Collegati con noi

Economia

Unicredit abbandona Facebook, Messenger e Instagram perchè…

Avatar

Pubblicato

del

“Valorizzare i canali digitali proprietari per garantire un dialogo riservato e di alta qualità. In linea con questo impegno, UniCredit annuncia che a partire dal 1° giugno non sarà più su Facebook, Messenger e Instagram”. Con questo messaggio postato su Facebook UniCredit annuncia che dal primo giugno lascia non solo la creatura di Zuckerberg ma anche gli altri social controllati  Messenger e Instagram. Resta sugli altri social network. Nell’era del digital banking, si tratta di una decisione non banale e destinata – si vedrà poi con quale risultato – a fare scuola nel mondo del business. Non solo di marketing, come si legge negli innumerevoli commenti che da venerdì scorso dilagano su tutti i social, ma di strategia bancaria nel vasto mercato retail. La portata della decisione è chiara, pur nella stringata comunicazione ufficiale.

UniCredit abbandona l’intero gruppo che proprietariamente fa capo a Facebook, di cui evidentemente non si fida più. Per motivi etici – e quindi con un valore economico oltre che reputazionale – già emersi dopo lo scandalo Cambridge Analytica. Ma soprattutto, pare di capire, per le modalità con cui la capogruppo Facebook e le sue controllate – quindi non l’intero mondo dei social network, tanto che UniCredit resterà su Twitter e LinkedIn – continuano a gestire i dati dei clienti delle banche.

Quanto avrà pesato sulla scelta di UniCredit l’ipotesi che Facebook stia pensando a creare una propria banca? L’idea è emersa in più occasioni sui media internazionali. E certo preoccupa molte banche tradizionali che si trovano ad aver condiviso i dati dei clienti con il più grande social del mondo. Un altro timore, forse meno dichiarabile, è che i dati di clienti di una banca – via Facebook – possano finire nelle mani di banche concorrenti.

Vedremo nei prossimi giorni se e in che modo risponderà Facebook, che già pare aver innalzato la contraerea sui social. Come emerge da alcune accuse risibili, secondo cui UniCredit avrebbe rinunciato a stare su Facebook per evitare eventuali commenti negativi sul social. È vero il contrario: i clienti scontenti continueranno a protestare e UniCredit non potrà replicare in modo attivo. È evidente che il tema non è di marketing e comunicazione, ma di strategia in difesa dei dati della propria clientela. Un caso per ora raro, ma non l’unico. È di poche settimane fa la decisione di lasciare parte dei social da parte della britannica Lush, gruppo di cosmetica: “Siamo stanchi di combattere con gli algoritmi e non vogliamo pagare per stare nella vostra newsfeed”. UniCredit aveva già smesso di pagare, annullando gli investimenti pubblicitari. Se ha deciso di abbandonare del tutto la presenza su Facebook e controllate, è perché temeva una gestione poco affidabile dei dati dei clienti. Probabile che almeno nella banking industry, altri seguiranno.

Advertisement

Economia

Campari trasferisce sede legale in Olanda, quella fiscale resta in Italia

Avatar

Pubblicato

del

Campari trasferisce la sede legale in Olanda, come gia’ la galassia Fca, che ad Amsterdam ha Exor e Cnh, e cosi’ come Mediaset sta cercando di fare per la nascitura holding MediaforEurope. La controllata di Lagfin si trasforma dunque in una societa’ di diritto olandese, con assemblea per l’approvazione straordinaria prevista il 27 marzo, mentre la residenza fiscale resta in Italia, “mercato chiave per il futuro del gruppo”, cosi’ come la societa’ rimane esclusivamente quotata a Piazza Affari. La holding lussemburghese della famiglia Garavoglia, titolare del 51% del capitale e del 65,3% dei diritti di voto, conferma il proprio supporto alla strategia e alle prospettive del gruppo e s’impegna ad acquistare azioni oggetto di recesso sino a un massimo di 76,5 milioni di euro. “Col trasferimento della sede legale in Olanda e il potenziamento del sistema di voto maggiorato con l’introduzione di un nuovo schema di azioni a voto speciale – ha spiegato il ceo, Bob Kunze-Concewitz – intendiamo adottare una struttura flessibile del capitale sociale, che possa ulteriormente supportarci nel perseguire opportunita’ di crescita anche per linee esterne e valorizzare in misura crescente un azionariato con orizzonte d’investimento a lungo termine, coerentemente col nostro orientamento strategico”. Cio’ “senza alcun impatto riguardo a organizzazione, gestione e operativita’ in Italia, ne’ in alcuna altra regione in cui opera il gruppo” ha aggiunto. I conti del 2019 hanno intanto fatto registrare vendite per 1.842,5 milioni con crescita organica del 5,9% e variazione totale del 7,6%, considerati l’effetto cambi e di perimetro. L’utile netto rettificato si e’ attestato a 267,4 milioni (+7,3%), il risultato netto a 308,4 milioni (+4,1%). In forte aumento (+10%) il dividendo a 0,055 per azione. Proseguira’ il buyback per un importo fino a 350 milioni nei prossimi 12 mesi.

Continua a leggere

Economia

Calano gli utili, e Hsbc taglia 35.000 posti di lavoro

Avatar

Pubblicato

del

Calano i profitti e cala la scure sui posti di lavoro in casa Hsbc, colosso bancario britannico, europeo e globale. Il gruppo ha annunciato oggi un maxi piano biennale di ristrutturazione e di ridimensionamento miliardario degli asset – con annesso taglio di ben 35.000 dipendenti – sullo scia di una chiusura del 2019 segnata dal dato sull’utile lordo in calo del 32,9%, fino a 13,35 miliardi di dollari. E da una svalutazione dell’avviamento da 7,3 miliardi. A illustrare il pesantissimo piano, il piu’ significativo dalla crisi messicana del 2012, e’ stato l’amministratore delegato ad interim Noel Quinn, salito al timone della barca in agosto, dopo l’estromissione repentina di John Flint, e ancora in attesa di conferma a pieno titolo nell’incarico o meno. Il taglio del personale riguardera’ in primis alcune attivita’ negli Usa e in Europa (Regno Unito e Paesi Ue), ha lasciato intendere Quinn, indicando l’obiettivo d’una contrazione del costo del lavoro da 3 miliardi: e quindi del numero complessivo delle persone impiegate nel mondo entro fine 2022 dalle attuali 235.000 a una cifra “piu’ vicina a 200.000”. Sullo sfondo, prim’ancora che si manifestino eventuali turbolenze legate alla Brexit (entrata formalmente in vigore il 31 gennaio, ma destinata a concretizzarsi solo dal 2021, dopo la fine del periodo di transizione nello status quo fra Londra e Bruxelles), vi e’ una situazione caratterizzata negli ultimi anni per Hsbc da un consolidato andamento positivo in Asia, ma da affanni sia sul mercato nordamericano sia su quello europeo.

E questo senza contare i potenziali ulteriori contraccolpi che Quinn ha detto di temere nei prossimi mesi proprio nella ‘roccaforte’ asiatica (meta’ dei ricavi, 90% dei profitti odierni) a causa di fibrillazioni cinesi e contraccolpi dell’emergenza coronavirus. Di qui la durezza d’un intervento che prevede complessivamente di sfoltire i costi per 4,5 miliardi e di partorire una riduzione degli asset globali fino a 100 miliardi. Sul fronte del lavoro, la falce colpira’ soprattutto oltreoceano e nei vari Paesi europei: Gran Bretagna inclusa dove la banca impiega 40.000 persone, 10.000 delle quali nel moderno quartier generale londinese di Canary Wharf. L’impatto e’ decisamente preoccupante per gli impiegati e chi li rappresenta, e dovrebbe concentrarsi nel settore dell’investment bank nel Regno Unito, in quello delle operazioni centrali della holding, nel retail banking americano e – come per molte altre aziende – nelle aree soggette a forte innovazione tecnologica. Ma, nota la Bbc, potrebbe rivelarsi meno brutale di quanto non appaia, tenuto conto che Hsbc in ordinaria amministrazione ha comunque un turnover annuo planetario attorno a 25.000 dipendenti. Peter Hahn, analista ed ex preside del London Institute of Banking & Finance, scorge in ogni caso dietro i segnali di crisi gli effetti d’un fondamentale errore strategico commesso dal top management in ultimi anni. “Io credo – commenta – che siano stati troppo ottimisti sulla loro chance di successo nell’investment banking. La realta’ e’ che gli Usa restano il maggiore mercato per gli investimenti bancari al mondo e se non si e’ abbastanza grandi nell’investment banking americano, come Hsbc non e’, allora e’ dura sfondare in questo business”.

Continua a leggere

Economia

Dazi Usa, i prodotti italiani non vengono colpiti

amministratore

Pubblicato

del

L’Italia esce indenne dalla revisione della lista dei prodotti soggetti a dazi che gli Usa avevano emanato lo scorso ottobre a seguito della sentenza del Wto sul caso Airbus. Dal confronto tra i codici doganali riportati dall’ufficio del rappresentante Usa per il commercio (Ustr), nelle due liste di ottobre e odierna non risultano infatti colpiti prodotti italiani. E’ stato quindi scongiurato il rischio che la revisione potesse estendersi ad altri importanti settori del nostro export sul mercato Usa.

Gli Usa hanno fatto solo lievi modifiche alla lista, rimuovendo ad esempio il succo di prugna ma aggiungendo i coltelli da cucina importati da Francia e Germania. L’ufficio per il commercio Usa si riserva comunque di cambiare le merci colpite dalla tariffe. Hanno invece deciso di aumentare i dazi sui velivoli Airbus importati dall’Europa dal 10% al 15% a partire dal 18 marzo. Lo ha annunciato l’ufficio del rappresentante del Commercio americano, sulla base della sentenza Wto contro i sussidi pubblici europei al consorzio Airbus.   “Con la leadership del presidente Trump, gli Usa hanno vinto il piu’ grande premio nella storia del Wto il 2 ottobre del 2019 quando sono state autorizzate contromisure su 7,5 miliardi di beni” per pratiche commerciali scorrette nell’Unione europea e nel Regno Unito, si legge nella nota del rappresentante al Commercio americano nella quale si annunciano i nuovi dazi. Lo scorso ottobre Washington aveva imposto tariffe del 10% agli aerei di Airbus e del 25% su vari prodotti europei, in gran parte del settore agroalimentare (anche italiano), dai formaggi alle olive, dai vini al whisky. Washington si dichiara comunque disponibile ad raggiungere un accordo negoziato sulla disputa relativa ai sussidi ai colossi dell’industria aerea. In aprile e’ attesa un’analoga sentenza del Wto sui sussidi pubblici Usa all’americana Boeing.

Continua a leggere

In rilievo