Collegati con noi

In Evidenza

Scontro sul proporzionale, stop del centrodestra a Letta

Pubblicato

del

“Il Rosatellum non e’ il miglior sistema possibile, indubbiamente, ma se il discorso si apre per portarci al proporzionale mi tengo il Rosatellum”. E’ la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, a gelare da Strasburgo i propositi di un passaggio al proporzionale arrivati negli ultimi giorni dal centrosinistra, sponda Pd. Ieri sera, ospite di La7 era stato Enrico Letta a bollare come il “peggiore possibile” l’attuale sistema di voto, aprendo la strada a un possibile cambiamento, da concretizzarsi gia’ in questa legislatura in vista delle politiche della prossima primavera. Letta punta il dito contro il sistema delle preferenze bloccate, complice nell’allontanare i cittadini dalle urne perche’ questi ultimi “hanno la percezione che non sono loro a decidere i parlamentari, ma i capi dei partiti”. Il segretario dem pero’ non si sbilancia apertamente segnalando una preferenza tra sistema maggioritario o proporzionale. Nelle 24 ore precedenti alla sua intervista pero’ erano stati, prima Romano Prodi, padre nobile del partito, poi l’ex capogruppo del Pd al Senato, Andrea Marcucci, a suggerire un ritorno al proporzionale. Ad ogni modo, Meloni, secondo cui pure e’ “possibile modificare la legge elettorale” ma “si deve fare in senso maggioritario e si puo’ fare anche in un’ora se si vuole fare una legge che garantisca che chi vince le elezioni governa il giorno dopo con una maggioranza”, si dimostra piu’ disposta a rivedere il sistema di voto rispetto agli alleati della Lega, che ieri sera avevano prontamente fatto sapere di non essere disposti a “perdere nemmeno un minuto per cambiare la legge elettorale”. Sulla questione oggi, ospite del forum Ansa, e’ intervenuto anche il presidente della Regione Liguria e leader di Italia al Centro Giovanni Toti che prova a proporre un proprio modello: “chi dice che questa legge garantisce stabilita’ dice una cosa falsa”. “Io vorrei una legge alla tedesca con le preferenze e poi in Parlamento in base ai programmi si fa il governo”. In realta’, una proposta di legge che ricalchi i suggerimenti avanzati da Toti esiste gia’, le era stato dato il nome di “Germanicum” (sul modello tedesco, appunto), ed era strutturata come un proporzionale con soglia di sbarramento al 5%. E’ ferma pero’ in Commissione Affari costituzionali della Camera dal gennaio del 2020. (

