Collegati con noi

Salute

Vaiolo delle scimmie, Oms: in Gb osservati casi di trasmissione tra gay

Pubblicato

del

In Gran Bretagna è stata osservata una trasmissione del virus del vaiolo delle scimmie nell’ambito della comunità gay, tra uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini. Lo rileva l’Oms, sottolineando che sempre in Gran Bretagna “contatti sessuali e i luoghi visitati (ad esempio saune, bar e club) sono attivamente oggetto di indagine per quattro casi” osservati nella comunita’ Gbmsm (Gay, bisessuali, uomini che fanno sesso con uomini). Il 13 maggio 2022, all’OMS sono stati notificati due casi confermati in laboratorio e un probabile caso di vaiolo delle scimmie, provenienti dalla stessa famiglia, nel Regno Unito. Il 15 maggio, sono stati segnalati altri quattro casi confermati in laboratorio tra i partecipanti ai servizi di salute sessuale che presentavano una malattia da rash vescicolare e in gay, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Come misure di risposta, è stato istituito un team per coordinare gli sforzi di tracciamento dei contatti. Contrariamente ai casi sporadici con collegamenti di viaggio verso paesi endemici, rileva l’Oms, “nessuna fonte di infezione e’ stata ancora confermata. Sulla base delle informazioni attualmente disponibili, l’infezione sembra essere stata acquisita localmente nel Regno Unito. L’entita’ della trasmissione locale non e’ chiara in questa fase e vi e’ la possibilita’ di identificare ulteriori casi”. Il 15 maggio, all’OMS sono stati notificati altri quattro casi confermati in laboratorio, tutti identificati tra GBMSM che frequentavano i servizi di salute sessuale e presentavano un’eruzione cutanea vescicolare.

Advertisement

In Evidenza

Presidio specialistico polifunzionale “San Gennaro” di Napoli, apre oggi un nuovo ambulatorio di dermo-chirurgia

Pubblicato

del

Un nuovo ambulatorio arricchisce da oggi l’offerta assistenziale del “San Gennaro”, Presidio polispecialistico polifunzionale dell’ASL Napoli 1 Centro. Da oggi è infatti attivo un ambulatorio di dermo-chirurgia, grazie al quale i cittadini potranno facilmente affrontare malattie cutanee primitive ulcerative o ulcere cutanee croniche secondarie. Un nuovo ambulatorio che avrà un impatto concreto sulla vita di moltissimi pazienti, che spesso devono affrontare anche patologie concomitanti. La compresenza di patologie quali stasi venosa, diabete o altre malattie metaboliche, patologie cardiovascolari, patologie renali e squilibri idro-elettrolitici, favorisce la cronicizzazione delle lesioni cutanee impedendone la guarigione, nonostante la terapia farmacologica specifica. Nel nuovo ambulatorio, che si avvale della collaborazione dell’Unità Operativa di Cure Palliative, diretta dal dr. Antonio Maddalena, tutte le lesioni saranno trattate con l’ausilio di “medicazioni avanzate” specifiche, a seconda dello stato clinico della lesione cutanea, in grado di contribuire alla terapia sistemica. Ogni caso sarà valutato collegialmente, in maniera multidisciplinare, da una equipe medica composta dal dr. Raffaele Mozzillo – dermatologo responsabile dell’ambulatorio, dalla dr.ssa Rosina Foresta – specialista in Chirurgia Generale, dal dr. Orlando Zagaria – dirigente medico dermatologo. L’ambulatorio sarà aperto ogni mercoledì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00, sarà possibile accedere previa prenotazione CUP su richiesta del medico di medicina generale.

Continua a leggere

Salute

Influenza: in Usa 6 milioni di casi e quasi 3mila morti

Pubblicato

del

Gli Stati Uniti sono alle prese con un inizio di stagione influenzale particolarmente virulento: nell’ultima settimana, secondo la rilevazione periodica dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), in quasi tutto il Paese l’intensità delle sindromi simil-influenzali è classificata come alta o molto alta. In poco più di un mese sono 6,2 milioni gli americani che hanno contratto l’infezione, 53mila quelli ricoverati e 2.900 quelli deceduti; tra questi 12 bambini. Oltre alla particolare intensità, la stagione è finora caratterizzata da un numero molto alto di ricoveri. Complessivamente, nella scorsa settimana 11,3 persone ogni 100mila sono finite in ospedale a causa dell’influenza: si tratta del tasso più alto registrato in questa settimana dell’anno dal 2010-2011, quando i ricoveri erano oscillati tra lo 0,1 e l’1,4 casi per 100mila. A necessitare del ricovero sono soprattutto gli over-65 (25,9 casi per 100mila) seguiti dai bambini con meno di 4 anni (20,7). Tra i virus influenzali circolanti, quelli di tipo A sono preponderanti con oltre il 99% dei casi. In particolare, tre quarti dei contagi sono causati dal virus A/H3N2.

Continua a leggere

Salute

Obesità, in Italia troppi chili per 46% adulti e 26% bimbi

Pubblicato

del

In Italia più di 25 milioni di persone sono obese o in sovrappeso. In pratica il 46% degli adulti (oltre 23 milioni) e il 26,3% dei bambini e adolescenti tra i 3 e i 17 anni (2,2 milioni). È quanto emerge dal 4/o Italian Barometer Obesity Report, riferito all’anno 2021, presentato oggi e realizzato da IBDO Foundation in collaborazione con Istat, Coresearch e Bhave e con il contributo non condizionato di Novo Nordisk. Oltre ai dati, a preoccupare gli esperti è il fatto che una larga quota di italiani non riconosca di avere un problema di peso: l’11,1% degli adulti con obesità e il 54,6% degli adulti in sovrappeso ritiene di essere normo peso e ben il 40,3% dei genitori di bambini in sovrappeso o obesi considera i propri figli sotto-normo peso.

Dal Report emergono differenze di genere (fra gli adulti l’11,1% delle donne è obeso contro il 12,9% degli uomini; tra i bambini e gli adolescenti il 23,2% delle femmine in eccesso di peso contro il 29,2% dei maschi) e territoriali a svantaggio del Sud e Isole, dove rispettivamente il 31,9% e il 26,1% dei bambini e degli adolescenti è in eccesso di peso rispetto al 18,9% al Nord-Ovest, al 22,1% al Nord-Est e al 22% al Centro. Le diseguaglianze territoriali si confermano anche tra gli adulti, con un tasso di obesità che varia dal 14% al Sud e 13,6% nelle Isole, al 12,2% del Nord Est, al 10,5% del Nord-Ovest e Centro.

Sottovalutare le cause e le conseguenze dell’obesità porta a complicanze, come lo sviluppo di problemi di salute mentale, disturbi cardiaci, diabete di tipo 2, nonché alcuni tumori e problemi a scheletro e articolazioni. “Si stima – spiega Paolo Sbraccia, vicepresidente IBDO Foundation e professore ordinario di Medicina Interna dell’Università di Roma Tor Vergata – che questa malattia causi il 58% dei casi di diabete tipo 2, il 21% dei casi di cardiopatia ischemica e fino al 42% di alcuni tumori e porta a circa 57mila morti annuali solo nel nostro Paese”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto