Collegati con noi

Capire la crisi Ucraina

“Riapriremo tutto”, Bucha e Irpin vogliono rinascere

Pubblicato

del

All’ospedale di Irpin un operaio sulla scala monta le prime finestre sostituendo il cellophane che le copre da qualche settimana, dopo gli attacchi subiti nei giorni dall’occupazione russa. A Borodjanka squadre sono al lavoro per riparare la rete elettrica. Nelle casette devastate di Bucha un anziano e’ nell’orto per portare via i frantumi causati dalle esplosioni. Nelle citta’ degli orrori alle porte di Kiev c’e’ fretta di rinascere e, nonostante il conflitto sia tutt’altro che finito, ci sono le prime squadre di operai per cominciare a rendere di nuovo vivibili quei borghi in cui sono state commesse le maggiori atrocita’. Anche la fossa comune, adiacente alla chiesa ortodossa di Sant’Andrea a Bucha, e’ stata ricoperta e le salme tutte trasportate nel cimitero. A ricordare che li’ si e’ consumato un crimine di guerra ci sono oggi i fiori lasciati da chi viene qui a pregare. Vuole rinascere anche il seminario di Vorzel. Immerso in un parco con le casette a misura d’uomo e la chiesa rossa dedicata al Sacro Cuore, e’ il luogo dove si formano i futuri sacerdoti di Kiev. Erano in venticinque, piu’ il rettore, il vice rettore e il padre spirituale, quando il 25 febbraio hanno deciso di lasciare tutto in fretta. “Avevamo sentito il 24 i primi attacchi al vicino aeroporto di Hostomel. Il 25 mattina ho deciso: andiamo via. Ho detto ai ragazzi che avevano un quarto d’ora per fare colazione e mezz’ora per fare una borsa con le cose che volevano portare via”, racconta padre Ruslan Mykhalvik, 42 anni, rettore della struttura. I giorni seguenti la devastazione: prima due missili danneggiano il caseggiato. Poi l’armata russa ne fa una base d’appoggio mettendo tutto all’aria e rubando quante piu’ cose possibili: computer, tv, la lavatrice “ma anche tutte le pentole e le scarpe da ginnastica usate”, racconta don Ruslan che non nasconde il sospetto che nei giorni dopo la ritirata dei russi, a rubare, soprattutto “beni alimentari”, siano stati anche le persone del posto “che non avevano piu’ neanche acqua e cibo”, dice con un sorriso senza nessuna ombra di acrimonia nei confronti di questi ultimi. Il seminario e’ ancora sottosopra ma tra i dolori piu’ grandi, per quanto fatto dagli occupanti dell’armata russa, c’e’ la parziale distruzione della statuetta della Madonna “che avevamo portato da Fatima dal nostro ultimo pellegrinaggio in Portogallo” e il trafugamento del calice che aveva usato Giovanni Paolo II nella messa che aveva celebrato qui nel corso della sua visita del 2001. Da una decina di giorni il rettore e il padre spirituale sono tornati per fare la conta dei danni e cominciare a fare ordine. Bottiglie di vodka sparse ovunque, per non parlare della cappella che era stata usata a sfregio come toilette. Ora, dopo due mesi, sono state ripristinate corrente elettrica ed acqua. “Vorremmo riaprire a settembre”, auspica il giovane rettore spiegando che i ragazzi sono stati trasferiti nel frattempo a Horodok per finire l’anno e dare gli esami. Interverra’ per questo una fondazione vaticana. “Come gia’ sosteniamo ogni anno i circa novecento seminaristi del Paese, cosi’ sentiamo il dovere di consentire la riapertura, nel piu’ breve tempo possibile, di un seminario oltraggiato dall’orrore”, dice il direttore di Acs-Italia Alessandro Monteduro, in questi giorni in missione in Ucraina, assicurando che la fondazione si fara’ carico di tutte le spese per riparare i danni e per acquistare tutto quanto e’ stato trafugato.

Advertisement

Capire la crisi Ucraina

L’Aiea resta a Zaporizhzhia, la Russia avverte gli Usa

Pubblicato

del

Alla fine l’ha spuntata l’Aiea. Dopo aver lanciato l’allarme sulle condizioni di sicurezza a Zaporizhzhia, denunciando che “l’integrita’ fisica della centrale” nucleare piu’ grande d’Europa “e’ stata ripetutamente violata” in questi mesi di guerra in Ucraina, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha ottenuto di poter lasciare stabilmente due dei suoi ispettori nell’impianto, al termine della prima missione di monitoraggio, che si concludera’ tra domenica e lunedi’. Una “presenza permanente” auspicata con forza dal direttore generale dell’ente, Rafael Grossi, che ha ottenuto il disco verde da Mosca, dopo che i filorussi che da inizio marzo controllano la struttura erano a lungo apparsi restii ad ammettere figure esterne, ostacolando fino all’ultimo l’arrivo degli esperti dell’Onu attraverso il territorio controllato da Kiev. “Due persone rimarranno nell’impianto su base permanente. Lo apprezziamo, poiche’ la presenza internazionale e’ chiamata a dissipare numerose speculazioni sullo stato delle cose”, ha spiegato Mikhail Ulyanov, rappresentante permanente della Russia presso le organizzazioni internazionali a Vienna, tra cui l’Aiea. Entro lunedi’ lasceranno invece l’impianto i 5-6 ispettori rimasti per “indagare piu’ a fondo” sulla situazione, dopo la partenza degli altri membri della delegazione di 14 esperti arrivata giovedi’. Nel frattempo, dopo poco piu’ di 24 ore, e’ stato riattivato il reattore numero 5, spento dal sistema d’emergenza dopo i raid nelle vicinanze. Sull’esito della missione continua pero’ il braccio di ferro tra le parti. Dopo aver richiesto una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu con la partecipazione proprio del capo dell’Aiea, Mosca ha insistito sull’importanza di comunicare “alla comunita’ internazionale” quanto scoperto dai tecnici, che hanno “avuto accesso dovunque abbiano voluto”. Da inizio luglio le forze ucraine, “usando armamenti occidentali, attaccano regolarmente la centrale”, creando “un rischio reale di disastro nucleare in Europa”, ha denunciato il ministro della Difesa Serghei Shoigu. E solo all’arrivo dei tecnici dell’Onu, hanno sottolineato i filorussi, Kiev ha smesso di bombardare. Accuse rispedite al mittente dagli ucraini, secondo cui “gli occupanti” hanno fatto “ogni sforzo per impedire alla missione dell’Aiea di conoscere il reale stato delle cose nella centrale”, diffondendo “manipolazioni e false informazioni”. Nell’area di Zaporizhzhia, in ogni caso, gli scontri sono proseguiti, compresi i raid nel distretto di Energodar, la cittadina che ospita l’impianto, mentre Kiev ha rivendicato di aver colpito sistemi militari nemici. Intanto, sul conflitto ormai entrato nel settimo mese, con gli sforzi di Kiev sempre piu’ concentrati sulla controffensiva a sud nella regione di Kherson, tornano ad alzarsi i toni tra Mosca e Washington. “Mettiamo in guardia gli Usa dal fare passi provocatori, compresa la fornitura all’Ucraina di armi di sempre piu’ lunga gittata e piu’ distruttive”, ha detto il viceministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov, affermando che c’e’ ormai solo una “sottilissima linea a separare gli Stati Uniti dal diventare una parte in conflitto” e “le sfacciate forze anti-russe non devono illudersi che tutto rimarra’ immutato, una volta che quella linea sara’ stata superata”. Nel frattempo, continuano a farsi sentire anche gli effetti geopolitici della guerra, compreso l’ulteriore avvicinamento tra Russia e Cina. A partire da domenica, Vladimir Putin sara’ in viaggio nell’estremo oriente russo – dalla Kamchatka a Vladivostok – per partecipare a diversi incontri economici e supervisionare la fase finale delle maxi esercitazioni militari Vostok 2022 (Est 2022), cui partecipano circa 50 mila soldati, 140 aerei da combattimento e 60 unita’ navali. Manovre a cui Pechino ha inviato un’imponente delegazione militare, con oltre duemila soldati e 300 mezzi, e, per la prima volta a un ciclo di operazioni a guida russa, rappresentanze di Esercito, Marina e Aeronautica.

Continua a leggere

Capire la crisi Ucraina

“È in ritardo”, torna indietro la prima nave con il mais

Pubblicato

del

 

La prima nave partita dall’Ucraina dopo lo sblocco delle esportazioni da quando e’ iniziato il conflitto con la Russia non e’ mai arrivata a destinazione. La ‘Razoni’ aveva lasciato il primo agosto il porto di Odessa con oltre 26mila tonnellate di mais ma una volta arrivata nei pressi di Tripoli in Libano, la sua destinazione finale, l’acquirente ha rifiutato il carico citando un ritardo di 5 mesi nella consegna. L’imbarcazione e’ quindi tornata indietro ed ora si trova ancorata nelle vicinanze del porto di Mersin, nel sud della Turchia, mentre il trasportatore sta valutando “altre richieste di acquisto”, ha fatto sapere l’ambasciatore ucraino in Libano Ihor Ostash. Delle 10 navi che hanno lasciato i porti dell’Ucraina dopo l’accordo tra Ankara, Kiev, Mosca e Onu, che ha sbloccato le esportazioni, soltanto una ha raggiunto la sua destinazione finale arrivando l’8 agosto a Derince in Turchia con un carico di 12mila tonnellate di grano. Due delle navi partite dall’Ucraina sono dirette in Italia. La ‘Sacura’ ha lasciato il porto di Yuzhny l’8 agosto con un carico di 11mila tonnellate di soia e la sua destinazione finale e’ Ravenna. A Monopoli e’ attesa invece la ‘Mustafa Necati’, partita il 7 agosto dall’Ucraina con un carico di 6mila tonnellate di olio di semi di girasole. Entrambe le imbarcazioni si trovano nel mare di Marmara, a sud di Istanbul, per un’ispezione da parte di delegati di Ankara, Kiev, Mosca e Onu dopo la quale potranno proseguire il loro viaggio se non saranno riscontrate infrazioni. Tutte le navi che lasciano i porti ucraini vengono ispezionate a Istanbul per assicurarsi che non trasportino armi o carichi non autorizzati. Si tratta di una delle condizioni del patto tra Turchia, Russia, Ucraina e Onu che ha sbloccato le esportazioni dopo cinque mesi di guerra. Salutato a livello internazionale come un successo, l’accordo sul grano non e’ ancora riuscito a mandare a pieno regime le esportazioni dall’Ucraina, dove circa 25 milioni di tonnellate di cereali e prodotti alimentari simili sono restate bloccate a partire dall’invasione russa del 24 febbraio. Kiev vorrebbe che partissero almeno 100 navi al mese, come ha fatto sapere il ministro delle Infrastrutture Oleksandr Kubrakov, ma questo obiettivo pare ancora lontano. Nel frattempo, la Spagna ha lanciato un “progetto pilota” per importare 600 tonnellate di mais ucraino via treno, con l’obiettivo di dimostrare che il trasporto ferroviario puo’ essere “un’alternativa o un complemento” al trasporto marittimo per l’importazione di grano dall’Ucraina. Ieri sera da Madrid e’ partito un convoglio di 25 container diretto a Chelm, in Polonia, a 25 km dal confine ucraino, dove ha in programma di caricare circa 600 tonnellate di mais provenienti dall’Ucraina, ha dichiarato il Ministero dei Trasporti spagnolo in un comunicato.

Continua a leggere

Capire la crisi Ucraina

La strana morte di uno dei migliori progettisti di armi di Putin

Pubblicato

del

Uno dei migliori progettisti di armi di Vladimir Putin, Dmitry Konoplev, e’ morto in circostanze misteriose mentre “era sottoposto a cure per combattere disturbi di ansia e depressione”. Lo riporta il Daily Mail affermando che l’uomo, 46 anni, era a capo dello Shipunov Instrument Design Bureau, ideatore tra l’altro del sistema missilistico Pantsir utilizzato dalla Russia nella guerra contro l’Ucraina. In passato Konoplev e’ stato vicedirettore dell’Agenzia federale russa per la fornitura di armi militari, equipaggiamenti speciali e materiale bellico. Il quotidiano russo Izvestia ha riferito che l’uomo ha subito un infarto mentre era sottoposto a terapia con Xenon (un gas con proprieta’ antidepressive) indossando una maschera di ossigeno in una clinica d’e’lite di Mosca. Nessun commento ufficiale sulla morte del progettista d’armi ma l’ex guardia del corpo di Putin Alexey Dyumin, governatore della regione di Tula dove ha sede l’ufficio di progettazione delle armi, ha affermato che Konoplev “ha fatto molto per l’industria della difesa del Paese”, dando “un grande contributo”. In totale l’organizzazione e’ responsabile di oltre 150 armi e pezzi di equipaggiamento militare utilizzati dall’esercito russo. L’ufficio dove lavorava Konoplev e’ descritto come il principale sviluppatore di armi complesse di Putin.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto