Collegati con noi

Esteri

Trump conferma: abbiamo ucciso il figlio di Osama bin Laden

Avatar

Pubblicato

del

Ora è ufficiale: la Casa Bianca ha annunciato con un comunicato che Hamza bin Laden, “membro di alto rango di al Qaida e figlio di Osama bin Laden, e’ stato ucciso in un’operazione anti terrorismo Usa nella regione tra Afghanistan e Pakistan”. “La perdita di Hamza bin Laden non solo priva al Qaida delle abilita’ di un’importante leadership e della simbolica connessione a suo padre, ma mina importanti attivita’ operative del gruppo. Hamza bin Laden era responsabile per aver pianificato e gestito vari gruppi terroristici”, ha riferito la presidenza Usa. L’annuncio arriva dopo che tre giorni fa, nel 18esimo anniversario degli attentati dell’11 settembre pianificati proprio da al Qaida, il successore di Osama bin Laden, l’egiziano Ayman al Zawahiri, e’ ricomparso in un video esortando i musulmani di tutto il mondo ad attaccare obiettivi americani, europei, israeliani e russi. L’uccisione di Hamza bin Laden era trapelata a fine luglio da fonti americane, che tuttavia non avevano fornito dettagli su dove o quando era morto, ne’ se gli Stati Uniti avessero giocato un ruolo nella vicenda. Mancava una conferma ufficiale, arrivata oggi, con la precisazione che ad eliminare il terrorista sono stati gli Usa in una zona compresa tra Afghanistan e Pakistan.

Paese, quest’ultimo, dove i Navy Seals uccisero suo padre nel 2011. Nessun riferimento invece a quando sarebbe avvenuta l’operazione, anche se e’ probabile risalga ai mesi scorsi. Lo scorso marzo, infatti, il dipartimento di Stato Usa aveva messo su Hamza una taglia da un milione di dollari, considerandolo un leader emergente dell’organizzazione un tempo guidata dal padre. Poco, se confrontata con i 25 milioni di dollari in palio per l’attuale capo di al Qaida, l’egiziano Ayman al-Zawahiri. Ma la mossa confermava l’ascesa del trentenne bin Laden, da oltre due anni indicato dagli Usa come terrorista a livello globale. Sempre in marzo, l’Arabia Saudita aveva annunciato di aver tolto la cittadinanza ad Hamza, ritenendolo “una delle figure di spicco dell’organizzazione terroristica”. Di lui, nato nel 1989, si sapeva ben poco. Quando Osama si sposto’ in Afghanistan nel 1996 e dichiaro’ guerra agli Usa, il figlio di appena sette anni segui’ il padre e apparve in video propagandistici di al Qaida, il primo datato 2005. Dalle lettere sequestrate nel compound pakistano di Abbottabad dove suo padre fu ucciso, emerge che era stato istruito dallo stesso Osama ed era destinato a prenderne il posto.

Stando al dipartimento di Stato Usa, aveva sposato la figlia di Mohammed Atta, il terrorista egiziano leader del commando degli attentati dell’11 settembre e dirottatore di uno degli aerei che si schianto’ contro le torri del World Trade Center. Negli ultimi anni Hamza aveva diffuso video e audio in cui invitava i sostenitori di al Qaida ad attaccare gli Usa e i suoi alleati occidentali per vendicare la morte del padre. Nel suo ultimo messaggio audio del marzo 2018 aveva minacciato l’Arabia Saudita e chiesto ai suoi cittadini di preparare la jihad contro i loro monarchi. Un anno dopo, la sua ambizione di succedere al padre e’ stata spezzata in un blitz anti terroristico americano.

Advertisement

Esteri

Israele, Netanyahu rinuncia a formare il governo. Ora ci prova Gantz

Avatar

Pubblicato

del

Benjamin Netanyahu passa la mano, e adesso tocca a Benny Gatz tentare di dare un governo a Israele. Il premier uscente del Likud ha gettato la spugna, restituendo al capo dello Stato, Reuven Rivlin, il mandato che quest’ultimo gli aveva affidato. In una dichiarazione video, Netanyahu ha sostenuto di aver lavorato “incessantemente” per formare un “ampio governo di unita’ nazionale” che includesse i partiti religiosi, alleati del Likud, e il rivale Blu e Bianco guidato dall’ex capo di stato maggiore delle forze di difesa, Benny Gantz. Ma, ha denunciato, e’ stato proprio quest’ultimo a impedirglielo: “Nelle ultime settimane ho tentato di tutto per portare Gantz al tavolo del negoziato ma sfortunatamente, lui si e’ sempre rifiutato, ogni volta”. “Bibi ha fallito di nuovo”, e’ il commento lapidario di Yair Lapid, numero due di Blu e Bianco, al quale, ha annunciato l’ufficio di Rivlin, sara’ affidato l’incarico. Il 60enne Gantz, che ha 28 giorni di tempo per dar vita a un esecutivo, ha annunciato che questo dovra’ essere “liberale”, nel senso che limitera’ l’influenza dei partiti di impronta religiosa. “E’ il momento – ha affermato una nota del partito – di agire”. A Netanyahu, invece, tocca attendere, sperando in un ritorno alle urne, l’esito di una vicenda giudiziaria che potrebbe vedere la sua incriminazione. E’ l’intenzione manifestata di recente dal procuratore generale Avichai Mandelblit, decisione che dovrebbe arrivare entro dicembre. Netanyahu e’ coinvolto, tra gli altri scandali, nel Caso 4000, ovvero quello di presunti favori a una societa’ di telecomunicazioni in cambio di una copertura mediatica favorevole al premier. Di recente Netanyahu e’ stato impegnato in una serie di udienze preliminari in cui ha cercato da un lato di far cambiare idea al procuratore generale e dall’altro, di salvare la propria carriera politica.

Continua a leggere

Esteri

Brexit diventa una barzelletta, da Londra arrivano tre lettere all’Ue e Johnson promette che esce il 31 ottobre

Avatar

Pubblicato

del

Che fosse una cosa difficile l’avevamo capito. Che però diventasse anche qualcosa di comico-ridicolo non ce l’aspettavamo. Parliamo di Brexit. Oggi è stata la giornata in cui dall’Inghilterra sono arrivate tre lettere all’Ue da Londra. Poi spieghiamo quali. Intanto è certo  che il governo di Boris Johnson continua a spingere perché la Brexit avvenga il 31 ottobre, anche dopo che il Parlamento ha costretto il premier a scrivere a Bruxelles per chiedere un nuovo rinvio. La giornata di sabato, con un voto storico a Westminster sul nuovo accordo trionfalmente annunciato due giorni prima, avrebbe dovuto dare la svolta decisiva, 3 anni dopo il referendum del 2016. Invece i deputati hanno dato un altro schiaffo a Johnson e deciso di posticipare la propria decisione. Effetto: gli europei si trovano in mano tre lettere, che dicono tutto e il contrario di tutto. Mentre mancano 11 giorni al divorzio e i settori economici temono gli effetti di un no deal. Prima lettera: quasi apocrifa, non firmata da Boris Johnson, chiede il rinvio al 31/01/20 della Brexit. Seconda lettera: firmata da Johnson, che vi afferma di non volere il rinvio. Terza lettera: scritta dall’ambasciatore britannico all’Ue Tim Barrow, precisa che il rinvio è stato chiesto solo per rispettare la legge. Michael Gove, braccio destro del premier, è intervenuto ai microfoni di Sky News: “Usciremo il 31 ottobre. Abbiamo i mezzi e le capacità per farlo”. Poi il ministro degli Esteri Dominic Raab ha aggiunto a Bbc di credere che il governo “abbia i numeri” per l’approvazione dell’intesa, mentre molti “nell’Ue non vogliono una proroga”. Sul lato europeo, a Bruxelles il presidente del Consiglio, Donald Tusk ha annunciato sabato sera che avrebbe “cominciato a consultare i leader dell’Ue sul modo di reagire”. E una fonte europea ha poi aggiunto che le consultazioni con i 27 “potrebbero durare alcuni giorni”. In mattinata durante una breve riunione a Bruxelles tra gli ambasciatori dei 27, assieme al capo negoziatore Michel Barnier, la questione è stata avocata ma non discussa.

“L’Ue tiene tutte le opzioni aperte” ha detto un diplomatico europeo. Insomma, l’Ue prende tempo.Il leader laburista Jeremy Corbyn, intanto, ha esultato: “il dannoso accordo è stato sconfitto” e “nonostante la sua postura irritante e fanfarona” Johnson ha dovuto “obbedire alla legge”.

Cioè al Benn Act, approvato a settembre per evitare un no deal, che l’ha obbligato a chiedere il rinvio. Il testo prevede che, se un accordo non fosse stato approvato al Parlamento entro il 19 ottobre, il premier avrebbe dovuto fare la richiesta di proroga al 31 gennaio. Johnson sperava di evitarlo facendo approvare l’intesa sabato. Previsione sbagliata e nuova incertezza totale.

Alcuni deputati del Labour hanno anche ipotizzato che l’invio della seconda lettera da parte di BoJo sia illegale, annunciando che valutano di portarlo in tribunale per “oltraggio al Parlamento e ai tribunali”.

Il successore di Theresa May ha assicurato che “la settimana prossima” presenterà al Parlamento la legge necessaria all’attuazione del suo accordo, con un primo voto possibile già martedì. “Se passeremo la legge in tempo, non ci sarà estensione. Il 31 ottobre è in vista”, ha sottolineato Gove. Il governo può contare sul sostegno di alcuni ribelli Tory, che erano stati espulsi per aver appoggiato il Benn Act.E lunedì potrebbe tentare di nuovo il voto per approvare l’intesa, ma spetterà allo speaker John Bercow stabilire se questo sarà possibile.

Continua a leggere

Cronache

Bus esce di strada e prende fuoco: almeno 30 morti

Avatar

Pubblicato

del

Almeno 30 persone sono decedute quando un autobus affollato è uscito di strada e si è incendiato vicino a Kinshasa, la capitale della Repubblica Democratica del Congo, secondo quanto riferito da un funzionario locale. “L’attuale bilancio è di 30 morti, altri 18 hanno ustioni di terzo grado”, ha detto il portavoce della Croce Rossa David Nsiala ad AFP.”Stiamo continuando il lavoro di identificazione dei corpi”, ha aggiunto Nsiala, che gestisce la Croce Rossa nel territorio di Mbanzea-Ngungu, a sud-ovest di Kinshasa. L’autobus, carico di persone e merci, stava viaggiando da Lufu a Kinshasa quando i suoi freni si sono rotti, ha detto ad AFP Didier Nsimba, vicedirettore del territorio di Mbanza-Ngungu.L’incidente è avvenuto verso l’una del mattino, ha aggiunto.Un passeggero ferito ha detto che più di 100 persone erano nel veicolo in quel momento. Molti corpi sono bruciati e irriconoscibili, ha aggiunto. Mbanza-Ngungu si trova a circa 150 chilometri da Kinshasa sull’autostrada 1, una strada con una triste reputazione per quanto riguarda gli incidenti mortali.

Continua a leggere

In rilievo