Collegati con noi

Sport

Sciopero delle calciatrici spagnole: chiedono mille euro di stipendio minimo. La solidarietà di Griezmann

Marina Delfi

Pubblicato

del

Quando si parla di disparità di trattamento economico fra uomini e donne vengono in mente le professioni più disparate ma è nello sport che la situazione è davvero paradossale, nel calcio poi va ancora peggio. Dalla Spagna arriva il primo sciopero nel calcio femminile: le calciatrici della Liga, Primera Division Femminina de Espana, infatti non sono scese in campo e la nona giornata di campionato non è stata disputata. Saltate 8 partite. Perché le ragazze del calcio spagnolo sono state compatte e non si sono fatte convincere da nessuno ed hanno proclamato e portato avanti il loro sciopero.

Fanno una richiesta semplice: un miglior trattamento economico. E non stiamo parlando di più milioni o di diritti di immagine, ma di un salario minimo di 16 mila euro lordi l’anno, ovvero circa 1000 euro al mese… Più o meno quanto un operaio e poco più di una colf. Soprattutto chiedono che venga considerato che si applicano ogni giorno come un lavoratore qualsiasi perché fra allenamenti, trasferte e partite non hanno tempo per fare altro…Inoltre vogliono vedere rispettati i loro diritti, la maternità, le ferie…quindi chiedono che tutto questo venga loro riconosciuto.

Perché se è vero che ci sono calciatrici che guadagnano bene, che giocano nei club ‘top’ come il Barcellona, o le squadre madrilene, c’è pure chi invece è tesserata per squadre meno importanti. A solidarizzare con le ragazze del football anche alcuni assi dell’altra metà della mela calcistica, gente del calibro di Iniesta o Griezmann. “A las compañeras del fútbol femenino que están en huelga luchando por sus derechos les envío todo mi apoyo. Mucho ánimo”, “alle colleghe del calcio femminile, ha scritto Griezmann, che stanno scioperando lottando per i loro diritti, invio tutto il mio appoggio. avanti, forza!”.

Le società della Liga femminile però non vogliono saperne di riconoscere il minimo di 1000 euro al mese di stipendio e, nello stesso tempo, c’è un braccio di ferro anche tra la federazione calcistica femminile della Spagna e Mediapro, che gestisce i diritti del calcio femminile e non solo. Insomma la tensione è altissima e nemmeno la mediazione del Consejo Superior de Deporte, il Consiglio superiore dello Sport, organo di governo dello sport spagnolo, è servita e lo sciopero non è rientrato.

Advertisement

Napoli

Regista nel Napoli di Gattuso, Allan dedica versi in napoletano alla moglie Thais in partenza per il Brasile

Marina Delfi

Pubblicato

del

Messi i malumori alle spalle, congelato (per ora) il problem della multa societaria, adesso Allan è al centro del progetto di Gattuso, proprio al centro inteso come centrale nella linea di centrocampo a tre voluta dal nuovo tecnico del Napoli. Ma oltre alle partite al centro dei pensieri del forte giocatore brasiliano c’è sua moglie Thais che sta per dargli il terzo figlio: ha scelto di farlo nascere in Brasile dove si è avviata in attesa del marito che partirà dopo le prossime due partite di campionato e dove trascorreranno insieme il Natale. Allan, innamorato di Napoli, ha voluto regalare alla moglie questi versi in napoletano su Instagram:

“Tu si’ a ricchezza mi chiù assai e tutte e diamant Pcchè si nun esistesse to giur te  ‘nventass”

Non è perfetto il napoletano ma è un gesto d’amore verso Thais e verso Napoli.

 

Continua a leggere

In Evidenza

Francesca Schiavone: “Ho combattuto e vinto contro il canco”

Marina Delfi

Pubblicato

del

“Adesso vi racconto gli ultimi 7 mesi della mia vita”: Francesca Schiavone racconta su Instagram di aver battuto il cancro e di essere, ora, felice. Una confessione choc quella della ex campionessa apparsa dopo mesi di silenzio, i mesi in cui combatteva contro la sua malattia, la vittoria. Si quella vittoria alla quale ci aveva abituato sui campi da tennis, e che ora in questa circostanza ha reso la forte ex tennista felice.

 

La diagnosi di tumore maligno, la chemioterapia,  senza mai arrendersi come spiega in questo video ma lei, la leonessa sul campo da tennis, è riuscita a non farsi abbattere ed ha sconfitto l’avversario più tosto.

 

Continua a leggere

Sport

Il presidente della Sampdoria Ferrero squalificato 4 mesi per irregolarità sui pagamenti per il centro sportivo di Bogliasco

Avatar

Pubblicato

del

Con il provvedimento pubblicato  sul sito della Federazione Italiana Gioco Calcio, comunicato numero 175/AA, il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero è stato sanzionato con 4 mesi di inibizione per irregolarità sui pagamenti dei lavori di ristrutturazione del  centro sportivo Mugnaini, a Bogliasco. Stessa sanzione alla figlia Vanessa Ferrero che nel 2015/2016, periodo a cui si riferisce la vicenda, era rappresentante legale della società Vici e consigliere d’amministrazione della Samp; comminati anche 15 mila euro di multa al club doriano.

Ferrero, questa l’accusa avrebbe “in concorso con Ferrero Vanessa e con soggetti non appartenenti all’Ordinamento federale, corrisposto alla società VICI srl, riconducibile al Gruppo Ferrero e di cui era Amministratore Unico la Signora Vanessa Ferrero, la somma complessiva di euro 1.159.000,00, a fronte di fatture per operazioni inesistenti, emesse per la presunta pianificazione e realizzazione del centro sportivo “Gloriano Mugnaini” sito in Bogliasco…”.

 

Continua a leggere

In rilievo