Collegati con noi

Ambiente

Strada chiusa per rifiuti pericolosi nei pressi del Museo archeologico nazionale di Napoli, la protesta dei cittadini

Avatar

Pubblicato

del

Sembra una bega di quartiere come ce ne sono tante. Eppure quella che ci segnalano a Napoli gli abitanti di una zona a ridosso del Museo Archeologico Nazionale, dunque una zona molto battuta dai turisti, è davvero incresciosa, volendo usare un eufemismo. I cittadini hanno documentato una situazione ai limiti dell’assurdo. Con foto e video. Ci hanno chiesto e si chiedono chi dovrà smaltire una quantità enorme di rifiuti solidi, ingombranti e legnosi che stazionano da un paio di giorni in via Santa Margherita, (una traversa di via Santa Teresa degli Scalzi) davanti all’entrata del plesso scolastico Russo, 19°Istituto comprensorio statale Russo- Monale. La pioggia, copiosa in questi giorni, certamente non ha aiutato  a tenere calmi gli abitanti, facendo marcire velocemente tutto il materiale legnoso che venerdì in mattinata era stato accatastato in ordine con addirittura le rete arancione per delimitare l’area di scarico. La rete che tra l’altro occupa il passaggio pedonale di una strada molto stretta e pericolosa facendo deviare il passaggio proprio al centro della carreggiata. Lavori di pulizia e sistemazione dei rifiuti diretti da quattro autodefinitisi funzionari e realizzati da quattro operai in tuta bianca e mascherina. Forse c’era timore o forse c’era materiale pericoloso, tipo amianto? Alle immediate proteste  degli abitanti, la risposta cortese e molto educata è stata di scuse e di assicurazione che appena finito lo spostamento, sarebbe passato un camion a prelevare il tutto. Da giorni è rimasto tutto in quella strada. Compresi i rifiuti pericolosi. Davanti ad una scuola. Ora si aspetta il rientro in classe degli alunni, o almeno prima dell’uscita, così sperano gli abitanti e sperano che qualcuno si renda conto che oltre ad essere antigienico  e ricettacolo di topi, questo cumulo di legna e altro materiale è pericoloso per eventuali malintenzionati che potrebbero appiccare incendi. E poi quel materiale impedisce la viabilità pedonale in un tratto di curva cieca in salita. I residenti dicono di aver avvisato i vigili urbani con telefonate, ora vorrebbero andare a bussare alla stazione dei carabinieri della zona, ma  sperano  che si risolva tutto prima di dover affidare il caso all’Arma.

 

 

Fotogiornalista da 35 anni, collabora con i maggiori quotidiani e periodici italiani. Ha raccontato con le immagini la caduta del muro di Berlino, Albania, Nicaragua, Palestina, Iraq, Libano, Israele, Afghanistan e Kosovo e tutti i maggiori eventi sul suolo nazionale lavorando per agenzie prestigiose come la Reuters e l’ Agence France Presse, Fondatore nel 1991 della agenzia Controluce, oggi è socio fondatore di KONTROLAB Service, una delle piu’ accreditate associazioni fotografi professionisti del panorama editoriale nazionale e internazionale, attiva in tutto il Sud Italia e presente sulla piattaforma GETTY IMAGES. Docente a contratto presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli., ha corsi anche presso la Scuola di Giornalismo dell’ Università Suor Orsola Benincasa e presso l’Istituto ILAS di Napoli. Attualmente oltre alle curatele di mostre fotografiche e l’organizzazione di convegni sulla fotografia è attivo nelle riprese fotografiche inerenti i backstage di importanti mostre d’arte tra le quali gli “Ospiti illustri” di Gallerie d’Italia/Palazzo Zevallos, Leonardo, Picasso, Antonello da Messina, Robert Mapplethorpe “Coreografia per una mostra” al Museo Madre di Napoli, Diario Persiano e Evidence, documentate per l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive, rispettivamente alla Castiglia di Saluzzo e Castel Sant’Elmo a Napoli. Cura le rubriche Galleria e Pixel del quotidiano on-line Juorno.it E’ stato tra i vincitori del Nikon Photo Contest International. Ha pubblicato su tutti i maggiori quotidiani e magazines del mondo, ha all’attivo diverse pubblicazioni editoriali collettive e due libri personali, “Chetor Asti? “, dove racconta il desiderio di normalità delle popolazioni afghane in balia delle guerre e “IMMAGINI RITUALI. Penitenza e Passioni: scorci del sud Italia” che esplora le tradizioni della settimana Santa, primo volume di una ricerca sui riti tradizionali dell’Italia meridionale e insulare.

Advertisement

Ambiente

Il Messico annuncia la scoperta di cinque barriere coralline di oltre mille ettari

Avatar

Pubblicato

del

Dei ricercatori messicani hanno annunciato la scoperta di cinque barriere coralline finora sconosciute nel Golfo del Messico. Il dipartimento federale per la Ricerca ha fatto sapere che il banco ricopre un’area sottomarina di oltre 1.100 ettari, situata in parte all’interno e in parte all’esterno di una riserva marina protetta.

Gli scienziati chiedono ora che l’intera zona sia sottoposta a stretti vincoli e protetta da qualunque progetto di estrazione petrolifera o altri piani di sfruttamento. Una delle barriere è lunga cinque chilometri e larga 700 metri, e si trova al largo della laguna di Tamiahua, vicino alla città di Tampico, finora la più lunga e la più settentrionale censita nell’area. Le barriere coralline – ricordano i ricercatori – sono una parte fondamentale della catena alimentare marina e un importante rifugio per le specie in fuga dall’aumento della temperatura del mare.

Continua a leggere

Ambiente

Settimana spaziale, tutti col naso all’insù prima per Saturno e poi per ammirare Plutone

Avatar

Pubblicato

del

Arriva la notte di Saturno. Il pianeta degli anelli ieri e oggi si trova alla minima distanza dalla Terra e al massimo della sua luminosità, tanto da essere visibile nel cielo per tutta la notte. I pianeti giganti, insieme alla Luna, sono infatti i protagonisti di questa estate astronomica. Dopo l’opposizione di Giove, il 10 giugno scorso, e’ il turno di Saturno. Il 10 luglio il pianeta si troverà a 1 miliardo e 351 milioni di chilometri dalla Terra e in opposizione, “cioè in una posizione opposta a quella del Sole” ha dettoPaolo Volpini dell’Unione astrofili italiani (Uai).

Di conseguenza, ha aggiunto “quando tramonta il Sole sorge il pianeta, che resta visibile per tutta la notte” e sara’ nelle migliori condizioni di visibilita’. Un’occasione da non perdere per osservare gli splendidi anelli che lo circondano con un buon binocolo o un piccolo telescopio. “A inizio serata – ha spiegato Volpini – si puo’ cercare il pianeta sull’orizzonte orientale, tra le stelle della costellazione del Sagittario. Poi, nelle ore centrali della notte tendera’ a spostarsi verso sud”. Gli astrofili hanno organizzato osservazioni pubbliche in tutta Italia per osservarlo.  Saturno’lascera’ poi la scena’ a Plutone, che sara’ in opposizione il 14 luglio e che sara’ visibile nella stessa area del cielo, cioe’ fra le stelle del Sagittario. Tuttavia, per osservare il pianeta nano posto ai confini del Sistema Solare serviranno telescopi un po’ piu’ potenti ma sempre accessibili all’astronomia amatoriale.

Continua a leggere

Ambiente

Salvato il piccolo Dugongo, era ferito e rischiava di morire

Avatar

Pubblicato

del

L’esemplare di dugongo è stato ritrovato sulla spiaggia di Krabi, in Thailandia. Aveva sei tagli sul corpo e abrasioni sulla schiena. I biologi marini che l’hanno salvata l’hanno chiamata Mariam che nella lingua locale significa “signora del mare”. Quando è stata salvata Mariam aveva solo cinque mesi ed è stata trovata senza la madre. Gli scatti del suo salvataggio sono diventati virali sui social.

Continua a leggere

In rilievo