Collegati con noi

Cronache

Sgominata la banda del cavallo di ritorno, le auto rubate ricettate anche in Spagna: 14 arresti a Napoli

Avatar

Pubblicato

del

Rubavano auto. Chiedevano soldi per restituirle. A volte ricettavano all’estero.   finivano anche all’estero. L’indagine ha coinvolto perfino la Guardia Civil in Spagna: oggi la conclusione dell’inchiesta da parte dei Carabinieri della compagnia di Pozzuoli (Napoli) che hanno dato esecuzione a un’ordinanza del gip di Napoli che dispone misure cautelari a carico di 13 italiani e un albanese gia’ noti alle forze dell’ordine. Per loro l’accusa, a vario titolo, di furto aggravato, ricettazione e riciclaggio di autovetture di lusso, utilitarie e autoarticolati. In Spagna, la Guardia Civil ha ritrovato una Range Rover Evoque rubata dal gruppo e poi trovata con telaio punzonato e documenti contraffatto. Nel porto c’erano invece due autoarticolati con targhe contraffatte che stavano per essere imbarcati su una nave diretta all’estero. In provincia di Caserta una BMW X1 con telaio punzonato; in strada, in diverse zone, altre 24 auto. Per l’accusa gli indagati rubavano di notte veicoli di diverse tipologie per poi prevalentemente immetterli in circuiti di ricettazione e riciclaggio.

I reati contestati anche quello di estorsione perche’ in tre circostanze i componenti della banda avevano preteso denaro per restituire altrettante vetture con il metodo del “cavallo di ritorno”. Il provvedimento e’ stato deciso dopo indagini dei militari della tenenza Carabinieri di Quarto Flegreo coordinate dalla settima sezione della Procura di Napoli svolte tra settembre 2017 e settembre 2018 anche utilizzando intercettazioni telefoniche e ambientali e con il ricorso a pedinamenti, facilitati da sistemi GPS di rilevamento della posizione. Nel corso dell’indagine sono stati eseguiti tre arresti in flagranza e si e’ proceduto a un fermo d’indiziato di delitto.

Advertisement

Ben'essere

Jennifer Lope dopo vent’anni indossa il vestito che la rese famosa e il pubblico è in delirio

Avatar

Pubblicato

del

Dopo vent’anni ha sorpreso tutti quando è apparsa in passerella con un vestito quasi uguale a quello che indossava per il red  carpet dei Grammy Awards nel 2000, il famoso Jungle Dress, lo stampato giungla firmato Versace. Bellissima nei suoi 50 anni portati alla grande Jennifer Lopez ha incantato il parterre che assisteva alla sfilata di Milano.  JLo è salita sulla passerella dopo le sorelle Hadid, Kaia Gerber e Kedall Jenner. Alla fine del giro l’abbraccio con Donatella Versace, il pubblico si è alzato in piedi e le ha tributato una standing ovation.

 

Continua a leggere

Cronache

Incendio in ditta prodotti cannabis, gravi due fratelli

Avatar

Pubblicato

del

Sono molto gravi le condizioni di Giuseppe e Sergio Palumbo, i due fratelli di 20 e 25 anni che questo pomeriggio sono rimasti coinvolti nell’incendio della loro azienda che commercializza prodotti a base di canapa. L’incendio e’ avvenuto in via Edison 36, a Trezzano sul Naviglio, in provincia di Milano. Nel rogo e’ rimasto ferito anche un dipendente 66enne della ditta, Saverio Sergi, le cui condizioni sono ritenute dai sanitari serie ma meno preoccupanti di quelle dei due fratelli. L’incendio nell’azienda sarebbe scoppiato a seguito dell’esplosione di un serbatoio di gas in uno dei capannoni di produzione: le cause dell’incidente sono ancora da accertare ma che dai primi rilievi effettuati dai vigili del fuoco sarebbero giudicate accidentali. La ditta si chiama “Tree of Light” e, come si legge sul sito, “e’ un’azienda florovivaista che si occupa della commercializzazione di infiorescenze di canapa”. Cannabis e altri prodotti (come l’olio di Cbd o l’hashish) sono tutti legali e “certificati da analisi ufficiali di laboratorio che attestano valori di Thc inferiori ai limiti di legge”, spiega l’azienda. Lo scoppio e’ avvenuto poco dopo le 15.40, in pochi minuti le fiamme hanno divorato buona parte dell’impianto generando una colonna di denso fumo alto una decina di metri e visibile a grande distanza. Tuttavia, il sindaco di Trezzano sul Naviglio, Fabio Bottero, ha scritto sulla sua pagina Facebook che “non ci sono rischi per l’ambiente”. I fratelli sono stati travolti dal fuoco, riportando ustioni su buona parte del corpo. I paramedici del 118 li hanno trasportati al San Gerardo di Monza e al reparto grandi ustionati dell’ospedale Niguarda. Il quadro clinico peggiore sarebbe quello di Giuseppe, il piu’ giovane, sul quale i medici preferiscono non sbilanciarsi. Spente le fiamme sono iniziate le indagini dei carabinieri sulle possibili cause e sulle eventuali responsabilita’ da accertare. Al momento, comunque, gli investigatori sono convinti che si tratti di un incidente dovuto a motivi accidentali.

Continua a leggere

Cronache

Camorra, processo a esponenti del clan Di Lauro: 11 condanne e due assoluzioni

Avatar

Pubblicato

del

Il Tribunale di Napoli (IV sezione, collegio C), al termine del processo celebrato con il rito ordinario a presunti esponenti del clan Di Lauro, ha condannato oggi undici imputati che figurano tra i circa cento destinatari dell’imponente ordinanza di custodia cautelare emessa nel 2013 nei confronti dell’organizzazione camorristica di Secondigliano. Il giudice ha emesso nei loro confronti pene variabili tra 5 e 16 anni. Due le assoluzione, tra le quali figura anche quella di Valentina Licciardi, accusata di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e di due cessioni di cocaina, per la quale la Dda aveva chiesto una condanna a 14 anni di reclusione. Valentina Licciardi, difesa dall’avvocato Nicola Pomponio, e’ stata assolta per non avere commesso il fatto.

Continua a leggere

In rilievo