Collegati con noi

In Evidenza

Tumori, aumento casi in Italia tra le donne: alta la percentuale di guarigioni grazie a diagnosi precoci

Avatar

Pubblicato

del

Aumentano le diagnosi di tumore in Italia nel 2020 rispetto allo scorso anno, ma solo nelle donne. Sono infatti 377.000 le nuove diagnosi previste quest’anno, 195.000 negli uomini e 182.000 nelle donne (nel 2019 erano 196.000 e 175.000). Si stimano, quindi, circa 6.000 casi in piu’ rispetto al 2019, a carico delle donne. Il tumore più diagnosticato, nel 2020, e’ quello della mammella (54.976, pari al 14,6% delle nuove diagnosi), seguito dal colon-retto (43.702), polmone (40.882), prostata (36.074). In particolare, nel sesso femminile, continua la preoccupante crescita del carcinoma del polmone (+3,4% annuo), legata all’abitudine al fumo. La buona notizia e’ che aumentano anche le persone vive dopo la diagnosi: sono circa 3,6 milioni (+37% rispetto a 10 anni fa). Emerge dal rapporto ‘I numeri del cancro in Italia 2020′, presentato all’Istituto Superiore di Sanita’.

La decima edizione de ‘I numeri del cancro in Italia 2020′ “conferma la qualita’ del nostro Servizio Sanitario Nazionale: c’e’ ancora molto da fare, ma rispetto a 10 anni fa cresce notevolmente il numero di donne e uomini che sopravvivono alla diagnosi di tumore, aumenta il tasso di guarigioni e sempre piu’ persone tornano ad avere la stessa aspettativa di vita della popolazione generale”. Lo afferma il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella prefazione del libro presentato oggi all’Istituto superiore di sanita’.

Advertisement

Economia

Dpcm, Fipe: le misure del Governo costano altri 2,7 miliardi per la ristorazione

Avatar

Pubblicato

del

“Le misure annunciate dal governo costeranno altri 2,7 miliardi di euro alle imprese della ristorazione. Se non accompagnate da contemporanee e proporzionate compensazioni di natura economica, sarebbero il colpo di grazia per i pubblici esercizi italiani, che gia’ sono in una situazione di profonda crisi, con conseguenze economiche e sociali gravissime”. Lo afferma la Fipe-Confcommercio, la Federazione dei Pubblici Esercizi, in merito alle nuove misure per il contenimento dell’epidemia allo studio del governo. “I ripetuti annunci di chiusure anticipate – prosegue la Federazione dei Pubblici Esercizi di Confcommercio – hanno gia’ prodotto la desertificazione dei locali e, indipendentemente dalle novita’ sugli orari effettivi di apertura, le restrizioni devono essere accompagnate dai provvedimenti di ristoro economico in termini di indennizzi a fondo perduto, crediti d’imposta per le locazioni commerciali e gli affitti d’azienda, nuove moratorie fiscali e creditizie, il prolungamento degli ammortizzatori sociali e altri provvedimento di sostegno a valere sulla tassazione locale”. “Gli imprenditori di questo settore si stanno dimostrando persone responsabili, che rispettano rigorosamente i protocolli sanitari loro imposti, che non possono reggere ulteriormente una situazione che decreterebbe la condanna a morte per migliaia di imprese. E’ evidente che non si possono far ricadere le responsabilita’ del ritorno dell’epidemia sul nostro comparto: sono altri i fattori che hanno purtroppo causato una nuova emergenza”. “Sarebbe una scelta disastrosa, con la disperazione e la rabbia che sta crescendo oltre il livello di guardia. La pandemia va gestita con attenzione sicuramente alla salute, ma anche riscontrando le aspettative e le esigenze del settore che il governo conosce perfettamente perche’ la Fipe le ha trasferite nelle occasioni di confronto istituzionale”. “Chiediamo – conclude Fipe-Confcommercio – di poter continuare a lavorare per non morire e per questo servono, senza ritardo o inutili annunci, le misure promesse”.

Continua a leggere

Corona Virus

Il premier Conte firma nella notte il nuovo Dpcm con le misure anti-Covid

Avatar

Pubblicato

del

Firmato nella notte il nuovo Dpcm dal  premier Giuseppe Conte con le misure restrittive anti-Covid che sarà in vigore da domani al 24 novembre:  decisa la chiusura alle ore 18 di tutti i ristoranti, bar e gelaterie. Inoltre il governo sta mettendo a punto delle misure di ristoro per le categorie che vengono messe in difficoltà più di altre dalle misure. Si tratterà di misure per 1,5-2 miliardi di euro. Nelle prossime ore potrebbe essere convocato il Consiglio dei ministri.

Continua a leggere

Cronache

Covid, disordini contro il coprifuoco anche a Roma: feriti, arresti e devastazioni

Avatar

Pubblicato

del

Disordini durante la protesta in piazza del Popolo al centro di Roma. Alla mezzanotte, con lo scattare del coprifuoco, quando ai manifestanti è stato intimato di andar via, hanno lanciato petardi e fumogeni contro le forze dell’ordine. La situazione poteva mettersi subito male. La polizia, però, ha immediatamente fatto una carica di alleggerimento e i manifestanti si sono dispersi verso piazzale Flaminio.

Alcuni cassonetti sono stati messi in mezzo alla strada, altri dati alla fiamme, mentre diversi motorini sono finiti a terra. Esplosi anche diversi petardi e bombe carta. La situazione è lentamente tornata alla calma forse anche per il deciso intervento della polizia. Non sono mancati insulti, spintoni e minacce nei confronti dei giornalisti, contro i quali sono state lanciate diverse bottiglie. Pure questo fa parte del corollario di miserie di queste manifestazioni cosiddette di protesta. Poi c’è il bilancio dei feriti. Due agenti del Reparto Mobile sono finiti in ospedale per contusioni. Uno è stato trattenuto per cure ma non è in gravi condizioni. Ci sono poi decine di persone identificate dalla polizia. Alcuni sono stati fermati.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto