Collegati con noi

Tecnologia

Torna a volare il razzo Vega, a bordo 53 satelliti

Avatar

Pubblicato

del

Riparte l’Italia dello spazio dopo il lockdown, con il lancio del razzo europeo Vega. Realizzato negli stabilimenti dell’Avio a Colleferro, alle porte di Roma, il lanciatore Vega torna a volare per la sua 16/a missione nella notte tra l’1 e il 2 settembre, dalla base di Kourou, nella Guyana francese, dopo il rinvio di meta’ giugno a causa dei forti venti. La finestra di lancio e’ fissata tra l’1 e il 4 settembre quando, rende noto Arianespace, “ci sara’ piu’ del 90% di probabilita’ che le condizioni meteo siano favorevoli”. Il primo tentativo avverra’ quando in Italia saranno le 3:51. “L’Italia dello spazio riprende a correre grazie a Vega e alla sua storia, caratterizzata da 14 lanci di successo di fila, fatto non scontato nel trasporto spaziale”, ha commentato il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Giorgio Saccoccia. Il lancio, finanziato in parte dall’Ue col programma Horizon 2020, non segna solo il ritorno al volo di Vega, ma anche l’esordio del sistema di distribuzione di satelliti dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), Small Spacecraft Mission Service (Ssms), servizio di lancio per piccoli satelliti che consentira’ di mettere in orbita 53 tra nano, micro e minisatelliti, da 1 a 500 chilogrammi, a beneficio di 21 clienti di 13 Paesi. La realizzazione di Ssms e’ il risultato di una collaborazione tra societa’ italiane e della Repubblica Ceca, con l’Italia capofila. “Grazie a Ssms – aggiunge Saccoccia – Vega sara’ ancora piu’ competitivo e versatile. Avra’, infatti, la capacita’ di portare in orbita una grandissima quantita’ e varieta’ di piccoli satelliti, per fare fronte alla crescente richiesta da parte dell’utenza istituzionale e commerciale”, precisa il presidente dell’Asi. Vega rilascera’ in sequenza i 53 satelliti in un’orbita a circa 500 chilometri di quota: serviranno per esperimenti scientifici, l’osservazione della Terra, le telecomunicazioni e progetti educativi. “Il nuovo servizio Ssms – spiega l’Esa – intende fare crescere le tecnologie spaziali in Europa, rendendo piu’ facile trovare opportunita’ di lancio per i satelliti di piccola taglia. I carichi che viaggiano insieme condividono, infatti, il costo del lancio, rendendolo piu’ conveniente”. In orbita con Vega, ospitato in un CubeSat, un satellite grande come una scatola di scarpe, ci sara’ anche il laboratorio di microgravita’, Dido3, nato dalla collaborazione tra l’Asi e l’agenzia spaziale israeliana, Isa, in cooperazione con il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Maeci) e il ministero della Scienza e della Tecnologia di Israele. A bordo di Dido3 quattro esperimenti che coinvolgono le Universita’ Federico II di Napoli, di Roma 3, Roma Tor Vergata e Bologna. Studieranno, ad esempio, gli effetti della microgravita’ sulla resistenza agli antibiotici e sui farmaci.

Advertisement

In Evidenza

Bezos alla Nasa: “sconto” da 2 miliardi per portare i vostri astronauti sulla Luna

Avatar

Pubblicato

del

Jeff Bezos offre alla Nasa uno sconto di 2 miliardi di dollari per assicurarsi il contratto per portare astronauti sulla Luna. Una commessa, riportano i media americani, per la quale la Nasa ha scelto SpaceX di Elon Musk in aprile citando limiti di bilancio. Ora arriva invece la proposta di Bezos contenuta in una lettera, nella quale il patron di Amazon ribadisce che a Blue Origin non e’ stata concessa la possibilita’ di rivedere il costo dell’offerta per la missione sulla Luna. Una missione storica che dovrebbe includere la prima donna e il primo afroamericano. “Invece di un approccio a una sola fonte, la Nasa dovrebbe abbracciare la strategia della concorrenza, che previene la possibilita’ che un’unica fonte abbia un’eccessiva leva sulla Nasa”, mette in evidenza Bezos.

Continua a leggere

In Evidenza

La sonda InSight svela il “cuore” di Marte

Avatar

Pubblicato

del

Per scoprire cosa si nasconde nel profondo del cuore bisogna saper cogliere ogni suo fremito, ogni sussulto. E’ quello che ha fatto la sonda InSight della Nasa su Marte, riuscendo a mappare per la prima volta il ‘cuore’ del pianeta grazie allo studio della propagazione delle onde sismiche che lo scuotono. Una sorta di ‘ecografia’, mai tentata prima su un pianeta diverso dalla Terra, che ha permesso di stimare lo spessore della crosta, la struttura del mantello e le dimensioni del nucleo. I risultati sono frutto di tre studi internazionali che conquistano la copertina di Science, tanto sono importanti per fare luce sulla formazione e sull’evoluzione del Pianeta Rosso che in questo 2021 ha riacceso gli animi con ben tre nuove missioni (l’emiratina Hope, la cinese Tianwen-1 e la statunitense Mars 2020) a caccia di vita. Per InSight, approdata su Marte a fine 2018, “e’ stato come auscultare il battito cardiaco di un paziente per capire le sue condizioni di salute”, commenta Filippo Giacomo Carrozzo, ricercatore dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell’Inaf. “Lo ha fatto grazie a un sismometro molto sensibile, capace di rivelare tremori del sottosuolo delle dimensioni di un atomo di idrogeno”. Lo strumento ha iniziato a rilevare terremoti a febbraio 2019, “dandoci la prima conferma diretta della loro esistenza: le scosse registrate hanno tutte magnitudo inferiore a 4 e hanno per lo piu’ origine nella crosta”. La loro propagazione nel sottosuolo “ci offre la prima osservazione diretta della struttura interna del pianeta, che finora – ricorda l’esperto – avevamo potuto sol dedurre da modelli teorici”. I dati dimostrano che sotto il sito di atterraggio di InSight, vicino all’equatore marziano, la crosta e’ composta da piu’ strati con almeno due o tre interfacce. “Estrapolando i dati su tutto il pianeta, si deduce che la crosta ha uno spessore medio compreso tra i 24 e i 72 chilometri”, precisa Carrozzo. Proseguendo verso il centro del pianeta, sotto lo strato roccioso del mantello, c’e’ poi il grande nucleo, che ha un raggio di quasi 1.830 chilometri, circa la meta’ di quello del pianeta. “La vera sorpresa e’ che il nucleo sembra essere ancora liquido e non solido come pensavamo: e’ meno denso del previsto, formato da una lega di ferro e nichel con altri elementi piu’ leggeri e arricchito di zolfo”, spiega l’esperto Inaf. La presenza di un mantello piuttosto sottile, probabilmente privo del minerale bridgmanite presente invece nel mantello terrestre, implica che il nucleo primordiale di Marte potrebbe essersi raffreddato piu’ velocemente di quello terrestre: il calore emesso avrebbe cosi’ prodotto correnti elettriche dando origine a una geodinamo che avrebbe creato un campo magnetico. Secondo Carrozzo, “questi dati, insieme alla magnetizzazione della crosta marziana misurata da InSight, suggeriscono che in passato potrebbe esserci stato un campo magnetico simile a quello terrestre, in grado di agire come uno scudo proteggendo eventuali forme di vita dalle radiazioni e dal vento solare”.

Continua a leggere

In Evidenza

Bezos tocca terra dopo qualche ora nello spazio: è il miglior giorno in assoluto della mia vita

Avatar

Pubblicato

del

‘Il miglior giorno in assoluto’: cosi’ Jeff Bezos ha commentato il successo del volo suborbitale dall’interno della capsula New Shepard appena atterrata. Il patron della Blue Origin ha salutato dal finestrino col pollice alzato il team accorso per il recupero dell’equipaggio e, una volta indossato il proprio cappello texano, e’ stato il primo a uscire dal portello per riabbracciare amici e parenti e stappare una bottiglia di champagne. Tutti i membri dell’equipaggio sono usciti sorridenti e in ottime condizioni.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto