Collegati con noi

Cronache

Uccide la figlia di 16 mesi lanciandola dalla finestra, lui tenta il suicidio ma si salva

Avatar

Pubblicato

del

Prima uccide la figlioletta di 16 mesi scaraventandola gù dal secondo piano. Poi tenta il suicidio, lanciandosi dalla stessa finestra. Così il 35enne di San Gennaro Vesuviano, Salvatore Narciso, il papà che ha lanciato la piccola dalla finestra del secondo piano dell’abitazione dei suoceri, dove erano ospiti, per poi tentare il suicidio. Qualcuno sul posto racconta di un litigio avuto con la moglie ieri o poco prima dell’omicidio, problemi che, secondo le prime indagini e le prime ricostruzioni, avrebbero portato la coppia a decidere di separarsi. Oggi i due, che vivono a Caserta, erano dai genitori di lei in via Cozzolino nel paese vesuviano. Secondo una prima ricostruzione l’uomo ha approfittato dell’assenza della donna, allontanatasi dall’abitazione per faccende domestiche, e, eludendo anche la presenza del cognato in casa a pian terreno, e’ uscito ed ha raggiunto una finestra al secondo piano del vano scale. Poi, poco dopo le 12, la tragedia. Il 35enne afferra la piccola e la lancia nel vuoto. I drammatici istanti nel racconto di una dirimpettaia: “Ho visto quella ‘cosa’ lanciata dalla finestra. Sembrava una bambola ma quando, dopo pochi secondi, ho visto lui alzarsi sulla finestra e buttarsi giu’, ho capito che a cadere era stata la piccola Ginevra. Una scena che non dimentichero’ mai piu'”.

Due tonfi, il silenzio e poi le urla. I vicini chiamano il ‘118’ ed i carabinieri, ma per la piccola Ginevra i soccorsi sono inutili. L’impatto al suolo le e’ stato fatale. L’uomo, in gravi condizioni ma cosciente, viene portato all’ospedale Cardarelli di Napoli, dove nel tardo pomeriggio e’ stato sottoposto ad un intervento alla colonna vertebrale per le lesioni riportate nell’impatto. In via Cozzolino, invece, resta la disperazione dei familiari e dei vicini, ed il corpicino della piccola sul suolo, coperto da un lenzuolo, in attesa del pm di turno.  I carabinieri, stanno ascoltando familiari e vicini nella speranza di riuscire a ricostruire l’accaduto e le ragioni che hanno spinto il 35enne. Salvatore Narciso, invece, non ha proferito parola. Dal suo arrivo in ospedale e’ rimasto in silenzio, in attesa degli esami che l’hanno portato fino all’intervento chirurgico. Ma non e’ in pericolo di vita. E’ rimasto cosciente tutto il tempo, senza parlare, senza fornire agli investigatori alcuna ragione sul gesto che ha spezzato la vita della piccola Ginevra, lasciando nella disperazione tutti. A San Gennaro Vesuviano nessuno immaginava che oggi avrebbero pianto una bimba di 16 mesi. ”Almeno spiegasse perche’ – hanno affermato alcuni anziani – ma cosa gli e’ passato per la testa. Se proprio voleva, si uccideva da solo, quale peccato ha fatto una piccina di un anno?”.

Advertisement

Cronache

Uccide la moglie per una banale lite e poi chiama la polizia per consegnarsi

Avatar

Pubblicato

del

Un italiano di 65 anni si è costituito alla polizia di Torino dichiarando di avere ucciso la moglie con un oggetto contundente. L’episodio è avvenuto in corso Orbassano, nella periferia cittadina. Da quanto si apprende, l’uomo ha colpito la donna e solo dopo qualche ora ha contattato il 112. Sarebbe stata una lite a scatenare il raptus omicida del 65enne che nel primo pomeriggio a Torino ha ucciso la moglie all’interno della loro abitazione, in corso Orbassano. Come ricostruito dalla polizia l’uomo, che pare soffrisse da tempo di depressione, ha colpito la moglie con una sorta di stiletto, quindi ha atteso qualche ora prima di chiamare il 112. Al momento del delitto in casa c’era solo la coppia.

Continua a leggere

Cronache

Finto disabile girava in carrozzina elettrica in Piazzetta a Capri, i vigili urbani l’ha scoperto e…

Avatar

Pubblicato

del

Un falso disabile e’ stato individuato dalla polizia municipale di Capri mente circolava per fare acquisti nel centro storico nei pressi della celebre ‘piazzetta’, a bordo di un deambulatore elettrico destinato a persone diversamente abili. L’uomo, pur non trovandosi in tali condizioni, lo utilizzava per i suoi spostamenti in un’area interamente pedonale. Dopo averlo identificato e appurato che l’uomo non era in condizioni di disabilita’, i vigili hanno elevato un verbale con un ammenda

Continua a leggere

Cronache

Open Arms, la Spagna indica un suo porto per accogliere i migranti e Salvini esulta su Fb

Avatar

Pubblicato

del

Il premier spagnolo Pedro Sancher ha annunciato di aver offerto il porto di Algesiras, in Andalusia, per lo sbarco dei migranti a bordo della nave Open Arms, da giorni a largo di Lampedusa. “Ho indicato che il porto di Algeciras sia abilitato per ricevere OpenArms. La Spagna agisce sempre nelle emergenze umanitarie. E’ necessario stabilire una soluzione europea, ordinata e di supporto, che guidi la sfida migratoria con i valori del progresso e dell’umanesimo dell’Ue”, ha scritto Sanchez su Twitter. “L’inconcepibile risposta delle autorita’ italiane, e in particolare del suo ministro dell’ Interno Matteo Salvini, di chiudere tutti i suoi porti e le difficolta’ esposte da altri paesi del Mediterraneo centrale, hanno portato la Spagna a guidare nuovamente la risposta alla crisi umanitaria “. E’ quanto si legge, secondo El Pais, in un comunicato della presidenza spagnola, nel quale si annuncia la decisione del premier Pedro Sanchez di accogliere l’Open Arms in Andalusia. Il ministro italiano, Salvini, invece, lascia la spiaggia, si cerca un posto all’ombra, e su Fb ci fa sapere che “chi la dura la vince: la Spagna ha aperto i porti. Non ho risposto agli insulti, alle minacce di morte. Si ragiona con calma e si lavora da ministro”.

 

Continua a leggere

In rilievo