Collegati con noi

Sport

Tokyo: haters contro Vanessa Ferrari, Biles la difende

Pubblicato

del

“Vengo attaccata con commenti e insulti per una frase razzista, nei confronti di Simone Biles, che non ho mai detto. Quella frase e’ stata detta da una mia compagna di nazionale, nel 2013, e io non c’entro niente”. Cosi’ la ginnasta azzurra Vanessa Ferrari, a Tokyo per i Giochi olimpici, risponde sui social ad una serie di attacchi di haters per una frase contro la fuoriclasse Usa, che interviene su Instagram per ‘scagionare’ la collega e rivale: “Per favore, smettetela di prendervela con Vanessa: e’ sempre stata gentile con me e col Team Usa. Fortunatamente posso vederla e presentarle le mie scuse per tutti quelli che si sono scagliati contro di lei. Fino ad allora, buona fortuna a lei e all’Italia!”. La frase incriminata venne pronunciata ai Mondiali di Anversa, quando la Biles aveva battuto in una delle prove le azzurre Ferrari e Carlotta Ferlito, la quale aveva scritto sui social: “Ho detto a Vanessa che la prossima volta ci dipingeremo la nostra pelle di nero cosi’ da poter vincere anche noi”. Poco dopo, la stessa Ferlito sempre sul web aveva chiesto scusa alla Biles e a tutti per le parole del tutto inopportune, che a distanza di otto anni sono state rivangate, addossandole alla incolpevole Ferrari. “Qualcuno – scrive la trentenne lombarda – ha incolpato me ingiustamente e cio’ viene condiviso senza prima verificare che sia vero. Quelli che stanno condividendo dovrebbero farsi un esame di coscienza, perche’ stanno incolpando la persona sbagliata. Se condividi questa fake news – scrive – non sei migliore di chi ha detto la frase razzista. Informatevi”. L’intervento di Simone Biles dovrebbe essere decisivo per chiudere la brutta vicenda. “Grazie Simone”, scrive Vanessa su Twitter con un cuore come emoticon.

Advertisement

Sport

Calcio, Malta sospende il ct Mangia: sospette molestie

Pubblicato

del

Nuovi guai per Devis Mangia. Il tecnico italiano, che dal 2019 e’ alla guida della nazionale di Malta, oggi e’ stato “temporaneamente sospeso” dalla federcalcio maltese (Mfa) e questa sera non sara’ sulla panchina per l’amichevole contro Israele nello stadio nazionale di Ta Qali, al suo posto siedera’ il vice Daviede Mazzotta. La Mfa, in una nota, si e’ limitata ad annunciare che la decisione e’ stata presa oggi “a seguito di una segnalazione ricevuta su una presunta violazione delle politiche federali”, senza ulteriori dettagli e specificando che domani si terra’ una riunione per approfondire il caso. Secondo i media maltesi l’ex responsabile dell’Under 21 italiana, 48 anni, sarebbe stato denunciato da un calciatore della nazionale per molestie sessuali ed esisterebbe una registrazione delle avance. Secondo il sito Lovin’ Malta, il calciatore – uno dei piu’ importanti della nazionale maltese – avrebbe denunciato di aver ricevuto “ripetute avance”. E la versione online di MaltaToday ricorda che Mangia, sposato dal 2019, e’ stato al centro di almeno altri due casi controversi. Nel 2016, quando era alla guida dell’Ascoli, fu allontanato e il 13 maggio di quell’anno il quotidiano ‘Il Centro’ riferi’ che prima di una partita a Novara “pare che la squadra si sia lamentata per il comportamento del tecnico e addirittura, un calciatore si fosse allontanato dal ritiro per alcune ore”. Fonti della Mfa citate dal ‘Times of Malta’ riferiscono che la federazione starebbe indagando su molestie sessuali di cui Mangia sarebbe stato accusato da un giocatore anche in Romania, quando era alla guida dell’Universitatea Craiova prima di essere ingaggiato come ct da Malta con un contratto fino a dicembre 2023. Sulla vicenda in Romania, il media romeno Fanatik nel 2021 pubblico’ un servizio esclusivo specificando che in quel caso ad accusare il tecnico italiano era stato Răzvan Popa. Alla guida della nazionale maltese, Mangia ha ottenuto risultati sorprendenti per le dimensioni del calcio del paese piu’ piccolo della Ue: una vittoria per 3-0 su Cipro, un pareggio 2-2 con la Slovacchia e vittorie contro Lettonia e Gibilterra.

Continua a leggere

Sport

Mondiali pallavolo: azzurre faticano ma Belgio cede 3-1

Pubblicato

del

“Se le sofferenze servono a crescere, oggi siamo cresciuti davvero tanto, Nella difficolta’ abbiamo saputo tirare fuori la qualita’”. Le parole a caldo del ct, Davide Mazzanti, riassumono quanto avvenuto nel terzo incontro delle azzurre ai Mondiali di pallavolo, vinto in rimonta per 3-1 sul Belgio (21-25, 30-28, 29-27, 25-9). E’ il terzo successo su tre incontri, ad Arnhem, in un match che ha visto l’asticella alzarsi di molto dopo i 3-0 su Camerun e Portorico e le ragazze in blu reagire di conseguenza, ma non senza fatica e patemi. L’Italia tornera’ in campo, contro il Kenya, giovedi’ prossimo. Dopo un primo set complicato, e perso, le azzurre di Mazzanti hanno rischiato grossissimo nel secondo, spuntandola in volata. Nella terza frazione, che sembrava in mano alle belghe, la nazionale campione d’Europa ha dato vita ad una rimonta decisiva e infine ha dominato l’ultimo parziale. Per Orro e compagne e’ stata una vittoria preziosissima che le proietta in testa da sole al girone A a punteggio pieno, in attesa della sfida tra Olanda e Portorico. Come formazione iniziale Mazzanti ha schierato la stessa della prima giornata: Orro in palleggio, opposto Egonu, schiacciatrici Sylla e Bosetti, al centro la coppia Chirichella-Danesi, libero De Gennaro. Sotto gli occhi del primo arbitro, l’egiziana Khattab Taghrid, con il capo completamente coperto da un velo bianco, l’avvio del match e’ stato in favore del Belgio. L’Italia ha trovato nel muro l’arma per reagire ma nel finale i troppi errori in attacco hanno consegnato il set alle belghe. Qualche strappo da una e dall’altra parte nella seconda frazione, giocata comunque punto a punto, con le azzurre capaci di portarsi sul 24-19 prima di sciupare tutte le palle set a disposizione e incassare l’ace del (24-24). A mettere fine alla girandola d’emozioni e’ stato un muro di Danesi. Situazione opposta nel terzo set, con le belghe che sul 24-19 si sono bloccate, consentendo all’Italia di rimontare e vincere dopo aver annullato ben 9 palle set alle rivali. Galvanizzate, le azzurre sono state padrone del campo nel quarto set. Come sempre, Paola Egonu sugli scudi con 31 punti, seguita da una efficacissima Danesi (16) e quindi da Bosetti (14) e Sylla (10).

Continua a leggere

Sport

Calcio: primi rientri da Nazionali, Napoli punta il Toro

Pubblicato

del

Dodici partite in meno di un mese e mezzo, tra campionato e Champions League, prima della sosta per il Mondiale. Un vero e proprio tour de force. Il futuro prossimo del Napoli e’ pieno di impegni e gia’ a partire da sabato, quando gli azzurri affronteranno il Torino al Maradona, Luciano Spalletti sara’ costretto a fare i conti con un inevitabile criterio di rotazione dei calciatori che ha a disposizione e che presumibilmente riguardera’ tutta la rosa. Sulla strada della preparazione del primo impegno con i granata di Juric c’e’ pero’ un ostacolo e non di poco conto, gli impegni con le Nazionali che tengono ancora lontani dal centro tecnico di Castel Volturno un cospicuo numero di calciatori. I rientri sono cominciati oggi, con l’arrivo di Lobotka e Zielinski, e proseguiranno domani, giovedi’ e venerdi’. In qualche caso Spalletti avra’ a disposizione i suoi uomini addirittura quando mancheranno soltanto 24 ore alla sfida con i granata. Domani, a meno di imprevisti dell’ultima ora, tocchera’ a Elmas, Di Lorenzo, Kvaratskhelia, Meret, Raspadori e Zerbin far ritorno a Napoli. Giovedi’ sara’ il turno di Mario Rui, Olivera, Ostigard e Rrahmani, mentre Lozano, che torna dal Messico, potra’ partecipare soltanto alla rifinitura di venerdi’. Quanto a Kim il suo ritorno in Italia e’ legato a diversi fattori e il viaggio si presenta lungo e articolato. Al momento non c’e’ certezza alcuna sui tempi di rientro del difensore che ieri ha giocato a Seul contro il Camerun e che e’ atteso a Castel Volturno per dopodomani. Insomma la preparazione tattica della partita con il Torino non potra’ che essere messa a punto soltanto nelle ultime ore della vigilia e Spalletti spera che le condizioni dei calciatori, di ritorno da varie zone del mondo, siano buone. Sicuramente saranno da valutare quelle di Di Lorenzo e di Rrahmani i quali hanno subito infortuni che non dovrebbero rivelarsi gravi tanto da comprometterne la presenza in campo sabato prossimo, ma che comunque vanno valutate attentamente. Diversa e’ invece la situazione per gli infortunati che non hanno preso parte alle trasferte. Demme e’ definitivamente rientrato in gruppo da diversi giorni. Le condizioni di Politano e di Osimhen migliorano progressivamente, ma ci vorra’ ancora un po’ di tempo perche’ possano tornare ad essere disponibili. L’esterno ha quasi del tutto assorbito la distorsione alla caviglia rimediata nella gara con il Milan e potrebbe essere pronto per la trasferta di martedi’ prossimo ad Amsterdam, dove il Napoli sfidera’ l’Ajax in Champions. Osimhen, che subi’ un infortunio muscolare durante la sfida con il Liverpool, il 7 settembre scorso, sara’ convocato quasi certamente per la trasferta a Cremona, domenica 9 ottobre. Oggi Politano ha svolto allenamento personalizzato, soltanto palestra e terapie per Osimhen.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto