Collegati con noi

Politica

Tensione sulle nomine Ue, Tajani: Il Ppe apra a Meloni

Pubblicato

del

Tatticismi e veleni sulla partita dei top jobs dell’Ue. Il day after la cena informale dei 27, conclusasi con una fumata grigia e una scia di malumori, è segnato dal ritorno della tensione. A duellare, nuovamente, sono i popolari e i socialisti, i due pilastri di una futura maggioranza che, al momento, appare segnata ma non stabilissima. La richiesta del Ppe che il mandato del presidente del Consiglio europeo (in quota S&D) si fermi a due anni e mezzo prima di un nuovo negoziato ha indispettito la controparte e seminato più di un dubbio tra i popolari stessi.

Il gruppo è tornato a vedersi ma l’arrivo di 14 nuovi eurodeputati ha solo parzialmente mascherato le divergenze sotterranee della formazione guidata da Manfred Weber. Una, innanzitutto: l’apertura a Giorgia Meloni, sulla quale il vice premier Antonio Tajani ha rafforzato il suo pressing. Le forze di governo in Germania e Francia “hanno perso le elezioni, non impongano le loro scelte. Bisogna tener conto dell’esito elettorale, serve aprire le porte della maggioranza a Ecr, non ai Verdi”, ha sottolineato il vicepremier tornando sul vertice informale di lunedì, dove le riunioni a latere dei negoziatori di Ppe, liberali e socialisti hanno indispettito non solo Meloni. L’atteggiamento della componente popolare è stato “arrogante, vogliono il 75% dei posti col 21% dei voti: devono imparare a fare di conto”, ha spiegato una qualificata fonte europea.

Un’altra ha raccontato dello “shock” comparso sui volti di oltre una decina di leader per il “tentativo manifesto di isolare Meloni”: un tentativo plateale non solo nelle riunioni a porte chiuse, alle quali l’Italia non ha partecipato, ma anche nelle parole tranchant di Donald Tusk e Olaf Scholz sull’estrema destra. Il punto è che ci sono due piani di trattativa, uno tra i 27 e uno tra i gruppi politici. E in questo momento i due piani sono difficilmente sovrapponibili. Escludere Meloni, alla guida di un Paese fondatore, dall’approvazione del terzetto ai vertici Ue sarebbe una sgrammaticatura dalle conseguenze imprevedibili. Ciò rende poco probabile che quanto visto alla cena informale si ripeta al Consiglio europeo della settimana prossima. E’ vero, al tempo stesso, che l’idea che Fdi voti, all’Eurocamera, quello stesso terzetto fa traballare non solo la maggioranza Ursula ma gli stessi popolari. Nei quali, alla linea Tajani, si contrappone quella di Tusk: il premier polacco non vuole avere nulla a che fare con chi co-presiede il gruppo Ecr con il partito arci-nemico del Pis.

Ma è il concetto di apertura alle destre che fa tremare la falange popolare, che da un lato ama definirsi “un bastione contro gli estremismi” e dall’altro fa entrare nel gruppo due delegazioni olandesi – Il Nuovo contratto sociale e il Partito degli agricoltori – che proprio con il sovranista Geert Wilders si accingono a governare. “Liberali e Verdi hanno perso. Le persone vogliono vedere il cambiamento, un altro volto dell’Europa: è un’Europa di centrodestra per la quale hanno votato”, ha sottolineato Weber che sarà incoronato capogruppo, mentre Roberta Metsola sarà ufficialmente candidata alla presidenza dell’Eurocamera. La sua carica dura in teoria 5 anni ma, nella strategia del Ppe, la seconda metà del mandato potrebbe essere oggetto di negoziato con S&D in cambio di un ‘midterm’ anche per il Consiglio europeo.

E sebbene Tusk abbia assicurato che su von der Leyen alla Commissione, Antonio Costa al Consiglio e Kaja Kallas come alto rappresentante l’intesa sia “vicina”, sull’ex premier portoghese i dubbi – non solo nel Ppe – continuano a circolare. Con l’opzione Enrico Letta non del tutto tramontata. Di questo, certamente, parleranno Elly Schlein e la capogruppo di S&D Iratxe Garcia Perez nell’incontro di mercoledì a Bruxelles, nel quale la segretaria dem potrebbe certificare l’appoggio a un bis della spagnola alla testa dei socialisti al Pe. Ursula von der Leyen, in questo contesto, è costretta a muoversi come in una cristalleria. “Il suo nome non è in discussione”, ha ricordato Weber. Ma alzando troppo la posta il Ppe potrebbe mettere a rischio anche la sua regina.

Advertisement

Politica

Ranucci: non andrò alla presentazione dei palinsesti Rai, Report merita più rispetto

Pubblicato

del

“Non parlo della Rai, vorrei evitare un procedimento disciplinare… posso dire che per la prima volta a distanza di 30 anni non andrò alla presentazione dei palinsesti”. Lo spiega, rispondendo ai giornalisti, Sigfrido Ranucci, coautore e conduttore di Report protagonista di un incontro con il pubblico sul suo volume La scelta (Bompiani) alla 23/a edizione del Libro Possibile, il festival sostenuto da Pirelli, che chiude la prima parte a Polignano a Mare e poi sarà dal 23 al 27 luglio a Vieste.

A chi gli chiede se questa decisione sia anche legata all’ipotesi di spostamento d’orario (dall’autunno l’inizio dovrebbe essere anticipato) per la trasmissione d’inchiesta su Rai 3 commenta: “Credo che Report, una risorsa interna, essendo stata premiata come la migliore trasmissione di informazione, quella che incarna di più il servizio pubblico, meriti in assoluto più rispetto”. Nel libro il giornalista parla della libertà d’informazione, dei rischi che corre e del suo lavoro e di Report.

“In Italia mi sono sempre sentito libero, anche in questi anni – aggiunge – Bisogna mettersi d’accordo su quanta energia devi impiegare per difendere questa libertà di stampa, per renderla più divulgabile, su quanta forza hai ancora per difendere questo e il diritto dei cittadini di essere informati”. Al termine “di diversi tour per la presentazione del libro, l’affetto della gente che ho trovato non ha prezzo – sottolinea -. Mi ha fatto riconciliare con le scelte fatte in questi anni di privilegiare il pubblico come unico editore di riferimento, senza avere nessun padrino politico, dei poteri forti, L’aver scelto di rimanere me stesso. Credo che l’indipendenza sia uno stato dell’anima”.  m

Continua a leggere

Politica

Pomicino: chi toglie libertà al Parlamento la toglierà al Paese

Pubblicato

del

“Chi toglie la libertà al Parlamento prima o poi la toglie anche al Paese. Come fece Mussolini”. Lo spiega Paolo Cirino Pomicino in un’intervista al Corriere della Sera rispondendo alla domanda se gli piace la premier Giorgia Meloni. “Una volta si diceva ‘gratta il cosacco e troverai il russo’. Qua gratti i Fratelli d’Italia e trovi i post-fascisti”, prosegue Pomicino secondo cui Meloni non comanda, “ma che deve comandare? Comanda la finanza”. E aggiunge, “dirò una cosa che darà un dispiacere ai suoi tanti detrattori.

Andreotti aveva un grande senso dello Stato ed è stato un grandissimo statista. Ma di politica non ci capiva nulla”. Inoltre per quanto riguarda la storia del presunto bacio con Totò Riina, “bacio e Andreotti non possono stare nella stessa frase: se solo gli stringevi la mano, la ritraeva schifato. Figuriamoci un bacio”. Di Pomicino si dice che sia stato uno degli artefici del debito pubblico italiano. “Sciocchezze. Certo, non si ha idea di quanti soldi abbia portato io a Napoli negli anni 80… ma per cose concrete: la metropolitana, il centro direzionale. È dimostrato, ad esempio dall’economista della Bocconi Tommaso Nannicini – conclude -, che è stato senatore del Pd e non è di certo un mio amico, che l’esplosione del debito pubblico non fu dovuta all’aumento della spesa pubblica ma alla bassa pressione fiscale”.

Continua a leggere

Politica

Von der Leyen si gioca le ultime carte per il bis

Pubblicato

del

L’ultimo fine settimana a perfezionare il programma di governo, poi ancora un giro di faccia a faccia cruciali per conquistare il bis. Tra promesse e rassicurazioni, Ursula von der Leyen si avvicina allo scrutinio segreto del 18 luglio al Parlamento europeo indaffarata a tessere una tela che nei giorni scorsi ha toccato tutte le forze europeiste e a volte anche i singoli deputati. I suoi popolari, i socialisti e i liberali sono pronti a darle di nuovo, cinque anni dopo la prima volta, la loro fiducia. Accompagnati anche dai verdi. Gli ultimi dettagli saranno però definiti a inizio settimana tra i corridoi di Strasburgo, quando la presidente incontrerà anche la sinistra di The Left e i conservatori di Giorgia Meloni delineando il cammino politico che intende perseguire. E sul voto, già adombrato dal rischio dei franchi tiratori, si aggiunge anche un’incognita legale: il verdetto della Corte di giustizia Ue – in arrivo alla vigilia della conta – sui ricorsi contro la tedesca e il suo esecutivo per la mancanza di trasparenza nei contratti sui vaccini anti-Covid. Una sentenza che potrebbe contribuire a spostare il pallottoliere in un senso o nell’altro. L’obiettivo di von der Leyen resta quello di blindare il sostegno di circa 400 deputati di Ppe, S&D e Renew: abbastanza per superare quota 361, la maggioranza necessaria.

Le grane però in casa però non mancano: i popolari francesi e sloveni (11 nel complesso) hanno già annunciato i loro malumori nei confronti della tedesca. E, allo stesso modo, i liberali irlandesi (4 del Fianna Faíl e 2 indipendenti) sono orientati alla bocciatura mossi dalla contrarietà alle sue posizione sul Medio Oriente, nonostante l’estremo tentativo del premier Simon Harris – di famiglia popolare che governa con loro a Dublino – di convincerli a ripensarci. In via ufficiale soltanto un socialista ha annunciato che, per le stesse ragioni, voterà no: lo sloveno Matjaz Nemec. Ma lo scontento è diffuso e per Ursula sarà allora importante il sì in blocco dei 21 europarlamentari del Pd che chiedono “maggior chiarezza su alcuni temi” – dall’agenda sociale allo stato di diritto -, ma hanno fatto sapere che “le premesse sono buone”. In soccorso della presidente uscente arriveranno con ogni probabilità anche i 53 eurodeputati dei Greens che puntano a esprimere un voto “di gruppo” e “coerente” a patto di ottenere un documento scritto che certifichi il loro ingresso nell’orbita della maggioranza. E che non vi sia quella “cooperazione strutturale” tanto temuta con i Conservatori di Giorgia Meloni. Nessuno di loro finora, ad eccezione del premier ceco Petr Fiala che può portare in dote i 3 eurodeputati del suo Ods, le ha assicurato il sì. Ed è con loro che von der Leyen parlerà martedì in un colloquio decisivo soprattutto per l’orientamento di Fratelli d’Italia. Dopo l’incontro “si vedrà”, ha ribadito Nicola Procaccini facendo eco alla premier italiana, impegnato a portare avanti la battaglia di una Commissione europea che – comunque vada il voto su Ursula – nei prossimi cinque anni sia di “centrodestra” perché “i commissari sono espressione dei governi e la maggior parte” nei Ventisette “è di centrodestra”.

La plenaria si aprirà martedì con la riconferma invece quasi scontata di Roberta Metsola alla guida dell’Eurocamera per altri due anni e mezzo. Per lei ci sarà il sostegno anche di tutte le delegazioni italiane in blocco, dalla Lega a Fratelli d’Italia, dal Pd al Movimento 5 Stelle. Mentre la scelta – sempre a scrutinio segreto – dei suoi 14 vice offrirà una primo test per la tenuta del cordone sanitario che l’arco europeista punta a stringere intorno all’estrema destra dei Patrioti di Viktor Orban – alle prese a loro volta con il caso Vannacci – e della neonata Europa delle nazioni sovrane a guida AfD per escluderli da tutti i ruoli istituzionali. Poi giovedì, alle 13, la suspense della conta per Ursula. Un’eventuale bocciatura sarebbe una prima storica. E, stando ai Trattati, imporrebbe ai leader Ue di proporre un nuovo nome entro un mese, in piena estate.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto