Collegati con noi

Politica

Tregua Salvini-Di Maio, resta tensione con Conte su Ue

Avatar

Pubblicato

del

Matteo Salvini e Luigi Di Maio, dopo due ore di faccia a faccia con Giuseppe Conte a Palazzo Chigi sembrano andare via soddisfatti. E’ l’immagine che sembra tenere in piedi il sodalizio tra i due vicepremier, che sul fronte dei conti pubblici impensierisce il presidente del Consiglio. Piu’ una tregua tra i due vice in attesa di decisioni nette su come impostare, tra l’altro, il rapporto con l’Ue. Il dialogo tra i tre si riavvia ma su come evitare la procedura d’infrazione Ue restano divergenze e tensioni. Tant’e’ che con una nota Palazzo rimarca: “Sara’ necessario un incontro con i tecnici del Mef e il ministro Tria per mettere a punto una strategia da adottare nell’interlocuzione con l’Europa, volta ad evitare una procedura di infrazione per il nostro Paese, e per impostare una manovra economica condivisa”. Da qui l’annuncio di un nuovo vertice per reimpostare l’agenda di Governo. I tre tornano a parlarsi, per la prima volta dopo le europee e a due mesi dall’ultimo vertice politico. “Positivo”, e’ l’aggettivo che Di Maio e Salvini scelgono per definire il clima della riunione. E quando Salvini rientrando a casa dice ai cronisti di non aver “mai avuto dubbi” sulla prosecuzione del governo, sembra per ora allontanare i rischi di rottura. La cena a Palazzo Chigi serve soprattutto a riavviare un rapporto personale tra premier e vice assai incrinato nelle ultime ore: Salvini e Di Maio arrivano al tavolo assai irritati per gli ultimatum del presidente del Consiglio. Ma a notte fonda, fonti leghiste assicurano che la riunione ha permesso di ricucire almeno sul piano personale. Sul rapporto con l’Ue, pero’, l’interlocuzione ai vertici di governo sembra appena iniziata. Tanto che, raccontano a caldo fonti ben informate, quando si arriva a discutere su come trattare con Bruxelles il dialogo si stoppa e le posizioni restano invariate: il premier continua a perorare la necessita’ di fare “tutto il possibile” per “salvare i risparmi degli italiani” da una posizione che, anche a Palazzo Chigi, descrivono come sfavorevole negli equilibri europei. Salvini detta pero’ le sue regole e dice subito no a qualsiasi ipotesi di “manovra correttiva e aumento tasse”. Di Maio in questa partita ribadisce che “Priorita’ e’ abbassare le tasse”. Ma non si spende sul no alla manovra correttiva. Del dossier nomine, secondo fonti ufficiali, non si sarebbe parlato. Ma nella maggioranza si da ormai per prossima la scelta del ministro per gli Affari Ue su sponda leghista (in pole il nome di Alberto Bagnai) e resta aperto il nodo del profilo da scegliere come commissario Ue, con Giancarlo Giorgetti che nelle ultime ore sembrerebbe meno convinto a lasciare Palazzo Chigi. Tra le fila dei partiti c’e’ chi rimanda il redde rationem di un’eventuale crisi tra fine giugno e inizio luglio quando alcuni nodi, a partire dalla decisione Ue e dalla Tav, verranno al pettine.

Advertisement

Politica

Nel pantheon di Salvini anche Rosario Livatino e Enzo Ferrari

Avatar

Pubblicato

del

Non solo Margaret Thatcher e San Giovanni Paolo II: davanti al popolo del pratone di Pontida, Matteo Salvini nomina nel suo pantheon ideale figure, come Oriana Fallaci, di cui oggi cade il tredicesimo anniversario della morte, il giudice siciliano Rosario Livatino e Enzo Ferrari. Ma anche Giacomo Leopardi (“diceva che la pazienza e’ la piu’ forte delle virtu'”) e Don Pierino Gelmini. Lodi anche per l’ex segretario del Pci: “Una volta – ha sottolineato Salvini – i comunisti erano persone serie, come Enrico Berlinguer, parlavano con gli operai, oggi con i banchieri. Si rivolterebbe nella tomba”. Quindi il passaggio dedicato alla nota giornalista e scrittrice toscana, da tempo figura di riferimento del ‘Capitano’: “Da un lato c’e’ la Fallaci, il suo coraggio per le sue idee, dall’altro la viziatella comunista Carola, quella che mi ha denunciato e che non vedo l’ora di guardare al processo a testa alta.

Proprio il 15 settembre ci ha lasciato ma le sue idee vivranno per sempre. Grazie Oriana speriamo che i tuoi testi divengano libri di testo nelle scuole”. Quindi il ricordo del giudice ucciso il 21 settembre del 1990 sulla SS 640 mentre si recava, senza scorta, in tribunale, per mano di quattro sicari assoldati dalla Stidda agrigentina. “Quasi 40 anni fa – e’ il ricordo di Salvini – scriveva che sarebbe stato opportuno che i giudici rinunciassero alle elezioni, e che se si fossero presentati, almeno si sarebbero dovuti dimettere dalle cariche giudiziarie. Era Rosario Livatino, un martire ucciso dalla mafia”. Infine la citazioni di Drake, come era soprannominato il padre della scuderia del cavallino rampante: “Non so perche’ non fu mai nominato senatore a vita, pure essendo stato un grande italiano. Lui diceva: ‘quando le mie macchine vincono, sono orgoglioso di essere italiano'”.

Continua a leggere

Politica

Salvini-show a Pontida e lancia sfida al proporzionale

Avatar

Pubblicato

del

Salvini show a Pontida, tra bagni di folla, cori da stadio e entusiasmo alle stelle, in un clima lontanissimo dalle delusioni ‘romane’. Alla vigilia della tradizionale kermesse leghista, il segretario federale incassa l’abbraccio del suo popolo e rilancia la sfida al governo ‘giallorosso’ sul fronte della legge elettorale annunciando un referendum contro il ritorno del proporzionale. Ipotesi che non dispiace per nulla a Forza Italia (anche se si registrano distinguo da parte di alcuni esponenti azzurri), segno evidente di una sintonia ritrovata nel centrodestra dopo l’incontro tra lo stesso Salvini e Silvio Berlusconi. “Questo governo e la maggioranza dei perdenti che lo sostiene – commenta l’azzurro Giorgio Mule’ – non ha alcuna legittimita’ per varare una misura che incide nel tessuto vitale della democrazia: e’ giusto che se non esiste in Parlamento uno schieramento ampio e trasversale siano gli italiani a decidere”.

Contro quello che la Lega definisce l’inciucio Pd-M5s, Salvini morde il freno: “Se cinque regioni lo approvano entro settembre si va al referendum in primavera”, annuncia in mattinata all’assemblea degli amministratori leghisti a Milano. Un referendum – e’ la proposta leghista – per cambiare la legge elettorale e renderla “totalmente maggioritaria come quella per i sindaci”. Di proporzionale e maggioritario non si parla certo a Pontida, dove gia’ da ore centinaia di militanti hanno piantato le loro tende, parcheggiato i loro camper in vista del grande appuntamento di domani, la manifestazione di popolo sul tradizionale pratone. Tra loro tante scritte, inneggianti al loro ‘Capitano’ e soprattutto contro il leader degli ex alleati. Su uno striscione fatto in casa, appeso tra due tende, parafrasando un celebre hashtag lanciato da Matteo Renzi, si legge “Di Maio stai sereno”. Ma nel mirino dei leghisti finisce anche Sergio Mattarella: “Questo Presidente della Repubblica mi fa schifo! Mi fa schifo chi non tiene in conto del 34% dei cittadini”, si sfoga il deputato leghista Vito Comencini, intervenendo all’assemblea della Lega Giovani. Ed e’ proprio ai giovani che Salvini, ribadisce la convinzione che il governo cadra’ presto: “Care Ong – attacca l’ex ministro – ora che i porti sono aperti, vi dico godetevela finche’ potete perche’ noi al governo ci torniamo tra poco e torneremo a difendere i confini, come un Paese normale”. Quindi saluta le tantissime bandiere presenti, non solo quelle classiche della Lega Lombarda e Liga Veneta. “A tutti voi posso dire che se rimaniamo uniti gli facciamo un mazzo cosi’. La mia prima Pontida – racconta – e’ stata 27 anni fa. La sicurezza che non morira’ mai siete voi. E se qualche giornalista pensava che, avendo perso i ministeri, avrebbe trovato” vuoto e tristezza “sappia che qui c’e’ la Pontida piu’ grande e di sempre”, conclude. Domani l’appuntamento clou: secondo gli organizzatori sono attese almeno 80mila persone, il doppio dell’anno scorso.

Continua a leggere

Politica

Di Maio e Casaleggio insieme per riorganizzare il M5S

Avatar

Pubblicato

del

– Superato lo scoglio dell’avvio del nuovo governo, il capo politico M5s Luigi Di Maio e il responsabile della piattaforma Rousseau, Davide Casaleggio, si ritrovano per far partire un nuovo step della riorganizzazione del Movimento. Nasce la scuola di formazione politica del M5s: iniziera’ a formare i futuri sindaci e consiglieri comunali a 5telle ma l’obiettivo e’ quello di creare una comunita’ di condivisione di esperienze utile anche alla creazione di un “serbatoio” di candidati da spendere ad ogni livello di governo, locale o nazionale. E’ un percorso che si lega strettamente alla nascita della nuova “segreteria” del Movimento, quell’organismo a cui saranno chiamati a lavorare i cosiddetti “facilitatori” che dovranno affiancare i compiti del capo politico nella gestione del Movimento. “Dovevamo essere pronti entro settembre con l’organizzazione dei facilitatori: ma agosto e’ stato un mese un po’ particolare…quindi siamo un po’ in ritardo! Ma quando avremo queste figure di riferimento, avremo persone che dovranno premurarsi di organizzare momenti di formazione continui: tutti ci dobbiamo migliorare e scambiare informazioni ed esperienze”, spiega Di Maio alla platea di iscritti al M5s convocati a Roma per illustrare la nascita di Open Comuni, il progetto di formazione messo a punto dai soci di Rousseau con Davide Casaleggio. I 5telle si preparano intanto alla kermesse nazionale di ottobre che festeggera’ i primi 10 anni dalla nascita del Movimento: “Abbiamo davanti una sfida importante: i prossimi 10 anni. Per questo dobbiamo investire sempre di piu’ in nuove persone ed avvicinare quelle che o non ci conoscono o sono scettiche. Ed io continuo ad essere convinto che il M5s ha sempre vinto quando si e’ aperto, ed ha perso quando si e’ chiuso in se’ stesso ad ingaggiare una lotta su chi e’ piu’ puro”, avverte Di Maio che cita “la scommessa fatta ormai due anni fa” con i candidati esterni nei collegi uninominali. Un progetto che aveva il preciso intento di “raccogliere competenze tra persone che non erano organiche al Movimento – ricorda – mettendogli a disposizione l’opportunita’ di elezione”. Dopo l’eliminazione del tetto ai due mandati per i candidati comunali, il nuovo passo ora sara’ quello dell’apertura alla liste civiche nelle prossime elezioni regionali e comunali: un punto sino ad oggi dolente per il M5s che ha sempre scontato il confronto con gli avversari politici che correvano al voto con l’ausilio di altre liste collegate. “Ci saranno ora nuove elezioni regionali e quelle comunali: per la prima volta potremo utilizzare le nuove regole sulle liste civiche che creano tante perplessita’” nel M5s, annuncia Di Maio. Il tema e’ di stretta attualita’ e su questo Di Maio nelle pubbliche dichiarazioni precisa: “Non e’ oggi all’ordine del giorno ne’ la parola alleanza, ne’ il concetto di una coalizione con il Pd per sostenere un candidato del Movimento o del Pd”. Anche se “ogni livello locale ha una storia a se’ e per quanto mi riguarda il nostro obiettivo nei prossimi mesi e’ che le Regioni siano amministrate da bravi governatori che possano migliorare la vita dei cittadini”. Un punto su cui converge anche Casaleggio: “Non e’ questione di essere all’opposizione o in maggioranza ma di forza delle idee. Volete portarmi sul fronte politico ma io non sono su quel fronte”, afferma il presidente di Rousseau che si limita ad auspicare che nei programmi vengano accolte proposte del M5s”. Anche perche’, “anche dall’opposizione possono arrivare buone” idee.

Continua a leggere

In rilievo