Collegati con noi

Cronache

Sciopero dei magistrati, dopo 12 anni stop alle udienze

Pubblicato

del

Dopo dodici anni, giudici e pm tornano – domani – ad incrociare le braccia e a giocare la carta dell’astensione dalle udienze per cercare, facendo pressing sulla politica in vista dei decreti attuativi, di modificare la riforma Cartabia dell’ordinamento giudiziario e la nuova legge elettorale del Csm, due bocconi ritenuti indigesti dall’Associazione nazionale magistrati che con voto bulgaro, lo scorso 30 aprile ha approvato una mozione collettiva e unitaria che proclamava lo sciopero: solo una sessantina i contrari sui circa 1400 votanti. Domani nel primo pomeriggio si sapranno le percentuali dell’adesione allo sciopero, un’arma alla quale le toghe non facevano ricorso dal 2010 quando le adesioni toccarono quota 80-85%. Oltre all’astensione, le varie sezioni locali dell’Anm hanno organizzato assemblee aperte al contributo di avvocati, giornalisti, e giuristi per spiegare la loro contrarieta’ alla riforma, nel mirino ci sono soprattutto le ‘pagelle’ dei magistrati e il metodo elettorale che secondo il ‘sindacato’ dei giudici finirebbe per aumentare il potere delle correnti. Il presidente dell’Anm Giuseppe Santalucia – la cui leadership insieme a quella del segretario Salvatore Casciaro non e’ in discussione, qualunque sia il risultato ‘percentuale’ dello sciopero – prendera’ la parola all’assemblea di Milano nell’Aula magna del Palazzo di Giustizia, la vice Alessandra Maddalena interverra’ in presenza a Napoli e poco prima anche a Reggio Calabria, in streaming. Momenti di dibattito ci saranno anche a Salerno, Lamezia Terme, Catanzaro, Bologna, Catania, Sondrio, e nelle grandi citta’. Comunque sia, l’agitazione dei magistrati ha gia’ un po’ scompaginato il cammino dell’approvazione della riforma. Martedi’ 17 e’ prevista la conferenza dei capigruppo di maggioranza, che la scorsa settimana aveva lasciato di fatto fuori dal calendario dei lavori parlamentari la riforma Cartabia approvata dalla Camera lo scorso 26 aprile, e ora all’esame della commissione Giustizia di Palazzo Madama. L’obiettivo e’ trovare intese politiche sui temi piu’ controversi anche alla luce dei tempi ristretti dei loro iter. Sulla riforma del Csm – con Lega e Italia Viva di traverso – incombe infatti la data del rinnovo dell’organo di autogoverno, attesa per luglio con elezioni da svolgersi a settembre. La Lega potrebbe avere interesse a ritardare il passaggio in Aula del provvedimento per crescere in visibilita’ e tenere viva l’attenzione a ridosso dei referendum sulla giustizia del 12 giugno. “Una riforma subdola: le procure torneranno porti delle nebbie e non per compiacenza della magistratura rispetto alla politica, come negli anni Settanta, ma per timore”, ha sostenuto Eugenio Albamonte, ex presidente dell’ Anm, oggi pm a Roma e segretario di Area, parlando a Il Fatto dei motivi dello sciopero. “Non voteremo a favore per portare a casa una bandierina purchessia”, ha ribadito la senatrice leghista Giulia Bongiorno a La Stampa parlando della riforma del Csm. “Non facciamo saltare nulla. Siamo tutti d’accordo che la riforma del Csm deve impedire le degenerazioni del correntismo” ha detto Bongiorno che vuole “evitare l’ennesima riforma che non raggiunge gli obiettivi. Le correnti si sono gia’ acconciate: mi danno per certo che avremo 7 eletti di Area e 7 di Magistratura indipendente, piu’ qualche resto per gli altri. Solo il sorteggio spezza il legame tra corrente e eletto. La Lega sta proponendo da tempo miglioramenti. Un breve rinvio di quelle elezioni potrebbe essere il male minore. Forse pochi hanno compreso che la riforma del Csm e’ la madre di tutte le riforme”.

Advertisement

Cronache

Casamicciola, recuperati anche i corpi di una bimba e di una donna anziana

Pubblicato

del

Frana a Ischia. Sale a tre il bilancio delle vittime. È stata recuperata  una bambina di 5-6 anni: aveva addosso il pigiamino rosa. È stata ritrovata in via Celario. E’ stata recuperata la salma di una terza vittima dell’alluvione sempre nella zona di via Celario. I soccorritori che da alcune ore scavano a mano hanno rinvenuto il cadavere di una donna anziana, di cui al momento non è possibile determinare l’identità. Come per le altre due vittime, la salma sarà portata presso l’obitorio dell’ospedale Rizzoli. Almeno 10 i dispersi.  È stato disposto lo stato di emergenza. Il ministro Musumeci annuncia che la presidente del Consiglio Giorgia Meloni sarà a Ischia prima possibile. Si cercano gli altri dispersi ma si fa anche il conto delle case distrutte dall’ondata di fango. Sono 167 gli sfollati.

Continua a leggere

Cronache

Napoli, fermati nei pressi della caserma Pastrengo dei Carabinieri due ragazzi armati di mitra: sfiorata la tragedia

Pubblicato

del

All’alba, verso le 5.30, a Napoli, due ragazzi a bordo di uno scooter percorrono Piazza Carità. Hanno il volto coperto, il mezzo è senza targa e provengono dai quartieri spagnoli. I Carabinieri della compagnia Napoli centro gli intimano l’alt, lo scooter fa inversione e i 2 imboccano via Toledo, lì verranno bloccati. Chi guida ha 17 anni mentre il passeggero ne ha 18. Sono entrambi di Ponticelli e sono già noti alle forze dell’ordine. Il 18enne è armato, ha con se una pistola mitragliatrice tipo SKORPION cal. 7,65, senza matricola e con 13 colpi inseriti nel caricatore. Attimi di tensione durante la colluttazione per disarmarlo.


Il 18enne – in un probabile delirio di onnipotenza – si mette in piedi sullo scooter e punta l’arma verso i Carabinieri. I militari si lanciano verso il ragazzo e lo atterrano, parte un colpo dalla mitragliatrice. Il proiettile, partito per l’estrema sensibilità dell’arma, per un riflesso incondizionato del ragazzo o per altri motivi ancora non chiari, non ha ferito nessuno.
Perquisite le abitazioni dei due. I militari dell’Arma hanno rinvenuto e sequestrato a casa del maggiorenne 3 coltelli a serramanico, 2 sfollagente, 1 tirapugni, 1 giubbotto e una balestra.
I due sono stati arrestati per porto di armi da guerra e trasferiti rispettivamente nel carcere di Poggioreale e ai colli Aminei.

Continua a leggere

Cronache

Ridotta in schiavitù, il gip: genitori violenti e prevaricatori

Pubblicato

del

Siamo in presenza di “personalità violente e prevaricatrici, determinate a trarre fonti economiche per il soddisfacimento delle loro esigenze personali dall’accattonaggio delle figlie” e del tutto “incapaci di considerare il dissenso e il disagio di una di loro, di rispettare l’obbligo scolastico e di occuparsi delle sue esigenze primarie”. Lo scrive il gip di Roma nell’ordinanza con cui ha disposto misure cautelari nei confronti di due genitori, entrambi bosniaci, accusati di avere ridotto in schiavitù la figlia di 14 anni. L’indagine è stata coordinata dall’aggiunto Michele Prestipino. Nelle esigenza cautelari il giudice scrive che “a fronte delle confidenze della minore con le insegnanti, lungi dal manifestare segni di resipiscenza, non hanno esitato a picchiarla all’evidente fine di evitare l’intervento dei servizi sociali e delle forze dell’ordine, e mantenerla in uno stato di soggezione per sfruttarne l’accattonaggio”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto