Collegati con noi

Cronache

Terra dei fuochi, Padre Patriciello: i veleni uccidono e niente lavoro

Pubblicato

del

“Non vogliamo piu’ sentire verbi al futuro come faremo, vedremo, e intanto la gente muore. Siamo a Taranto, dove c’e’ il lavoro che uccide ma almeno c’e’ il lavoro. Noi, nella Terra dei Fuochi, abbiamo veleni che uccidono senza neanche il lavoro”. Lo ha detto Maurizio Patriciello, parroco di Caivano (Napoli) e giornalista, intervenendo alla tavola rotonda “L’orizzonte che speriamo. Ecologia integrale e Pnrr” nell’ambito della Settimana sociale dei cattolici italiani a Taranto. Hanno partecipato anche Lucia Capuzzi, giornalista di Avvenire; Anna Maria Panarotto, gruppo Mamme No Pfas Veneto; ed Ermete Realacci, presidente Fondazione Symbola. Patriciello ha detto ancora che “se i veleni sono arrivati dal nord a Caivano e’ perche’ a Casal dei principi, che ha dato il nome al clan dei Casalesi, tra industriali disonesti del centro e del nord e i casalesi nostrani c’e’ stato un abbraccio mortale. Dobbiamo avere il coraggio di dire che tra nostri camorristi abbiamo avuto qualche pentito, tra gli industriali disonesti no”. Se la Terra dei fuochi e’ “arrivata a far sentire la sua voce – ha osservato Patriciello – lo dobbiamo al giornale Avvenire che ha portato il problema alla ribalta. Fin dall’inizio avevamo compreso che malattie e ambiente stavano insieme. La prima prevenzione e’ sull’ambiente. Ci dicevano che non c’erano le prove. Siamo arrivati a Bruxelles e una europarlamentare danese, madre del ministro dell’ambiente, pastora protestante, disse: fate intervenire il Papa”. Aveva “compreso – ha aggiunto il parroco di Caivano – che la Chiesa poteva fare molto di piu’. Fino a 6 anni fa l’Italia non aveva ancora una legge sui reati ambientali. Oggi c’e’ anche grazie alla sofferenza della nostra gente, alle manifestazioni che ci sono state. Una cosa che adesso non dobbiamo smettere di comprendere – ha concluso Patriciello – e’ che ognuno deve guardare il suo territorio, ma dobbiamo avere lo sguardo strabico. Uno deve arrivare in Amazzonia, ma guai se non guardo che nella mia parrocchia, dopo anni di lotte a livello locale, non e’ cambiato niente”.

Advertisement

Cronache

Uomo si dà fuoco in strada, ricoverato in gravi condizioni in ospedale

Pubblicato

del

Un uomo di 39 anni si e’ dato fuoco stamani a Monza per strada ed e’ ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Niguarda di Milano con ustioni su gran parte del corpo. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118, vigili del fuoco e i carabinieri di Monza. Allo stato non sono note le ragioni del gesto.

Continua a leggere

Cronache

Juventus: indagati Agnelli, Nedved e Paratici per il caso plusvalenze. La Finanza perquisisce le sedi della società

Pubblicato

del

La compravendita dei calciatori e la formazione dei bilanci. Sono questi gli ingredienti di un’inchiesta della procura di Torino e della Guardia di finanza sui conti della Juventus. A borse chiuse, i militari del nucleo di polizia economico-finanziaria hanno perquisito le sedi della società bianconera nel capoluogo piemontese e a Milano per recuperare carte relative alla gestione tra gli anni 2019 e 2021. Gli indagati sono sei: il presidente Andrea Agnelli, il vicepresidente Pavel Nedved, l’ex responsabile dell’area sportiva Fabio Paratici, ora al Tottenham, l’attuale Chief Corporate & Financial Officer Stefano Cerrato, l’ex Chief Corporate & Financial Officer, Stefano Bertola, e l’ex dirigente finanziario Marco Re. E’ indagata anche la Juventus, nella veste di persona giuridica. Le ipotesi di reato sono false comunicazioni sociali ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Al vaglio degli investigatori, in quella che è stata chiamata in codice “operazione Prisma”, ci sono i trasferimenti di alcuni calciatori e le prestazioni rese dagli intermediari nel corso delle transazioni. Dell’iniziativa delle Fiamme Gialle, scattata al termine delle contrattazioni settimanali della Borsa – la Juventus è una società quotata nell’ambito del mercato Euronext Milan, l’ex Mercato telematco azionario- ed e’ stata data comunicazione alla Consob e alla procura federale della Figc. In procura il fascicolo e’ aperto dal maggio di quest’anno. Se ne occupa un pool di magistrati composto dai pm Ciro Santoriello, Marco Gianoglio e Mario Bendoni.

Continua a leggere

Cronache

Rifiuti più cari nel 2021, costano 312 euro a famiglia

Pubblicato

del

Tariffe dei rifiuti piu’ salate nel 2021 in Italia, con una media di 312 euro a famiglia in aumento dell’1,5% rispetto al 2020. La regione con la Tari piu’ alta si conferma la Campania (416 euro, -0,6% sull’anno precedente) mentre quella con la spesa media piu’ bassa e’ il Veneto (232 euro, -4%). Invece e’ Catania la citta’ dove i servizi di smaltimento sono piu’ costosi, seppur stabili a 504 euro, mentre i piu’ economici sono a Potenza con 131 euro, in aumento rispetto ai 121 euro del 2020. Resta il divario fra il Nord dove la Tari e’ di 270 euro (+1,6%) e il Sud dove raggiunge 353 euro (+1,3%); al Centro il costo medio e’ 313 euro (+2,4%). E’ in sintesi il quadro che emerge dalla rilevazione annuale dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, secondo cui quest’anno ci sono stati aumenti in dodici regioni: incremento a due cifre in Liguria (+10,3%), e poi i rincari piu’ alti in Basilicata (+8,1%), Molise (+6,1%) e Calabria (+5,9%); tariffe in diminuzione in sei regioni a partire da -5% in Sardegna e -3,8% in Veneto. L’indagine sui costi sostenuti dai cittadini per lo smaltimento dei rifiuti fatta in tutti i capoluoghi di provincia prende come riferimento una famiglia tipo di 3 persone e una casa di proprieta’ di 100 metri quadrati. Rispetto alle 112 citta’ esaminate, sono stati riscontrati aumenti (rispetto al 2020) in 53 capoluoghi, situazioni di stabilita’ in 37 e diminuzioni in 22. A Vibo Valentia l’incremento piu’ elevato (+44,9%), a Rovigo la diminuzione piu’ consistente (-23%). Ma “soltanto il 10% dei capoluoghi di provincia applica la tariffa puntuale” cioe’ riferita alla reale produzione di rifiuti rilevata attraverso contenitori stradali e sacchi dotati di sistemi di identificazione e/o codici-microchip “che incentiverebbe le famiglie a produrre meno rifiuti” commenta Tiziana Toto, responsabile politiche dei consumatori di Cittadinanzattiva. La raccolta differenziata aumenta ma sono ancora scarse le iniziative per favorire il riuso e limitare i rifiuti, spiega l’Osservatorio sulla base dei dati del rapporto Rifiuti urbani 2020 dell’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). La media nazionale di raccolta differenziata nel 2019 e’ stata 61,3% (+3,1% rispetto al 2018) con il solito piazzamento del Nord in testa (69,6%) seguito dal Centro (58,1%) e dal Sud (50,6%); il 21% di spazzatura finisce invece in discarica. Le regioni che separano di piu’ i rifiuti sono Veneto (74%), Sardegna, Trentino Alto Adige, Lombardia, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia superando l’obiettivo del 65%. Maglia nera alla Sicilia con appena il 38,5%. Cittadinanzattiva ricorda che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) riserva “ben 2,10 miliardi di euro per migliorare la capacita’ di gestione efficiente e sostenibile dei rifiuti e il paradigma dell’economia circolare” alla luce di sistemi che sono “fragili, caratterizzati da procedure di infrazione in molte regioni (in particolare nel Centro-Sud), carenti di un’adeguata rete di impianti di raccolta e trattamento”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto