Collegati con noi

Cronache

Scoperto un software-spia, centinaia di italiani intercettati

amministratore

Pubblicato

del

Centinaia di italiani intercettati, forse per errore, da un software spia programmato per i dispositivi Android dalla societa’ calabrese eSurv, che sembra essere sparita dal web. A scoprire ‘Exodus’, cosi’ si chiama lo spyware che sarebbe stato utilizzato tra il 2016 e l’inizio di quest’anno, sono stati i ricercatori della societa’ no profit Security without borders che hanno realizzato un lungo report pubblicato dal sito ‘Motherboard’ nel quale si parla di “malware governativo”.

Una storia i cui contorni sono ancora tutti da chiarire e sulla quale sta lavorando la procura di Napoli, che ha da tempo aperto un fascicolo in quanto la prima individuazione del malware è avvenuta proprio nel capoluogo campano, delegando gli accertamenti alla Polizia Postale, al Gico della Guardia di Finanza e al Ros dei Carabinieri. Anche il Copasir, il Comitato di controllo sui servizi segreti, vuole vederci chiaro e nei prossimi giorni chiederà informazioni al Dis, il Dipartimento che coordina le agenzie d’intelligence. “E’ un fatto gravissimo – dice il garante della privacy Antonello Soro – su cui c’e’ grande preoccupazione. Faremo i dovuti approfondimenti per quanto concerne le nostre competenze, poiche’ la vicenda presenta contorni ancora assai incerti ed e’ indispensabile chiarirne l’esatta dinamica”. A spiegare cosa e’ accaduto sono gli stessi ricercatori, che hanno avvisato Google. “Abbiamo identificato copie di uno spyware sconosciuto che sono state caricate con successo sul Google Play Store piu’ volte nel corso di oltre due anni. Queste applicazioni sono normalmente rimaste disponibili per mesi”. Dal canto suo la societa’ californiana ha rimosso le app malevole sfuggite al controllo sicurezza e ha promesso di “rilevare meglio le future varianti di queste applicazioni”, ma non ha voluto far sapere il numero totale di vittime, spiegando che si tratta di meno di un migliaio, tutte italiane. Alcuni esperti hanno poi riferito a Motherboard che l’operazione potrebbe aver colpito vittime innocenti “dal momento che lo spyware sembrerebbe essere difettoso e mal direzionato”, oltre che “illegale”.

Le prove raccolte da Security Without Borders indicherebbero che il software spia e’ stato sviluppato da eSurv, un’azienda con base a Catanzaro, in Calabria che tra l’altro – dice Motherboard – avrebbe vinto un bando della Polizia per lo sviluppo di “un sistema di intercettazione passiva e attiva”. Un indizio curioso che indica l’origine si troverebbe in due stringhe di codice: “mundizza” e “RINO GATTUSO”. Ma “la vera pistola fumante”, dicono ancora gli esperti, sarebbe il server di comando e controllo usato da diverse app trovate sul Play Store per rimandare agli operatori del malware i dati esfiltrati. Secondo i ricercatori il server condividerebbe il certificato web TLS (quello che garantisce l’identita’ di un sito) con altri server che appartengono ai servizi delle videocamere di sorveglianza di eSurv. Ma la società calabrese, almeno su internet, sembra essere sparita. Digitando sul web il nome eSurv compare la scritta “notfound” mentre sulla pagina Facebook della societa’ appare la dicitura “questo contenuto non e’ al momento disponibile”.

Non e’ chiaro se i siti siano stati chiusi per volonta’ dell’azienda o siano stati in qualche modo oscurati. Exodus era progettato per camuffarsi da comuni applicazioni, come quelle per ricevere promozioni da operatori telefonici o migliorare le performance del dispositivo. Una volta installato agiva in due fasi. Nella prima raccoglieva informazioni base per identificare il dispositivo infetto, come il codice Imiei che consente di identificare in maniera univoca un telefono. Nella fase due prendeva il controllo del telefono con intercettazioni ambientali, cronologia dei browser, geolocalizzazione, i log di Facebook Messenger, le chat di WhatsApp. Secondo i ricercatori, inoltre, poiche’ il malware non e’ stato programmato per usare la crittografia, che rende segrete le informazioni, qualunque malintenzionato connesso alla stessa rete wifi del dispositivo infettato poteva hackerarlo.

Advertisement

Cronache

Barca off shore si schianta contro una diga a Venezia, 3 morti e un ferito

Avatar

Pubblicato

del

Tre persone sono morte ed una quarta è rimasta ferita in un incidente nautico avvenuto stasera a Venezia. Secondo le prime informazioni riferite dai vigili del fuoco, uno scafo offshore sarebbe finito contro la diga di San Nicoletto, in localita’ Lunata, e nello schianto tre occupanti della barca sono morti. Sul posto si trovano i vigili del fuoco e mezzi della Capitaneria di Porto. I corpi dei primi due deceduti sono stati recuperati subito, mentre un terzo componente dell’equipaggio risultava disperso. E’ stato individuato poco dopo, anch’egli deceduto, dai vigili del fuoco. L’incidente, con il buio fitto, sarebbe avvenuto davanti alla sulla ‘lunata’, una diga artificiale fatta di grossi massi calati sul fondale costruita a protezione delle opere del Mose, a sud della diga di San Nicolo’ del Lido.

Continua a leggere

Cronache

Autostrade travolta dalle inchieste, Castellucci lascia Atlantia: deleghe a Comitato

Avatar

Pubblicato

del

Atlantia volta pagina dopo la bufera scatenata dagli sviluppi dell’inchiesta sul crollo del ponte di Genova e dalle nuove misure cautelari a carico di dipendenti delle controllate Aspi e Spea. L’a.d. Giovanni Castellucci nel corso di un cda straordinario durato oltre 5 ore si e’ dimesso da amministratore delegato e direttore generale dell’azienda, dopo 18 anni trascorsi nel gruppo. Nel periodo di transizione fino alla nomina di un nuovo ad le deleghe esecutive passano in via temporanea ad un comitato di 5 consiglieri (Fabio Cerchiai, Carlo Bertazzo, Anna Chiara Invernizzi, Gioia Ghezzi e Carlo Malacarne). Castellucci esce con 13 milioni di buonuscita oltre alle competenze di fine rapporto. Giancarlo Guenzi, gia’ cfo, e’ nominato direttore generale. Al termine di una giornata di attesa, il titolo in Borsa ha comunque chiuso a +1,57% (a 20,76 euro), dopo aver accumulato in due giorni una perdita del 15%. Il cambiamento al vertice della holding che controlla Aspi era stato preannunciato da Luciano Benetton che aveva espresso lo choc per gli ultimi fatti emersi dalle inchieste partite dopo la tragedia del ponte. Gia’ sabato Edizione aveva esplicitato il suo cambio di passo, dicendosi pronta a prendere le iniziative necessarie. Dal cda di ieri della famiglia di Ponzano Veneto e’ filtrata un’identita’ di vedute e oggi Luciano Benetton ha confermato la necessita’ di voltare pagina: “E’ una settimana che siamo sotto choc per quello che appare dai comunicati della giustizia. Speriamo che si chiarisca. Sicuramente ci sara’ qualche cambiamento. Questo lo aspettiamo dal cda di oggi”. Castellucci, 60 anni, ingegnere originario di Senigallia (Ancona) era arrivato ad Autostrade da Barilla nel 2001, prima come direttore generale del Gruppo Autostrade, dal 2005 come a.d. di Aspi e dal 2006 come ad di Atlantia. Il suo passo indietro dalla holding, nella quale si e’ occupato personalmente dell’operazione Abertis conclusa lo scorso anno, della internazionalizzazione e diversificazione di aeroporti e infrastrutture e da qualche mese anche del dossier Alitalia, arriva dopo 8 mesi dalle dimissioni dal vertice di Autostrade. Una decisione annunciata in un cda ad inizio agosto 2018 per concentrarsi sullo sviluppo internazionale della holding, ma divenuta effettiva a inizio 2019, anche per motivi di opportunita’ in seguito alla tragedia del ponte Morandi. Gli ultimi provvedimenti cautelari a carico di dipendenti di Aspi e Spea per i report ‘ammorbiditi’ sulla stato dei viadotti hanno pero’ riportato l’attenzione sulla societa’, verso la quale e’ venuta meno la fiducia della holding dei Benetton (che detiene il 30,25%).

Continua a leggere

Cronache

Accusata di violenze e di aver avviato all’uso della droga la figlia 14enne, condannata

Avatar

Pubblicato

del

Accusata di maltrattamenti e di aver avviato all’uso di sostanze stupefacenti la figlia 14enne, una donna di 45 anni e’ stata condannata oggi a due anni e mezzo di reclusione dal tribunale di Arezzo. Il pm Chiara Pistolesi aveva chiesto una pena di sei anni. L’indagini erano partite dal racconto fatto dalla stessa ragazza dopo essere stata portata in ospedale. Da quanto sostenuto dall’accusa, la donna, spesso sotto l’effetto di droga e alcool, avrebbe sottoposto la figlia a violenze fisiche e verbali, e avviata anche all’uso di stupefacenti.

Continua a leggere

In rilievo