Collegati con noi

Politica

Svolta di Grillo sui vaccini, e firma “Patto” di Burioni

Avatar

Pubblicato

del

Un accordo bipartisan contro la “pseudo scienza” che mette per una volta insieme i principali antagonisti della più recente stagione politica. Beppe Grillo e Matteo Renzi firmano, insieme a molti altri esponenti piu’ o meno noti, un ‘patto per la scienza’, una sorta di gentlemen’s agreement proposto dall’immunologo Roberto Burioni per sostenere la ricerca scientifica e contrastare la pseudomedicina. E’ una svolta di rilievo soprattutto per il via libera di Grillo, fondatore di un Movimento che annovera tra le sue fila anche convinti No Vax e il cui ministro della Salute, Giulia Grillo e’ di recente finita nel mirino dopo le polemiche dimissioni del presidente dell’Istituto superiore di sanita’ Walter Ricciardi a causa delle “posizioni antiscientifiche” da lui attribuite al governo. “Oggi e’ successa una cosa molto importante. Perche’ ci si puo’ dividere su tutto, ma una base comune deve esserci” esulta Burioni, nei cui confronti, per altro, arriva immediata una presa di distanza del garante pentastellato. “Ho ricevuto il presente appello dal Professor Guido Silvestri. Non conosco il Professor Roberto Burioni” precisa Grillo che, tuttavia, nel merito aderisce all’appello. “Il progresso della scienza deve essere riconosciuto come un valore universale dell’umanita’ e non puo’ essere negato o distorto per fini politici e/o elettorali” dichiara il fondatore M5s. E poco importa se a proporgli la sottoscrizione del patto sia stato Silvestri, professore della Emory University e consulente del M5S per le questioni scientifiche: colui, insomma, che ha suggerito al Movimento la posizione sui vaccini, contro l’obbligo ma anche contro i No vax. Grillo, ormai sempre piu’ libero dagli obblighi imposti dalla linea di partito, nega svolte di alcun genere e bolla le polemiche sorte sulla sua presa di posizione come chiacchiere da “terrapiattisti”. “Io critico l’obbligatorieta’ dei vaccini che e’ questione politica; non i vaccini in se’, che quando sono sicuri ed efficaci rappresentano il frutto della scienza” afferma. Ma prima del chiarimento le parole di Grillo creano il finimondo. I No Vax lo inseguono sui social e lo tacciano di tradimento: “mai piu’ il mio voto dopo questo voltafaccia”, “ci avevate promesso di abolire i vaccini e invece adesso ce li volete iniettare con forza. Bel voltagabbana”, “E pensare che una volta eri il mio mito. Dalle stelle alle stalle. addio Beppe!”. Tra i suoi in pochi intervengono. Solo in serata arriva il commento della ministro Giulia Grillo: “La posizione pro-scienza e’ nel contratto di governo, tutte le azioni messe in campo in questi primi mesi dimostrano che per questo esecutivo il ruolo della scienza e della competenza sono irrinunciabili e non potrebbe essere altrimenti” mette in chiaro. Il presidente della commissione Sanita’ di palazzo Madama, il 5 Stelle Pierpaolo Sileri loda il passo di Grillo e alza le spalle: “Ci sara’ qualcuno che dissentira’ ma quello che dobbiamo cercare e’ la verita’”. Si schiera con Grillo anche la senatrice ‘ortodossa’ Elena Fattori: “Un sentito grazie al fantastico Beppe Grillo che come al solito si dimostra ‘oltre'” lascia scritto in un post. Silenzio assordante, invece, dalla Lega ma neppure Luigi Di Maio si esprime, forse per evitare nuove frizioni con l’alleato di governo. Ne’ si esprime la senatrice Paola Taverna che mantiene la promessa del silenzio dopo le polemiche sorte quando aveva raccontato che per “immunizzarci da piccola andavamo a trovare i cugini malati”. All’appello manca ora solo il possibile incontro tra Grillo e Burioni: il medico lo auspica e dopo le sue parole (“la scienza non viene corretta da quelli che su Twitter scrivono che la Terra e’ piatta”) non e’ detto che la pace non possa essere fatta.

Advertisement

Politica

M5S: siamo il primo partito alla Camera e al Senato, parleremo domani

Avatar

Pubblicato

del

“A seguito della crisi aperta da Matteo Salvini il M5S ritiene opportuno in questa delicatissima fase attendere l?esito delle consultazioni che dirigera’ il capo dello Stato Sergio Mattarella. In queste ore riceviamo appelli da piu’ parti, il M5S coglie dunque l’occasione per ricordare a tutte le forze di essere il primo partito in Parlamento, con una propria maggioranza relativa. Domani, al termine delle consultazioni, comunicheremo le nostre valutazioni”. Lo sottolinea una nota del M5S. “Informiamo infine la stampa e gli organi di informazione che, proprio in virtù del complicato momento che il Paese sta attraversando, ogni comunicazione passera’ attraverso i consueti canali ufficiali del M5S o del capo politico Luigi Di Maio”, spiega ancora la nota.

Continua a leggere

Politica

Zingaretti, scacco matto a Salvini in 5 mosse: Di Maio per ora aspetta e tiene unito il M5S intorno a Conte

Avatar

Pubblicato

del

La Direzione del Pd dà mandato al segretario Nicola Zingaretti di guidare le trattative per la formazione di un eventuale nuovo governo se ne ricorreranno le condizioni. Ovviamente la regia della crisi è ora nelle mani del Quirinale e le richieste e le indicazioni del Capo dello Stato Sergio Mattarella non potranno che agevolare le ragioni dell’incontro rispetto a quello dello scontro anche tra Pd e M5S.  C’erano quasi tutti i big del partito in Direzione nazionale del Pd per provare a capire che cosa fare in questo momento delicato per il Paese. È arrivato anche il presidente del Parlamento europeo David Sassoli. Non c’è unanimità di vedute sulla soluzione della crisi ma Zingaretti proverà a mediare tra le diverse anime e a contemperare l’esigenza di assicurare continuità di governo al Paese in un momento difficile e la necessità di non sfaldare un partito che sta risalendo la china dei consensi. Zingaretti, da quel che ha riferito in Direzione nazionale, sembra abbia le idee chiare e soprattutto sembra abbia anche il via libera della componente maggioritaria renziana del partito. Per Zingaretti un eventuale nuovo governo deve essere “di svolta, di legislatura” altrimenti “è meglio andare alle urne”. E qualunque sia il governo, a prescindere dai nomi, contano i programmi e conta il fatto che dovrà essere un esecutivo che rappresenta una “discontinuità” con il precedente, non basato su un contratto, ma che abbia alla base una “forte condivisione degli obiettivi”.

Zingaretti non crede in un governo di transizione che porti al voto. E in ogni caso non sarà il Pd a proporlo e a comporlo. Sarebbe rischioso per i Democratici e anche per il Paese. Si offrirebbe a Salvini, un abile propagandista, l’opportunità di una campagna elettorale nelle piazze all’insegna del peggiore sovranismo. “Tocca a noi muoverci e indicare una strada. Dentro il percorso di consultazione dobbiamo dare la disponibilità se c’è la possibilità di una nuova maggioranza parlamentare in grado di dare risposte serie ai problemi del Paese” sostiene Zingaretti che detta le condizioni di una futura partecipazione del Pd ad un governo.  Ma vediamo quali sono queste condizioni: “Appartenenza leale all’Unione europea; pieno riconoscimento della democrazia rappresentativa, a partire dalla centralità del Parlamento; sviluppo basto sulla sostenibilità ambientale; cambio nella gestione di flussi migratori, con pieno protagonismo dell’Europa; svolta delle ricette economiche e sociale, in chiave redistributiva, che apra una stagione di investimenti”: Sono questi i cinque punti indicati da Nicola Zingaretti nella relazione alla Direzione del Pd per trattare sulla nascita di un nuovo governo. Punti sui quali non ci sarà, per ragioni non elettorali ma perché fanno parte del Dna del movimento, alcuna obiezione da parte del M5S.

E allora se, come pare, i termini di un accordo politico per un governo che non sia balenare-elettorale sono riassunti in quei cinque punti di Nicola Zingaretti, è molto probabile che il Governo M5S-Pd si farà certamente. E Salvini e la Lega, entro pochi giorni saranno archiviati con la nascita di un nuovo esecutivo. È tutto apposto? Tutto risolto? Si va facilmente verso il nuovo governo? Ovviamente no. Le due parti possono sedersi ad un tavolo e cominciare a parlare se sono quelli elencati da Zingaretti i punti in comune. Certo ci sono tante altre cose di cui dovranno discutere. E poi c’è la questione della composizione del gabinetto di governo. Ma se si parla  è possibile che Luigi di Maio e Nicola Zingaretti trovino un accordo. Di Maio ha già fatto sapere che la discontinuità non deve significare diritto di veto verso alcuno del M5S. L’altra cosa chiara di questa crisi è quella che ha indicato l’Elevato, Beppe Grillo, garante del MoVimento. Non si fa nessun Governo col Pd senza che Nicola Zingaretti sia d’accordo. Una condizione posta da Grillo al capo politico del M5S Luigi Di Maio. E se non ci sarà, almeno avranno parlato, diradato veleni e sgomberato il campo da equivoci ed offese (anche personali) e potranno tornare ad una normale dialettica politica.

 

Continua a leggere

In Evidenza

Spadaro, Civiltà Cattolica: croci e rosari strumentalizzati e asserviti a propaganda politica di Salvini

Avatar

Pubblicato

del

Nel suo discorso in Senato, Giuseppe Conte ha affermato che accostare ai simboli politici i simboli religiosi e’ un atto di “incoscienza religiosa”. Un espressione che ha colpito Padre Antonio Spadaro, direttore di Civilta’ cattolica, che in un’intervista a Repubblica dice: “Abbiamo assistito a una strumentalizzazione di rosari, crocifissi, immagini care alla devozione dei credenti, che sono state strappate al loro contesto per essere asservite alla propaganda”. Secondo Spadaro, Conte “ha notato un duplice rischio: offendere il sentimento dei credenti e offuscare il principio di laicita’, che e’ un tratto caratteristico dello stato moderno. Sono affermazioni del tutto condivisibili perche’ tendono a tutelare sia la coscienza dei fedeli sia la laicita’ dello Stato, che non e’ confessionale”.

Antonio Spadaro. Il direttore di Civiltà Cattolica assieme al presidente Mattarella

Oggi, le forze sovraniste “hanno bisogno di fondarsi anche sulla religione per imporsi. Avviene non solo nel mondo cristiano. Il potere cerca di assoggettare la religione per succhiarne il sangue, la linfa vitale”, fa notare Spadaro. E spiega che in questo modo “si riduce il cristianesimo a una ‘parte’ o un ‘partito’. Nella coscienza del cittadino e del credente questo crea sempre ferite che finiscono per trasformarsi in infezioni che infettano sia la Chiesa sia lo Stato”.

Continua a leggere

In rilievo