Collegati con noi

Esteri

Usa 2020, Nikki Haley è la star alla cena dei donatori del Partito Republicano

Pubblicato

del

Nikki Haley arruolata dai repubblicani come figura chiave per aiutare il partito a recuperare consensi tra le donne fermando la valanga femminile dem o come possibile candidata alternativa a Donald Trump? E’ il dubbio che aleggia dopo che l’ex ambasciatrice Usa all’Onu, dimessasi lo scorso ottobre, e’ stata scelta come ospite d’onore di una cena organizzata per il 27 febbraio da Paul Singer, il magnate degli hedge-fund, con una ventina dei maggiori donatori newyorchesi del Grand Old Party. Del resto la Haley e’ gia’ una star super richiesta e super pagata: secondo Cnbc chiede 200 mila dollari e l’uso di un jet privato per tenere conferenze negli Usa, tariffario che la accomuna ad ex presidenti come Barack Obama o ox segretari di stato come Hillary Clinton. La cena, riporta Axios, e’ il primo di una serie volta a portare alla ribalta ‘surrogati’ chiave per la campagna delle elezioni parlamentari del 2020. Singer sta lavorando per ingaggiare donne candidate per sostenere gli sforzi repubblicani per mantenere la maggioranza al Senato e riprendere il controllo della Camera.

A questo scopo sta supportando anche E-Pac, il comitato elettorale di raccolta fondi avviato dalla deputata della Grande Mela Elise Stefanik per trovare donne da candidare. Ma la presenza della Haley alla cena di Singer ha indotto l’autorevole commentatore conservatore Bill Kristol a suggerire che i donatori repubblicani la potrebbero prendere in considerazione per sfidare Trump alle primarie nel 2020. “Suonano campanelli d’allarme nel mondo di Trump mentre Nikki Haley sara’ l’ospite d’onore alla esclusiva cena Gop. Scopo apparente: ‘puntare i riflettori su surrogati chiave per le elezioni parlamentari del 2020′. Verita’: ‘puntare i riflettori su un possibile sostituto di Trump per il 2020”, ha twittato. Ma altri giornalisti politici sono scettici, ricordando che la Haley, quando si dimise, disse che non avrebbe corso per la Casa Bianca nel 2020 e che avrebbe fatto campagna per Trump. “Ci sono pochi dubbi che la Haley sara’ una probabile candidata se Trump non correra’ nel 2020 per una ragione o un’altra. Ci sono invece molti dubbi che sfidera’ Trump alle primarie. In ogni caso tramite la cena si riconnette con la rete dei donatori con cui ha legami”, ha twittato Maggie Haberman, la corrispondente dalla Casa Bianca per il New York Times. A parte l’incognita delle varie inchieste che pendono sul presidente, c’e’ pero una terza ipotesi: che Trump possa scaricare il fedele vice Mike Pence e offrire il ticket alla Haley se dovra’ fermare l’emorragia di voti femminili, anche di fronte alla carica delle candidate presidenziali dem.

Advertisement

Esteri

Idf, cinque i corpi di ostaggi recuperati a Gaza

Pubblicato

del

L’esercito israeliano ha recuperato nelle ultime ore nella Striscia di Gaza i corpi di cinque degli ostaggi rapiti il 7 ottobre. In un comunicato l’Idf elenca i loro nomi, alcuni dei quali già noto da ieri sera: Maya Goren, oltre ai soldati Ravid Aryeh Katz, Oren Goldin, Tomer Ahimas e Kiril Brodski. I resti sono stati portati in Israele, fa sapere l’esercito dello Stato ebraico.

I corpi dei 5 ostaggi sono stati recuperati dalla 98ma divisione dell’Idf in un tunnel a Khan Yunis dove l’esercito in questi ultimi giorni è tornato ad operare. Decisive – è stato spiegato – sono state “precise informazioni di intelligence” da parte dello Shin Bet, ottenute anche attraverso gli interrogatori di miliziani di Hamas catturati a Gaza. I cinque israeliani furono uccisi durante l’attacco del 7 ottobre e i loro corpi trascinati a Gaza.

Continua a leggere

Esteri

Mosca, elicottero militare cade nel sud-ovest russo, tutti morti

Pubblicato

del

Un elicottero militare russo Mi-28 si è schiantato in un’area disabitata nella regione di Kaluga, nel sud-ovest della Federazione russa, provocando la morte di tutti i membri dell’equipaggio. Lo scrive la Tass, citando fonti del ministero della Difesa, che aggiunge che una commissione d’inchiesta delle forze aerospaziali russe è sul posto per indagare le cause dello schianto.

Continua a leggere

Ambiente

Petroliera affonda nelle Filippine, 1,4 mln di litri in mare

Pubblicato

del

Una petroliera battente bandiera filippina che trasportava 1,4 milioni di litri di olio combustibile industriale si è capovolta ed è affondata nelle acque al largo di Manila. Lo hanno riferito le autorità filippine, precisando che si sta cercando di contenere una fuoriuscita. “Siamo riusciti a salvare 16 dei 17 membri dell’equipaggio, uno è disperso”, ha detto il ministro dei Trasporti Jaime Bautista in un briefing.

Forti venti e onde alte stanno ostacolando gli sforzi di risposta, ha detto Bautista. La nave è affondata nella baia di Manila, a quasi sette chilometri (4,3 miglia) al largo del comune di Limay, nella provincia di Bataan, vicino alla capitale, nelle prime ore del mattino. La MT Terra Nova “si è capovolta e alla fine si è immersa”, ha detto in un rapporto la guardia costiera filippina. La guardia costiera ha detto che stava indagando “se ci fosse una perturbazione meteorologica nella zona quando si è verificato l’incidente. È stata rilevata una marea nera e il personale di protezione dell’ambiente marino si è mobilitato per contribuire a contenerla.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto