Collegati con noi

In Evidenza

Storia di Bobo, presidente “condannato” del gruppo consiliare Dem e “tifoso” del sindaco de Magistris al comune di Napoli a insaputa del Pd

Avatar

Pubblicato

del

L’opposizione Dem all’esecutivo di Luigi de Magistris a Napoli? È nelle mani salde e nella mente libera del presidente del gruppo consiliare Dem Aniello “Bobo” Esposito. Bobo, lui si presenta così. Da politico navigato e navigatore nei mari della politica un po’ melmosa e malmostosa napoletana, diciamo che pur avendo un profilo social, Bobo non è social. Vive sommerso. Ha vissuto su facebook fino alla sua rielezione nel giugno del 2016. Poi si è inabissato. Ci ha lasciato, però, così che potessimo apprezzarne la qualità, dieci minuti di video in cui mostra tutta la sua durezza di democratico contro il sindaco De Magistris alla fine della consiliatura precedente. La leader del Pd di Napoli, Valeria Valente, in una delle sue ultime dichiarazioni pubbliche su questioni locali (ottobre 2018) ha definito Luigi de Magistris “un sindaco che è diventato barzelletta di se stesso e mette in ridicolo Napoli. La città va salvata dai cialtroni“. Bobo Esposito, invece, ne ha una opinione meno greve e certo meno preoccupata. Almeno a giudicare da questo video che assomiglia un poco al discorso di insediamento del sindaco di Palomonte per genuinità.

Aniello Bobo Esposito. Ecco il suo santino elettorale ai tempi delle elezioni comunali

Qualche mese fa il signor Bobo Esposito ha patteggiato una condanna a 6 mesi di reclusione nell’ambito del processo  sulle candidature fantasma in una lista alleata del Pd nel 2016. Sì, quella storia Democrat  napoletana sulle candidature nelle liste che appoggiavano la candidata sindaca Valeria Valente (poi rieletta deputata). Sì, proprio quella storia di alcune persone che si ritrovarono candidate a loro insaputa. In quel processo il signor Bobo Esposito, presidente del gruppo consiliare del Pd al comune di Napoli, si è fatto condannare a 6 mesi di reclusione con un patteggiamento. Capita. Può succedere se uno fa politica di avere a che fare con la magistratura. Ebbene il Pd di Napoli che cosa poteva fare davanti a questa condanna? Prenderne atto e trascinare il Bobo davanti alla commissione provinciale di garanzia per eventualmente comminare sanzioni disciplinari.  Ebbene i custodi della moralità del Pd di Napoli si sono accorti che  Esposito non potevano giudicarlo. Non perchè non fossero degni del loro incarico, ma perchè a scorrere la lista dei 640 iscritti al Pd di Napoli e provincia sino al 30 novembre 2018, Bobo Esposito non c’è. E se non c’è non lo puoi giudicare perché non è iscritto al Pd.

Advertisement

Cronache

Omicidio Borsellino, il falso pentito Scarantino fa spargere altri veleni dalla moglie: ora vuole screditare i magistrati

Avatar

Pubblicato

del

La rivelazione arriva quasi al termine dell’udienza, quando Rosalia Basile, ex moglie del falso pentito Vincenzo Scarantino, tira fuori davanti ai giudici una agendina. La conservava da anni in uno scatolone, uno dei tanti fatti durante i traslochi su e giu’ per l’Italia al seguito del marito, il picciotto della Guadagna a cui, tra botte e minacce, gli investigatori avrebbero fatto raccontare la falsa storia della strage di via D’Amelio. Sull’agenda, esibita al tribunale di Caltanissetta, che per uno dei piu’ clamorosi depistaggi della storia italiana processa tre funzionari di polizia, ci sono i nomi e i numeri di cellulare di quattro magistrati: Anna Palma, Nino Di Matteo, Gianni Tinebra e Carmelo Petralia, i pm che, indagarono, per primi, sull’attentato a Paolo Borsellino. “Mio marito li sentiva al telefono, si chiudeva in una stanza e li chiamava”, racconta la donna, gettando un’ombra pesante sulla anomala gestione del finto pentito da parte della vecchia procura di Caltanissetta. Pochi istanti dopo la deposizione arriva la replica di Di Matteo, allora giovane pm, ora in servizio alla Dna. “Sono stato io, per primo, e spontaneamente, durante il cosiddetto processo Borsellino quater a smentire Scarantino che aveva negato di avermi chiamato al telefono. Io ho raccontato di averci parlato perche’ qualcuno, a mia insaputa, gli aveva dato il mio cellulare. Una volta addirittura mi lascio’ otto messaggi in segreteria”, spiega. L’agenda e’ ora finita agli atti del processo in corso a Caltanissetta e verosimilmente verra’ acquisita anche nel procedimento aperto dalla Procura di Messina che sta cercando di accertare eventuali responsabilita’, nel depistaggio, dei magistrati che indagarono sulla strage. Imputati Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, sono accusati di calunnia aggravata dall’avere favorito Cosa nostra davanti ai giudici nisseni. Uomini dello Stato che, su regia dell’ex capo della Mobile Arnaldo La Barbera, avrebbero creato a tavolino una falsa verita’ sulla fase esecutiva dell’attentato coinvolgendo uomini d’onore della famiglia di Santa Maria di Gesu’ che, con la strage, non c’entravano nulla. Scarantino sarebbe stato massacrato di botte, torturato, sottoposto a violenze fisiche e psicologiche perche’ dicesse il falso. In aula la moglie ricorda: “Dopo l’arresto mio marito era ridotto pelle e ossa, spostato da un carcere all’altro, mi raccontava che gli mettevano i vermi nel cibo, che lo picchiavano, che La Barbera lo minacciava dicendogli che gli avrebbe fatto fare la fine di Gioe’ (mafioso trovato morto impiccato in cella ndr). Lui non c’entrava col furto della 126 usata per l’attentato, me lo ripeteva, ma lo costrinsero a mentire”. La donna racconta anche di incontri con Ribaudo e Mattei in uno dei nascondigli in cui la famiglia viveva: “Gli facevano imparare a memoria i verbali – dice – Era come un film, recitava un copione”.

Continua a leggere

Cronache

Angelo e Renata, l’altro volto dell’isola di Ischia

Avatar

Pubblicato

del

È morto in ospedale dopo aver vissuto a lungo in auto. Angelo Porta ha esalato il suo ultimo respiro all’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno, sull’isola di Ischia. Prima del ricovero, avvenuto un paio di settimane fa, l’uomo da tempo viveva in un’automobile nel “canalone” di via Cava alla Fundera. La vita di Angelo è stata segnata da dipendenze e sofferenze. Ha lottato a lungo contro col mostro della droga. Con caparbietà era riuscito ad uscirne. A lungo aveva vissuto da solo in una casetta nei pressi della baia di San Montano, fino al giorno in cui l’abitazione fu venduta. Da allora la sua auto era diventata la sua casa. Una vita precaria, come la sua casa, senza più la droga ma con l’alcol a minare la sua salute già malferma. Poi un paio di settimane fa il ricovero e ieri la morte.

Un mese fa sempre sull’isola di Ischia, versante Casamicciola, nei giardinetti del Pio Monte della Misericordia, struttura meravigliosa ma abbandonata, è morta di freddo e stenti Renata. La donna, 48enne polacca, dormiva su una panchina in muratura, circondata dal degrado. Due storie di povertà e solitudine nel cuore dell’isola d’Ischia. Angelo e Renata non sono i soli a vivere in condizioni di totale abbandono sull’isola del turismo. A pochi metri dai luoghi in cui questi poveri disperati hanno tirato le cuoia ci sono le boutique del corso, i ristoranti accorsati, gli alberghi belli e quasi pronti a riaprire per la nuova stagione turistica. Una stagione quella che sta per cominciare e le spiagge pronte ad affollarsi di turisti. C’è questa isola e c’è un’altra isola, silenziosa e invisibile, in cui i protagonisti, anzi le vittime, sono (anzi erano) Angelo e Renata. Ma come loro ci sono altri e altre persone che rischiano di fare la stessa fine.

Continua a leggere

Cronache

Accoltellato a morte fuori scuola un bambino di 7 anni

Avatar

Pubblicato

del

La storia è raccapricciante. Coinvolge un bambino di 7 anni,  accoltellato a morte a Basilea mentre tornava da scuola. L’assassina è una di 75 anni che si è costituita, affermando di essere responsabile dell’omicidio. Questo è quello che racconta la polizia cantonale. Non si conoscono i motivi del gesto. L’aggressione è avvenuta verso le 12.45 a 200-300 metri di distanza dalla scuola. Stando ai primi elementi di inchiesta, lo scolaro stava rientrando a casa ed era solo sul marciapiede quando è stato accoltellato. Il bimbo perdeva sangue in maniera copiosa. . La sua insegnante, che stava pure rientrando in bicicletta dopo le lezioni, ha trovato il ragazzino a terra ed ha immediatamente avvertito i soccorsi. Il personale dell’ambulanza ha tentato di rianimare il bambino e lo ha condotto al Pronto soccorso dell’Ospedale pediatrico universitario. Tutto si è svolto in pochissimi minuti. Il bambino è stato sottoposto ha un intervento chirurgico d’emergenza, ma è morto poco dopo. Aveva perso troppo sangue. La polizia ha immediatamente avviato le ricerche della presunta responsabile dell’aggressione poiché una donna anziana è stata vista allontanarsi dalla scena del crimine. Poco dopo una anziana di 75 anni si è presentata in procura e ha confessato il delitto. I motivi e la dinamica non sono ancora stati chiariti. Non si sa al momento se esiste un legame fra il bambino e l’anziana. Le indagini sono in corso e la polizia ha lanciato un appello a eventuali testimoni. La comunità è sotto choc. La polizia sta provando a capire da questa donna i motivi di questa gesto aberrante.

Continua a leggere

In rilievo