Collegati con noi

Economia

Tria rassicura Eurogruppo, debito sarà come prevede Def

Avatar

Pubblicato

del

Mentre tornano i timori per lo spread risalito in Italia, il ministro dell’economia Giovanni Tria rassicura Bruxelles sugli obiettivi di finanza pubblica del Governo, e dunque sul debito che calera’ come prevede il Def, un documento “approvato anche dal ministro dell’Interno”. Le parole di qualche giorno fa del vicepremier Salvini, disposto a portare il debito al 140%, ribalzano tra le capitali europee provocando alcune reazioni molto dure, come quella del ministro austriaco che attacca anche il collega Tria: “Ha ceduto a Salvini, non vede la verita’”. Tutta l’Eurozona guarda al Governo italiano e gli ricorda che le regole vanno rispettate, per il bene dell’Italia e di tutti i partner. Il 130% di debito attuale, sottolinea il commissario Pierre Moscovici, “e’ gia’ troppo”. Ma Salvini ribadisce: “Straccero’ le regole che stanno massacrando l’Italia”. Al suo ingresso all’Eurogruppo il ministro dell’Economia getta subito acqua sul fuoco: “C’e’ un Def approvato da Governo e Parlamento”, e il Governo “sta lavorando” per attenersi a quegli obiettivi. Tria attribuisce la “fibrillazione dei mercati” al clima da campagna elettorale, e non alle uscite del ministro dell’Interno. Ma non nasconde le difficolta’ che il rialzo degli spread comporta. Anche se l’acquisto di titoli di Stato italiani sono “un buon affare per chi li acquista”, in realta’ “e’ un problema per l’Italia che paga alti tassi d’interesse”. Visco e’ ancora piu’ esplicito: l’effetto dell’aumento dello spread sul costo dei prestiti bancari a famiglie e imprese “e’ stato finora limitato”, ma “segnali di tensione stanno iniziando ad emergere”. E spiega che il differenziale e’ salito anche per i timori di una “ridenominazione dei titoli in una diversa moneta” rispetto all’euro, ovvero di un’uscita dell’Italia dalla moneta unica, come suggeriscono “i premi sui Cds (credit default swaps)”. Anche il premier Giuseppe Conte segue l’evoluzione dello spread, si dice preoccupato “ora che e’ salito” ma “non significa che bisogna essere ossessionati dall’indice”. I conti pubblici dell’Italia restano a margine dell’Eurogruppo per ora, pronti a tornare protagonisti nella riunione di giugno. Le previsioni economiche della Commissione Ue hanno gia’ fotografato l’aumento del debito, e le raccomandazioni che arriveranno il 5 giugno non potranno che riaprire il rischio di una procedura, la stessa che l’Italia ha rischiato a dicembre scorso. “Mi aspetto che l’atteggiamento (della Commissione Ue, ndr) rimanga uguale, abbiamo un’interlocuzione continua e quella rimarra’ dopo le elezioni”, ha detto Tria, confermando che l’esito del voto non cambiera’ per ora gli equilibri all’interno dell’esecutivo europeo. E sale la pressione dei partner dell’Eurozona, che avrebbero voluto vedere una procedura aperta gia’ mesi fa. “Il comportamento dell’Italia non puo’ essere accettato”, ha detto il ministro delle Finanze austriaco, Hartwig Loeger, attaccando Tria. “Ha ceduto” a Salvini “e non guarda la verita’ in faccia”, ha detto, auspicando che l’Ue “metta in chiaro che Roma sta andando nella direzione sbagliata”. Loeger aveva gia’, in un’intervista, avvertito che l’Austria non paghera’ per il debito italiano. “Penso che le persone prima di parlare debbano pensare”, ha risposto Tria, ricordando che l’Italia “non chiede che qualcuno paghi per il proprio debito”, ed ha pagato “abbondantemente per i debiti altrui aiutando altri Paesi europei, non avendo mai chiesto un euro”. Al contrario, “non credo che l’Austria abbia pagato quanto l’Italia per aiutare altri Paesi”, ha detto Tria.

Advertisement

Economia

Via libera in Consiglio dei Ministri sui precari a scuola, entrano in 24mila

Avatar

Pubblicato

del

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto sulla scuola, che prevede la stabilizzazione di 24 mila docenti precari attraverso un concorso straordinario e che conferma l’intesa raggiunta dal ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti con i sindacati il primo ottobre. L’approvazione ha raccolto, infatti, il plauso delle organizzazioni sindacali, che parlano di “patti rispettati” anche sul concorso per i Dsga (i direttori dei servizi generali). Nell’accordo e’ previsto anche un nuovo concorso ordinario per docenti. Con il Dl, inoltre, viene sancito lo stop delle impronte per i presidi. “Il decreto – ha detto il viceministro all’Istruzione, Anna Ascani – servira’ a normalizzare un po’ la vita delle nostre scuole. Dal prossimo primo settembre infatti 24 mila insegnanti precari verranno stabilizzati. Per questo serve un concorso straordinario, un intervento in grado di tamponare una situazione di emergenza. Contestualmente – ha confermato Ascani – partira’ il concorso ordinario che servira’ a mettere in cattedra altri 25 mila insegnanti. Migliorando, non solo la qualita’ della loro vita, ma anche e soprattutto quella del percorso di studio dei nostri ragazzi e del nostro sistema educativo. Non risolviamo tutti i problemi del precariato nella scuola, lo sappiamo, ma questo e’ un primo passo importante per cominciare finalmente a voltare pagina”. “Con il decreto Scuola – spiegano le deputate M5s Virginia Villani e Vittoria Casa – manteniamo l’impegno di abolire le verifiche biometriche per i dirigenti scolastici, una misura che abbiamo sempre osteggiato. Per i dirigenti sara’ presto bandito un concorso su base regionale, al quale si aggiungera’ un bando di concorso per assumere 55 dirigenti tecnici, gli ispettori scolastici, a partire dal 2021”. “Siamo soddisfatti perche’ abbiamo ottenuto il rispetto dell’intesa”, ha detto Maddalena Gissi, segretario generale della Cisl Scuola. “I patti si rispettano – conferma il segretario generale di Uil Scuola, Pino Turi – Riguardo al concorso per i Dsga facenti funzione, che sembravano essere scomparsi dal testo del decreto, diamo atto al ministro di aver risolto un problema che non e’ tecnico ma politico. Il confronto con il sindacato e’ il confronto con il mondo reale. Il metodo fin qui seguito consente di procedere dando la concretezza dei provvedimenti e rompe un sistema di egoismi ingiustificati che stanno avvelenando il clima politico e sociale”. “Ora – conclude Turi – resta da percorrere un altro pezzo di strada, quella tracciata nella seconda parte dell’accordo. Vanno date certezze alle persone, penso ai docenti che non rientrano nel concorso straordinario. E vanno date prospettive alla scuola, definendo percorsi abilitanti per esercitare la professione docente che abbiano a riferimento anche i nuovi laureati. Oggi possiamo dire che ha vinto la ragione e la scuola puo’ ben sperare”.

Continua a leggere

Economia

Alitalia, rispunta Lufthansa e prova a scalzare Delta

Avatar

Pubblicato

del

Lufthansa torna in pista nell’operazione Alitalia. Con una mossa che spariglia le carte a poco meno di una settimana dalla scadenza del 15 ottobre, la compagnia tedesca ha inviato una lettera alle Ferrovie dello Stato, e per conoscenza al Ministero dello sviluppo economico, per proporsi come alternativa all’americana Delta: sul piatto, pero’, non ci sarebbe un’iniezione di capitale, ma solo una partnership commerciale. Il colosso tedesco tuttavia piace all’azionista di Atlantia, la famiglia Benetton, e il suo rinnovato interesse non e’ certo olio per i delicati ingranaggi della trattativa in corso. Sulla quale il ministro Stefano Patuanelli, che appena ieri aveva assicurato che ci sono le condizioni per rispettare il termine del 15 ottobre (per la presentazione dell’offerta vincolante da parte del consorzio), non entra nel merito e anzi assicura il ruolo super partes del Mise. Lufthansa, che e’ uscita formalmente dalle trattative un anno fa (non presentando alcuna offerta entro il 31 ottobre 2018) ma in realta’ non e’ mai stata considerata completamente fuori dai giochi, si e’ rifatta viva con una missiva alle Fs: nella lettera la compagnia (che peraltro appartiene all’alleanza Star Alliance, diversamente da Alitalia e Delta entrambe in SkyTeam), offrirebbe la propria disponibilita’ ad entrare nella newco, ma solo con un accordo commerciale e non con equity (a differenza di Delta che metterebbe circa 100 milioni per una quota del 10%, con la possibilita’ di salire al 12%).

Lettera “arrivata per conoscenza anche al Mise”, ha confermato il ministro Patuanelli, senza sbilanciarsi: “valuto la lettera asetticamente, visto che e’ una lettera inviata a Fs”, ha detto, sottolineando che “il Mise ha un ruolo di vigilanza sulla struttura commissariale (di Alitalia, ndr), non certamente di sponsor in una operazione di mercato”. Da Colonia un portavoce della compagnia tedesca, pur non commentando la lettera, ricorda che il Gruppo ha “sempre detto che il mercato italiano per noi ha un grande significato, che abbiamo interesse ad un’Alitalia ristrutturata e anche in passato abbiamo detto che ci potremmo immaginare anche un partenariato commerciale”. Lufthansa, che ha sempre detto anche di non voler investire con il Governo italiano, sarebbe ora pronta ad affiancare altri investitori, affermano alcune fonti a Bloomberg. Resta ora da capire se e come Lufthansa possa davvero rientrare in gioco. E quale sara’ la reazione di Delta. Certo e’ che i tedeschi sono benvisti da Luciano Benetton, secondo il quale “il progetto Alitalia dovrebbe passare attraverso chi ha esperienza tecnica e di gestione” e Lufthansa ne ha “molta”. La situazione tuttavia preoccupa i sindacati, con il leader della Cgil Maurizio Landini che chiede “decisioni precise” e la numero uno della Cisl Anna Maria Furlan che vede difficile che il 15 ci sia una svolta. E mentre il ministro Patuanelli rassicura sulla cassa, resta allo studio l’ipotesi di un nuovo prestito ponte, che potrebbe servire per il periodo transitorio prima del closing, e potrebbe ammontare a 250-350 milioni. Intanto oggi non si sono registrati disagi per lo sciopero di 24 ore dei piloti e assistenti di volo della compagnia: l’adesione e’ stata inferiore al 5%, spiega l’azienda, che nei giorni scorsi aveva attivato un piano straordinario con circa 200 cancellazioni. Le sigle che l’hanno proclamato, Anpac, Anpav e Anp, chiedono il definitivo rilancio della compagnia con un piano industriale che rimetta al centro i dipendenti.

Continua a leggere

Economia

Moby: giudici, no fallimento ma consiglia procedura ‘minore’

Avatar

Pubblicato

del

Il tribunale fallimentare di Milano ha rigettato l’istanza di fallimento del gruppo Moby Tirrenia (patron Vincenzo Onorato) presentata da un gruppo di hedge fund bondholder della società, ma ha caldeggiato che lo stesso gruppo acceda a una procedura di crisi minore, come il concordato preventivo o l’accordo per la ristrutturazione del debito, ritenendo che attualmente non vi sia alcuno stato di insolvenza, ma sottolineando la possibilita’ in futuro – tra circa un anno – di una crisi concreta. Il provvedimento è stato depositato nelle scorse ore.

Continua a leggere

In rilievo