Advertisement

In Evidenza

Salvini punta ai ‘politici’, ma resta sotto osservazione

Pubblicato

del

Con l’obiettivo di “costruire rapidamente la squadra di governo piu’ efficace possibile”, e fatta da ministri politici, Matteo Salvini affronta domani la prova interna del Consiglio federale. Il secondo – a distanza di 7 giorni e convocato stavolta a Roma, ufficialmente sul prossimo esecutivo – ma segnato inevitabilmente dall’allerta lanciata dalla fronda del nord, guidata da Umberto Bossi. ‘Salvini non sbagli (ancora) le sue mosse’, sembra l’avviso mandato al segretario leghista dal Comitato del nord, nato sull’onda della batosta elettorale. Implicitamente la vecchia guardia del partito chiede attenzione per farsi valere a Palazzo Chigi soprattutto sulle battaglie considerate perse. In testa c’e’ la riforma dell’autonomia e la priorita’ al nord, dalle imprese alle infrastrutture. La creatura di Bossi “non sara’ un’operazione nostalgia ma e’ il futuro” annuncia Paolo Grimoldi, tessera della Lega dal ’91 e uno dei bracci operativi scelti dal Senatur per il Comitato. Nega anche che sara’ una spina nel fianco del ‘capitano’, perche’ “si muovera’ all’interno del partito per rilanciare le priorita’ del sistema Paese che si tiene sulle imprese del nord”. Per tutto il giorno Salvini resta in silenzio, a parte l’ironia sul toto ministri (“A leggere i giornali oggi, dovrei fare il ministro in otto ministeri diversi. Lasciamoli scrivere e lavoriamo alla squadra migliore possibile”). Sul nuovo governo assicura: “Non vedo l’ora che entri in carica, abbiamo le idee chiare”. Certo e’ il profilo politico che il leader vorrebbe dare alla squadra: ministri espressione dei partiti del centrodestra, e non (altri) tecnici prestati alla politica. Non solo per differenziarsi dall’esperienza del governo Draghi, ma anche per contare nel rapporto con Giorgia Meloni, azionista di maggioranza della coalizione e probabile premier. In realta’ per la leader di FdI, il ricorso a ‘esperti’ sarebbe quasi una necessita’ in alcuni ministeri chiave come l’Economia, viste le emergenze internazionali in corso e le storiche difficolta’ dei conti nazionali. Da qui la ‘rosa’ di ministri – presumibilmente piu’ corposa nei numeri di quanto si otterra’ alla fine – che il segretario dovrebbe mettere sul tavolo domani. A parte un suo ritorno al Viminale, su cui Salvini non ha perso le speranze, i desiderata comprendono il ministero dell’Agricoltura (in pole Gian Marco Centinaio), quello delle Infrastrutture (tra i papabili, Edoardo Rixi di nuovo ‘disponibile’ dopo le vicende giudiziare che l’hanno coinvolto), lo Sviluppo economico che potrebbe restare a Giancarlo Giorgetti, la Pubblica amministrazione (anche qui un bis, con Giulia Bongiorno) e gli Affari regionali, trampolino per l’agognata autonomia (tra i papabili Erika Stefani o Lorenzo Fontana). Agli Interni si vocifera anche, quasi come un ripiego’, i nomi di Nicola Molteni, ex sottosegretario proprio al Viminale o il prefetto Matteo Piantedosi. Nomi a parte, il segretario resta sotto osservazione da parte dei ‘suoi’. Succedera’ domani in occasione del Federale, che torna a Roma dopo quasi un anno. L’ultima volta era il 14 novembre 2011 e nel partito c’era aria di redde rationem dopo le critiche di Giancarlo Giorgetti a Salvini, che fu invece ampiamente riconfermato. Ora, in piu’ ci sono i voti persi dalla Lega, e dimezzati rispetto al 2018, e specialmente al nord, dopo lo ‘scippo’ di Fdi.

Continua a leggere

Cronache

Samantha Cristoforetti dallo spazio ai bimbi napoletani e milanesi: “imparate a coltivare un sogno”

Pubblicato

del

Mille domande dai bambini del rione Forcella di Napoli e  di Milano per Samantha Cristoforetti.  @AstroSamantha, comandante della Stazione spaziale internazionale,  ha risposto alle loro domande mentre ogni giorno fa 16 volte il giro della Terra a bordo proprio della Stazione.

“Imparate a coltivare un sogno”, ha detto l’astronauta italiana ai bimbi collegati con lei:  è il primo collegamento da quando l’astronauta dell’ESA  è diventata Comandante della Stazione Spaziale Internazionale, la prima donna europea a ricoprire questo incarico. “Siete una grande fonte di ispirazione e speranza. Il messaggio che vi voglio mandare, ha detto la Cristoforetti, è quello di mantenere viva la curiosità.

L’iniziativa è stata realizzata da Cielo itinerante, associazione che si propone di avvicinare i bambini in situazioni di disagio sociale ed economico allo studio delle materie scientifiche e tecnologiche, ed Enav, l’ente che gestisce il traffico aereo civile in Italia.

Con i bambini di Napoli c’era il sindaco Gaetano Manfredi, con quelli di Milano il primo cittadino Beppe Sala. Il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha sottolineato “il grande sostegno della città perchè sei un punto di riferimento non solo per le tue doti di leadership e per come rappresenti l’Italia – ha concluso -. Napoli ti vuole bene e ti sostiene”

“Voglio dirti grazie dalla comunità milanese e dirti che sei un modello di riferimento per tanti, ha detto Sala alla Cristoforetti,  Samantha è milanese,  ha spiegato il sindaco di Milano, pochi lo sanno che è nata a Milano, poi l’abbiamo persa in giro per il mondo e poi per lo spazio. È un esempio positivo di cui abbiamo bisogno”.

Continua a leggere

In Evidenza

La Farnesina all’ambasciatore russo Razov: condanniamo i referendum farsa

Pubblicato

del

L’Italia “condanna i referendum farsa” organizzati dai russi nei territori occupati dell’Ucraina. E lo fa in modo ufficiale e diretto, attraverso le parole del segretario generale della Farnesina Ettore Sequi di fronte all’ambasciatore Serghey Razov, convocato stamattina al ministero degli Esteri. Un “messaggio comune, fermo, inequivocabile” dell’Ue, perche’ frutto di un’iniziativa coordinata, che dovrebbe portare tutti i 27 a denunciare le annessioni “illegali”. La protesta italiana, come era prevedibile, e’ stata pero’ “respinta categoricamente” dal diplomatico russo. Ad ulteriore conferma che i tradizionali buoni rapporti tra i due Paesi sono ormai un ricordo lontanissimo. Dopo il voto nei territori di Zaporizhzhia, Kherson, Lugansk e Donetsk, l’Ue ha deciso di fare muro in modo compatto contro lo strappo di Mosca, invitando tutte le cancellerie degli Stati membri a convocare gli ambasciatori russi. La macchina si e’ gia’ messa in moto in alcuni Paesi, dalla Francia alla Germania, dalla Polonia ai baltici. Inclusa l’Italia. Con Razov Sequi ha chiarito che Roma “non riconosce i referendum e non ne riconoscera’ l’esito”. Ed ha “esortato le autorita’ russe a revocare tali atti illeciti ed a ritirare immediatamente, completamente e senza condizioni” i soldati dall’Ucraina. Avvertendo che “la minaccia di impiegare armi nucleari e le gravissime violazioni dei principi e delle regole Onu minano la sicurezza globale”. Allo stesso tempo, Sequi ha ribadito che “l’Ucraina ha il diritto di liberare i territori occupati” e l’Italia “continuera’ a fornirle un forte sostegno per tutto il tempo necessario”. Proprio domani, al Copasir, e’ in programma l’audizione del ministro della Difesa Lorenzo Guerini che potrebbe illustrare i contenuti del quinto decreto per l’invio di materiali d’armamento a Kiev. Il rinnovato sostegno agli ucraini passera’ anche attraverso un rafforzamento della pressione economica su Mosca. L’ottavo pacchetto di sanzioni e’ arrivato sul tavolo del Coreper, i rappresentanti dei 27 all’Ue, con particolare attenzione al punto del price cap al petrolio. Con l’Italia “pienamente allineata ai partner nel valutare ulteriori misure restrittive”, ha assicurato il segretario generale della Farnesina. La replica russa al colloquio tra Sequi e Razov e’ stata affidata ad una nota piuttosto scarna, in cui si e’ spiegato che l’ambasciatore ha “respinto categoricamente le dichiarazioni della parte italiana e ha esposto le sue posizioni in merito alle questioni toccate nello spirito di quanto disposto dal discorso” di Vladimir Putin al Cremlino, nel giorno della cerimonia di annessione delle 4 regioni ucraine. Quello che conta, in ogni caso, e’ che per Razov si tratta della terza convocazione alla Farnesina in sei mesi. E l’intransigenza di Roma nei confronti di Mosca e’ destinata probabilmente a rimanere tale anche con un governo di centrodestra a guida Meloni. Alla Farnesina, ha puntualizzato infine Sequi, non e’ stato affrontato il tema del sabotaggio al Nord Stream, al contrario di quanto ipotizzato alla vigilia dal ministro Roberto Cingolani. Ma la crisi energetica resta tra le appendici piu’ spinose della guerra. Come dimostra, nel caso specifico dell’Italia, l’interruzione dei flussi di gas russo dall’Austria verso il Tarvisio. Questione ancora irrisolta.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto