Collegati con noi

Ambiente

RestiAMO al SUD. Diamante di nome e di fatto e bandiera blu del Tirreno

Giovanni Mastroianni

Pubblicato

del

Nel tratto cosentino del Parco del Pollino, ritagliato nell’Appennino Meridionale che dalla Basilicata in giù guarda i due Mari sempre più vicini, i promontori che si distendono verso il Tirreno iniziano a perdere quota velocemente, regalando sempre emozioni forti tra grotte, dirupi ed insenature che animano la corsa ad ampi sbalzi verso il litorale. Questa è la caratteristica bellezza naturale della Calabria, in gran parte ancora selvaggia e quindi autentica, tale da affascinare tutti coloro che hanno avuto la fortuna di imbattersi in questa regione che resta ancora tutta da scoprire e sempre da amare.

Là dove il promontorio sembra diventare più mansueto, si può scorgere un avamposto di umanità dalle marcate caratteristiche medioevali, che si staglia dall’ultimo tratto di penisola proprio di fronte al mare turchese. Una vera pietra preziosa, che non poteva che chiamarsi Diamante, da quest’anno insignita anche dell’ambita “Bandiera blu”, sinonimo di purezza ed esclusività. 

Di origini greco romane, dal 1500 l’insediamento urbano ed abitativo si definì soprattutto come roccaforte a protezione delle incursioni dei Saraceni. Una storia di attacchi e di difesa, di vita e di morte, che continua ad essere narrata dal Torrione voluto dal Principe Sanseverino, al quale fu poi aggiunta una imponente fortificazione. Oggi, nella tranquillità di questo territorio che splende al sole quasi tutto l’anno, otto chilometri di spiagge variegate, dal fondo sabbioso a quello sassoso, conducono ad un mondo sommerso pieno di vita, dove fauna e flora marina si infittiscono di colori e fanno vibrare l’anima fino alla non distante frazione di Cirella ed al suo isolotto  – oggi delimita il confine comunale dal lato Sud, ma fino agli inizi del 1800 comune a sé –  sul cui suolo resistono i segni dei periodi bizantino, romano, normanno e svevo, con i resti del mausoleo di Tredoliche, del castello e delle chiese medioevali di San Nicola Magno e dell’Annunziata, che sono un vero e proprio spettacolo nello spettacolo. 

Siamo nel pieno della Riviera dei Cedri, il cui nome è un omaggio al diffusissimo agrume che ha contribuito per secoli a trainare l’economia locale, apprezzatissimo in tutto in mondo, soprattutto dalle Comunità Ebraiche. Invero i traffici commerciali che fecero di Diamante vero punto di riferimento e dotata di una cospicua flotta, risalgono al XVII Secolo, quando fitti erano gli scambi soprattutto con Napoli ed Amalfi.

Oltre al suggestivo centro storico, che si dirama in stradine e vicoletti che terminano a ponente con gli ultimi palazzi a strapiombo sul mare, dal 1981 a fine anni novanta, sono stati realizzati da artisti provenienti da tutto il pianeta, quasi duecento murales di grande pregio, e tali da aver reso questa località la “più dipinta d’Italia”. Un trionfo di colori che sono un omaggio al fascino dell’intero Territorio.

Ovviamente il mare è l’elemento che più attira ed incanta, come dalla Baia d’Oro, che spicca d’improvviso da una insenatura naturale nata dalla forza vulcanica e modellata dal mare e dal vento. Dalla spiaggia dorata si accede alla piccola scogliera dove poter quasi toccare con mano tutti i colori del Tirreno, qui davvero limpidissimo, e nel quale letteralmente volare nuotando su fondali incantati.

In questa terra intrisa di beltà così estrema, anche i sapori della cucina non potevano che essere forti e decisi. Il profumo del basilico, delle mandorle e delle cipolle rosse impreziosiscono piatti di mare e di terra, quasi sempre esaltati dal peperoncino locale, che qui è elemento essenziale e non secondario, tale da rendere ancora più inteso ogni sapore della dieta mediterranea, per la gioia di tutti i fortunati avventori.

Al tramonto, il sole inizia dolcemente a posarsi sull’acqua che ora brilla come un letto d’oro. I riflessi rosati dipingono l’intera Costa mai come adesso placida e silenziosa, di una bellezza struggente, la stessa che rapì il cuore di Matilde Serao e di D’Annunzio. Questa è la Calabria autentica, generosa, quella vera, che ci portiamo sempre nel cuore e nella quale vogliamo sempre ritornare.

Advertisement

Ambiente

Fincantieri-Snam-Msc: a idrogeno la nave-crociera futura

Avatar

Pubblicato

del

Se davvero, come dice l’a.d. Giuseppe Bono, la Fincantieri e’ diventato “il primo costruttore al mondo per il militare, come lo e’ per le crociere”, allora non puo’ non essere il primo anche per la tutela dell’ambiente e il rispetto dei principi della sostenibilita’. Infatti, il gruppo ha siglato con altri due colossi, MSC Crociere e Snam, un protocollo per realizzare la prima nave da crociera al mondo alimentata a idrogeno. Si comincera’ dalla organizzazione degli spazi a bordo per ospitare le tecnologie H2 e le celle a combustibile, e dal calcolo dei potenziali risparmi sulle emissioni di gas serra e altre analisi della fornitura di idrogeno. L’idrogeno verde ha “un grande potenziale per contribuire alla decarbonizzazione del settore marittimo, compresa la crocieristica”, spiegano le tre realta’ in una nota. Per Pierfrancesco Vago, direttore esecutivo della Divisione Crociere di Msc, il progetto vuole essere anche “un segnale al mercato il piu’ forte possibile su quanto seriamente prendiamo i nostri impegni per l’ambiente”. Oggi “il trasporto marittimo rappresenta circa il 3% delle emissioni di Co2 a livello globale – indica l’a.d. di Snam Marco Alvera’ – e l’utilizzo dell’idrogeno puo’ contribuire a raggiungere dell’obiettivo delle zero emissioni nette in questo settore cosi’ come in tutti quelli ‘hard-to-abate'”. Intanto, nei cantieri navali di Monfalcone (Gorizia) si e’ stabilito un nuovo record: Fincantieri ha consegnato proprio alla Msc la piu’ grande delle navi da crociera mai costruite in Italia, la Seashore. Non e’ stato soltanto un momento toccante per la stazza o per le tradizionali cerimonie marinare e nemmeno per il moderato impatto ambientale e l’avanguardistica tecnologia installata su questo gigante del mare, quanto per cio’ che esso simboleggia. Non fosse altro che per il fatto di essere stata la prima cerimonia in presenza dall’inizio della pandemia. Il ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini, presente, lo ha descritto cosi’: “Un forte segnale di ripresa, di resilienza e di sviluppo”. E’ vero: una gemella della Seashore, la Seascape e’ gia’ in costruzione negli stessi cantieri di Monfalcone per la Msc, che ha gia’ chiesto a Fincantieri altre quattro unita’. Per quest’ultima, invece, come ricorda Bono, “quella di oggi e’ la quarta nave da crociera consegnata in Italia nel 2021 a dimostrazione della efficacia del nostro sistema produttivo e gestionale”. Un’altra sara’ consegnata tra pochi giorni. E per il futuro, Bono dice di essere “tranquillo”: in portafoglio c’e’ lavoro per anni e il “settore delle crociere continuera’ a tirare”.

Continua a leggere

Ambiente

Ambiente e clima, l’appello di Carelli: piano comune anche per paesi fuori alleanza

Avatar

Pubblicato

del

“E’ arrivato il momento che l’umanita’ torni ad attingere a quei piu’ alti valori di solidarieta’, comunita’, impegno condiviso al fine di raggiungere obiettivi piu’ alti di quelli dettati da interessi ed egoismi elitari. Il risultato di nubifragi, alluvioni, incendi, deforestazione e desertificazione sono davanti a noi in tutto il mondo e non possiamo piu’ voltarci dall’altra parte”. Così Emilio Carelli, vicecapogruppo alla Camera di Coraggio Italia, riassume lo stato dell’arte di alcuni importanti vertici internazionali su Ambiente e Clima. “Spero che le discussioni di questi giorni, prima con il G20 a Napoli, poi con il vertice sull’ambiente a Londra di oggi – prosegue – arrivando fino al COP26 di novembre, portino allo sviluppo di un piano di azione comune. Non c’e’ piu’ tempo: il riscaldamento globale va contrastato ora e va fatto insieme. Non puo’ essere solo un obiettivo dell’alleanza atlantica; anche altri paesi come Cina e Russia devono condividere questa battaglia”.

Continua a leggere

Ambiente

G20,su clima Usa e Italia non riescono ad accelerare

Avatar

Pubblicato

del

L’accelerata sul clima non e’ riuscita a John Kerry e Roberto Cingolani. L’inviato del presidente Joe Biden sulla crisi climatica e il ministro italiano della Transizione ecologica, al G20 dei ministri dell’Ambiente di Napoli volevano convincere i venti Grandi ad alzare l’asticella rispetto all’Accordo di Parigi. L’obiettivo era farli impegnare a mantenere il riscaldamento globale sotto 1,5 gradi al 2030 (Parigi prevede 2, senza una data precisa) e a chiudere tutte le centrali a carbone al 2025. Ma Cina e India si sono opposti, e l’accelerata non e’ passata.

O meglio, e’ stata rinviata al G20 dei capi di stato e di governo del 30 e 31 ottobre a Roma: decideranno loro se darla o meno. Oggi al Palazzo Reale di Napoli era prevista la discussione su clima ed energia. Ieri sulla tutela degli ecosistemi e della biodiversita’ si era raggiunto un accordo senza grandi difficolta’, ma oggi la trattativa era in salita. Usa, Europa, Giappone e Canada, ricchi di capitali e di tecnologie, vogliono accelerare sul taglio delle emissioni, anche rispetto all’Accordo di Parigi. Ma Cina e India non ci sentono: hanno bisogno delle fonti fossili a buon mercato per alimentare la loro crescita. Gli sherpa negoziavano su un possibile accordo dal febbraio scorso.

A Napoli, le delegazioni hanno trattato due giorni e due notti di seguito. Kerry e Cingolani gia’ ieri avevano stretto un patto di ferro: dobbiamo riuscire a portare tutti i Grandi sulle nostre posizioni, riscaldamento sotto 1,5 gradi al 2030 e via il carbone al 2025. Secondo i tecnici americani, solo con una accelerata alla decarbonizzazione in questo decennio si puo’ davvero rispettare l’Accordo di Parigi. Se si va gradualmente, si finisce per sforare anche i 2 gradi. Oggi l’inviato della superpotenza globale e il padrone di casa italiano hanno preso uno per uno i delegati per convincerli. Dopo pranzo, Cingolani, ha mandato fuori i tecnici e ha convocato tutti i ministri: la decisione doveva essere politica. Ma Cina e India si sono messi di traverso. I delegati dei due paesi hanno chiamato i loro Ministeri dell’Economia per sapere se potevano scendere a un compromesso. Ma da Pechino e New Delhi e’ arrivato il no: va bene impegnarsi a rispettare l’accordo di Parigi, ma legarci a 1,5 gradi al 2030 e’ troppo costoso per le nostre economie. “Al G20 Ambiente volevamo essere piu’ ambiziosi sulla decarbonizzazione, ma oltre non si poteva andare – ha commentato alla fine Cingolani -. Cosi’, i due punti li abbiamo rinviati al G20 dei Capi di Stato”.

Il ministro si dice comunque soddisfatto dei risultati ottenuti: “Abbiamo raggiunto l’accordo su 58 punti del documento finale. Era la prima volta che a un G20 clima ed energia venivano trattati assieme. Abbiamo concordato sull’accelerazione del passaggio alle energie pulite in questa decade, sull’allineamento dei flussi finanziari agli impegni dell’Accordo di Parigi, sull’adattamento e la mitigazione degli effetti del cambiamento climatico, sugli strumenti di finanza verde, sulla condivisione delle migliori pratiche tecnologiche, sul ruolo di ricerca e sviluppo, sulle citta’ intelligenti e resilienti. Sono stati approvati due documenti della Presidenza italiana sulle smart city e le comunita’ energetiche e sulle rinnovabili offshore, e due allegati sulla poverta’ energetica e sulla sicurezza energetica”.

Soprattutto, ha spiegato il ministro, “non c’e’ nessuno dei G20 che abbia messo in dubbio l’Accordo di Parigi -. Tutti hanno detto che vogliono rispettarlo. Quattro mesi fa diversi paesi non volevano neppure sentire parlare di certi argomenti, ora hanno firmato. C’e’ stata una maturazione culturale. Non a caso, i lavori si sono aperti con le condoglianze ai delegati di Germania e Olanda per le vittime delle alluvioni”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto