Collegati con noi

Sport

Tour: torna ombra doping, aperta indagine a Marsiglia

Avatar

Pubblicato

del

Dopo un sabato con la crono entusiasmante e la domenica con la passerella trionfale e le cerimonie, il lunedi’ si rivela un giorno amaro per il Tour de France appena concluso. Battuto il nuovo nemico, il Covid-19, la Grande Boucle ne ritrova uno antico, il doping. La procura di Marsiglia, in seguito ad una perquisizione compiuta la scorsa settimana in piena corsa, ha aperto un’indagine su alcuni componenti della squadra francese Arkea-Samsic, che ha come capitano il colombiano Nairo Quintana, e ha messo sotto custodia due persone. L’inchiesta, ha spiegato la procuratrice, Dominique Laurens, ha come oggetto “una piccola parte dei corridori” della squadra, dopo che “molti prodotti sanitari, compresi farmaci, sono stati scoperti nei loro effetti personali, ma anche e soprattutto un metodo che puo’ essere qualificato come doping”. Il magistrato non ha voluto specificare l’identita’ delle persone ascoltate. Secondo Le Parisien, si tratterebbe di un medico e di un fisioterapista. A causa dell’ assenza del medico titolare, per motivi di salute, la squadra aveva fatto appello per il Tour a un professionista colombiano, che pero’ non si sa se sia tra gli indagati dopo la perquisizione che sarebbe stata compiuta nell’albergo della squadra a Meribel, in Savoia, prima della 17/a tappa. L’indagine tende ad accertare se vi sia stata “somministrazione ad un atleta, senza giustificazione medica, di una sostanza o metodo vietato nel quadro di un evento sportivo, oppure aiuto nell’uso e istigazione per l’uso di una sostanza o metodo vietato agli atleti, e ancora il trasporto e il possesso di una sostanza o metodo vietato ai fini dell’uso da parte di un atleta senza giustificazione medica”. La pena massima prevista in Francia per tale tipo di reati e’ di cinque anni di reclusione. Quello odierno e’ il primo caso degno di nota da diversi anni al Tour, dopo molti anni segnati dalle incursioni della polizia in seguito allo scandalo Festina nel 1998.

Advertisement

Corona Virus

Calcio, cambiano i protocolli Covid: test diagnostici anche rapidi antigenici

Avatar

Pubblicato

del

Novità nel mondo del calcio: la FIGC, la Federazione Gioco Calcio, ha pubblicato un“Aggiornamento dei Protocolli Allenamenti e Gare per le Squadre di Calcio Professionistiche, la Serie A Femminile e gli Arbitri per la stagione 2020/2021. Una serie di chiarimenti e aggiornamenti dei Protocolli attualmente in vigore, elaborati a seguito della emanazione degli ultimi Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, delle Ordinanze e delle Circolari del Ministero della Salute, nonché sulla base dei dati epidemiologici aggiornati e delle nuove acquisizioni scientifiche.

Diverse le novità. Innanzitutto la possibilità di effettuare i test diagnostici di routine previsti 48 ore prima della gara e quelli necessari il giorno della gara in caso di individuazione di un calciatore positivo all’interno del “gruppo squadra” anche attraverso test rapidi di tipo antigenico e non solo con test molecolari, come fino ad oggi indicato. Ciò in linea con quanto espressamente previsto dalla Circolare 29 settembre 2020 del Ministero della Salute in merito all’“uso dei test antigenici rapidi per la diagnosi da infezione da SARS-CoV-2, con particolare riguardo al contesto scolastico” e al DPCM attualmente in vigore in materia di misure di contrasto e contenimento dell’emergenza Covid-19 che, in tutti i passaggi in cui prevede l’effettuazione di test per l’ingresso in Italia da paesi con obbligo di quarantena, consente i test antigenici in alternativa a quelli molecolari.

Un’altra novità riguarda gli aggiornamenti in materia di “durata e termine dell’isolamento e della quarantena” introdotti con circolare del Ministero della Salute del 12 ottobre 2020.

Continua a leggere

Sport

Cristiano Ronaldo torna negativo, forse sarà in campo contro lo Spezia

Avatar

Pubblicato

del

Tampone negativo per Cristiano Ronaldo: a dare a notizia è la Juventus con un comunicato. “Cristiano Ronaldo ha effettuato il controllo con test diagnostico (tampone) per il Covid 19 – questa la nota della società bianconera-. L’esame ha dato esito negativo. Il giocatore dopo 19 giorni è pertanto guarito e non più sottoposto al regime di isolamento domiciliare”.
Una buona notizia per la Juve perché Ronaldo può rientrare ad allenarsi dopo la visita per ottenere l’idoneità sportiva. Per capire se potrà essere a disposizione di Pirlo e se giocherà contro lo Spezia bisognerà attendere che anche il secondo tampone sia negativo, tampone che sarà effettuato prima della partenza per la Liguria.

Continua a leggere

In Evidenza

Missione impossibile di Lorenzo Sonego, Djokovic va a tappeto in due set

Avatar

Pubblicato

del

“Mission impossible” compiuta. Lorenzo Sonego vola in semifinale all'”Erste Bank Open”, ATP 500 di Vienna e lo fa battendo nientedimeno che Novak Djokovic, numero uno al mondo per 6-2 6-1 in poco piu’ di un’ora di gioco. Probabilmente il serbo non era al massimo ma il 25enne torinese – ripescato in tabellone come lucky loser – e’ stato bravissimo ad approfittarne. Djokovic era il peggiore avversario possibile, perche’ quest’anno aveva vinto 37 partite e ne aveva perse due, anzi una soltanto, la finale del Roland Garros contro Nadal, perche’ negli ottavi degli Us Open contro Carreno era stato squalificato per aver involontariamente colpito una giudice di linea scagliando la pallina contro i teloni. Il quarto di finale di Vienna e’ stato il primo confronto tra Sonego e .

 

Il numero uno del mondo e’ rimasto negli spogliatoi, almeno con la testa, e Sonego e’ bravo ad approfittare degli innumerevoli errori del serbo per volare 4-0. Djokovic riesce in qualche maniera e fermare l’emorragia (4-1) ma il vantaggio accumulato basta a Sonego per chiudere con un ace il primo set (6-2). Sulle ali dell’entusiasmo il piemontese prende un break di vantaggio anche in avvio di seconda frazione (2-0). Nel quarto gioco Sonego concede le prime palle-break del match, tre, ma le annulla con autorita’ e poco dopo strappa di nuovo la battuta a Nole, abbastanza lontano – a dirla tutta – dalla condizione ottimale. Nel sesto game Lorenzo recupera da 0-40 e chiude con uno smash acrobatico il gioco piu’ combattuto dell’incontro volando 5-1. Djokovic sembra incapace di trovare le contromisure giuste ed incassa un 6-1 sulla risposta missile di Sonego. “E’ stata la partita piu’ bella della mia vita” ha esultato il piemontese. Grazie al risultato di Vienna (la prima semifinale in carriera in un “500”) nella classifica live Sonego occupa la 35esima posizione: male che vada lunedi’ sara’ numero 36, naturalmente best-ranking. Prossimo ostacolo per lui il vincente del match tra il bulgaro Grigor Dimitrov ed il britannico Daniel Evans.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto