Collegati con noi

Politica

Svolta di Grillo sui vaccini, e firma “Patto” di Burioni

Avatar

Pubblicato

del

Un accordo bipartisan contro la “pseudo scienza” che mette per una volta insieme i principali antagonisti della più recente stagione politica. Beppe Grillo e Matteo Renzi firmano, insieme a molti altri esponenti piu’ o meno noti, un ‘patto per la scienza’, una sorta di gentlemen’s agreement proposto dall’immunologo Roberto Burioni per sostenere la ricerca scientifica e contrastare la pseudomedicina. E’ una svolta di rilievo soprattutto per il via libera di Grillo, fondatore di un Movimento che annovera tra le sue fila anche convinti No Vax e il cui ministro della Salute, Giulia Grillo e’ di recente finita nel mirino dopo le polemiche dimissioni del presidente dell’Istituto superiore di sanita’ Walter Ricciardi a causa delle “posizioni antiscientifiche” da lui attribuite al governo. “Oggi e’ successa una cosa molto importante. Perche’ ci si puo’ dividere su tutto, ma una base comune deve esserci” esulta Burioni, nei cui confronti, per altro, arriva immediata una presa di distanza del garante pentastellato. “Ho ricevuto il presente appello dal Professor Guido Silvestri. Non conosco il Professor Roberto Burioni” precisa Grillo che, tuttavia, nel merito aderisce all’appello. “Il progresso della scienza deve essere riconosciuto come un valore universale dell’umanita’ e non puo’ essere negato o distorto per fini politici e/o elettorali” dichiara il fondatore M5s. E poco importa se a proporgli la sottoscrizione del patto sia stato Silvestri, professore della Emory University e consulente del M5S per le questioni scientifiche: colui, insomma, che ha suggerito al Movimento la posizione sui vaccini, contro l’obbligo ma anche contro i No vax. Grillo, ormai sempre piu’ libero dagli obblighi imposti dalla linea di partito, nega svolte di alcun genere e bolla le polemiche sorte sulla sua presa di posizione come chiacchiere da “terrapiattisti”. “Io critico l’obbligatorieta’ dei vaccini che e’ questione politica; non i vaccini in se’, che quando sono sicuri ed efficaci rappresentano il frutto della scienza” afferma. Ma prima del chiarimento le parole di Grillo creano il finimondo. I No Vax lo inseguono sui social e lo tacciano di tradimento: “mai piu’ il mio voto dopo questo voltafaccia”, “ci avevate promesso di abolire i vaccini e invece adesso ce li volete iniettare con forza. Bel voltagabbana”, “E pensare che una volta eri il mio mito. Dalle stelle alle stalle. addio Beppe!”. Tra i suoi in pochi intervengono. Solo in serata arriva il commento della ministro Giulia Grillo: “La posizione pro-scienza e’ nel contratto di governo, tutte le azioni messe in campo in questi primi mesi dimostrano che per questo esecutivo il ruolo della scienza e della competenza sono irrinunciabili e non potrebbe essere altrimenti” mette in chiaro. Il presidente della commissione Sanita’ di palazzo Madama, il 5 Stelle Pierpaolo Sileri loda il passo di Grillo e alza le spalle: “Ci sara’ qualcuno che dissentira’ ma quello che dobbiamo cercare e’ la verita’”. Si schiera con Grillo anche la senatrice ‘ortodossa’ Elena Fattori: “Un sentito grazie al fantastico Beppe Grillo che come al solito si dimostra ‘oltre'” lascia scritto in un post. Silenzio assordante, invece, dalla Lega ma neppure Luigi Di Maio si esprime, forse per evitare nuove frizioni con l’alleato di governo. Ne’ si esprime la senatrice Paola Taverna che mantiene la promessa del silenzio dopo le polemiche sorte quando aveva raccontato che per “immunizzarci da piccola andavamo a trovare i cugini malati”. All’appello manca ora solo il possibile incontro tra Grillo e Burioni: il medico lo auspica e dopo le sue parole (“la scienza non viene corretta da quelli che su Twitter scrivono che la Terra e’ piatta”) non e’ detto che la pace non possa essere fatta.

Advertisement

In Evidenza

Zingaretti vara la nuova segreteria, i renziani lo bruciano: se vuole rifare i Ds siamo fuori posto

Avatar

Pubblicato

del

“La nuova segreteria purtroppo manda un messaggio molto chiaro. Si è deciso di formarla guardando al passato e non al futuro. Ciò che mi colpisce negativamente è che si è puntato tutto su un’unica origine fondativa, azzerando tutte le altre”. Il capogruppo del Pd al Senato Andrea Marcucci, intervistato da Qn, si dice “contrario a scissioni e scioglimenti, “ma qualcuno ne parla”. “Se si volessero rifare i Ds – sottolinea – sarei fuori posto”. La direzione di martedi’ “è un avvio di discussione. Il tempo ce l’abbiamo. Ma non dipende solo dal mio atteggiamento bensì dalle logiche con cui si andrà a discutere. Se qualcosa o qualcuno non va, ditelo. Subito”, chiede Marcucci.

Nicola Zingaretti. Segretario del Pd

“Le primarie hanno confermato la nostra forza”, osserva parlando dei risultati in Toscana. Su Zingaretti, “ho apprezzato le sue parole sull’autosospensione di Luca Lotti, meno quelle di Zanda. E poi la composizione delle liste elettorali delle Europee mi e’ sembrata giusta, comunque rappresentativa”, dichiara Marcucci. Quanto a Lotti, “ha tutta la mia solidarietà. Il suo gesto è corretto perchè serve ad accelerare l’accertamento della verità. Sono convinto che non abbia commesso alcuna irregolarità”.

Continua a leggere

Politica

Csm, De Magistris: Palamara avallò una operazione eversiva

Avatar

Pubblicato

del

“Palamara non è un uomo nuovo, dieci anni fa era presidente dell’Associazione nazionale magistrati e quando alcuni magistrati coraggiosi stavano scoprendo fatti inquietanti che arrivavano al cuore dello Stato, Palamara avallo’ un’operazione eversiva, quella di trasferire in blocco i magistrati coraggiosi di Salerno, che come me avevano avuto il coraggio di non girarsi dall’altra parte”. Così Luigi De Magistris, sindaco di Napoli e presidente del Movimento demA, a Montesilvano (Pescara), rispondendo a una domanda sul caos procure, nel corso di un’iniziativa per denunciare la situazione di emergenza ambientale della discarica Sir di Villa Carmine. “Di un politico ti liberi in cabina elettorale o con una ribellione civile, ma quando ci sono casi di complicita’ e commistione tra apparati di controllo e politica e’ molto piu’ grave – ha proseguito De Magistris – Non e’ un caso singolo, ma un sistema e oggi ci sono tecnologie molto piu’ avanzate. Con 10 giorni di intercettazioni e’ uscita fuori questa cloaca, figuriamoci se le avessero fatte per due anni”. De Magistris ha aggiunto di essere “inquietato soprattutto del fatto che a distanza di anni non si ha la capacita’ dall’interno, e mi riferisco alla magistratura, di mettere in sicurezza i magistrati autonomi e di scardinare questo sistema fatto di convergenze criminali molto forti tra pezzi di magistratura e pezzi di politica”.

Continua a leggere

Politica

Tasse nella manovra, aut aut di Salvini: è scontro con Conte-Di Maio

Avatar

Pubblicato

del

Il governo torna a traballare sotto la scure dell’Ue sui conti. In attesa che il negoziato con Bruxelles entri nel vivo Matteo Salvini torna a vestire i panni del “duro” e lancia un vero e proprio aut aut al suo alleato e al premier Giuseppe Conte. “La manovra economica ci sara’, il governo ci sara’ se scommette sulla scelta di tagliare le tasse”, avverte, confermando la sua priorita’ dell’estate: la Flat tax. E’ una priorita’ che, tuttavia, gia’ nel corso dei vertici di governo dei giorni scorsi continua a trovare la cautela del capo del governo e del ministro del Tesoro Giovanni Tria. Tanto che da Malta, Conte, a modo suo, frena Salvini: “il taglio delle tasse e’ un obiettivo comune e faremo di tutto per perseguirlo. Ovviamente tenendo i conti in ordine”, e’ il concetto sottolineato dal premier in maniera vellutata ma comunque altrettanto netta. E cosi’, a fine giornata, si torna al nodo di partenza: mettere in campo una flat tax in deficit – eventualita’ che Salvini in realta’ non paventa a microfoni aperti – trova il “niet” di Tria e Conte, ovvero di quell’asse nel governo che, pur tenendo il punto con l’Europa, professa prudenza e dialogo, sotto l’ombrello del Quirinale. Ed e’ su questo punto che il governo, nei prossimi giorni, rischia di vacillare, sebbene anche oggi, al Consiglio federale di via Bellerio, Salvini ribadisca che l’esecutivo giallo-verde “va avanti”. E’ difficile, tuttavia, che lo stesso Salvini si pieghi al rigore professato dall’Europa. Dopo il dossier migranti il leader della Lega vuole capitalizzare il suo consenso con la riduzione delle tasse. Di tutto cio’ il M5S ne e’ consapevole, cosi’ come e’ chiaro, ai vertici pentastellati, che il margine di manovra alla luce della sconfitta alle Europee sia strettissimo. E allora Di Maio prova a far uscire allo scoperto l’alleato. “Se si guarda al responso delle europee in ogni caso la prossima manovra tocchera’ alla Lega, e’ una loro responsabilita’ innanzitutto, oltre che del governo. Se vinci le europee e’ giusto che tu ti assuma qualche responsabilita’”, sottolinea. Nel Movimento, inoltre, cresce l’irritazione per i continui attacchi di Salvini ai ministri pentastellati. Oggi, ad esempio, il leader leghista attacca su Ilva e Alitalia – entrambi dossier del Mise – imputa al dicastero dell’Ambiente, guidato da Sergio Costa, il rischio di ritardi nella demolizione del Ponte Morandi. E, non a caso, all’Huffington Post, Di Maio ribadisce un concetto: “se la Lega vuole un rimpasto ce lo chieda, non ci giri intorno”. Anche perche’ il M5S, in partenza contrario a ritoccare la squadra dei ministri, spinto dalla Lega sarebbe in qualche modo costretto a sedersi al tavolo per cedere, chissa’, anche un ministero. Di rimpasto se ne parlera’ solo prossimamente. E’ il negoziato con l’Ue l’emergenza del momento. Conte, in queste ore, sta limando la lettera che inviera’ a Bruxelles per illustrare le ragioni “politiche” di un’Italia sotto accusa. E sara’ il Consiglio europeo del 20 giugno il teatro del confronto forse decisivo per Conte, che potrebbe recarsi in Belgio con le cifre per la riduzione del deficit sostenute dall’Italia. Una manovra correttiva non e’ prevista. Una variazione delle tabelle, nel senso voluto dall’Ue, potrebbe registrarsi in occasione dell’assestamento di bilancio, che il governo approva tra la fine di giugno e l’inizio di luglio. E’ qui che Tria potrebbe mettere nero su bianco le maggiori entrate registrate con l’Iva e i risparmi derivati da reddito di cittadinanza e quota 100. Con un’incognita: la Lega e, di rimando il M5S, non sembrano intenzionate a girare quei risparmi nella riduzione del deficit ma in nuove misure bandiera, proprio come la Flat tax.

Continua a leggere

In rilievo