Collegati con noi

Sport

Vettel cerca tris a Melbourne, in Australia riparte la missione Ferrari: vincere il mondiale

Avatar

Pubblicato

del

Il miglior tempo nei test a Barcellona, seppur di pochi millesimi davanti a Lewis Hamilton, e’ un viatico incoraggiante per Sebastian Vettel che nel prossimo fine settimana, in Australia, inizia la quinta stagione al volante della Ferrari. Per due anni di fila vicecampione del mondo, il tedesco si cala nell’abitacolo della SF90 con la missione di spezzare finalmente l’egemonia anglo-tedesca dell’accoppiata Mercedes-Hamilton. Sulla pista di Melbourne si apre la 70/a stagione del mondiale di Formula 1 e Vettel avra’ tanti occhi addosso, anche per capire come si sviluppera’ il rapporto con il giovane e talentuoso Charles Leclerc, suo nuovo coinquilino di box. In Australia la Ferrari ha vinto nove volte, la prima con Gerhard Berger nel 1987, ad Adelaide, l’ultima l’anno scorso proprio con Vettel. La location dell’Albert Park gli suscita “grandi ricordi” ha sottolineato in avvicinamento alla gara. “Ovviamente i piu’ belli sono legati alle ultime due stagioni, quando abbiamo conquistato altrettante vittorie – ha aggiunto Vettel – ma mi piace ricordare anche il mio primo podio con la Ferrari, conquistato nel 2015 all’esordio con la Scuderia”. Si tratta di una pista “molto particolare perche’ bisogna trovare sintonia con il tracciato: devi ricordarti bene le traiettorie, non e’ sempre facile identificare il punto perfetto per le frenate e in piu’ il fondo stradale e’ spesso sconnesso. A noi piloti pero’ piace. Se ci chiedessero se vorremmo che venisse riasfaltato probabilmente diremmo di no, perche’ e’ unico nel suo genere”. Sul circuito cittadino fara’ la sua apparizione Leclerc, monegasco di 21 anni: “Ovviamente sara’ molto speciale per me, sara’ il debutto con la Ferrari e questo rende il GP d’Australia unico. Ho gia’ dei bei ricordi legati a Melbourne perche’ e’ ad Albert Park che ho esordito in Formula 1 lo scorso anno. Sono soddisfatto del lavoro svolto durante i test e non vedo l’ora di scendere in pista perche’ e’ nel weekend di gara che bisogna raccogliere i frutti del lavoro fatto durante l’inverno con un bel risultato”.

Advertisement

In Evidenza

Tutto il Bologna in visita da Sinisa al Sant’Orsola, il video esclusivo della web tv bolognese Ètv

Avatar

Pubblicato

del

Dopo la vittoria in rimonta per 4-3 a Brescia e prima di rientrare a casa, i giocatori e lo staff del Bologna ieri sera si sono fermati col bus fuori dall’ospedale Sant’Orsola dove è ricoverato l’allenatore Sinisa Mihajlovic, per condividere con lui la gioia dei tre punti. E il tecnico serbo si e’ affacciato da una finestra dell’Ematologia, per salutare. Una sorta di serenata a sorpresa, decisa durante il viaggio di ritorno del pullman e documentata da un video dell’emittente bolognese ÈTv. Squadra e staff, intorno alle 21, hanno cantato cori (“Dai Sinisa Ale'”) e l’allenatore, che da luglio è in cura per la leucemia, ha risposto: “Non me l’aspettavo. Bravi, poi mercoledi’ ne parliamo, perche’ non abbiamo fatto niente. Dove andate a festeggiare? Venite in camera mia che riguardiamo la partita”. Le immagini che vedete di seguito sono di Ètv e sono pubblicate sulla pagina Fb della webtv bolognese. Un bel documento di Alessio De Giusepe che testimonia l’affetto della squadra per Sinisa e che il mondo del calcio professionistico è fatto anche di carne, sangue e sentimenti. Non sono di soldi e diritti tv.

Continua a leggere

Sport

La Roma si sblocca, 60 minuti di spettacolo col Sassuolo: 4 a 2

Avatar

Pubblicato

del

Quarantacinque minuti travolgenti regalano alla Roma la prima vittoria in campionato e alla Serie A una ritrovata protagonista. Dopo due pareggi iniziali e qualche mugugno, la squadra di Fonseca rifila quattro gol al malcapitato Sassuolo, ma al di la’ del rotondo risultato (4-2) e’ la prestazione per almeno un’ora – con inevitabile seguente calo di tensione e le solite sbavature difensive – ad aver incantato i 35mila dell’Olimpico, che hanno finalmente visto all’opera la squadra sognata dal portoghese che ama Sarri e Guardiola e fa dell’intensita’ offensiva il suo credo tattico. Ad assistere, anche il ct della nazionale, Roberto Mancini, mentre la tribuna d’onore e’ rimasta ancora malinconicamente vuota dopo il passaggio di gestione a Sport e Salute, e il presidente del Coni, Giovanni Malago’, spettatore a casa. Certo, il possesso, il pressing asfissiante, le trame, le triangolazioni e gli improvvisi affondo oggi hanno regalato agli occhi un calcio stellare, ma anche gli interpreti sono stati tutti all’altezza, a cominciare dai nuovi Veretout e Mkhitaryan, per finire a Pellegrini (il migliore in campo), Cristante e Kluivert, tutti protagonisti di una prova eccelsa. De Zerbi, va detto, ci ha messo del suo, insistendo a tenere la difesa alta quando ormai i giallorossi erano avanti nel punteggio e che si riversavano dalle parti di Consigli con una facilita’ disarmante. Il tecnico neroverde dimentica il il 4-3-1-2 che comunque aveva regalato gioco e punti e torna al 4-3-3, con la sorpresa di Defrel a fianco di un ottimo Berardi (sempre piu’ capocannoniere con la doppietta di oggi) e Caputo, ma la mossa non si rivela azzeccata, anche se e’ tutta la squadra oggi a non girare. Di contro, Fonseca tira dritto e conferma il suo 4-2-3-1: alle assenze di Under, Zappacosta e Perotti, si aggiunge anche Zaniolo, in panchina per scelta tattica (al suo posto Kluivert). Ma e’ soprattutto la ‘prima’ per Veretout e Mkhitaryan, gia’ idolo del tifo che ha un pensiero anche per Cafu’ (“Coraggio pendolino, Roma ti e’ vicino”), dopo la prematura scomparsa del figlio. Che la partita avrebbe preso quella piega lo si era capito dopo nemmeno due minuti, quando Kluivert e’ buttato a terra da Peluso: Chiffi indica il dischetto, salvo poi tornare sui suoi passi dopo il consulto con Giacomelli. I giallorossi hanno il merito di non deprimersi: Florenzi e Kluivert sulla destra sono una minaccia costante per la fragile difesa emiliana che dall’altra parte deve fare i conti con la ritrovata vena di Mkhitaryan. Il vantaggio sboccia gia’ all’11, dopo un primo tentativo di Dzeko deviato da Consigli che pero’ e’ freddato da Cristante sul successivo corner battuto da Pellegrini che ha anche la paternita’ degli assist per i gol di Mkhitaryn e Kluivert, mentre Kolarov ha propiziato il raddoppio di Dzeko, il tutto in poco piu’ di 20 minuti. L’unico sussulto neroverde al 16′, ma il gol di Caputo e’ annullato giustamente per fuorigioco Con la partita ormai andata, De Zerbi cerca di salvare il salvabile e a inizio ripresa si presenta con la difesa a cinque per cercare di arginare gli scatenati giallorossi che colpiscono subito tre legni con Pellegrini (2′ st), Dzeko (5′) e Mancini (11′ st). Ma dalla possibile disfatta, ecco uscire la verve del ritrovato Berardi e del suo piede caldo: all’8′ prima pennella una punizione al bacio, su cui nulla puo’ Pau Lopez, e poi al 28′ chiude al meglio una bella tram, con Duncan e Caputo e che rende meno amara la trasferta capitolina.

Continua a leggere

Sport

Rigore di Piatek, il Milan vince a Verona ma non convince

Avatar

Pubblicato

del

Il Milan tiene alta la testa grazie ad un rigore di Piatek che gli permette di battere 1-0 il Verona ma ancora una volta latita paurosamente nel gioco, ad una settimana dal derby con l’Inter capolista. La squadra di Giampaolo gioca per tre quarti di gara in superiorita’ numerica grazie alla frettolosa espulsione di Stepinski per fallo su Romagnoli, ma non cambia ritmo, non mette mai davvero alle corde un Verona tanto cuore e corsa ma di poca sostanza sotto il profilo tecnico. E anche dopo il vantaggio, pur potendo sfruttare spazi piu’ ampi, non crea occasioni e soffre fino alla fine, quando Calabria si fa anche espellere in una complicata difesa del vantaggio, dicendo cosi’ addio alla stracittadina. Giampaolo schiera Paqueta’ dietro Piatek, un esperimento bocciato dallo stesso tecnico. La catena di sinistra proprio non funziona. Rodriguez spinge poco, Chalanoglu non incide e giocoforza la trama rossonera si sviluppa tutta a destra dove effettivamente e’ dal piede di Suso e dagli affondi di Calabria che nascono le idee migliori. Ma il Milan non cambia marcia, piatto nel gioco e nelle idee. Nel primo tempo il Verona in avvio sembra anzi piu’ baldanzoso ma una volta in inferiorita’ numerica si chiude a riccio davanti a Silvestri. Sono comunque i gialloblu’ con Verre a sfiorare addirittura il vantaggio, ma dopo un pregevole stop al volo il giovane attaccante non riesce a centrare lo specchio della porta. Rebic per Paqueta’ e’ la soluzione di Giampaolo nella ripresa, qualcosa si muove ma davvero poco. Calabria colpisce il palo con un destro dalla distanza, ma il Verona ha la forza di impensierire ancora Donnarumma rispondendo con un palo preso da Verre. Poi un destro di Chalanoglu va ad incocciare la mano di Gunter e dal dischetto Piatek torna pistolero, festeggiando in modo un po’ esagerato un gol che mancava da mesi. Nonostante lo svantaggio Juric non cambia l’atteggiamento del Verona che nel finale urla la propria rabbia verso Manganiello. Calabria cintura Pessina, per il Var il fallo e’ fuori dall’area. Veloso colpisce la barriera, il destro di Lazovic sibila di poco a destra del palo di Donnarumma. Il Milan festeggia il successo. Una vittoria faticosa e forse anche immeritata. Il derby alle porte e il lavoro di Giampaolo stenta a dare frutti. Arrivano comunque punti preziosi, ma il gioco non puo’ far felici i tifosi rossoneri.

Continua a leggere

In rilievo