Collegati con noi

In Evidenza

Voto dl scuola a rischio, centrodestra fa ostruzionismo

amministratore

Pubblicato

del

Il governo incassa la fiducia sul decreto scuola ma rischia di farlo decadere a causa dell’ostruzionismo del centrodestra che sta rinviando il voto finale: obiettivo impedire il voto finale sul decreto entro sabato, il che implicherebbe la sua decadenza. Un incidente che nelle intenzioni, specie di Lega e Fdi, dovrebbe essere il primo passo per chiedere le dimissioni del ministro Azzolina, con l’auspicio che cio’ costituisca il primo passo per una crisi di governo. Il Regolamento della Camera, diversamente da quello del Senato, distingue il voto di fiducia da quello finale sul decreto. Nella prima votazione il governo ha incassato nel pomeriggio 305 si’ contro 221 no e 2 astenuti, ed anche nel voto finale non avrebbe problemi di numeri. Tuttavia devono essere illustrati, discussi e votati 188 ordini del giorno, vale a dire quei documenti di indirizzo al governo che riguardano l’applicazione del decreto. Nella seduta notturna che si esaurisce la fase della loro illustrazione, mentre la discussione e il voto e’ prevista a partire dalla mattina alle 9. Su ogni ordine del giorno ciascun gruppo ha diritto di intervenire per cinque minuti, e ciascun deputato puo’ poi esprimere il proprio dissenso dalla linea del gruppo. Il Regolamento non prevede contingentamento dei tempi. Sfruttando al massimo i tempi, e puntando sul fatto che l’Aula deve essere deve essere sanificata ogni tre ore, il centrodestra ritiene di avere buone chance di far saltare il voto finale non solo entro venerdi’ ma anche entro sabato, dando cosi’ la spallata al decreto. La maggioranza potrebbe replicare con una seduta fiume. Una possibile capigruppo potrebbe sancire la rottura o l’accordo tra maggioranza e opposizione.

Advertisement
Continua a leggere

Corona Virus

Primario ospedale di Erba: Covid in autunno? Noi ci prepariamo al peggio

amministratore

Pubblicato

del

Rassicurare i parenti che nessun paziente sarebbe stato abbandonato a se stesso, non portare il virus a casa, riuscire a limitare al massimo il contagio del personale sanitario? e poi la difficoltà di reperire medici e infermieri, la capacità di fare network: la preoccupazione di non farsi cogliere impreparati da un eventuale replay dell’emergenza, in autunno. Luca Guatteri, primario della Terapia intensiva e Rianimazione dell’Ospedale Sacra Famiglia – Fatebenefratelli di Erba (Como) parla di questi mesi drammatici. «La nostra Terapia Intensiva – racconta – è ormai da qualche anno una Terapia Intensiva “aperta” e quindi tutta l’equipe medico-infermieristica ha l’abitudine al confronto costante con i parenti: in questi mesi ci siamo dovuti abituare a comunicazioni telefoniche spesso drammatiche in merito alle condizioni cliniche dei degenti. Abbiamo dedicato svariate ore al giorno per informare telefonicamente i parenti cercando di rassicurarli che nessun Paziente veniva abbandonato a se stesso. Se mi chiede quale sia stato l’aspetto peggiore di questa pandemia, non ho dubbi a risponderle che è stato sicuramente questo: l’impossibilità di far entrare in reparto i parenti, parlare con loro di persona e fargli visitare i propri cari. A tutta la fatica fatta giorno per giorno in Ospedale, di cui peraltro ci accorgiamo solo ora, va aggiunta la paura di non portare il virus con noi fuori dall’Ospedale e quindi a casa con i nostri cari». Il reparto è stato tra quelli con il tasso più basso di contagi tra i sanitari: «E’ stato possibile grazie a due fattori determinanti: la disponibilità di DPI e l’attenzione manicale al loro utilizzo. Il rifornimento costante di maschere, camici, visiere è stato frutto del lavoro di tutta le persone che il nostro Ente ha dedicato al costante, seppur estremamente difficoltoso, approvvigionamento, sia nella sede centrale che qui a Erba e alla generosità di tante persone che hanno donato sia economicamente che direttamente i presidi. La comunità di Erba e dintorni si è attivata per il “suo” Ospedale e noi non possiamo che essere grati a tutte queste persone» sottolinea. L’Ospedale di Erba si è adoperato per entrare a far parte di studi multicentrici che sperimentavano l’utilizzo di farmaci dedicati, in epoca pre-pandemica, alla cura di altre patologie compresa tra le altre l’ozono-terapia. La carenza di Medici ed in particolar modo, la carenza di Specialisti in Anestesia e Rianimazione, è stato ed è ancora un problema reale. La pandemia ha dato vita ad un vero e proprio network di Terapie Intensive lombarde. Per l’immediato futuro, osserva, «il nostro compito è di non farci trovare impreparati: stare all’erta e preparaci al peggio anche se questo non dovesse materializzarsi. Dobbiamo mantenere alta l’attenzione sullo screening dei Pazienti che giornalmente accedono in Ospedale per prestazioni ambulatoriali, prelievi o ricoveri per interventi chirurgici. La pazienza che chiediamo all’utenza è finalizzata a garantire la protezione di tutti. L’Ospedale di Erba ha completamente atteso le indicazioni di Regione Lombardia nel garantire percorsi separati e screening dei Pazienti. Posso dire orgogliosamente che grazie al lavoro di tutti, ad oggi, non abbiamo documentato neanche un caso di Pazienti che hanno contratto l’infezione all’interno dell’Ospedale».

Continua a leggere

In Evidenza

Arcuri commissario anche per la ripartenza delle scuole in sicurezza

Avatar

Pubblicato

del

Sara’ il commissario all’emergenza Domenico Arcuri a occuparsi della fornitura di gel, mascherine e “ogni necessario bene strumentale, compresi gli arredi scolastici, utile a garantire l’ordinato avvio dell’anno scolastico 2020-2021, nonche’ a contenere e contrastare l’eventuale emergenza nelle istituzioni scolastiche statali”. Lo prevede una norma contenuta nella bozza del decreto Semplificazioni che dovrebbe essere confermata nel testo finale. Il commissario potra’ provvedere “nel limite delle risorse assegnate allo scopo con Delibera del Consiglio dei Ministri a valere sul Fondo emergenze nazionali” e puo’ procedere subito all’affidamento di contratti, senza aspettare il trasferimento dei fondi alla contabilita’ speciale.

Continua a leggere

In Evidenza

Cena lavoro Conte-Costa, oggi premier a Madrid da Sanchez

Avatar

Pubblicato

del

Cena di lavoro a Palazzo Sao Bento per Giuseppe Conte al termine della conferenza stampa congiunta con il premier portoghese Antonio Costa. E il capo del governo lusitano, come era gia’ accaduto con Pedro Sanchez, ha offerto al suo ospite una cena che ha racchiuso alcune specialita’ “stellate” della cucina portoghese. Specialita’ preparate da due chef particolarmente noti in Portogallo: Andrea Magalhanes di Lisbona e Vasco Coelho Santos, di Porto. Una cena che ha fatto da corollario “ai rapporti eccellenti”, come sottolineato da Conte, tra Italia e Portogallo.

Un rapporto che vede come denominatore comune “l’attenzione al digitale e alla transizione ecologica” e, soprattutto, la linea da tenere a Bruxelles: l’obiettivo e’ avere un accordo sul Recovery Fund che rispetti, dal punto di vista “politico”, la proposta della commissione Ue. “Non c’e’ tempo da perdere”, e’ il messaggio inviato da Conte da Lisbona all’Europa. Contando sulla sponda di Angela Merkel e sull’asse con Portogallo e Spagna. Oggi, non a caso, Conte volera’ a Madrid per un bilaterale con Sanchez. E, alla Moncloa, verra’ ribadita la linea emersa in terra lusitana: “serve una decisione rapida”, la cui necessita’ e’ comprovata anche dagli ultimi dati sul Pil. Dati in un certo qual modo attesi dal premier. “Non muteranno le nostre determinazioni sullo scostamento di bilancio”, ha spiegato il premier in serata da Lisbona. Il premier, nel pomeriggio, e’ invece atteso all’ambasciata d’Italia a Madrid.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto