo vivendo un’emergenza che sta mietendo un alto numero di vittime tra i nostri cittadini e sta producendo una severa recessione economica. Io rappresento una comunità nazionale fortemente sofferente e non posso permettere tergiversazioni. In Italia, ma anche negli altri Stati membri, siamo costretti a operare scelte tragiche. Dobbiamo evitare di compiere in Europa errori tragici. Se l’ Europa non dovesse dimostrarsi all’ altezza di questa sfida epocale, l’ intero edificio europeo rischia di perdere, agli occhi dei nostri stessi cittadini, la sua ragion d’ essere”. Sul Mes, che in Italia fa saltare i nervi non solo l’opposizione ma anche il M5S, Conte spiega che  “non vi è ragione di affannarsi, perché non è di questo che adesso abbiamo bisogno. Il Mes è uno strumento costruito per prestare soccorso a singoli Stati membri che attraversano tensioni finanziarie ricollegate a shock asimmetrici. Il coronavirus sta invece causando uno shock simmetrico, con l’effetto di deprimere, in modo sincrono e completamente inatteso, i nostri sistemi economici e sociali. Qualcosa di completamente differente rispetto alla crisi del 2008. Siamo a un passaggio critico della storia europea. Vogliamo essere all’ altezza di questa sfida? Allora variamo un grande piano, uno European Recovery and Reinvestment Plan che sostenga e rilanci l’ intera economia europea e, se mai, faccia fare un salto di qualità all’ intera architettura europea. I nostri competitori internazionali si stanno attrezzando con stimoli economici assolutamente eccezionali. Dobbiamo fare altrettanto”.

Mario Draghi. Altri tempi quando alla guida della BCE c’era l’italiano

Anche su Mario Draghi, e il suo editoriale sul Financial Times, Conte spiega al Sole 24 Ore ritiene che l’ex capo della Bye “ha spiegato chiaramente che spendere più risorse in questo momento è un investimento irrinunciabile, perché l’ inerzia consegnerebbe ai nostri figli il costo immenso di un’ economia devastata. Quanto ai costi, lo stesso Draghi ci ricorda che i tassi d’interesse sono e resteranno bassi, anche grazie all’ azione delle banche centrali: quando l’ emergenza sanitaria avrà fine, perciò, non potremo permetterci di sprecare quest’ opportunità, privilegiando la spesa pubblica di qualità fondata sugli investimenti pubblici”.

La spesa pubblica che schizza in costanza di emergenza, il Paese fermo, la recessione, il rischio che il nostro debito finisca fuori controllo. Conte risponde che “il debito italiano è pienamente sostenibile”.

Poi la domanda a cui tutti tengono di più. Quando finirà l’emergenza sanitaria? Si può fare  una previsione dei tempi in cui potremo uscirne? Conte dice che “è prematuro fare previsioni, ma ci auguriamo di poter tornare quanto prima alla normalità. Ridurremo le restrizioni fino alla loro completa eliminazione, ma lo faremo gradualmente, per evitare che gli sforzi sin qui compiuti siano vani”. Poi aggiunge qualcosa sulla preparazione o meno del Paese a questa emergenza covid19. “L’ho detto chiaramente durante la mia ultima informativa alle Camere: la stagione dei tagli alla sanità e alla ricerca va archiviata per sempre. Dobbiamo garantire che l’Italia sia sempre più preparata a gestire situazioni di emergenza: dovremo procedere ad assunzioni cospicue, aumentare le retribuzioni del personale medico e sanitario e il numero di posti letto disponibili in terapia intensiva, investire ogni risorsa disponibile nella ricerca, ricostruire le filiere produttive nazionali di dispositivi sanitari. E vorrei ringraziare, ancora una volta, tutti i medici, gli infermieri e gli operatori sanitari: ogni giorno ci rendono sempre più orgogliosi di essere italiani”.

Continua a leggere

In rilievo