Collegati con noi

Esteri

Svezia-Finlandia verso la Nato, patto militare con Gb

Pubblicato

del

Svezia e Finlandia sono ormai a un passo dall’ingresso nella Nato. I due Paesi scandinavi stanno procedendo in tandem – complice anche la fratellanza tra i partiti socialdemocratici alla guida dei rispettivi governi – e nei prossimi giorni, molto probabilmente, andranno a chiudere la partita. Le tappe formali sono gia’ incasellate. E non e’ un caso che il premier britannico Boris Johnson sia volato a Stoccolma ed Helsinki per firmare le “dichiarazioni di assistenza” in caso di “attacco” o di “crisi”, comprese le minacce ibride o cibernetiche. “La campagna sanguinaria scatenata da Vladimir Putin in Ucraina disegna una nuova realta’ e la fronteggeremo insieme”, ha detto Johnson accanto alla premier svedese Magdalena Andersson. Poco dopo, a Helsinki, ha rincarato la dose. “Nell’eventualita’ di un disastro, di un attacco a uno dei nostri Paesi, ciascuno interverrebbe per dare assistenza all’altro, assistenza militare inclusa”. Guerra, dunque, ‘boots on the ground’. Londra ha chiarito che l’accordo tripartito e’ “slegato” dal capitolo Nato e procedera’ anche se Svezia e Finlandia non dovessero entrare nell’Alleanza Atlantica. Ma al netto del recente protagonismo di BoJo nell’est e nel nord europeo, che rientra nella sua strategia di Global Britain post-Brexit, il filo rosso ormai e’ chiaro. Il presidente finlandese Sauli Niinistoe – che oggi ha provato a placare l’ira di Mosca affermando che l’eventuale adesione non sara’ “contro” nessuno – rendera’ nota la sua posizione sull’ingresso nella Nato domani (il ministro degli Esteri Pekka Haavisto sara’ invece alla commissione Esteri del Parlamento europeo). La premier Sanna Marin, invece, probabilmente sciogliera’ la sua riserva sabato prossimo, durante la riunione del Partito Socialdemocratico (SDP). Andersson, dal canto suo, si pronuncera’ domenica, dopo un’analoga riunione del suo partito – secondo Haavisto (Verdi) “e’ bene” che i due vicini sincronizzino le loro decisioni sulla Nato. Sempre per unire i puntini, a Berlino questo fine settimana si terra’ la ministeriale informale Esteri dei Paesi dell’Alleanza, passaggio cruciale verso il summit di Madrid di fine giugno, quando verra’ presentato il nuovo Piano Strategico. “Sarei molto sorpreso se Finlandia e Svezia non fossero presenti a Madrid in quanto alleati di prossimo ingresso”, commenta un alto funzionario della Nato. “Helsinki e Stoccolma sono contributori netti di sicurezza”. Cioe’ gente che ha mezzi e modi per difendersi. L’Alleanza, per bocca del segretario generale Jens Stoltenberg, ha gia’ detto che accogliera’ i nuovi membri “a braccia aperte” e dunque l’incognita al momento e’ solo quanto rapidamente tutto cio’ accadra’. “Molto in fretta”, assicura un’altra fonte interna alla Nato. Il sostegno popolare all’ingresso del Patto Atlantico, sia in Svezia che Finlandia, e’ d’altra parte esploso negli ultimi mesi – il 76% dei finlandesi, secondo gli ultimi sondaggi, e’ ad esempio a favore. Il ministro per gli Affari europei, Tytti Tuppurainen, ha dichiarato apertamente che la luce verde ormai e’ “molto probabile”. Dichiarazioni analoghe vengono dalla Svezia. “Abbiamo visto che tipo di Paese e’ la Russia e che tipo di regime ha: il suo leader e’ un dittatore spietato”, ha aggiunto Tuppurainen. “Non ci facciamo piu’ illusioni su quello che sta facendo e sappiamo che puo’ condurre una guerra che e’ quanto di piu’ spregevole, spietato e brutale si possa immaginare”.

Advertisement

Esteri

Traffico di organi, bambini rapiti in Sudafrica

Pubblicato

del

“Ogni 5 ore scompare un bambino in Sudafrica”. A riportare il drammatico dato e’ Missing Children South Africa che cita le statistiche della polizia sudafricana riferite pero’ al 2013. Lo riferisce l’agenzia Fides. Ma secondo l’organizzazione sudafricana “i rapimenti sono aumentati drasticamente negli ultimi mesi ed e’ motivo di grande preoccupazione”. Missing Children South Africa aggiunge che “ci occupiamo di diversi tipi di rapimenti. Abbiamo rapimenti a scopo di riscatto, rapimenti per ottenere organi per la medicina tradizionale, e traffico di esseri umani, per sfruttamento lavorativo o sessuale”. Le statistiche dell’organizzazione indicano che almeno il 77% dei bambini scomparsi viene ritrovato, ma questo lascia il 23% dei minori scomparsi forse per sempre. “L’ultimo dato noto e’ quello del 2013, quindi e’ molto difficile sapere realmente quale sia la situazione, ma noi come organizzazione vediamo un aumento dei casi ogni anno. Specialmente quest’anno, e’ veramente pazzesco il numero di casi che sono segnalati alla nostra organizzazione” afferma Bianca van Aswegen, coordinatrice di Missing Children South Africa, che sottolinea che c’e’ stato un aumento dei rapimenti a scopo di estorsione e della tratta di esseri umani dalla fine del lockdown per contenere il Covid-19 nel 2020.

“La tratta di esseri umani e’ decisamente aumentata nel nostro Paese, specialmente durante il Covid-19, a causa del fatto che le persone sono alla disperazione, molti cittadini hanno perso il lavoro mentre altri lavorano da casa”. Le attivita’ online sono un altro pericolo perche’ afferma van Aswegen a causa del lockdown “i bambini sono stati online di piu’ sui social media; e sono proprie queste piattaforme ad essere usate dalle organizzazioni criminali per adescare i bambini e attirare le persone in attivita’ illegali come il traffico di droga”. Il tasso di disoccupazione in Sudafrica e’ attualmente al 35,3% in un paese con una popolazione di oltre 60 milioni. La pandemia di Covid-19 ha contribuito all’aumento della disoccupazione, poiche’ circa 2 milioni di persone hanno perso il lavoro nei due anni trascorsi da marzo 2020 a causa dei rigidi lockdown. Per cercare di sopravvivere, diverse persone sono tentate dalle attivita’ criminali, con alcune di loro che aiutano i trafficanti di esseri umani, oppure nell’illusione di ottenere facilmente ricchezze, facendo ricorso pratiche “magiche”, che prevedono la mutilazione e l’uccisione di bambini e adolescenti.

Continua a leggere

Esteri

Usa: mega statua di Musk recapitata a quartier generale Tesla

Pubblicato

del

 Una statua in metallo di dieci metri che ritrae un Elon Musk con il corpo di una capra a bordo di un razzo è arrivata al quartier generale della Tesla a Austin, in Texas. La mega scultura è stata commissionato all’artista 20enne Kevin Stone da due imprenditori di criptovaluta nella speranza che la popolarità del nuovo proprietario di Twitter porti l’attenzione dei media e del pubblico sui loro prodotti. Costo della statua, che è stata chiamata ‘Elon il token capra’, ben 600.000 dollari. Non è chiaro se l’uomo più ricco del mondo sia stato informato dell’arrivo della mega scultura.

Continua a leggere

Esteri

Corea Nord, Kim: avremo forza nucleare più potente al mondo

Pubblicato

del

La Corea del Nord, dotata di armi nucleari, intende avere “la forza strategica più potente del mondo”, ha affermato il suo leader Kim Jong-un in occasione di una cerimonia celebrativa del lancio di un nuovo missile intercontinentale, durante la quale la sua giovane figlia è apparso in pubblico per la seconda volta. Kim ha premiato con una massiccia serie di promozioni i militari e gli scienziati coinvolti nello sviluppo del nuovo Hwasong-17, soprannominato dagli analisti militari il ‘missile mostruoso’, in grado di raggiungere gli Stati Uniti continentali. Questo missile balistico intercontinentale (icbm) è stato testato il 18 novembre, cadendo nelle acque al largo del Giappone.

L’Hwasong-17 è “l’arma strategica più forte del mondo” e costituisce “un magnifico balzo in avanti nello sviluppo della tecnologia per montare testate nucleari sui missili balistici”, ha affermato entusiasta il leader, citato oggi dall’agenzia di stampa ufficiale nordcoreana Kcna. Gli scienziati, i soldati i dirigenti di questo programma hanno contribuito all'”obiettivo di costruire l’arma più forte del mondo”.

Il leader ha sottolineato che lo scopo dello sviluppo di una forza nucleare è “proteggere in modo affidabile la dignità e la sovranità dello stato e del popolo”. È “la causa rivoluzionaria più grande e più importante, e il suo obiettivo finale è possedere la forza strategica più forte del mondo, la forza assoluta che non ha eguali nel secolo”, ha proclamato Kim. Il quotidiano ufficiale Rodong Simun ha pubblicato oggi una decina di foto che mostrano il leader nordcoreano in posa in compagnia di centinaia di civili e soldati durante la cerimonia, accompagnato dalla “sua amata figlia”. L’esistenza di quest’ultima è stata rivelata per la prima volta la scorsa settimana, quando i media locali hanno pubblicato le foto di lei che assisteva con suo padre, mano nella mano, al lancio dell’Hwasong-17.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto