Collegati con noi

Esteri

Tank sui morti a Irpin. Mosca, presto avremo Mariupol

Pubblicato

del

I carri armati sui corpi dei civili appena trucidati. I cadaveri che continuano a spuntare dalle fosse comuni. Le sparizioni di centinaia di civili, che fanno temere nuovi eccidi di massa. Dalle macerie lasciate dalle truppe russe in ritirata dalla periferia di Kiev continuano a emergere ogni giorno nuovi orrori. Mentre da Bucha a Irpin, a Borodyanka, si fanno i bilanci delle terribili violenze perpetrate nelle settimane di occupazione, Mosca si prepara a sferrare la nuova offensiva sul Donbass e il sud-est dell’Ucraina. Mariupol sara’ “liberata presto”, ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, tornando a bollare come “fake news” le accuse di attacchi ai civili, compresi quelli documentati dalle immagini satellitari di Bucha, diffuse, a suo dire, da una societa’ “legata al Pentagono”. Ma la Russia, pur senza fornire nuove cifre, ammette anche “perdite significative” nel conflitto, dopo che gli Usa avevano parlato di decine di migliaia di soldati morti, feriti e dispersi. A Irpin, il sindaco Alexander Markushin ha raccontato che i militari nemici hanno prima sparato ai civili e poi hanno schiacciato i loro corpi con i tank. “Abbiamo dovuto raccogliere i resti con le pale”, ha spiegato, fornendo l’ennesimo bollettino di abusi ed empieta’. Anche a Bucha si fa la conta dei morti. Secondo il sindaco Anatoly Fedoruk, i corpi recuperati sono almeno 320. “Gli specialisti stanno lavorando sui corpi”, ma “il numero cresce ogni giorno. Si trovano in tenute private, parchi, piazze, dove era possibile, quando non c’erano bombardamenti, seppellire i corpi. La gente cercava di seppellire i morti in modo che i cani non li portassero via. Quasi nel 90 per cento dei casi – ha raccontato – sono ferite da proiettili, non schegge”. Atrocita’ che Mosca continua a negare. Mentre le Nazioni Unite, per bocca del sottosegretario agli affari umanitari Martin Griffiths, promettono al piu’ presto “un’indagine”. Un bilancio drammatico si teme anche a Bordoyanka, dove le autorita’ ucraine parlano di circa 200 residenti dispersi. A Mariupol, assediata da oltre un mese e di nuovo sotto attacco, secondo il sindaco Vadym Boichenko i civili uccisi sono oltre 5mila, compresi 210 bambini. La citta’ e’ distrutta al 90% e il 40% del territorio urbano “non e’ piu’ ricostruibile”, ha detto il primo cittadino. Il centro portuale sul mar d’Azov resta un obiettivo strategico di Mosca per collegare i territori sotto il suo controllo di Crimea e Donbass. Il Cremlino si dice ormai vicino alla sua conquista, ma gli scontri non si fermano. L’offensiva prosegue anche nelle regioni dell’est, soprattutto in quelle di Donetsk e Lugansk attaccate dai separatisti filo-russi, dove le istituzioni ucraine puntano ad aprire nuovi corridoi umanitari per permettere l’esodo dei civili e hanno rilanciato l’invito a fuggire, avvertendo che e’ “l’ultima chance” per andarsene. L’altro fronte caldo e’ quello di Kharkiv, la seconda citta’ del Paese vicino al confine russo, dove secondo il governatore locale le infrastrutture civili sono state bombardate 48 volte nelle ultime 24 ore e tre persone sono state uccise nella citta’ di Balakliya. Per Vadym Denysenko, consigliere del ministero dell’Interno di Kiev, “i russi continuano a fare tutto quello che facevano prima a Kharkiv, Sumy, Chernihiv, ossia distruggere le infrastrutture civili”, e la situazione e’ “molto difficile nella direzione di Sloviansk e Kramatorsk”, che “sono i punti chiave in questa fase della guerra”. Nel mirino potrebbe finire presto anche Odessa, gia’ ripetutamente minacciata dal mare. “Dobbiamo salvarla dalla distruzione subita da Mariupol”, ha avvertito il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Advertisement

Esteri

Uomo armato in una scuola della Russia fa una carneficina, 6 morti e 20 feriti

Pubblicato

del

Sei persone sono rimaste uccise e altre 20 sono rimaste ferite in una sparatoria nella scuola n. 88 di Izhevsk. Lo ha riferito l’ufficio stampa del ministero dell’Interno della repubblica russa dell’Udmurtia, che su Telegram ha precisato che “la polizia ha trovato il corpo dell’uomo che ha aperto il fuoco. Secondo quanto riferito, si sarebbe suicidato. Al momento, si sa che sei persone sono morte e circa 20 ferite per le sue azioni, ma il numero delle vittime è in corso di aggiornamento”, In precedenza, il presidente dell’Udmurtia, Alexander Brechalov, aveva affermato che era stato ucciso un dipendente della scuola e che fra le vittime c’erano anche alcuni bambini. (Crc/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 26-SET-22 10:34 NNNN

Continua a leggere

Esteri

Russia, l’imprenditore pro-Putin ammette: ho fondato io la milizia Wagner

Pubblicato

del

L’uomo d’affari russo Yevgeny Prigozhin, considerato molto vicino al presidente Vladimir Putin, ha ammesso di aver fondato il gruppo di mercenari Wagner, confermando che unita’ della milizia privata sono attive in America Latina e Africa. Prigozhin, in un comunicato, spiega che fondo’ il gruppo per mandare combattenti nel Donbass nel 2014: “In quel momento, il primo maggio 2014, nacque un gruppo di patrioti, che piu’ tardi prese il nome di Btg Wagner”. L’imprenditore aveva in passato negato ogni collegamento con Wagner.

Continua a leggere

Esteri

Il premier polacco su Twitter: congratulazioni Giorgia Meloni!

Pubblicato

del

“Congratulazioni Giorgia Meloni!”. E’ il tweet con cui il premier polacco Mateusz Morawiecki esulta dopo gli exit poll delle elezioni italiane. Meloni e Morawiecki all’Eurocamera fanno entrambi parte del gruppo Ecr.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto