Collegati con noi

Politica

Salvini punta a unire la Lega, ora 5 anni al governo

Pubblicato

del

Cercare di calmare le acque ancora agitate dentro il partito, compattare tutte le sensibilita’ diverse presenti soprattutto nel Nord, rilanciando con forza il ruolo fondamentale della Lega nel futuro esecutivo. “Gli italiani – osserva Matteo Salvini parlando alla Coldiretti – ci hanno dato la maggioranza alla Camera e al Senato: per i prossimi cinque anni parlare poco e lavorare tanto”. Insomma, insistere sul successo del centrodestra, investire tutto sul prossimo governo come leva necessaria per recuperare i consensi persi nel voto di domenica. E’ questa la strategia di Matteo Salvini, al termine della prima settimana dopo il voto, mentre tutto il centrodestra e’ alle prese con la formazione del nuovo esecutivo. Bollata come “sciocchezza” l’ipotesi di un appoggio esterno a un governo che non e’ ancora nato, il segretario ostenta sicurezza ricordando che il clima all’interno della maggioranza “e’ ottimo”. “Il centrodestra ha vinto le elezioni e in tempi velocissimi nascera’ un esecutivo all’altezza delle aspettative degli elettori che portera’ anni di buon governo. La Lega – aggiunge – ha le idee chiare su cosa fare e sulla futura squadra, donne e uomini che daranno il massimo”. Se a Roma la linea e’ tracciata, nel Nord, dove la Lega e’ nata e ha vissuto un’emorragia elettorale, restano i mugugni, al momento sotto traccia. Giovedi’ prossimo, quando probabilmente la partita dei ministri sara’ entrata nel vivo, e’ stato convocato un nuovo consiglio Federale a Milano, il secondo dopo il voto. E chissa’ se sara’ quello il momento dello showdown, tanto annunciato, ma ancora mai visto. Com’e’ noto i governatori chiedono maggiore vigore sul fronte dell’ autonomia, tanto che dal Veneto c’e’ chi ha addirittura chiesto a Salvini di chiedere per se, forse provocatoriamente, il ministero degli Affari regionali. Ma il segretario ha anche il dovere di sciogliere il nodo dei congressi: in tanti chiedono che si svolgano prima possibile e anche che gli iscritti possano votare. Ad ogni modo, almeno per ora, le dichiarazioni sono del tutto concilianti. Che il segretario debba andare al governo e’ la linea condivisa pubblicamente anche da Massimiliano Fedriga, il governatore del Friuli indicato da piu’ ambienti come potenziale successore del ‘Capitano’. “Sono convinto – osserva sorridente – che la Lega avra’ un ruolo importante con Matteo Salvini all’interno del Governo”. E anche lui smorza la tensione circa il prossimo incarico, evitando di mettere pressione sul segretario: “Abbiamo un Consiglio federale giovedi’, ma non e’ certamente un presidente di Regione che determina i ministri. Andiamo a insediare le camere il 13 ottobre. Poi verra’ dato l’incarico al Presidente del Consiglio. Dopo ancora verra’ definito il Governo. Andiamo avanti, sono convinto che la Lega avra’ un ruolo importante”, ha concluso.

Advertisement

Cronache

Alessandra Locatelli, la ministra leghista delle Disabilità che ha “conquistato” le associazioni della Campania

Pubblicato

del

La grande sensibilità del ministro per le Disabilità, Alessandra Locatelli, non può lasciare indifferente nessuno. All’Hotel Ramada, a Napoli, Locatelli, esponente della Lega, ha incontrato le associazioni di rappresentanza delle persone con disabilità, e al di là delle importanti dichiarazioni ha colpito tutti. Per la sua straordinaria umanità, lo spirito di servizio che profonde nella sua attività di governo, la passione civile da ogni suo abbraccio a chi purtroppo vive la condizione di disabilità.

“Una persona”, dice la Locatelli, “non può essere identificata con la sua malattia. Le priorità sono stimolare gli enti locali e fare rete con le associazioni. Abbiamo visto anche durante l’emergenza sanitaria che da soli si fa fatica ad andare avanti, se non ci fossero stati associazioni ed enti del terzo settore a dare una mano, saremmo stati ancora più in difficoltà. Energie così preziose vanno impegnate anche sui temi del sociale e della disabilità. I fondi vanno distribuiti a chi ne ha bisogno”.

Accompagnata dai consiglieri regionali della Lega Severino Nappi e Carmela Rescigno, la Locatelli non si risparmia. “Voglio dare una mano alla Campania”, aggiunge, “ascolterò prima le famiglie, poi i politici. Mi metto a disposizione, non mi tiro indietro. Tutti hanno diritto ad avere una vita autonoma ad avere un lavoro secondo le proprie potenzialità. Occorre”, sottolinea la Locatelli, rivolgendosi alle famiglie e alle persone con disabilità presenti in sala,“ribaltare il modo di vedere la disabilità. Puntiamo su tutti per far crescere questa nazione. Occorre predisporre corsi di formazione individuali, valorizzare le risorse che avete”.

Alcune azioni concrete sono già in campo. “Siamo a un punto di chiusura con un primo decreto attuativo che è quello sull’istituzione del garante nazionale”, sottolinea il ministro. Che poi, in merito all’attuazione di una apposita legge delega, aggiunge. “Ne abbiamo due che sono al vaglio della commissione redigente e poi verranno condivisi con i ministeri e io conto che tra gennaio e febbraio possano andare sia in Consiglio dei ministri – dice Locatelli – che alle Camere. E poi – conclude – ce ne sono due molto complesse, che richiederanno tempo. Sono quella sull’accertamento e quello sul progetto di vita che richiedono sicuramente anche un tavolo tecnico perché sono elementi essenziali su cui ragionare bene per dare delle risposte alle persone con disabilità”.

Continua a leggere

Economia

La manovra da 35 mld arriva in Parlamento: tutte le misure dalla flat tax al pos, dalle pensioni al cuneo

Pubblicato

del

La prima manovra del governo Meloni sta per arrivare in Parlamento. Riceve la bollinatura della Ragioneria e la firma del Presidente della Repubblica. E’ ora pronta per un rush Parlamentare e l’ok entro la fine dell’anno. Rispetto all’ultima bozza il testo sale a 174 articoli, ma non ci sono grosse modifiche, l’impianto è sostanzialmente quello predisposto dal Mef e resta invariato anche l’aumento a 60 euro della soglia per accettare pagamenti in contanti, al centro di un confronto con Bruxelles. Tra le novità, invece, entrano due fondi per la cybersicurezza e 50 milioni per la metro C di Roma. Per il resto viene confermato l’impianto da circa 35 miliardi di euro – tre quarti impegnati negli aiuti contro il caro energia – che taglia il reddito di cittadinanza ma per gli otto mesi che gli restano lo rende cumulabile con i lavori saltuari.

ENERGIA. 21 miliardi contrasteranno il caro bollette fino a marzo. Spariscono gli oneri impropri delle bollette elettriche (come le spese per lo smaltimento del nucleare) e viene rafforzato il bonus sociale (la soglia Isee passa da 12.000 euro a 15.000 euro). Potenziato anche il credito d’imposta per le imprese. Dimezzato invece, da dicembre, lo sconto carburanti (da 30,5 a 18,3 centesimi).

LAVORO E CUNEO. E’ la misura più costosa dopo l’energia: oltre 4 miliardi, che taglieranno il cuneo di 2 punti per i redditi fino a 35mila euro, di 3 punti per quelli fino a 20mila euro. C’è anche un incentivo all’assunzione: decontribuzione azzerata per chi assume donne, giovani under 36 anni o percettori del reddito di cittadinanza. Arrivano anche i buoni lavoro nei settori agricoltura, del comparto Horeca e per lavori domestici fino a 10mila euro.

FISCO E FLAT TAX: Vengono confermate anche per il 2023 le agevolazioni per acquisto prima casa per gli under 36. Viene aumentato anche il tetto al contante, che sale a 5.000 euro, e viene portata a 60 euro la soglia oltre la quale gli esercenti sono obbligati ad accettare carte e bancomat. Confermato poi l’innalzamento della soglia della flat tax da 65.000 euro a 85.000 euro per gli autonomi che avranno anche una flat tax per incrementi di reddito fino a 40mila euro.

PENSIONI. Viene rivisto il meccanismo di indicizzazione, comprese le minime aumentate a 600 euro. Per le nuove uscite, viene introdotta la ‘pensione anticipata flessibile’ (o Quota 103) con 41 anni di contributi e 62 anni d’età. Ma c’è un ‘tetto’ che, fino al raggiungimento dell’età pensionabile, non può superare cinque volte le pensioni minime. L”Opzione donna’ viene prorogata di un anno, ma solo per tre categorie: caregiver, invalide almeno al 74%, dipendenti di imprese in crisi. A questo si aggiunge l’innalzamento dell’età d’uscita da 58 a 60 anni: calerà in base al numero dei figli di un anno per ogni figlio, fino al massimo di due. IMPRESE. Viene rifinanziato con 1 miliardo il fondo di garanzia per le Pmi. Viene prorogato anche bonus Ipo, un credito di imposta per favorire la quotazione delle Pmi in Borsa. Prorogata anche per il 2023 la sospensione dell’entrata in vigore di plastic e sugar tax.

EXTRAPROFITTI. La tassa diventa un “contributo di solidarietà” a carico dei soggetti che in Italia producono, importano o vendono energia elettrica, gas e prodotti petroliferi. Il contributo è del 50% sul reddito 2022 che eccede per almeno il 10% la media dei redditi 2018-21. Sono interessate 7mila aziende.

INFLAZIONE. Per aiutare le famiglie l’Iva scende dal 10 al 5% per i prodotti per l’infanzia e per l’igiene intima femminile. Viene inoltre istituito un fondo di 500 milioni di euro per la “Carta risparmio spesa” per redditi fino a 15mila.

SCUOLA E SANITA’. Per la scuola, ha annunciato il ministro Valditara, ci sono circa 530 milioni in più rispetto all’anno scorso. Tra le altre cose è previsto il ripristino del contributo alle scuole paritarie (70 milioni) e 24 milioni al trasporto disabili. Previste anche nuove risorse per la sanità (1,4 miliardi per il 2022 e 500 milioni per il 2023).

ENTI LOCALI E TRASPORTI. Per gli enti locali, compreso il trasporto pubblico, vengono stanziati circa 3,1 miliardi. Spunta un fondo (160 milioni) per il contrasto al consumo di suolo. Per il ponte sullo Stretto è prevista la riattivazione della società Stretto di Messina spa in liquidazione, nata nel 1981. Viene inoltre evitato il previsto aggiornamento al rialzo degli importi delle multe stradali.

Continua a leggere

In Evidenza

Disabilità e inclusione: la ministra Locatelli intervistata a Scampia

Pubblicato

del

Il concetto di inclusione è “assolutamente importante in un luogo della cultura quale il Parco archeologico di Pompei”. Come lo è ovviamente in un quartiere difficile come Scampia. Come lo è ovunque. La ministra per le Disabilità Alessandra Locatelli trascorrerà un paio di giorni nel Napoletano. Vuole capire se i temi della inclusione e della disabilità sono sentiti e come le istituzioni intervengono per favorire ragazzi, bambini, adolescenti con autismo, disabilità cognitiva e altre patologie che rischiano di tenere chi ne è affetto e i loro congiunti in una situazione di marginalità. Assieme alla ministra Locatelli, nel suo tour a Scampia, tra associazioni benemerite come ‘Resistenza Anticamorra’ e ‘Officina della Cultura Gelsomina Verde’ di Ciro Corona, c’era per noi Olga Fernandes. La giornalista ha potuto scambiare con la ministra qualche opinione, fare domande.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto