Collegati con noi

Esteri

Scoop del New York Times: Trump ha pagato zero tasse per 10 anni

amministratore

Pubblicato

del

 Donald Trump non ha pagato tasse federali sul reddito per almeno 10 degli ultimi 15 anni, e nel 2016 e 2017 ha sborsato solo 750 dollari per ciascun anno. E’ lo scoop del New York Times, che ha ottenuto informazioni sulle dichiarazioni fiscali fatte negli ultimi 20 anni dal presidente americano. Uno scoop che rovina la festa al presidente il giorno dopo la controversa nomina della giudice Amy Coney Barrett alla Corte Suprema e alla vigilia del primo duello tv con Joe Biden. La notizia bomba e’ stata pubblicata proprio nel momento in cui Trump stava per iniziare una conferenza stampa convocata per attaccare i media, rei di criticare la scelta della giudice Barrett solo – ha detto – perche’ e’ cattolica. Ma la questione e’ passata subito in secondo piano, con il presidente costretto a difendersi dalle domande dei giornalisti e che ha liquidato le rivelazioni del Nyt come “assolute fake news’. Secondo le carte di cui il Nyt e’ venuto in possesso, Trump avrebbe pagato appena 750 dollari di tasse federali sul reddito sia l’anno in cui ha vinto la presidenza sia il suo primo anno alla Casa Bianca. Avrebbe invece pagato ‘zero dollari’ in dieci degli ultimi 15 anni, soprattutto – si spiega – grazie all’escamotage di riportare molte piu’ perdite rispetto alle somme guadagnate. Le finanze del presidente – racconta sempre il Nyt – sarebbero poi sotto stress, con centinaia di milioni di debiti legati in gran parte alla gestione delle proprieta’ della Trump Organization, l’impero di famiglia. In particolare Trump sarebbe personalmente responsabile di prestiti e altri debiti per 421 milioni di dollari la cui gran parte sarebbero da rimborsare entro quattro anni. C’e’ di piu’: a complicare la situazione, spiega il Nyt, ci sarebbe anche un’annosa controversia con l’Irs, il fisco americano, per un rimborso fiscale di 72,9 milioni di dollari entrati che si sospetta Trump abbia richiesto e ottenuto dichiarando enormi perdite. Una controversia che se dovesse vedere Trump perdente potrebbe costare al presidente oltre 100 milioni di dollari. Il direttore esecutivo del Nyt, Dean Baquet, ha spiegato cosi’ la decisione di pubblicare le carte: “Crediamo che i cittadini debbano sapere il piu’ possibile dei loro leader e rappresentanti, le loro priorita’, le loro esperienze e anche le loro finanze”. Trump, si ricorda, finora si e’ sempre rifiutato di rendere pubbliche le proprie dichiarazioni fiscali, nonostante le richieste anche da parte del Congresso e della magistratura. “Ogni presidente dalla meta’ degli anni ’70 ha pubblicato le proprie informazioni fiscali – ricorda Baquet – e Trump, uno dei presidenti piu’ ricchi della nostra storia, ha rotto con questa tradizione”. Per i legali della Trump Organization lo scoop del Nyt e’ “inaccurato”: negli ultimi decenni – si spiega – il presidente ha pagato decine di milioni di dollari in tasse personali al governo federale, compresi milioni di dollari da quando ha annunciato la sua candidatura nel 2015.

Advertisement

Corona Virus

Covid: scontri con polizia a Barcellona: saccheggiati negozi

Avatar

Pubblicato

del

Scontri in centro a Barcellona manifestanti e agenti di polizia. In centinaia sono scesi in piazza ieri sera per protestare contro le nuove misure anti-covid che prevedono il coprifuoco e il divieto di lasciare la citta’ durante il weekend di festa. Secondo un portavoce del Mossos d’Esquadra, oltre 700 persone erano in strada per la manifestazione. Cinquanta di loro hanno poi “cominciato a lanciare oggetti pericolosi” contro gli agenti, che hanno poi cercato di dividerli. Registrati anche alcuni saccheggi nei negozi, cosi’ come danneggiamenti alle auto delle forze dell’ordine. Cinquanta agenti sono rimasti feriti e 12 persone sono state invece arrestate, come ha confermato la polizia su Twitter.

Continua a leggere

Corona Virus

Covid, anche il Regno Unito verso il lockdown

Avatar

Pubblicato

del

Anche la Gran Bretagna e’ pronta ormai a tornare a una qualche forma lockdown nazionale per provare a frenare la seconda ondata di coronavirus. Lo anticipano oggi giornali come il Times e il Guardian, riferendo che il premier Tory, Boris Johnson, dopo aver resistito nei giorni scorsi al suggerimento d’imporre un confinamento generalizzato di due settimane, si prepara ad annunciarne ora la settimana entrante uno forse anche piu’ lungo nell’intera Inghilterra, la nazione di gran lunga piu’ popolosa del Regno Unito.

Il governo britannico ha fino a ieri continuato a cercare di allontanare lo specchio di un lockdown bis nazionale aggrappandosi alla strategia della stretta locale graduata territorio per territorio attraverso tre livelli di allerta introdotti il mese scorso. Ma con un indice Rt di diffusione del virus tornato attorno a quota 1,5, ossia oltre la soglia di rischio, sembra adesso rassegnato all’inevitabile. Tanto piu’, riporta il Guardian, sulla base delle ultime stime illustrate a Boris Johnson in una riunione a Downing Street da membri del Sage: stime secondo cui l’attuale circolazione del coronavirus appare proseguire ad ampio raggio nel Paese, con previsioni di una potenziale diffusione nell’inverno fino a 4 volte superiore rispetto allo scenario “peggiore” tracciato dagli stessi scienziati nei mesi scorsi e la minaccia di altri 85.000 morti. Nonche’ con un nuovo pericolo incombente di sovraffollamento degli ospedali del servizio sanitario nazionale (Nhs). Ieri il Regno ha fatto segnare altri 24..405 casi e 274 morti per Covid. Mentre i ricoverati totali in ospedale, pur inferiori rispetto all’Italia, sono saliti a 10.708, tra cui 975 sottoposti a ventilazione assistita nei reparti di terapia intensiva dell’isola. Il premier britannico, prima della decisione finale e dell’atteso annuncio sul lockdown, dovrebbe vedere comunque nel fine settimana il suo ministro dell’Economia, il cancelliere dello Scacchiere, Rishi Sunak, per concordare misure restrittive (concentrate prevedibilmente soprattutto sui contatti fra le persone) il meno afflittive possibile per la realta’ economica e di business del Paese: gia’ pesantemente investita dai contraccolpi della prima ondata della pandemia e alle prese pure con le incognite della definitiva formalizzazione della Brexit in calendario per fine anno.

Continua a leggere

Esteri

Sisma Turchia e Grecia, il bilancio si aggrava: 14 morti e oltre 400 feriti

Avatar

Pubblicato

del

È salito ad almeno 14 morti e oltre 400 feriti il bilancio del forte terremoto registrato oggi nell’Egeo fra la costa della Turchia e l’isola greca di Samo. Almeno 12 persone sono morte a Smirne, la terza città più grande della Turchia, di cui due annegate, e sempre a Smirne sono stati registrati 419 feriti, secondo quanto riferisce l’Afad, cioè la presidenza per la gestione di disastri ed emergenze. A Samo, invece, dove è scattata un’allerta tsunami, sono morti due adolescenti, dopo essere colpiti da un muro che è caduto.

Grecia e Turchia, spesso divise da tensioni diplomatiche e ultimamente sul piede di guerra a causa di una disputa sulle esplorazioni nel Mediterraneo orientale, sono state accomunate da un forte terremoto di magnitudo 6,7 che ha colpito il Mar Egeo sud-orientale. Di fronte a vittime e danni, i due Paesi si sono promessi aiuto reciproco, seguiti dall’Ue che si e’ detta pronta a dare sostegno. La tragedia ha anche aiutato a mettere da parte le tensioni anche tra Ankara e Parigi, impegnate da giorni in un acceso botta e risposta sulle vignette satiriche su Maometto. Il sisma ha innescato al largo di Samos un mini tsunami e due adolescenti sono morti sull’isola per il crollo di un muro mentre stavano tornando a casa da scuola. Ben piu’ grave la situazione in Turchia, dove si sono registrati finora almeno 12 morti e 419 feriti; il bilancio peggiore e’ nell’area di Smirne, 3 milioni di abitanti, dove si sono contati 6 decessi e oltre 300 feriti. La scossa, durata 45 secondi, e’ stata registrata ad una profondita’ di 16,5 km e a una distanza di 17 km dalla costa, al largo della citta’ turca di Seferihisar. Il terremoto e’ stato avvertito anche a Creta e nella capitale greca Atene, cosi’ come a Istanbul e Bursa. Venti gli edifici crollati a Smirne, dove si scava per cercare dispersi: i soccorritori, che hanno salvato 75 persone dalle macerie, hanno fatto sapere di essere concentrati su 17 di questi, scavando anche con le mani, aiutati da residenti e cani addestrati, in una lotta contro il tempo per trovare superstiti. Nelle immagini mandate in onda dalla tv turca si vedono nuvole di fumo innalzarsi da varie zone della citta’, li’ dove sono crollati i palazzi.

Scene di panico anche a Samos: i residenti si sono riversati nelle strade, “e’ stato il caos, non abbiamo mai avuto esperienza di una cosa simile”, ha commentato il vice sindaco Giorgos Dionysiou. La protezione civile ha esortato gli abitanti a “stare all’aperto e lontano dagli edifici”. Una seconda scossa di magnitudo 5,1 e’ stata avvertita nel pomeriggio al largo della costa occidentale turca. In una telefonata i ministri degli Esteri di Turchia e Grecia, Mevlut Cavusoglu e Nikos Dendias, hanno assicurato di aiutarsi a vicenda; messaggio di condoglianze e’ arrivato dal presidente russo, Vladimir Putin, in una telefonata ad Ankara. Anche il premier greco Kyriakos Mitsotakis ha chiamato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan per offrire le sue condoglianze: “Quali che siano le nostre differenze, questi sono momenti in cui i nostri popoli devono restare uniti”.

Il disastro “ci ricorda ancora una volta quanto siamo vicini nonostante le nostre differenze politiche”, ha twittato da parte sua Fahrettin Altun, consigliere del leader turco. Da Ginevra anche l’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) si e’ fatta sentire: “Seguiamo da vicino la situazione in evoluzione in Grecia e Turchia” e “lavoreremo con i due Paesi per garantire che venga fornita l’assistenza medica d’emergenza a chi ne ha bisogno”, ha assicurato il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus.

La calamita’ naturale e’ riuscita a far accantonare per un attimo anche le feroci polemiche che da giorni intercorrono tra Francia e Turchia, nuovamente ai ferri corti per le vignette satiriche su Maometto, oltre a essere su fronti opposti anche in Siria, Libia e Nagorno-Kharabakh, cosi’ come nella disputa sul Mediterraneo orientale. Parigi ha espresso “piena solidarieta’” ad Ankara e ad Atene, dicendosi “pronta a fornire la necessaria assistenza”. “Se i governi di questi Paesi lo desiderano, aiuti francesi possono essere immediatamente inviati sul posto”, ha aggiunto il ministro dell’Interno Gerald Darmanin.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto