Collegati con noi

Corona Virus

Venerdì nero, le Borse affondano con nuova variante Covid e petrolio

Pubblicato

del

‘Black Friday’ anche per i mercati, in una giornata in questo caso pessima che non ha risparmiato Borse e criptovalute. La paura e’ nata dalla nuova variante Covid sudafricana e, complici i listini azionari ai massimi, lo scivolone dei prezzi dell’energia sui timori di un freno alla ripresa ha fatto scattare vendite con poco controllo. Risultato: Piazza Affari ha ceduto oltre il 4%, Madrid cinque punti percentuali, con le Borse europee che nei titoli principali hanno ‘bruciato’ 390 miliardi. Malissimo il petrolio, che ha toccato cali a due cifre anche sotto la quota dei 70 dollari al barile. Di questo momento molto particolare hanno beneficiato per contro alcuni titoli che possono avere benefici da una stretta sanitaria e anche dalla mancanza di relazioni sociali in presenza: e’ il caso del produttore di vaccini Moderna, il cui titolo e’ salito di oltre il 20% a Wall street, con Pfizer e il gruppo delle conferenze on line Zoom in aumento di circa sei punti percentuali. A Milano invece tra i gruppi a elevata capitalizzazione ha chiuso in forte controtendenza il farmaceutico Diasorin, in prima fila sui test per la rilevazione Covid, che ha segnato un aumento finale di oltre il 5%. Ma per molti in Piazza Affari e’ stato un bagno di sangue: l’indice Ftse Mib ha chiuso in ribasso del 4,60% a 25.852 punti, ai minimi della durissima giornata, l’Ftse All share in calo del 4,44% a quota 28.321. Nel paniere a elevata capitalizzazione di Milano il titolo peggiore e’ stato quello di Tenaris, che ha concluso in ribasso del 7%, seguito da Cnh, Unicredit, Stellantis, Moncler ed Eni tutte in scivolata di oltre il 6%. Molto male anche Banco Bpm e Intesa, che hanno lasciato sul terreno rispettivamente il 5,8% e il 5,7%. Il tutto nonostante sia stata una seduta di forte calo dei rendimenti sui titoli di Stato europei e piuttosto stabile per lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni, con il differenziale che ha chiuso la giornata a 131 punti base, gli stessi della conclusione della vigilia, e un rendimento del prodotto del Tesoro sceso allo 0,97%. Tra i titoli azionari ha tenuto comunque Tim, che ha chiuso la seduta in concomitanza con la riunione del suo Cda limata dello 0,7% a 0,48 euro, poco sotto il primo prezzo ipotizzato da Kkr per un’Opa. Ma per tutti i mercati azionari e’ stata una seduta pesantemente negativa: la Borsa peggiore tra le maggiori in Europa e’ stata Madrid che ha ceduto il 5%, seguita da Parigi in calo finale del 4,7% e Francoforte del 4,2%, con Londra che ha chiuso in ribasso del 3,6% dopo che le forti vendite erano state anticipate dalla Borse asiatiche, tutte in ampio ribasso. Sotto pressione anche il gas a causa di una possibile riduzione delle attivita’ produttive, con il metano che ad Amsterdam e’ tornato ai livelli di ottobre nonostante l’arrivo della stagione fredda. E non e’ andata bene nemmeno alle criptovalute, con il Bitcoin che dopo cali di oltre il 20% si e’ attestato su un ribasso di circa l’8%, mentre Ethereum cede sette punti percentuali.

Advertisement

Corona Virus

Covid, i dati del contagio: 155.697 positivi, 389 le vittime

Pubblicato

del

Sono 155.697 i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 167.206. Le vittime sono invece 389, mentre ieri erano state 426. Dall’inizio della pandemia sono 10.539.601 gli italiani contagiati dal Covid, secondo i dati del ministero della Salute. Gli attualmente positivi sono 2.706.453, in calo di 10.128 nelle ultime 24 ore mentre i morti sono 145.159. I dimessi e i guariti sono invece 7.687.989 con un incremento di 165.779 rispetto a ieri.

Continua a leggere

Corona Virus

Morta 18enne, medici sapevano aveva fatto dose di Astrazeneca

Pubblicato

del

Il personale sanitario dell’ospedale di Lavagna sapeva che Camilla Canepa, la 18enne morta dopo vaccinazione, aveva fatto una dose di Astrazeneca. E’ quanto emerso dalle audizioni dei medici fatte dai pubblici ministeri Francesca Rombola’ e Stefano Puppo insieme al procuratore Francesco Pinto, che indagano sulla morte della studentessa avvenuta il 10 giugno scorso per una trombosi. La giovane era stata vaccinata durante un open day. I pm avevano convocato i sanitari per verificare come mai nella documentazione clinica del primo ricovero non fosse stato indicato che la giovane aveva ricevuto il siero anglo-svedese. Secondo i genitori della ragazza al momento del primo accesso era stato detto. Inoltre, dalle indagini era emerso che Camilla mando’ un messaggio sul cellulare a un conoscente dicendo che la stavano trattenendo in ospedale “per il vaccino”. Resta pero’ il giallo sul perche’ non sia stato scritto nella cartella clinica. Un dettaglio cruciale, quello della mancata indicazione della vaccinazione, anche per il supplemento di indagine chiesto al medico legale Luca Tajana e all’ematologo Franco Piovella. I magistrati invieranno ai consulenti quanto emerso dalle sommarie informazioni dei medici. Camilla era stata vaccinata il 25 maggio e il 3 giugno era andata all’ospedale di Lavagna per una fortissima cefalea e fotosensibilita’. La giovane era stata dimessa l’indomani, dopo una tac senza contrasto, nonostante le piastrine fossero in forte discesa. Era ritornata allo stesso ospedale il 5 giugno in condizioni disperate per una trombosi al seno cavernoso. Trasferita al policlinico San Martino di Genova era stata operata alla testa, ma mori’ il 10 giugno. Nel secondo accesso all’ospedale di Lavagna la vaccinazione era stata indicata. A maggio esistevano gia’ le prime linee guida per diagnosticare la Vitt, la sindrome da vaccino appunto, che prevedevano di procedere con una tac con liquido di contrasto tra gli accertamenti.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid: Campania; incidenza al 14,19%, degenze in aumento

Pubblicato

del

 Sono 12.135 i nuovi positivi al Covid in Campania, su 83.290 test esaminati. Il tasso di incidenza e’ sostanzialmente stabile, al 14,56%, rispetto alla media degli ultimi giorni (ieri 14,19). Le nuove vittime censite nel bollettino dell’Unita’ di crisi sono 17, di cui 15 nelle ultime 48 ore e due risalenti ai giorni precedenti. In lieve calo l’occupazione dei posti letto nelle intensive, che scendono a 100 (-2), mentre i ricoveri in degenza sono in aumento a quota 1.387 (+7 rispetto a ieri).

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto