Collegati con noi

Esteri

Scatta la tregua in Siria tra curdi e turchi, Trump toglie le sanzioni a Ankara

Avatar

Pubblicato

del

Armi ferme nel nord est della Siria. È cominciato il ritiro curdo in base all’intesa per una tregua siglata tra Washington e Ankara. Entro 120 ore, ovvero cinque giorni, le milizie Ypg in Siria si ritireranno dal confine con la Turchia. Una volta concluso quello curdo, sarà la volta del ritiro turco dall’area. “Il ritiro – ha spiegato il vice presidente americano, Mike Pence, oggi a Ankara per negoziare l’accordo con Recep Tayyip Erdogan – è già iniziato e andra’ avanti. Ypg ci ha garantito che si ritirera’ dall’area. La priorita’ di entrambi e’ stata quella di evitare la morte di innocenti. L’intesa tra i nostri due Paesi e’ totale e ora lavoreremo insieme alla costituzione e alla gestione della safe zone”. “La Turchia – ha aggiunto – ha accettato di non effettuare alcuna operazione militare verso Kobane. Abbiamo trovato un’intesa per risolvere l’impasse in maniera pacifica. Con la Turchia condividiamo la stessa idea di lotta all’Isis, e proseguiremo su questa strada allo stesso modo condividiamo la necessita’ di garantire il ritorno dei civili nella regione e favorire la convivenza tra le minoranze presenti nella medesima area”.

Mike Pence. Il vice presidente americano 

Ankara ha fatto sapere di aver raggiunto il proprio obiettivo, ovvero la costituzione di una safe zone profonda circa 30 km e in tutto di 480 km quadrati, sebbene le truppe turche e i loro alleati dell’esercito libero siriano abbiano al momento sotto controllo un’area di 220 chilometri quadrati: una superficie che corrisponde a meno della meta’ del territorio da cui Ankara era decisa a eliminare i miliziani Ypg. “Abbiamo ottenuto cio’ che volevamo”, ha detto il ministro degli Esteri, Mevlut Cavusoglu. “Daremo a Ypg – ha spiegato – cinque giorni di tempo per abbandonar l’area, le armi pesanti di Ypg verranno ritirate e le loro postazioni verranno distrutte. L’area sara’ messa sotto il controllo dell’esercito turco. Il nostro intervento potra’ considerarsi finito solo quando tutti i miliziani Ypg avranno abbandonato l’area. Il nostro obiettivo e’ sempre stato quello di liberare dai terroristi un’area profonda 32 km a est dell’Eufrate e costituirvi una safe zone. Gli Stati Uniti garantiscono che tutti i terroristi lasceranno l’area nelle prossime 120 ore”.

Recep Tayyip Erdogan. Il presidente della Turchia

L’intesa Usa-Turchia e’ stata messa nero su bianco su un documento in 13 punti, e prevede, tra l’altro, il ritiro delle sanzioni attuali emesse da Washington contro Ankara. “Se Ankara avesse continuato ad attaccare il nord est della Siriasarebbe stata colpita da sanzioni pesantissime. Con l’intesa raggiunta posso affermare che non ci saranno nuove sanzioni e il presidente Trump e’ d’accordo nel voler abolire le sanzioni attualmente applicate alla Turchia”, ha detto Pence, in riferimento alle misure applicate alla banca turca Halkbank, accusata di aver raggirato l’embargo nei confronti dell’Iran. “E’ un grande giorno per la civilta’”, ha esclamato il presidente americano, anticipando per pochissimi minuti l’annuncio fatto dal suo vice. Trump ha assicurato che sia Ankara che i curdi sono “incredibilmente contenti”, grazie all’intesa, raggiunta attraverso un “approccio non convenzionale, basato su un difficile amore”. Stati Uniti e Turchia, afferma tra l’altro l’intesa, ribadiscono il rispettivo impegno per l’unita’ politica e l’integrita’ territoriale della Siria e il processo politico guidato dall’Onu, con cui si vuole porre termine al conflitto in base alla risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza del Palazzo di vetro.

Advertisement

Esteri

Coronavirus: in Cina 54 nuovi casi, tutti da estero

Avatar

Pubblicato

del

 Sono 54 i nuovi casi di coronavirus in Cina nelle ultime 24 ore, tutti provenienti dall’estero. Lo ha comunicato la Commissione nazionale per la salute, aggiungendo che altri 383 pazienti sono guariti. Tre i morti, tutti nella provincia di Hubei dove pero’ nessun nuovo caso e’ stato registrato nelle ultime 24 ore. In totale in Cina si contano 81.394 casi di contagio. Le vittime dell’epidemia sono 3.295. I guariti nel complesso ammontano a 74.671.

Continua a leggere

Esteri

Biden sfiderà Trump, sua ex assistente lo accusa: mi ha abusata nel 26 anni fa

Avatar

Pubblicato

del

Un ex assistente di Joe Biden accusa il candidato democratico alla Casa Bianca di aver molestata sessualmente nel 1993. Tara Read, una delle otto donne che ha accusato Biden di averla toccata in modo inappropriato, entra nei dettagli e rivela che Biden l’ha baciata e abusata con le sue mani senza il suo consenso. Lo riporta Huffington Post.

Continua a leggere

Esteri

UE ad un passo dallo sfaldamento, Macron: Francia al fianco di Italia, basta egoismi

Avatar

Pubblicato

del

“Non voglio un’Europa egoista e divisa”: lo dice il presidente francese, Emmanuel Macron, in un’intervista riportata dall’agenzia AFP in cui sottolinea che “la Francia e’ al fianco dell’Italia”. “Non supereremo questa crisi – dice Macron – senza una solidarieta’ europea forte, a livello sanitario e finanziario”. “L’Ue, la zona euro, si riducono a un’istituzione monetaria e a un insieme di regole che consentono a ogni Stato di agire per conto suo? O si agisce insieme per finanziare le nostre spese, i nostri bisogni in questa crisi vitale?”.

Al Consiglio europeo di giovedi’ scorso, continua Macron, “dieci Paesi dell’eurozona, rappresentanti del 60% del suo PIL, hanno esplicitamente sostenuto” l’idea di “Coronabond”, di “una capacita’ di indebitamento comune, quale che sia il suo nome, oppure di un aumento del bilancio dell’Unione europea per permettere un sostegno reale ai paesi piu’ colpiti da questa crisi”. “Alcuni Paesi, tra cui la Germania – ha continuato Macron nell’intervista a tre quotidiani italiani – hanno espresso le loro reticenze. Abbiamo deciso di continuare questo fondamentale dibattito, al piu’ elevato livello politico, nelle prossime settimane. Non possiamo abbandonare questa battaglia. Preferisco un’Europa che accetti divergenze e dibattiti piuttosto che un’unita’ di facciata che conduce all’immobilismo. Se l’Europa puo’ morire, e’ nel non agire. Come Giuseppe Conte, non voglio un’Europa del minimo comune denominatore. Il momento e’ storico: la Francia si battera’ per un’Europa della solidarieta’, della sovranita’ e dell’avvenire”. Quanto alla crisi sanitaria e al modello di reazione dell’Italia e della Francia all’epidemia, Macron ricorda che in Francia “abbiamo preso le misure piu’ forti e al piu’ presto; abbiamo adottato, dinanzi a un numero di casi simile, le misure di restrizioni sociali qualche giorno prima dei nostri partner europei. Non me ne do alcun merito – aggiunge – perche’ la scienza ci ha illuminato e l’Italia ci ha preceduto in questa crisi che abbiamo potuto trarne le lezioni per noi stessi. Abbiamo imparato dalle esperienze dolorose del vostro Paese e dalle decisioni coraggiose prese dal vostro governo: molti paesi europei giudicavano eccessive tali restrizioni, oggi tutti le attuano perche’ sono indispensabili nella nostra guerra contro il virus”.

Continua a leggere

In rilievo