Collegati con noi

Cronache

Strage del bus di Avellino, 40 cittadini uccisi: assolti tra le urla di “vergogna vergogna” i vertici di Autostrade per l’Italia

amministratore

Pubblicato

del

“Siete la vergogna dell’Italia. Vergognatevi. Vergogna. Questa non è giustizia. Avete ucciso i nostri cari per la seconda volta”. Nell’aula del tribunale di Avellino, i familiari delle 40 vittime del bus finito nella scarpata il 28 luglio del 2013, dopo la lettura della sentenza che assolve Giovanni Castellucci, ad di Autostrade per l’Italia, usano quasi tutti la parola vergogna per dare una lettura della sentenza che assolve i vertici di Autostrade per l’Italia. Castellucci, ad di Autostrade,  che da gorni fa circolare la voce che vuole lasciare il suo ruolo di Ceo, ora avrà qualche motivo in più per restare. L’hanno assolto nel processo per il bus caduto nella scarpata della A16. Per lui, il procuratore di Avellino Rosario Cantelmo, aveva chiesto una condanna a 10 anni di reclusione. La sentenza è stata letta velocemente dal giudice monocratico del tribunale di Avellino Luigi Buono tra gli applausi di scherno di tanti e le urla “vergogna”. Non è stato, senza entrare nel merito di una sentenza emessa nel nome del popolo italiano, uno spettacolo bello. Che cosa dice questa sentenza che infligge otto condanne e sette assoluzioni per i 15 imputati nel processo. Ci dice che l’ad di Autostrade per l’Italia Giovanni Castellucci e l’ex condirettore generale della società Riccardo Mollo vengono assolti. E che la condanna più severa, 12 anni, cosi’ come richiesto dall’accusa, è quella per Gennaro Lametta, proprietario del bus: per lui 12 anni di reclusione. E il fratello autista del bus morto nell’incidente. In pratica tutte le perizie sulla sicurezza dell’autostrada, quelle che hanno evidenziato una marea di problemi seri tanto da consigliere alla procura di estendere i controlli a tutta la rete autostradale non sono state prese in considerazione dal giudice monocratico Buono.Assolti anche Vittorio Saulino, dipendente della motorizzazione civile di Napoli; Michele Maietta, dirigente tronco Autostrade, Massimo Fornaci, Marco Perna e Antonio Sorrentino, dirigenti o ex dirigenti della società. Oltre Lametta sono stati condannati in primo grado (con pene sensibilmente più lievi rispetto alle richieste dell’accusa) Antonietta Ceriola, dipendente della Motorizzazione di Napoli, otto anni; Paolo Berti, all’epoca direttore del tronco di Autostrade su cui avvenne l’incidente, cinque anni e sei mesi. Condanne anche per altri tra dirigenti e tecnici di Autostrade: Michele Renzi, cinque anni; Nicola Spadavecchia, sei anni; Bruno Gelardi, cinque anni; Gianluca De Franceschi, sei anni; Gianni Marrone, cinque anni e sei mesi.


Nella requisitoria al processo per la strage del 28 luglio 2013 il pm Rosario Cantelmo aveva ricordato vicende umane che hanno suscitato grande emozione, prima di concludere con la richiesta di 10 anni per i vertici di Autostrade, accusati di “sciatteria” e “negligenza”. Il magistrato si era soffermato in particolare su due storie. Quella di Clorinda Iaccarino, che porta ancora i segni fisici di quella notte in cui perse il marito e le figlie in quell’incidente. “Ho perso tutto, non ho più nulla”, ha ripetuto tre volte il pm citando le parole della donna. E poi la storia di Annalisa Caiazzo, che ha davanti a sé, ogni giorno la testimonianza viva di quel che accadde,con una figlia di appena 5 anni all’epoca operata più volte, “aperta come una scatoletta di tonno” dice Cantelmo, per la quale la madre ogni giorno si chiede “cosa sarà di lei quando io non ci sarò più”.

Un giudice Buono assolve Autostrade per l’Italia e cassa le accuse del procuratore di Avellino Cantelmo

Advertisement

Cronache

Trovata morta in casa il magistrato Laura Siani, era stata sostituto procuratore a Palermo fino a due mesi fa

Avatar

Pubblicato

del

Nelle scorse ore, nella sua casa di Lecco in via Cavour, e’ stata trovata morta Laura Siani, sostituto procuratore arrivata in citta’ due mesi e mezzo fa dopo l’incarico alla procura di Palermo. Sul caso indagano i carabinieri. Gli inquirenti non escludono il gesto volontario che avrebbe portato il pm alla morte.

Sul posto si sono portati subito i Carabinieri di Lecco, con il tenente colonnello Claudio Arneodo e il capitano Alessio Zanella insieme all’ex procuratore capo Antonio Chiappani (trasferito nelle scorse settimane alla Procura di Bergamo) e i sostituti procuratori Andrea Figoni e Giulia Angeleri.  Originaria di Mandello del Lario, in provincia di Lecco, il magistrato era figlia del noto musicista Dino Siani, scomparso nel 2017 e noto al grande pubblico, nonché sorella di Giorgio Siani, ex sindaco di Mandello. Prima di arrivare a Lecco era stata in servizio a Palermo e prima ancora a Lodi. La salma è stata trovata la scorsa notte su segnalazione di un vicino di casa. Sono intervenuti il procuratore capo Antonio Chiappani con i suoi più stretti collaboratori e i carabinieri. Sono ancora in corso indagini per risalire alle esatte modalità e cause dell’accaduto

Continua a leggere

Cronache

Crolla un muro di contenimento, sepolti vivi due lavoratori: due morti estratti dalle macerie

Avatar

Pubblicato

del

Colpa delle piogge e del sole cocente. Così una massa enorme di terra si è staccata dalla costa della collina ed ha colpito e ucciso due operai che lavoravano sotto. La tragedia si è consumata in un cantiere edile di Pianura, quartiere occidentale di Napoli, area ad altissima densità abitativa, spesso oggetto di speculazioni edilizie e lavori abusivi. A perdere la vita sono stati Ciro Petrucci, un 61enne del posto, ed un giovane immigrato, dall’apparente età di 20 anni, che però non è stato ancora identificato. Altri due stranieri che lavoravano nel cantiere sono rimasti illesi. E certamente loro potranno dire come sono andate le cose. I quattro stavano lavorando in un cantiere di via Archimede, dove si era provveduto alla ristrutturazione di un fabbricato. Una costruzione che si trova sulle pendici della collina, con un dislivello di alcuni metri rispetto alla costruzione confinante. E proprio lungo il confine, i quattro operai edili stavano realizzando un muretto di contenimento. La base era gia’ stata realizzata e poi mattone dopo mattone avrebbero dovuto raggiungere l’altezza di una decina di metri. Ma alle 12.30 e’ arrivata la morte. Una parte del costone si è staccata e per Petrucci ed uno degli operai stranieri non c’e’ stato nulla da fare. Sul posto sono giunti i carabinieri, gli uomini della polizia locale ed i vigili del fuoco che con un escavatore hanno dovuto rimuovere centinaia di metri cubi di terriccio prima di recuperare le due salme. I corpi erano uno accanto all’altro, sembravano abbracciati. Forse le sue vittime hanno capito del pericolo imminente ed hanno provato a stringersi per proteggersi. I parenti di Petrucci sono giunti poco dopo. Del giovane immigrato i carabinieri della compagnia di Bagnoli hanno preso gli effetti personali con la speranza che i suoi compagni di lavoro – nelle prossime ore e non appena si saranno ripresi dallo choc – potranno dire qualcosa in più. Petrucci, 61 anni, che viveva non lontano dal luogo della tragedia era solito collaborare per qualche lavoretto di edilizia in casa di vicini o di amici per arrotondare le sue entrate. Sposato, tre figli, da appena un paio di settimane era diventato nonno ed era ben voluto da tutti. Tocchera’ agli agenti della polizia locale la verifica sui titoli autorizzativi dei lavori mentre ai carabinieri presso il ministero del Lavoro l’accertamento sul rispetto delle norme sulla sicurezza.

Continua a leggere

Cronache

La prof d’inglese fece un figlio con il baby-alunno, condannata a sei anni e mezzo per violenza sessuale

Avatar

Pubblicato

del

“Ho avuto solo un desiderio in questo anno di guai, dedicarmi a mio marito e ai miei due figli, cosa che ora posso fare con più distacco e tranquillità”. Così ha parlato la donna di 32 anni di Prato, che due anni fa ebbe un figlio da un ragazzo all’epoca dei fatti 13enne. A quel ragazzo avrebbe dovuto dare ripetizioni di inglese, e invece s’è vista invischiata in un processo per violenza sessuale su minore che l’è costata una condanna a 6 anni e sei mesi di carcere, invece dei sette anni chiesti dall’accusa. Si è chiusa così, per ora, in primo grado, una vicenda dolorosa nata dalle confessioni fatte ai genitori dal ragazzo. Un ragazzo che raccontò tutto di quella relazione con la sua insegnante d’ inglese e di essere addirittura il padre del secondo figlio della donna quando le pressioni della dona diventarono insopportabili. Così denunciò il ragazzo.


Per l’accusa era violenza sessuale su un ragazzo non ancora 14enne. Per la difesa una relazione di cui il giovanissimo era consapevole. Nella vicenda è rimasto coinvolto anche il marito della donna, accusato di alterazione di stato civile per essersi attribuito la paternità di un bambino che sapeva essere dell’allievo della moglie. Per lui la condanna ieri è stata a un anno e mezzo, contro i due anni chiesti dall’accusa.
Oggi sono tutti liberi, anche la donna, perché i domiciliari le sono stati revocati a fine febbraio. Per tutti è stato un processo difficile, data la delicatezza della storia.  Ora occorre attendere le motivazioni della sentenza, contro la quale hanno la difesa ha annunciato che sarà presentato appello. Fin d’ora comunque, senza misure cautelari e “senza i continui rinvii, senza essere continuamente ascoltata, lontana da una continua rivisitazione dei fatti che non rende sereno il clima familiare, la nostra assistita è finalmente tranquilla”, hanno aggiunto i legali della donna, gli avvocati Massimo Nistri e Mattia Alfano. La sentenza di condanna è stata emessa ieri dal giudice Daniela Migliorati al termine di un processo iniziato nel luglio scorso. Tutto era partito nel marzo 2019, dopo che il ragazzo, oggi 16enne, aveva raccontato ai genitori della relazione con la sua insegnante, operatrice socio sanitaria che il pomeriggio gli impartiva lezioni private d’inglese. Ai genitori il ragazzo aveva anche rivelato di essere il padre del secondo bambino della donna. Gli investigatori della polizia di Stato acquisirono informazioni, testimonianze, e soprattutto i telefoni della donna e del ragazzo, raccogliendo prove inoppugnabili, come le chat trovate sui telefoni del ragazzo e della sua insegnante. Il test del dna infine ha confermato con certezza la paternità del neonato. La Procura di Prato nel marzo scorso chiese e ottenne l’ arresto della donna ai domiciliari, conclusi nel febbraio scorso. Ora entrambe le famiglie coinvolte in questa storia avranno finalmente la serenità necessaria per superare la vicenda.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto