Collegati con noi

Cronache

Sicurezza stradale sull’isola d’Ischia: ci sono le idee, i progetti e i fondi della Città Metropolitana

amministratore

Pubblicato

del

Il convegno promosso dal quotidiano dell’isola d’Ischia, il Golfo, non doveva essere una chiacchierata tra politici su quello che si è fatto (e non basta) sulla sicurezza stradale. Dove essere un meeting capace di portare idee, progetti e capire se e come reperire e spendere fondi per rendere le strade più sicure ed evitare morti e feriti negli incidenti stradali quotidiani. Il tributo di sangue pagato dall’isola sull’altare della insicurezza stradale isolana è inaccettabile. Troppi morti. Ed è stato un incontro ricco di spunti,  foriero di atti concreti grazie anche alla capacità di mettere assieme più soggetti istituzionali attorno allo stesso tavolo da Ambrogio Mattera, patron del Golfo e imprenditore stimato nel campo del turismo. A dibattere c’erano il sindaco della Città Metropolitana, Luigi de Magistris, il consigliere della città metropolitana Raffaele Cacciapuoti, con delega ai trasporti, i sei sindaci dell’isola, l’europarlamentare Giosi Ferrandino, la consigliera regionale Maria Grazia Di Scala e altri.

https://www.juorno.it/luidi-de-magistris-punta-su-ischia-abbiamo-le-risorse-ci-sono-i-progetti-dobbiamo-lavorare-bene-per-rendere-sicure-le-strade-di-questa-isola-meravigliosa/

 

La cornice era di prestigio, l’Hotel Manzi di Casamicciola. Le molteplici facce di un problema sempre più sentito ad Ischia e le possibili aree di intervento hanno appassionato quanti sono intervenuti al convegno moderato dal  giornalista Paolo Chiariello che ha coordinato gli interventi di un parterre di relatori qualificati. “Nove morti al giorno, senza contare i feriti che subiscono menomazioni anche permanenti, sono il quotidiano bilancio degli incidenti stradali in Italia” ha esordito Chiariello, che ha auspicato la formazione di proposte concrete per fronteggiare una piaga che poche settimane fa ha strappato alla comunità isolana l’ennesima vittima, il giovanissimo Francesco Taliercio.  Il dibattito si è avviato con l’intervento del sindaco di Casamicciola Giovan Battista Castagna. “È un problema che ci riguarda tutti” ha spiegato il primo cittadino, che finora a causa del pre-dissesto finanziario è stato anch’egli alle prese con le difficoltà di organico della polizia locale. “Prima di pensare a progetti laboriosi e dai costi rilevanti, ma difficilmente realizzabili  – ha aggiunto Castagna  – credo che occorra innanzitutto fornire risorse alle Forze dell’Ordine per mantenere alta l’intensità dei controlli sulle strade in funzione di prevenzione degli incidenti”.

Maria Grazia Di Scala. Consigliere regionale della Campania

Maria Grazia Di Scala, consigliere regionale, dopo aver ringraziato per l’indefesso lavoro quotidiano le forze dell’ordine che si prodigano per la sicurezza sulle strade,  ha lodato la presenza in sala dei dirigenti scolastici. “La sicurezza stradale è un problema di natura culturale. Sono favorevole a introdurre nelle scuole la materia dell’educazione stradale. La famiglia e  la scuola sono due istituzioni importantissime, perché le forze dell’ordine non possono supplire a ogni carenza”. La signora Di Scala ha inoltre invocato il riconoscimento legislativo dell’isola come sede disagiata. “È necessario per i trasporti e la sicurezza stradale, ma anche per la scuola, la giustizia e la sanità questo riconoscimento” ha spiegato la Di Scala.

Antonio Siciliano. Dirigente dell’Istituto Enrico Mattei

Proprio l’accenno al ruolo della scuola da parte della consigliera regionale ha dato a Chiariello l’assist per richiedere l’intervento del professor Antonio Siciliano, dirigente dell’Istituto Enrico Mattei. “Dopo la morte di Francesco Taliercio – ha raccontato il preside – un giornalista della terraferma ci chiese conto di quello che avevamo fatto a scuola in materia di sicurezza sulle strade. E noi abbiamo spiegato tutto quello che abbiamo realizzato sul fronte della prevenzione e dell’educazione stradale. Siamo pronti a fare anche di più, se nei programmi scolastici prevederanno ulteriore disciplina sul tema”, ha spiegato il professor Siciliano.
L’accenno alla morte di Francesco Talierco è stato l’interruttore per far accendere il dibattito su un tema importante. Vivere il tema della sicurezza stradale da una angolazione visuale molto difficile, quella dei familiari delle vittime della strada.  Ed è qui che il moderatore Chiariello ha richiesto un intervento non previsto in scaletta ma essenziale. A questo punto Chiariello ha chiamato al banco dei relatori l’avvocato Mario Goffredo, rappresentante di una costituenda associazione di familiari vittime della strada.

Un  intervento che ha dato una decisa scossa al dibattito. Goffredo ha citato l’impressionante dato secondo cui sull’isola d’Ischia il numero di vetture immatricolate supera quello degli abitanti residenti: “Gli animi sono surriscaldati – ha dichiarato Goffredo – perché il problema del traffico e della sicurezza stradale ha raggiunto dimensioni emergenziali sul territorio. Una vettura pro capite è un dato sconcertante, e la situazione è ormai esplosiva”. L’avvocato ha poi evidenziato altri aspetti del problema. “Pochi usano i mezzi pubblici, sia per cultura, sia perché è difficile viste le criticità sofferte dallo stesso trasporto pubblico. È irrealistico pensare al car sharing quando non sappiamo nemmeno stare in mezzo alla strada. In alcuni punti della ex strada statale 270 il sottosuolo è praticamente vuoto, vista la particolare erosione marina, e  non vengono rispettati i limiti di peso per i mezzi che li percorrono. In diversi altri punti – sostiene Goffredo – i mezzi sono così grossi che in curva superano la linea di mezzeria, che in certe strade per pudore non è nemmeno stata disegnata». Mario Goffredo ha anche spiegato che la stessa Città Metropolitana concesse una deroga per esigenze turistiche agli ingombranti bus alti ben nove metri.

Raffaele Cacciapuoti. Consigliere delegato alle strade della Città Metropolitana di Napoli

Raffaele Cacciapuoti, consigliere delegato alle strade della Città Metropolitana di Napoli, ha citato il numero impressionanti delle morti che dal 2007 si contano sulle strade dell’isola: ben ventidue. Una strage insostenibile a cui la Città Metropolitana vuole mettere fine con un piano straordinario complessivo di oltre 70 milioni di euro, di cui oltre cinque milioni e mezzo per la sola isola. “Ischia – ha dichiarato Cacciapuoti – è il punto di partenza per il piano strategico per la sicurezza stradale”. Il consigliere ha spiegato che la Città Metropolitana deve gestire 32 strade provinciali sull’isola, senza dimenticare i problemi estivi di circolazione sugli oltre 30 km della ex SS 270, e che l’ex Provincia ha spesso eseguito opere di manutenzione anche su arterie di competenza regionale. Riferendosi alle problematiche sollevate dall’avvocato Goffredo, Cacciapuoti ha rimarcato la necessità di creare un senso civico adeguato ai rischi della circolazione stradale, ma ha anche rivendicato la sollecitudine della Città Metropolitana di fronte a diverse criticità, come la frana del costone sulla Litoranea a gennaio, col pronto intervento insieme agli altri enti e alle forze dell’ordine, illustrando le somme investite per le strade.  «Il pattugliamento delle forze dell’ordine – ha aggiunto – è un buon deterrente. Gli autovelox possono essere molto positivi ma bisogna usarli non avendo come obiettivo principale il finanziamento delle casse comunali, ma la salvezza delle vite umane: io punto deciso alla mortalità-zero. Mi ha colpito molto il numero delle auto pro-capite sull’isola, così come il problema del peso dei grossi mezzi in alcuni punti della rete viaria: me ne farò personalmente carico per risolverli».

Il sindaco di Ischia. Enzo Ferrandino

È toccato poi al sindaco di Ischia Enzo Ferrandino prendere la parola: «La nostra rete viaria ricalca le vecchie piccole stradine dell’isola di un tempo, e oggi deve accogliere un carico di traffico abnorme. Sono tre i cardini su cui sviluppare una strategia: il primo è costituito dai controlli delle forze dell’ordine. Spesso gli enti devono lottare con vincoli di bilancio che non consentono di ampliare gli organici.  E non va dimenticata una diffusa tendenza al mancato rispetto delle regole.  Il secondo punto riguarda gli interventi infrastrutturali. Con un finanziamento di 800mila euro siamo pronti a intervenire nella manutenzione, che verrà eseguita di notte, su strade periferiche ma ad alta intensità di traffico, e nei pressi delle scuole. L’ultimo punto è altrettanto fondamentale: si tratta della diffusione di una coscienza civica. Non dimentichiamo che, oltre alle responsabilità soggettive, c’è una responsabilità collettiva. Mi è piaciuto l’intervento di Goffredo, ma voglio precisare che le strisce blu sono un mezzo di educazione. Chi compra e usa l’auto deve comprendere le conseguenze dell’uso sconsiderato di tale mezzo. Abbiamo usato i proventi per finanziare la navetta Zizì e decongestionare il centro cittadino, ne allestiremo un’altra. La via Alfredo De Luca potrebbe diventare a senso unico, con la contemporanea creazione di piste ciclabili dal porto a Ischia Ponte, ma serve la collaborazione di tutti, senza le polemiche strumentali di chi si oppone per puro spirito di contraddizione».

Gli ufficiali comandanti delle forze dell’ordine sull’isola d’Ischia. Il tenente della Gdf Gerardo Totaro, il vicequestore della Polizia di Stato Alberto Mannelli, il capitano dei Carabinieri Angelo Pio Mitrione

L’europarlamentare Giosi Ferrandino: progetti congiunti dei Comini per cogliere tutte le oportunità europee

Più volte chiamati in causa durante il dibattito, gli esponenti delle Forze dell’Ordine presenti in sala, dal Capitano Angelo Pio Mitrione dei Carabinieri accompagnato dal Maresciallo Arturo Battello al Tenente Gerardo Totaro della Guardia di Finanza, hanno affidato al Dottor Alberto Mannelli del Commissariato di Polizia l’intervento illustrativo degli sforzi compiuti quotidianamente sulle strade dell’isola. «Diciotto posti di controlli ogni 24 ore, e questo dato riguarda solo polizia, al quale vanno aggiunti quelli dei  Carabinieri e della Guardia di Finanza: nemmeno Kabul, la capitale dell’Afghanistan, è presidiata quanto l’isola. Abbiamo inoltre ottenuto lusinghieri risultati con la “macchina civetta”». In materia di omicidio stradale, il dottor Mannelli ha preliminarmente avvertito che basterebbe rispettare i limiti di velocità per evitare la tragedia: “Invece oggi i guidatori mandano e-mail e Whatsapp mentre sono al volante, in pratica è come guidare bendati”, ha spiegato Mannelli, il quale ha poi illustrato i vari aspetti della norma sull’omicidio stradale e ha anche compiuto una dimostrazione pratica del pre-test alcolico e dell’etilometro.

L’europarlamentare Giosi Ferrandino: progetti congiunti dei Comini per cogliere tutte le oportunità europee

 

Il sindaco di Lacco Ameno. Giacomo Pascale

Da sempre uno dei più convinti sostenitori della necessità di una mobilità alternativa, il sindaco di Lacco Ameno Giacomo Pascale, è stato categorico: «La sicurezza stradale è l’unico, vero, grosso problema dell’isola. Non servono più i palliativi, i vigilini, le strisce blu, i parcheggi. Nel 2001 fu allestito un progetto di mobilità alternativa, ma abbiamo lasciato che si impantanasse, incapaci di trovare la parte di finanziamento mancante per farlo decollare. Adesso dobbiamo fare subito tutto quello che è necessario, applicando tutte le risorse, anche tecnologiche, che sono a disposizione. Non sono d’accordo con Goffredo sul car sharing, che per me costituirebbe un vero cambiamento culturale: dove è applicato, il parco macchine circolante si è ridotto. È necessario passare dalla cultura del possesso a quella dell’uso, e dobbiamo dire basta coi grossi autobus e i mezzi di noleggio con conducente a 9 posti. È ora di pensare anche all’abbattimento dei confini amministrativi per i taxi. Siamo pronti a lavorare a una nuova mobilità sostenibile con l’appoggio della Città Metropolitana».
E di questo anelito verso le sfide che ci attendono si è fatto ancora una volta portavoce il papà di Francesco Taliercio, che ha detto di voler pensare al fratello di Francesco, che rappresenta il presente e il futuro.

Anche il sindaco di Forio, Francesco Del Deo, ha ribadito che bisogna puntare  sulla famiglia e sulla scuola, anzi partendo addirittura dall’asilo, per creare una vera e solida coscienza civica in tema di educazione stradale. Forio ha cominciato ad adottare gli autovelox, e il primo cittadino si è detto pronto a installare, ove consentito, anche una gran quantità di dissuasori. Del Deo ha anche sottolineato la necessità di maggiore sinergia tra le istituzioni, e l’importanza dei controlli, che negli ultimi anni durante le feste di Natale hanno portato a una drastica diminuzione degli incidenti.

Il collega Rosario Caruso, sindaco di Serrara Fontana, ha schematizzato due aspetti: le infrastrutture, e il buon senso di chi le usa: «L’anello stradale è stato costruito tra gli anni ’50 e ’70 per un carico nettamente minore. Successivamente, oltre all’esagerato numero di auto, sono sorti numerosi  varchi che aumentano le occasioni di pericolo.  Servono comunque anche i parcheggi, che in certe zone e visti i vincoli, restano di difficile realizzazione. Dobbiamo quindi agire anche sul senso civico».

Presente insieme al Comandante della Polizia locale di Lacco Ameno, dottor Raffaele Monti, il comandante di Casamicciola Giovanni Mattera ha stigmatizzato la brutta abitudine degli isolani a oltrepassare i limiti di velocità, invocando un aumento dei sistemi di segnaletica e soprattutto di videosorveglianza, che limitano molto la tendenza ad andare veloci. Verso le 13, dopo l’intervento conclusivo del sindaco De Magistris, il convegno si è chiuso, e stavolta non si è trattato soltanto di parole al vento: le risorse ci sono, non resta che rimboccarsi le maniche.

 Tutti i contributi di questo servizio relativo al convegno sulla sicurezza stradale ad Ischia sono dei giornalisti del quotidiano il Golfo e segnatamente di Francesco Ferrandino. Anche le foto a corredo sono de il Golfo. Grazie

Advertisement

Cronache

Sardine e Sarde, a Napoli vanno divisi verso la stessa meta

Avatar

Pubblicato

del

Una parte delle Sardine in piazza San Domenico, un’altra parte in piazza del Gesù. Il mare in cui nuotano non è enorme eppure sembra che a Napoli non riescano a nuotare assieme. Alcune delle Sardine napoletane hanno lanciato l’iniziativa per la Pace che si è svolta stasera a Napoli, mentre un’altra parte del gruppo di animatori partenopei ha preso le distanze, aderendo invece al ricordo di Amnesty International in Piazza del Gesu’ per Giulio Regeni.

“In questo momento – spiega Bruno Martirani, la “sardina” che ha lanciato l’iniziativa per la pace – stiamo lavorando tutti insieme, le sardine uniscono e quindi ci sono anche dei dibattiti interni, e’ normale che per stare insieme in democrazia ci sia dialettica interna. In fondo le Sardine restano uno strumento per attivare i segmenti sociali in questo momento disillusi dalla politica”. In Piazza del Gesu’ c’e’ invece Antonella Cerciello, altra organizzatrice del movimento a Napoli: “Non ci sono spaccature – spiega – ovviamente manifestare per la pace e’ importante, si e’ trattato di uno slancio di uno di noi. Ma si lavora insieme in questi giorni sull’incontro di Scampia. Noi abbiamo aderito alla manifestazione di Amnesty ma non parlerei di spaccatura perche’ continuiamo a lavorare insieme”. Il lavoro e’ per l’incontro nazionale delle Sardine in programma il 14 e 15 marzo a Scampia: “La prossima settimana – spiega Riccardo Festa – ci sara’ una riunione per organizzare l’incontro di Scampia. C’e’ un contatto costante e continuo con vertici nazionali, l’idea di Scampia e’ stata lanciata e l’abbiamo condivisa. La organizzeremo meglio nei giorni prossimi, il lancio ha avuto grande rilevanza mediatica perche’ si fa a Napoli e a Scampia ma ora va organizzata bene”.

Continua a leggere

Cronache

Schianto contro bus alle porte di Roma, morti 2 ventenni

Avatar

Pubblicato

del

L’auto che invade la corsia opposta e lo schianto, fortissimo, contro un autobus di linea che non lascia scampo a due amici ventenni. Tragedia nella notte alle porte di Roma. L’incidente e’ avvenuto intorno alle 5 su via Tiburtina a Tivoli Terme. Ancora una volta in una notte del fine settimana sulle strade resta il sangue di vite giovanissime. Al volante della macchina il 20enne Thomas Adami, accanto a lui l’amico Matteo Antonio Calabria di 19 anni. A quanto ricostruito finora Adami, per cause ancora da accertare, avrebbe perso il controllo della vettura e, dopo aver invaso la corsia opposta, si e’ schiantato contro un autobus di linea Cotral che stava rallentando e accostando in prossimita’ della fermata. L’impatto e’ stato violentissimo e all’arrivo dei soccorritori per i ragazzi non c’era piu’ nulla da fare. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri della stazione di Tivoli Terme che si occupano dei rilievi.

I pompieri hanno estratto i corpi dalle lamiere dell’auto che nell’impatto si e’ praticamente accartocciata nella parte anteriore. L’autopsia, che si terra’ presso l’Istituto di medicina legale della Sapienza, contribuira’ a chiarire le cause e la dinamica del tragico incidente che ha visto l’auto dove si trovavano i due giovane invadere completamente la corsia opposta nel momento in cui arrivava il bus che viaggiava in direzione Roma. Tra le ipotesi l’alta velocita’ e l’asfalto bagnato dalla pioggia. Al vaglio degli investigatori le immagini registrate da alcune telecamere che si trovano nei pressi del punto in cui e’ avvenuto l’incidente. I due studenti, amici da tempo, erano usciti ieri sera e quando e’ avvenuto lo schianto percorrevano via Tiburtina verso Tivoli. Sia l’auto sia l’autobus sono stati posti sotto sequestro. Le salme dei ragazzi sono stati portati all’istituto di medicina legale della Sapienza a disposizione dell’autorita’ giudiziaria. Medicati sul posto dal 118 il conducente del bus e un passeggero che era a bordo. Il tratto di strada e’ stato chiuso per alcune ore e il traffico deviato. E sempre ieri sera a Roma un incidente ha coinvolto il conduttore Giancarlo Magalli. Un brutto incidente che fortunatamente non ha avuto conseguenze per Magalli. La sua auto per cause da accertare si e’ schiantata contro il guardrail su via Cassia bis ed e’ andata distrutta. Magalli fortunatamente e’ rimasto illeso. Lo stesso conduttore sulla sua pagina Facebook ha pubblicata la foto della sua Smart distrutta commentando: “Incidente brutto ma non si e’ fatto male nessuno, per fortuna”. I dati sugli incidenti stradali, almeno quelli sul 2019, danno drammaticamente in aumento i morti nel week end quasi sempre giovanissimi. Nei primo nove mesi dello scorso anno in 566 incidenti mortali ci sono stati infatti 620 morti – contro i 588 che sono deceduti nello stesso periodo del 2018 – e fra loro 194 erano persone giovani, con meno di 30 anni. I dati sono stati raccolti dalla Polizia stradale e dall’Arma dei carabinieri. In particolare, gli incidenti mortali con coinvolgimento di veicoli a due ruote, come le moto e gli scooter, sono stati 206, pari al 36,4% del totale. Inoltre, nel 35,5% degli incidenti con morti (pari a 201 casi), l’incidente e’ avvenuto per la perdita di controllo del veicolo da parte del conducente. Per quanto riguarda la fascia oraria, tra le dieci di sera e le sei del mattino sono avvenuti 175 incidenti mortali con 203 persone decedute.(

Continua a leggere

Cronache

Condanna definitiva per abusi su minore, si suicida un 63enne

amministratore

Pubblicato

del

Un uomo di 63 anni, che temeva di finire in carcere in seguito ad una condanna per violenza sessuale divenuta ormai definitiva, si e’ suicidato impiccandosi in un serra non molto lontano dalla sua abitazione. Il fatto, del quale ha dato notizia oggi il quotidiano ‘Il Centro’, e’ accaduto l’altra sera a Miglianico (Chieti). L’uomo era stato condannato a quattro anni e sei mesi di reclusione per abusi su una bambina di 8 anni per un fatto accaduto nel 2008: l’altro ieri la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dal legale dell’uomo, l’avvocato Stefano Sessano, il quale ha comunicato l’esito dell’udienza al suo assistito. Il 63enne, che per questa vicenda si era detto innocente, poco prima di suicidarsi ha postato sul suo profilo Facebook, un messaggio rivolto a sua madre. Il caso era venuto alla luce in seguito al racconto fatto dalla vittima ad una psicologa della scuola e all’apertura di un’indagine.

Continua a leggere

In rilievo