Collegati con noi

Sport

Uefa League, Napoli sconfitto a Salisburgo ma passa ai quarti di finale

amministratore

Pubblicato

del

Napoli già largamente rimaneggiato in difesa per squalifiche e infortuni vede entrare in infermeria all’ultimo secondo anche Lorenzo Insigne per noie muscolari. In attacco dunque scelta obbligata per Carlo Ancelotti: Milik e Mertens. Sulle ali Callejón e Zielinsky.
Alla Red Bull Arena chi si aspettava la partenza a razzo degli austriaci si sbagliava. É il Napoli che fa la partita. Ed é il Napoli che al 13 minuto va in gol con Milik che mette dentro una palla pasticciata in area dagli austriaci recuperata in attacco grazie al pressing di Mario Rui e Zielinsky sui portatori di palla del Salisburgo. Nonostante il vantaggio é sempre il Napoli a tenere la palla ma al 23 minuto su un errore clamoroso di Allan gli austriaci vanno in gol con Dabbur. Il Napoli torna a giocare subito. E al 27 minuto da lontano gran tiro di Fabián Ruiz: è palo. Il Salisburgo comincia a macinare gioco, fa salire il suo baricentro e schiaccia un poco il Napoli nella sua area. Nessun pericolo però per Meret. Il primo tempo finisce esattamente al 45minuto con un risultato di pareggio che tutto sommato è giusto.

Secondo tempo col Napoli un poco più coperto e con il Salisburgo che è costretto a scoprirsi. La condizione buona per infilare di rimessa una squadra che non ha certo nella difesa il suo punto di forza.  Al 64 minuto,  però, il Salisburgo va in gol con una bella azione corale di attacco chiusa da Gulbrandsen, appena entrato al posto di Mwepu. Meret non si fa trovare pronto.  Salisburgo molto aggressivo. Al minuto 87 Dabbur prende un palo pieno con una grande giocata e un gran tiro a distanza ravvicinata. Al 90 minuto arriva la terza rete di Leitgeb. Lo score  è pesante per il Napoli. Il Salisburgo però merita la vittoria. Il turno però lo passa il Napoli in virtù del 3 a 0 di Napoli.

Advertisement

Sport

Atletica, magnifica Larissa Iapichino: ha superato mamma Fiona May ed è oro a Euro Under 20

Avatar

Pubblicato

del

A 17 anni Larissa Iapichino e’ la campionessa europea under 20 del salto in lungo e sale sul podio come mamma Fiona May che vinse l’oro nel 1987 a Birmingham con la maglia della Gran Bretagna. Tutta in crescita la gara dell’azzurra doppia figlia d’arte (papa’ l’ex astista Gianni) che inizia con 5,93 sotto la pioggia. Poi 6,37, 6,33, 6,51, 6,58 e il 6,53 finale. E’ il quarto oro azzurro a Boras, eguagliato il record di San Sebastian 1993, nella mattinata in cui gli azzurri festeggiano anche l’argento di Riccardo Orsoni nei 10000 di marcia e il bronzo di Elisa Ducoli nei 3000.

Continua a leggere

Sport

Dimaro, la scommessa dei “biondi” del Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Bravi, belli, biondi. Sarà per vezzo, per scaramanzia o goliardia. Fatto sta che alcuni giocatori del Napoli hanno scelto di modificare il proprio look in questa fase del ritiro precampionato qui a Dimaro Folgarida. In fondo sono ragazzi e va bene così. Sintomo anche di quell’armonia che pervade il gruppo.

Perché è proprio questo uno degli elementi che emerge di più, osservando la squadra che si allena dalla tribuna del campo di Carciato: tanto lavoro ma anche la simpatia e l’amicizia tra giocatori e tutto lo staff. José Maria Callejon ha scelto un grigio platinato. Una novità per lui da quando veste la maglia azzurra. Hanno optato invece per la sfumatura bionda Gianluca Gaetano, Elseid Hysaj, Lorenzo Tonelli e Dries Mertens. In fondo sono ragazzi e va bene così.

Continua a leggere

Esteri

Calcio, terrore Palmeiras: aereo rischia di cadere a Mendoza

Avatar

Pubblicato

del

Momenti di terrore per i calciatori del Palmeiras, e lo staff medico, societario e dirigenziale del club, dopo che l’aereo a bordo del quale si trovava la squadra campione del Brasile ha rischiato di precipitare mentre tentava di atterrare a Mendoza, in Argentina. Il velivolo ha avuto per due volte problemi in fase di atterraggio, al punto che il pilota ha dovuto interrompere la manovra e risalire, bruscamente, in alta quota. Piu’ di un componente della comitiva del ‘Verdao’, che proveniva da Fortaleza, dove aveva perso in campionato 2-0 col Ceara’, ed era diretta a Mendoza per il match di Libertadores contro il Godoy Cruz, si e’ sentito male e ha vomitato, secondo quanto hanno riferito fonti del club. Alla fine l’aereo del Palmeiras e’ atterrato sulla pista dello scalo di Rosario, e non si sa quando la partita con il Godoy potra’ essere giocata, e si parla anche di un possibile rinvio.

Continua a leggere

In rilievo