Collegati con noi

Sport

Rigore di Piatek, il Milan vince a Verona ma non convince

Avatar

Pubblicato

del

Il Milan tiene alta la testa grazie ad un rigore di Piatek che gli permette di battere 1-0 il Verona ma ancora una volta latita paurosamente nel gioco, ad una settimana dal derby con l’Inter capolista. La squadra di Giampaolo gioca per tre quarti di gara in superiorita’ numerica grazie alla frettolosa espulsione di Stepinski per fallo su Romagnoli, ma non cambia ritmo, non mette mai davvero alle corde un Verona tanto cuore e corsa ma di poca sostanza sotto il profilo tecnico. E anche dopo il vantaggio, pur potendo sfruttare spazi piu’ ampi, non crea occasioni e soffre fino alla fine, quando Calabria si fa anche espellere in una complicata difesa del vantaggio, dicendo cosi’ addio alla stracittadina. Giampaolo schiera Paqueta’ dietro Piatek, un esperimento bocciato dallo stesso tecnico. La catena di sinistra proprio non funziona. Rodriguez spinge poco, Chalanoglu non incide e giocoforza la trama rossonera si sviluppa tutta a destra dove effettivamente e’ dal piede di Suso e dagli affondi di Calabria che nascono le idee migliori. Ma il Milan non cambia marcia, piatto nel gioco e nelle idee. Nel primo tempo il Verona in avvio sembra anzi piu’ baldanzoso ma una volta in inferiorita’ numerica si chiude a riccio davanti a Silvestri. Sono comunque i gialloblu’ con Verre a sfiorare addirittura il vantaggio, ma dopo un pregevole stop al volo il giovane attaccante non riesce a centrare lo specchio della porta. Rebic per Paqueta’ e’ la soluzione di Giampaolo nella ripresa, qualcosa si muove ma davvero poco. Calabria colpisce il palo con un destro dalla distanza, ma il Verona ha la forza di impensierire ancora Donnarumma rispondendo con un palo preso da Verre. Poi un destro di Chalanoglu va ad incocciare la mano di Gunter e dal dischetto Piatek torna pistolero, festeggiando in modo un po’ esagerato un gol che mancava da mesi. Nonostante lo svantaggio Juric non cambia l’atteggiamento del Verona che nel finale urla la propria rabbia verso Manganiello. Calabria cintura Pessina, per il Var il fallo e’ fuori dall’area. Veloso colpisce la barriera, il destro di Lazovic sibila di poco a destra del palo di Donnarumma. Il Milan festeggia il successo. Una vittoria faticosa e forse anche immeritata. Il derby alle porte e il lavoro di Giampaolo stenta a dare frutti. Arrivano comunque punti preziosi, ma il gioco non puo’ far felici i tifosi rossoneri.

Advertisement

In Evidenza

Anche Koulibaly fra i trenta calciatori selezionati per il Pallone d’Oro

Avatar

Pubblicato

del

Fra i trenta calciatori top che concorrono per il Pallone d’Oro c’è anche Kalidou Koulibaly il forte centrale senegalese del Napoli: è il quarto giocatore azzurro da quando Aurelio De Laurentiis è presidente della squadra ad entrare nelle nomination per il prestigioso trofeo della rivista France Football. Dopo Cavani, Higuain e Mertens. Per Koulibaly si tratta di una rivincita perché il senegalese era stato escluso dalle nomination per il Pallone d’Oro africano nel 2018.

Koulibaly è una delle punte di diamante del Napoli: proprio pochi giorni fa De Laurentiis aveva ‘confessato’ di aver detto di no a una proposta indecente, a una offerta da 105 milioni di sterline. “Ma fino a quando riuscirò a non venderlo?”, si era chiesto il presidente azzurro.

Nei magnifici trenta ci sono mostri sacri del calcio dei nostri giorni: Messi, Ronaldo, Griezmann, De Bruyne, Mahrez. Tra i difensori con Koulibaly c’è de Ligt inserito con Kean nell lista dei Golden Boy. Nella categoria dei portieri altre due conoscenze della serie A: Handanovic e Szczesny.

CR7 è ormai alla 16esima nomination al Pallone d’Oro, cinque le edizioni vinte.  Nella lista c’è mezzo Liverpool: Sadio Manè, Trent Alexander-Arnold, Alisson, Mohamed Salah, Roberto Firmino, Virgin van Dijk, Raheem Sterling , Georginio Wijnaldum; poi ci sono i calciatori del Manchester City Sergio Aguero, Bernardo Silva, Kevin De Bruyne ,Riyad Mahrez; dell’Ajax delle meraviglie Frenkie de Jong, Dusan Tadic, Donny van de Beek. Dal PSG le candidature di Kylian Mbappe’ e Marquinhos, dall’Atletico Madrid quelle di Antoine Griezmann e Joao Felix e dal Barcellona Lionel Messi e Marc-Andre’ Ter Stegen. Anche il Real Madrid ha i suoi jolly: Karim Benzema, Eden Hazard. E poi i calciatori del Tottenham Hugo Lloris, Heung-min Son, e Aubameyang dell’Arsenal, Lewandoski del Bayern Monaco. Oltre ovviamente a CR7. Rivelati anche i nomi delle candidate a pallone d’oro femminile dove domina il Lione ma non c’è neppure un calciatrice di squadre italiane.

Continua a leggere

Sport

Champions, Juventus e Napoli ad un passo dalla qualificazione. Real Madrid e Tottenham a rischio

Avatar

Pubblicato

del

Panchine a rischio per Tottenham e Real Madrid.  Pochettino e Zidane potrebbero non mangiare il panettone nel caso di esclusione dal girone di  Champions giunto a metà del suo cammino. Nel quartetto italiano, l’Atalanta è quasi fuori. L’Inter deve vincere perchè rischia.  Juve e Napoli non devono distrarsi e ribadire il primato nel girone. Per loro la qualificazione è vicina. In Europa League impegni complicati per le romane: la Lazio gioca in casa del Celtic, la Roma riceve il Moenchengladbach, tornato a battersi per lo scudetto della Bundesliga. Non e’ una fase memorabile per le grandi d’Europa: a parte Tottenham e Real, il Bayern ha problemi interni e non svetta in patria, l’Atletico va maluccio, il Barca arranca senza Messi. La situazione più delicata è quella del Tottenham, ex finalista. Nell’ultimo mese una vittoria e due ko in 5 gare, un pari e il crac 2-7 col Bayern in Champions. Diventa pertanto decisiva la gara interna di domani con la Stella Rossa, se non vince la qualificazione diventa una chimera. Nello stesso girone B il Bayern cerca di staccarsi ulteriormente in vetta giocando in casa dell’Olympiacos. Situazione critica anche per il Real Madrid, che ha pensato bene di preparare la Champions perdendo a Majorca: molti infortuni e tanto turnover non giustificano Zidane che ha perso la testa della Liga, ma in Europa la situazione e’ sconfortante. Dopo il crollo di Parigi e lo sciagurato pari interno col Bruges, si trova nella necessita’ di vincere in un campo difficile come quello del Galatasaray. Per Zidane solo una vittoria nelle ultime quattro gare, quindi un ko potrebbe sancire l’addio. Il rinvio del Clasico sembra una benedizione per i madrileni. Nell’altra gara Psg favorito a Bruges, specie ora che Icardi sta segnando a raffica e si trova bene con Mbappe’ e Neymar.

Mauro Icardi. Il nuovo bomber del Psg

L’Inter di Conte deve mostrare il suo lato migliore per restare in corsa nel gruppo F dove è ultima. Nell’altra gara Barcellona favorita a Praga. Impegno facile sulla carta per la Juve contro il Lokomotiv Mosca. L’Atletico a fasi alterne dovrebbe sbarazzarsi nell’altra gara del deludente Leverkusen. La vittoria nel girone dovrebbe essere decisa nel ritorno tra Juve e Atletico. Il Napoli deve tornare da Salisburgo con una vittoria o comunque non deve perdere per avere molte chance di qualificazione. Il Liverpool dovrebbe avere la meglio sul Genk, ma visto il trascorso col Napoli meglio stare attenti. Nel gruppo H primo posto in gioco nella sfida Ajax-Chelsea mentre il Valencia cerca punti in casa del modesto Lilla. Nel gruppo G il Lipsia prova a scavalcare lo Zenit mentre il Lione di Garcia, che balbetta in Ligue1, cerca punti in casa del deludente Benfica per avvicinare la qualificazione. In Europa League la Roma prova a scuotersi dall’alibi degli infortuni ma trova sulla sua strada un Moenchengladbach che e’ tornato competitivo dopo un inizio di stagione deprimente. Ostico anche il compito della Lazio in casa del Celtic, che in campionato viene da un poderoso 6-0 col Ross County. Tra le altre gare di rilievo Partizan-Manchester United, una dei tanti scontri al vertice dei girone, come Porto-Rangers, Ludogorets-Espanyol, Gent-Wolfsburg e Getafe-Basilea. Facili gli impegni di Arsenal e Siviglia contro Vitoria e Dudelange.

Continua a leggere

Sport

Milan sciupone e sprecone, il Lecce pareggia in zona Cesarini

Avatar

Pubblicato

del

Calderoni al 92 esimo minuto, al secondo dei sei di recupero, ha gelato il Milan e rovinato il debutto di Pioli in panchina. È stato il gol del 2-2 finale con il Lecce.
Così si ridimensiona la serata brillante di Calhanoglu, che al 20′ ha segnato il vantaggio e a 9′ dalla fine con una vera prodezza ha servito a Piatek (entrato dalla panchina e per la prima volta a segno su azione) per il gol che aveva fatto tirare un sospiro di sollievo ai 48mila in tribuna dopo il pareggio di Babacar. Alla fine Calderoni ha mandato in visibilio i 4mila tifosi del Lecce e spento la luce del Milan, atteso da avversari ben piu’ solidi, prima la trasferta con la Roma, poi Spal, Lazio, Juventus e Napoli. Dopo aver catechizzato la squadra durante il riscaldamento, Pioli viene accolto da applausi non particolarmente caldi dal pubblico di San Siro, che invece fischia sonoramente (anche la Curva Sud che poi restera’ in silenzio per protesta) Suso, Piatek, Biglia, Kessie, Rodriguez, Borini e Antonio Donnarumma. Dopo aver abolito il ritiro prima della partita serale in casa, il nuovo allenatore prosegue la sua piccola rivoluzione in campo: cambia idea rispetto a qualche giorno fa, lascia Piatek fuori, e schiera titolare il giovane Leao, che Giampaolo due settimane fa aveva tenuto in panchina attirandosi l’ira della dirigenza; poi a centrocampo Pioli inverte Kessie (a sinistra pronto a coprire se Hernandez avanza) e Paqueta’ (a destra). Leao subito crea due pericoli nei primi due minuti, mentre Hernandez da sinistra infila di continuo gli avversari, frastornati e confusi, sotto gli occhi di un infuriato Liverani. Il Milan tira verso la porta 5 volte in un quarto d’ora, il pubblico comincia a riscaldarsi e passa dai fischi agli applausi anche per Calhanoglu, che due volte sfiora il gol prima di trovarlo al 20′ con una girata esteticamente pregevole, agevolata pero’ dalla lentezza di Gabriel, infilato sul primo palo. Il primo tiro del Lecce arriva al 40′, mentre il Milan all’intervallo ne colleziona 12, mai cosi’ tanti in 45′ questo campionato. Per un’ora sembra un Milan rivitalizzato, la manovra e’ disinvolta, la difesa non va in affanno. Ma dopo aver fallito ripetutamente il raddoppio, subisce il pareggio di un Lecce coriaceo. Il Var segnala all’arbitro un fallo di braccio in area di Conti: al posto del rigorista Mancosu (3 su 3 in stagione), sul discetto va Babacar, che sbaglia il rigore ma non la ribattuta. Pioli reagisce al suo primo momento di difficolta’ inserendo Piatek e Krunic per Leao e Paqueta’, poi Rebic per Kessie. La squadra perde lucidita’ e foga agonistica, ma Calhanoglu a 9′ dalla fine riaccende la luce con un grande assist per il ‘pistolero’ polacco. Ma la gestione del pallone nel recupero lascia a desiderare, e Calderoni al 92′ si inventa un gol indimenticabile. “Dovevamo chiuderla prima”. Stefano Pioli bacchetta il Milan dopo il 2-2 subito al 92′ contro il Lecce nella sua prima partita sulla panchina rossonera. “Meritavamo di vincere – aggiunge a Sky il tecnico del Milan -, non abbiamo ottenuto i tre punti solo per demerito nostro. E’ mancata attenzione e collaborazione sul loro secondo gol. E’ un peccato. Ho visto tante cose positive nella nostra gara. Il nostro spirito, la generosita’ e le qualita’ sono state di buon livello, poi ci sono alcune cose che non mi sono piaciute.

Il pareggio non da’ comunque merito alla prestazione della squadra”. Sui gol di Babacar e Caderoni, giocatori che Pioli ha allenato in carriera, il tecnico del Milan risponde con un sorriso amaro: “Stasera ho sofferto gli ex”.

Continua a leggere

In rilievo