Collegati con noi

Salute

Stretta su fumo, verso divieti per e-cig e all’aperto

Pubblicato

del

Divieto di fumo in luoghi all’aperto se ci sono nelle vicinanze minori e donne incinte. Niente sale fumatori in locali chiusi e una stretta su sigarette elettroniche e prodotti del tabacco riscaldato. A 20 anni esatti dalla legge che sancì i primi divieti per le bionde, potrebbe arrivare in Italia una nuova svolta sul fumo. Ad annunciarlo è il ministro della Salute Orazio Schillaci, che potrebbe legare il suo nome a un aggiornamento della norma, raccogliendo il testimone del suo predecessore Girolamo Sirchia, anch’egli medico.

“Vista la preoccupante diffusione di stili di vita non salutari”, ha detto il ministro della Salute Orazio Schillaci in audizione in Commissione Affari sociali della Camera, “intendo affrontare il contrasto del tabagismo, che è tuttora la principale causa di morbosità e mortalità prevenibile in Italia” per “conseguire l’obiettivo del Piano Europeo contro il Cancro 2021 di creare una ‘generazione libera dal tabacco’ entro il 2040”. Le misure dovranno tenere conto “della crescente diffusione di nuovi prodotti, come sigarette elettroniche e prodotti del tabacco senza combustione, e delle sempre più numerose evidenze sui possibili effetti dannosi per la salute”.

Come ricorda l’Istituto superiore di sanità (Iss), infatti, “il fumo non è responsabile del solo tumore del polmone, ma è anche il principale fattore di rischio per le malattie respiratorie e cardiovascolari” tanto che, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), entro il 2030 provocherà 8 milioni di morti l’anno nel mondo. Le ipotesi allo studio sono state annunciate da Schillaci stesso: “intendo proporre l’aggiornamento e l’ampliamento della legge 3/2003 per estendere il divieto di fumo in altri luoghi all’aperto in presenza di minori e donne in gravidanza; eliminare la possibilità di attrezzare sale fumatori in locali chiusi; estendere il divieto anche alle emissioni dei nuovi prodotti come sigarette elettroniche e prodotti del tabacco riscaldato; estendere il divieto di pubblicità ai nuovi prodotti con nicotina”. In quest’ottica, ha proseguito “è necessario e strategico” anche “il recepimento entro il 23 luglio 2023 della direttiva della Commissione Europea sull’eliminazione di alcune esenzioni che riguardano i prodotti del tabacco riscaldato”, per “consentirne l’entrata in vigore dal 23 ottobre 2023”.

L’obiettivo del ministro, che è anche professore ordinario di Medicina Nucleare all’Università di Tor Vergata, è che “i molteplici interessi correlati ai prodotti del tabacco, che coinvolgono i Dicasteri economici, non prevalgano sulla tutela della salute”. Deve aver pensato più o meno questo, Girolamo Sirchia quando, il 16 gennaio 2003, ottenne l’approvazione della legge che introduceva in Italia il divieto di fumo nei luoghi pubblici. Inizialmente accolta da polemiche, dopo la sua entrata in vigore, il 10 gennaio 2005, la legge trovò un inaspettato successo nelal popolazione. In 10 anni, come certificato da Istat, portò alla riduzione dei ricoveri per infarto del 5% ogni anno e alla diminuzione del 25% delle vendite dei prodotti del tabacco.

La battaglia contro il tabagismo, però, era tutt’altro che conclusa. Nel 2015, veniva emanato il Decreto Legislativo che recepiva la Direttiva europea 2014/40: nel pacchetto dell’allora ministro Beatrice Lorenzin, vi erano, tra l’atro, l’obbligo di foto dei danni da fumo sui pacchetti unito al Numero Verde per aiutare a smettere (800.554.088), il divieto di additivi che rendono più attrattivo il tabacco e l’abolizione dei pacchetti da 10. Eppure, che si tratti di bionde o di tabacco sfuso, ancora nel 2022, secondo i dati dell’Iss, quasi un italiano su 4 (il 24% della popolazione) era un fumatore, e il trend è in ripresa dopo anni di calo. Mentre l’aumento è costante per le persone, in genere giovanissimi, che fumano sigarette a tabacco riscaldato: 3,3% del 2022 rispetto al 1,1% del 2019.

Advertisement
Continua a leggere

In Evidenza

Vita matrimoniale aiuta a tenere sotto controllo il diabete

Pubblicato

del

Le persone sposate e che vivono insieme al coniuge hanno maggiori probabilità di riuscire a tenere sotto controllo la glicemia e prevenire la comparsa del diabete di tipo 2 secondo uno studio internazionale pubblicato sulla rivista BMJ Open Diabetes Research & Care. “Il rischio di diabete di tipo 2 è stato associato a diverse dimensioni della salute sociale”, spiegano i ricercatori. Ma a oggi non è chiaro quanto ciascuna di queste componenti (per esempio l’isolamento, l’organizzazione della vita, le dimensioni della rete sociale) incidano sul rischio di sviluppare la malattia o andare incontro a un peggioramento, se si è già ammalati.

I ricercatori hanno analizzato i dati relativi a oltre 3.300 ultra-cinquantenni seguiti dal 2004 al 2013. Nessuno di loro all’inizio dello studio aveva il diabete. Lo studio ha rilevato che, qualunque fosse la qualità del rapporto tra coniugi, i partner che continuavano a stare insieme avevano un miglior controllo della glicemia, in termini di valori di emoglobina glicata. L’analisi dei dati ha inoltre mostrato che le persone che avevano vissuto transizioni coniugali (per esempio un divorzio) tendevano ad andare incontro a cambiamenti significativi nei livelli di emoglobina glicata e a un aumento del rischio di sviluppare pre-diabete. “Un maggiore sostegno per gli anziani che stanno vivendo la perdita di una relazione coniugale a causa di un divorzio o del lutto, così come lo smantellamento degli stereotipi negativi sulle relazioni sentimentali in età avanzata possono essere punti di partenza per affrontare alcuni rischi per la salute”, scrivono i ricercatori.

Continua a leggere

Salute

Tumori: Aiom, subito la legge sul diritto a oblio oncologico 

Pubblicato

del

Subito una legge sul diritto all’oblio oncologico, perchè “servono maggiori garanzie legali per difendere i diritti fondamentali ed evitare discriminazioni”. E’ la richiesta lanciata dal convegno ‘Quando il cancro diventa una malattia cronica’, organizzato oggi a Roma da Fondazione Aiom (Associazione Italiana di Oncologia Medica) in occasione della Giornata Mondiale contro il Cancro. In Italia, affermano gli oncologi, il cancro è una malattia sempre più guaribile o cronica. Un paziente su quattro è riuscito a superare il tumore, non necessita più di trattamenti e presenta la stessa aspettativa di vita del resto popolazione. Al tempo stesso i malati oncologici cronici ammontano a 2 milioni: “per i primi si rende assolutamente necessaria l’approvazione a breve di una legge per il diritto all’oblio oncologico. Per i secondi invece una riorganizzazione della medicina territoriale in modo che l’assistenza sia la più vicina possibile al domicilio del paziente”. I malati oncologici nel nostro Paese “sono in costante crescita e ammontano ad oltre 3,7 milioni – sottolinea Giordano Beretta, presidente Fondazione Aiom -. Di questi circa un milione aspetta da tempo una legge che tuteli i loro diritti fondamentali ed eviti discriminazione nella vita di tutti i giorni. In molti Paesi europei esistono già delle norme specifiche per chi è riuscito a superare definitivamente il cancro. Queste persone all’estero riescono, senza troppi problemi, ad avere un prestito bancario o a stipulare un’assicurazione sulla vita. Da noi invece non esiste ancora alcuna garanzia legislativa. Come Fondazione Aiom, da oltre un anno promuoviamo ‘Io non sono il mio tumore’, la prima campagna nazionale per il diritto all’oblio oncologico”. Promossa anche una petizione on line e finora sono state raccolte oltre 105mila firme. “I pazienti sia cronici che guariti devono poter tornare alle normali attività lavorative – conclude Elisabetta Iannelli, segretaria della Favo (Federazione Italiana Associazioni Volontariato In Oncologia) -. Fondamentale è la riabilitazione fisica ma anche psicologica e sociale. Le associazioni dei pazienti chiedono dunque che, in linea con le indicazioni della Commissione Europea, venga garantita la riabilitazione oncologica e che questa sia inserita nei Livelli essenziali di assistenza Lea”. 

Continua a leggere

Salute

Tumore seno, Oms punta a meno 2,5 milioni vittime entro 2040 

Pubblicato

del

Un’iniziativa globale guidata dalle Nazioni Unite per combattere il cancro al seno potrebbe salvare 2,5 milioni di vite entro il 2040. A lanciarla nella Giornata mondiale contro il cancro è l’Organizzazione Mondiale delal Sanità (Oms), che vuole combattere le disuguaglianze nella prevenzione e nella cura di questa malattia che colpisce ogni anno 2,3 milioni di donne, rendendo quello al seno il cancro più comune al mondo. Nel 95% dei Paesi, il cancro al seno è la prima o la seconda causa di morte per tumore nelle donne.

Tuttavia, quasi l’80% dei decessi per cancro al seno e cervice uterine si verificano nei Paesi a basso e medio reddito. L’Oms rileva inoltre che se un numero limitato di Paesi ad alto reddito è stato in grado di ridurre la mortalità per cancro al seno del 40% dal 1990, per le donne nei Paesi più poveri, una delle sfide principali è ricevere una diagnosi tempestiva. “La sopravvivenza al cancro al seno è del 50% o meno in molti Paesi a basso e medio reddito”, ha diachiarato Bente Mikkelsen dell’Oms, ma il tasso è “superiore al 90% per coloro che possono ricevere le migliori cure nei paesi ad alto reddito”.

“I Paesi con sistemi sanitari più deboli non sono in grado di gestire il crescente onere del cancro al seno che provoca un grande onere sugli individui, le famiglie, le comunità, i sistemi sanitari e le economie. Ridurre l’incidenza di questa malattia deve quindi essere una priorità per i ministeri della salute e dei governi di tutto il mondo”, ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms. Per rispondere alle esigenze dei paesi più poveri e fornire orientamenti ai governi, la campagna lanciata dall’Oms vuole promuovere controlli sanitari per incoraggiare la diagnosi precoce e fornire trattamenti tempestivi con terapie efficaci. Entro il 2040, si prevedono oltre tre milioni di casi e un milione di morti ogni anno in tutto il mondo. Circa il 75% di questi decessi si verificherà nei paesi a basso e medio reddito. “Il cancro al seno è la ragione più probabile per cui una donna morirà di cancro in tutto il mondo, è il cancro più comune nelle donne nell’86% dei paesi. È quindi essenziale disporre di un programma di prevenzione nei prossimi anni” conclude l’Oms.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto