Collegati con noi

Sport

Valanga rosa a St.Moritz, vince Sofia Goggia e poi c’è Federica Brignone

Avatar

Pubblicato

del

Ancora un grande trionfo italiano nello sci alpino. A St. Moritz, una dellle località montane più famose e prestigiose al mondo, l’Italia ha realizzato una magica doppietta nel superG di cdm: prima Sofia Goggia in 1.12.96 e seconda, ad un solo centesimo, Federica Brignone: un distacco pari a 27 centimetri che dice tutto sulla grandissimaa qualità dell’impresa delle due italiane. Solo terza in 1.13.0 l’attesissima americana Mikaela Shiffrin che su questa pista aveva vinto l’anno scorso. Per la bergamasca Goggia – 27 anni, oro olimpico in discesa e stella dello sport italiano – è la 7/a vittoria di coppa in carriera ed il 26/o podio.

La sua e’ stata come sempre una cavalacata travolgente e tutta all’attacco in cui e” pero’ riuscita a controllare e guidare i suoi sci sino in fondo. Sofia e’ partita con il pettorale 16 quando al comando c’era la sua compagna Federica Brignone che, pettorale 9, era scesa con la consueta potenza elegante a cui si era gia’ inchinata pure la leggendaria Shiffrin finita alle sue spalle. Sofia al primo intermedio si e” ritrovata al comando di 11 centesimi su un tracciato come sempre difficile, sopra i duemila metri di quota, con grandi mammelloni di neve su cui e” sempre una impresa tenere la linea giusta. Al secondo intermedio i cronometri la davano pero’ in ritardo di 22 centesimi su Federica. Ma al terzo era di nuovo in testa di 14 dopo esser atterrata lunghissima sul salto centrale a testimonianza della forte velocita’ . E’ stato poco dopo che su un dosso Goggia ha perso la presa del bastone sinistro ed ha preferito quasi liberarsene arrivando al traguardo vincente ma senza un bastone, situazione che non crea troppi problemi solo ai grandi campioni.

Per la valdostana Brignone, 29 anni e soprattutto gigantista eccellente, e’ il 30/o podio. Perdere la vittoria per un solo centesimo le e’ evidentemente bruciato. Ma La nuova doppietta azzurro di cui e” stata protagonista le ha regalato comunque grande soddisfazione. La sana rivalita’ tra le due grandi dello sci italiano sta portando evidentemente frutti. Le due azzurre hanno poi aspettato con un filo di emozione solo la prova della ceca Ester Ledecka, pettorale 25, oro olimpico in superG e atleta capace di tutto. Ma Ester e’ rimasta lontanissima. Quella di St. Moritz e’ stata la seconda doppietta azzurra stagionale dopo quella nel gigante di Killington vinto da Marta Bassino davanti proprio alla Brignone il 30 novembre. E’ una nuova conferma che nelle discipline veloci ed in quella piu” tecnica l’Italia delle donne e’ fortissima. Per l’Italia in questo superG svizzero – mentre in Francia gli organizzatori di val d’Isere per una bufera di neve sono stati costretti ad annullare persino lo slalom speciale uomini – ci sono poi Elena Curtoni con il 15/o posto, Francesca Marsaglia con il 17/o e Marta Bassino con 18/o. Solo 24/ Nicol Delago che una settimana fa nel superG di Lake Louise era stata seconda. A St. Moritz non ha trovato la linea giusta. Domani sulle nevi svizzere tocca allo slalom speciale parallelo mentre in Francia proveranno a rimettere in scena lo slalom speciale uomini.

Advertisement

Sport

Ibrahimovic show a Cagliari, Milan da solo al comando

Avatar

Pubblicato

del

Il Milan scappa di nuovo da solo in vetta alla classifica. Ora e’ a piu’ tre dall’Inter. E prenota il titolo di campione d’inverno. Senza spingere, con un po’ di patemi nel finale per il rosso a Saelemaekers. Ci pensa Ibra a sostituire tutti quelli che non ci sono, da Leao a Calhanoglu. E’ lui che decide, all’inizio del primo tempo e pochi minuti dopo il ritorno in campo dall’intervallo. Uomo squadra. Anche se non e’ al meglio, non sbaglia una sponda. Va spesso a centrocampo a far partire l’azione. E quando lo cerchi sotto porta lui c’e’. Passano pochi minuti ed e’ subito Ibra. Brahim Diaz gli da’ subito una palla d’oro filtrante.

Lykogiannis travolge lo svedese in area e Abisso non va neanche al Var. Dal dischetto Kessie cede la cortesia. E Ibra spiazza Cragno. Attenzione pero’ perche’ il Cagliari sembra piu’ solido del solito. E rimane sempre in partita. Il Milan ha una clamorosa occasione per raddoppiare e chiudere la questione al 35′: il tiro di Calabria e’ lontano dalla portata di Cragno, pero’ finisce pero’ sul palo. Il Cagliari e’ li’, non corre l’errore di sbilanciarsi troppo per tenere ancora viva la speranza.

Il Milan prova ad amministrare, il possesso e’ dalla sua parte, ma e’ una circolazione palla che non stordisce i rossoblu. Nella ripresa pero’ il Cagliari si fa ti-sorprendere al 7′: lancio di Calabria e Ibrahimovic va e segna. L’arbitro annulla, ma poi il Var dice che e’ gol. Il finale pero’ e’ una sofferenza inattesa per Pioli perche’ Saelemaekers entra e si fa ammonire due volte: Milan in dieci. Per il Cagliari- che fa entrare le torri Pavoletti e Cerri- qualche mischia pericolosa. Ma il risultato rimane quello. Se il Milan sogna, per il Cagliari l’incubo continua. Per la squadra di Di Francesco e’ la quinta sconfitta di fila in campionato. Per il tecnico rossoblu forse un’altra chance nella sfida salvezza col Genoa. Ma ora decide Giulini.

Continua a leggere

Sport

Calcio, Leonardo su Mbappè e Neymar: chi vuole resti nel PSG

Avatar

Pubblicato

del

  “Mi auguro siano convinti. Il Paris Saint-Germain e’ un buon posto per un giocatore di altissimo livello, che e’ spinto dall’ambizione. Vogliamo trovare l’intesa con loro, che soddisfi pero’ anche le nostre esigenze e sia in linea con i nostro mezzi. Non dobbiamo di certo implorarli: chi vuole davvero restare a Parigi, resta”. Cosi’ Leonardo, in un’intervista a France Football, ha parlato dei rinnovi di Kylian Mbappe’ e Neymar, entrambi in scadenza nel 2022. Parlando dell’esonero dell’allenatore tedesco Thomas Tuchel, il dg brasiliano ha aggiunto: “Un rinnovo era difficile, per questo abbiamo deciso di anticipare i tempi. Discutevamo spesso ultimamente, ma forse non mi capiva piu'”. “Pochettino? Puntiamo ad avere un’identita’ di gioco – ha spiegato Leonardo, ma ci vorra’ del tempo. Penso sia la persona giusta per questo”. Infine, una battuta su Leo Messi: “Giocatori come Messi sono sempre in cima alla lista dei desideri del PSG. Siamo seduti al grande tavolo di chi segue da vicino gli sviluppi della vicenda che lo riguarda. In quattro mesi, pero’, puo’ accadere di tutto”.

Continua a leggere

Sport

Caso Suarez, l’indagine sugli esami farsa avanti nel massimo riserbo: parola di Cantone

Avatar

Pubblicato

del

Prosegue nel massimo riserbo l’inchiesta della procura di Perugia sull’esame per la conoscenza della lingua italiana sostenuto dal calciatore Luis Suarez all’Universita’ per Stranieri di Perugia. Il procuratore capo Cantone ha spiegato che “non sono in alcun modo indagati funzionari del ministero dell’Interno o di quello delle Infrastrutture”. Questi sono stati sentiti nel corso degli accertamenti come persone informate dei fatti. “E la loro qualificazione giuridica non e’ cambiata”, ha ribadito il procuratore Cantone.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto