Collegati con noi

Cronache

Stupro in Costiera: tutti condannati i 5 imputati, dipendenti dell’albergo che ospitava la turista inglese

Avatar

Pubblicato

del

I giudici del tribunale di Torre Annunziata hanno condannato i 5 imputati per lo stupro della turista inglese a Meta di Sorrento, in un albergo dove la donna stava soggiornando. Hanno accolto le tesi dell’ accusa  e riconosciuto anche i danni civili, condannando gli ex dipendenti dell’albergo a pene variabili fra 9 e 4 anni.

La pena più alta (9 anni) per Gennaro Gargiulo, 8 per Antonino Miniero e Fabio De Virgilio, per Francesco D’Antonio e 4 per Raffaele Regio. Per gli imputati oltre alla sorveglianza speciale di un anno alla fine della pena e interdizione dai pubblici uffici per cinque anni per i primi quattro imputati, uno in più per Regio. La ricostruzione della vicenda, avvenuta alla fine dell’estate di tre anni fa, ha confermato che quello vissuto dalla turista inglese, che soggiornava nell’albergo di Meta con la figlia 25enne, fu un vero incubo. La donna dopo che probabilmente le era stata data anche la droga dello stupro venne abusata a turno da una serie di persone, forse sei. Ritornata in camera si era sentita male e poi aveva iniziato a ricordare quello che le era accaduto. Sui telefonini dei dipendenti sarebbe stata anche trovata una chat con il racconto di quello ch era accaduto.

Quando i giudici di Torre Annunziata hanno dato lettura del dispositivo della sentenza è esplosa la rabbia dei familiari dei cinque: sono volate minacce ai giudici che sono stati costretti ad uscire da una porta secondaria. Accettata la costituzione di parte civile da parte della vittima e dell’albergo di Alimuri dove i cinque lavoravano.

 

Advertisement

Cronache

Covid Hospital in Campania, perquisizioni e sequestri per l’inchiesta sull’appalto

Avatar

Pubblicato

del

Mentre si cerca di fermare il virus o di bloccarlo con il distanziamento e con l’uso delle mascherine, va avanti l’inchiesta della magistratura sugli appalti per la realizzazione dei Covid Hospital prefabbricati completi di 72 posti letto in terapia intensiva a Napoli, Salerno e Caserta.

Sulla gara da oltre 15 milioni di euro che è stata aggiudicata dalla centrale regionale per gli acquisti Soresa alla Med (“Manufactoring engineering & development srl”), società padovana, con la procedura di somma urgenza consentita dalla legge, indaga infatti la Procura napoletana che negli ultimi giorni ha disposto perquisizioni e sequestri di computer e cellulari  al manager dell’Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva, al consigliere regionale Luca Cascone, ritenuto vicino a De Luca , e all’ingegnera Roberta Santaniello dell’Unità di crisi regionale e del gabinetto della giunta per la Protezione Civile. L’inchiesta dei carabinieri è coordinata dai  pm Mariella Di Mauro e Simone De Roxas,  con il procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio.

 

Continua a leggere

Cronache

Scassinatori tentano di investire i Falchi della Polizia ma vengono bloccati e arrestati

Avatar

Pubblicato

del

Hanno tentato di speronare le moto dei Falchi della Polizia ed hanno lanciato contro gli agenti borghesi di tutto: cacciavite, arnesi da scasso… È  accaduto a Napoli, in via Ponti Rossi, quando i Falchi della Squadra Mobile, durante un servizio di contrasto ai reati predatori, hanno notato due uomini all’esterno del cancello d’ingresso di un edificio e, insospettiti, li hanno avvicinati mentre questi salivano su un’auto sopraggiunta con una terza persona a bordo.

I tre, per eludere il controllo, dopo aver colpito una delle moto e strattonato un agente, si sono allontanati velocemente; durante l’inseguimento, avvenuto su una strada impervia e poco illuminata, hanno tentato di speronare le moto di servizio e lanciato verso i poliziotti una serie di oggetti  fino a quando, in via De Simone, in seguito alla collisione dell’auto con una delle moto, i tre hanno abbandonato la vettura fuggendo verso un dirupo dove sono stati raggiunti e bloccati dopo una colluttazione.
Alesandro Dragutinovic, Obrenovic Dusan, serbi di 45 e 19 anni, e Cristian Barbulovic, italiano di 21 anni, tutti con precedenti di polizia, sono stati arrestati per tentato omicidio, tentata rapina aggravata e lesioni personali.

Continua a leggere

Cronache

Viviana Parisi e il figlio Gioele di 4 anni scomparsi nel nulla dopo un incidente banale sull’A20, l’appello della Polizia Stradale

Viviana Parisi, 43 anni, e il bambino sono scomparsi lunedì mattina dopo un incidente sull’autostrada A20 Messina-Palermo. Le ricerche sono in corso

Avatar

Pubblicato

del

Viviana Parisi, 43 anni, e il bambino sono scomparsi lunedì mattina dopo un incidente sull’autostrada A20 Messina-Palermo, nei pressi di Caronia. Le ricerche, da allora, sono in corso. Vanno avanti senza sosta per ritrovare Viviana Parisi e il figlioletto di 4 anni, Gioele. Le ricerche sonno andate avanti per tutto il giorno di ieri e fino alla tarda nottata, intorno al calvalcavia dell’A20, al chilometro 117.

Polizia stradale, corpo Forestale, anche con l’aiuto di un elicottero e i volontari hanno perlustrato anche stamani la zona, ma della donna e del figlio finora nessuna traccia. Al momento gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi. Ritrovata l’auto, che portava segni di un lieve incidente sulla carrozzeria, e dove c’erano gli effetti personali della 43enne, compresa la borsa col cellulare e i documenti. I rilievi fanno pensare che l’auto possa aver urtato autonomamente contro il guardrail laterale della corsia autostradale, senza pero’ riportare grossi danni. Secondo le testimonianza raccolte sul posto, la donna con il bimbo si sarebbe allontanata a piedi tra le strade di campagna della zona.

Le ricerche sono tuttora in corso. Chi avesse notizie è pregato di contattare questa Polizia Stradale ai numero 090/6402811 o 090/41852“. Questo è l’appello lanciato dalla Polizia stradale per ritrovare mamma e figlio svaniti nel nulla.  L’automobile è stata trovata abbandonata in un controllo di routine della Polizia stradale sul viadotto Pizzo Turda, sulla carreggiata dell’autostrada in direzione Palermo. L’Opel Corsa di colore grigio aveva  lievi danni per un impatto contro il guard-rail. Viviana era partita dal suo paese, Venetico, un piccolo centro vicino a Messina, per andare al centro commerciale a Milazzo, hanno riferito dei parenti, che non riescono a spiegarsi l’accaduto. In serata il marito e i familiari hanno lanciato un appello social per le ricerche, rilanciato e condiviso da migliaia di persone.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto