Collegati con noi

Economia

Reddito di cittadinanza, Conte: stretta su chi rifiuta il lavoro, controlli su chi lo percepisce, stop all’assistenzialismo

Avatar

Pubblicato

del

Cambiare il Reddito di cittadinanza per evitare che sia una mera misura assistenziale, peraltro abusata da caterve di criminali abusatori di professione. Ad entrare con forza nella polemica sul Reddito di cittadinanza, riforma bandiera lasciata a metà del M5S è il premier Giuseppe Conte.
“Voglio che una soluzione sia operativa entro sei mesi, il reddito di cittadinanza in questo modo rischia di essere una misura assistenziale senza progettualità” dice Conte che al termine di tre riunioni riservate avute negli ultimi giorni con il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, con il ministro dell’Innovazione digitale, Paola Pisano e con il presidente dell’ Anpal (l’Agenzia nazionale delle politiche attive sul lavoro), Domenico Parisi, ha chiesto correzioni. Paris, peraltro, è l’esperto scelto dal ministero del Lavoro (ai tempi di Luigi di Maio ministro)  che ha lavorato alla riforma e che da mesi denuncia di essere ostacolato nel suo lavoro e di avere le mani bloccate.
Comunque sia ora Conte ha preso in mano il dossier sul reddito di cittadinanza e vuole capire che cosa non sta funzionando nel settore più importante della riforma: le politiche attive sul lavoro. Va bene aiutare chi non ha lavoro, ma è il lavoro che dà dignità non l’assegno di mantenimento. Ecco perchè Conte vuole capire perchè non si è ancora realizzato il famoso “incontro” fra domanda e offerta di impiego, fra aziende e disoccupati. E il premier ha chiesto alla Catalfo e a Parisi di collaborare invece di litigare e ha stigmatizzato che a distanza di un anno e mezzo dall’introduzione del reddito non esista traccia di un sistema unico e nazionale informatico che dovrebbe aiutare i disoccupati a trovare un lavoro e le aziende a trovare le persone che lo cercano.
Eppure sono stati stanziati decine di milioni di euro che non sono stati spesi. L’unica cosa che funziona, si fa per dire, è l’erogazione del reddito di cittadinanza. L’assegno mensile arriva con puntualità a chi ne ha fatto richiesta, anche a chi non ne ha diritto. Ma così come è tutta la riforma rischia essere una misura puramente assistenziale.
E così Conte, alle prese con i progetti per spendere le risorse europee del Recovery Fund, vuole cominciare a dare buoni esempi di buona spesa all’Ue cominciando a correggere misure che comportando spesa pubblica eccessiva e nessuna riforma. Almeno a leggere il pensiero del premier che ultimamente ga nel mirino prima Quota 100 (non verrà confermata dopo i tre anni di vigenza), facendo balenare un un nuovo sistema pensionistico che distingua per la prima volta fra lavori usuranti e non. Sempre Conte ha messo mano alle modifiche che ritiene necessarie al nuovo sistema di gestione degli sbarchi dei migranti. Così il premier abolirà a breve i decreti sicurezza voluti da Salvini. Le nuove norme non  saranno un “entrino tutti” i migranti, ma solo una modulazione diversa di controlli ed espulsioni dei migranti oltre a redistribuzioni di chi deve essere ospitato perchè ha protezione internazionale.  Ma quel che conta di più è che il premier vuole cambiare il sistema complessivo del reddito di cittadinanza, che così com’è “non può più funzionare”.

Reddito di Cittadinanza. Il presidente Inps Tridico e il ministro del Lavoro Catalfo

Conte ha chiesto alla ministra Pisano di formare  una task force che si occupi di progettare e rendere operativa una struttura informatica che metta insieme, in modo che comunichino fra loro, 20 sistemi regionali diversi del mercato del lavoro, con regole diverse che oggi i navigator sono chiamati e rispettare, e che sfoci in un secondo tempo in una app nazionale, in un sistema operativo in grado di funzionare con efficacia e di rendere più difficile, quasi impossibile, rifiutare il lavoro e mantenere il reddito. La norma deve essere: sì al reddito di cittadinanza a chi perde il lavoro e non ha reddito per una vita dignitosa ma stop alla erogazione dell’assegno se cui rifiutano gli impieghi trovati dai navigator.
Andrà sicuramente fatta una gara, cambiare alcune norme della legge che ha introdotto il reddito di cittadinanza, forse anche alcune deleghe, ma  Conte è stato categorico. Il premier vuole ad inizio 2021, al più tardi nella primavera del 2021, non una risposta alle sue perplessità ma un sistema che funzioni, anche introducendo incentivi per le imprese, che dovranno iscriversi al sistema stesso. Insomma occorre che il sistema delle imprese (sono le imprese che creano lavoro) cerchi personale formato attraverso i Centri per l’impiego regionali nel frattempo riformati. Il Governo deve creare la stanza d’incontro tra richiesta di lavoro e necessità di posti di lavoro. Si è  perso un anno e mezzo. Se un’azienda di Napoli cerca un ingegnere biomedico deve sapere che se non  c’è in Campania, questa professionalità può trovarla in Sicilia o nelle Marche o dove c’è. Insomma la questione è anche tecnica. Non s’è fatto nulla in 18 mesi sotto questo punto di vista. E l’iniziativa forte di Conte ha certamente un taglio tecnico ma anche molto politico: all’Anpal sembra sia in corso una guerra fra presidente, Parisi, di nomina governativa e confermata dal presidente della Repubblica e il direttore generale, Paola Nicastro, di nomina ministeriale, sulle competenze.
Altrettanto ruvido appare il rapporto fra la ministra Catalfo e Parisi, con la prima che sta cercando di dirottare alcuni fondi di coesione europei, con un emendamento in Parlamento, direttamente al ministero ma originariamente destinati all’ Anpal. Insomma una guerra burocratica in piena regola con diversi attori, mentre restiamo uno dei pochi Paesi europei che ha un sistema in grado di funzionare sul matching fra offerta e domanda di lavoro .

Advertisement

Cronache

Whirlpool, notte in fabbrica per i lavoratori: domani si chiude

Avatar

Pubblicato

del

Hanno trascorso la notte nella fabbrica che da domani sarà ufficialmente chiusa: i lavoratori della Whirlpool sono arrabbiati, amareggiati, delusi, preoccupati. L’azienda ha mandato un SMS a tutti loro per dire che dal 1. novembre non si potrò entrare in fabbrica altrimenti chiameranno i carabinieri, fatte salve le eccezioni che riguardano le riunioni sindacali. Oggi nel piazzale del sito produttivo con i lavoratori il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e l’assessore regionale alla Formazione professionale Armida Filippelli.

Continua a leggere

Economia

Pil oltre attese ma per economia è incubo lockdown

Avatar

Pubblicato

del

Il rimbalzo c’e’ stato ed e’ stato maxi. Nei mesi estivi l’economia italiana ha ritrovato vitalita’ e, dopo la primavera in lockdown, e’ arrivata a crescere del 16,1%, invertendo totalmente la rotta rispetto al -13% del trimestre precedente. La risalita nella V disegnata nei grafici del Pil e’ andata ben oltre le piu’ rosee aspettative, sorprendendo anche i piu’ ottimisti, a partire dal ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, da sempre convinto delle capacita’ di ripresa del sistema produttivo, ma che con gli economisti del Mef nel Documento programmatico di bilancio si era fermato ad un recupero del 13% o poco piu’. Con la ripresa della produzione e dei consumi nello stesso terzo trimestre e’ peraltro ripartito di pari passo anche il mercato del lavoro: gli occupati sono stati 113.000 in piu’ rispetto al trimestre precedente. A settembre e’ cresciuto il tasso di occupazione, e’ diminuito quello di disoccupazione, anche giovanile, ed e’ sceso il numero di inattivi. Anche l’inflazione, relativa pero’ ad ottobre, ha mostrato una timida ripresa, segno di un ritrovato dinamismo delle vendite. Eppure il clima intorno ai dati che in un’altra situazione apparirebbero spumeggianti, rimane cupo. Non solo perche’ si e’ ancora lontani dai livelli dello scorso anno sia in termini di Pil (-4,7% rispetto al terzo trimestre 2019) che di occupazione (-330.000 occupati rispetto a febbraio). Il diffondersi dei contagi – oggi a quota 31.084 casi – e le nuove misure restrittive imposte per mettere un argine alla seconda ondata gia’ lasciano presagire un quarto trimestre impegnativo per l’economia italiana, se non veramente difficile. Registra una frenata anche la produzione industriale: l’ufficio studi di Confindustria registra a settembre un calo del 3,2%: “difficile – chiosa – intravedere nel breve periodo segnali di ripresa economica” L’Istat stima che a bocce ferme, la cosiddetta variazione del Pil ‘acquisita’ per fine anno, quella che si otterrebbe se cioe’ il quarto trimestre si chiudesse a crescita zero, sarebbe del -8,2%. Quasi un successo rispetto al -9% stimato dal governo. Ma Gualtieri oggi ha ribadito proprio quel -9%, lasciando quindi presagire un trimestre non piu’ a +0,4% come da previsioni del governo e nemmeno a zero, ma presumibilmente proprio in calo. Intervenendo alla giornata del risparmio, in videoconferenza con il governatore della Bankitalia, Ignazio Visco, il ministro si e’ spinto anche piu’ in la’, non relegando piu’ la possibilita’ di un 2021 meno favorevole del previsto ad un solo ipotetico scenario avverso. “L’entita’ dell’aumento del Pil nel terzo trimestre – ha sottolineato – e’ tale che la previsione annuale pubblicata nella Nadef restera’ valida anche nell’eventualita’ che nel quarto trimestre si verifichi una flessione dell’attivita’ economica”. L’economia italiana e’ solida, ha assicurato, e in questi mesi ha “nettamente migliorato la capacita’ e prontezza di risposta all’emergenza sanitaria ed economica”. Tuttavia, nel caso di misure ancora piu’ restrittive di quelle in vigore dal 24 ottobre, “la crescita del Pil nel 2021 potrebbe risultare inferiore a quanto previsto nel quadro programmatico della Nadef” pari a +6%. In questo caso pero’, ha puntualizzato, “la ripresa sarebbe solo rinviata, non pregiudicata”. Parole ancora di fiducia, dunque, in cui pero’ un quadro meno ottimistico non e’ piu’ un tabu’. Tanto da arrivare a promettere di mantenere una politica espansiva “fino a quando sara’ necessario”. Difficile del resto ignorare l’avvertimento arrivato nella stessa sede da Visco, secondo cui la ripresa dell’epidemia minaccia inevitabilmente di incidere sui risultati raggiunti in estate. Il governatore vede rischi anche in caso di misure “meno drastiche di quelle adottate in primavera”. Anche senza il ricorso al lockdown, insomma, la fiducia e la spesa delle famiglie e delle imprese potrebbero infatti essere fortemente penalizzate dal diffondersi dei contagi. C’e’ poi il contesto europeo da tenere presente: in attesa degli effetti della seconda ondata di contagi i dati del Pil del terzo trimestre sono positivi anche in Francia (+18,2%, che pero’ fanno peggiorare a -11% la stima per tutto il 2020) e in Spagna (+16,7%). Apparentemente piu’ contenuta la crescita in Germania (+8,2%), dove pero’ il calo dell’economia era stato meno severo, tanto che il governo migliora, seppure di poco, la stima di calo previsto per l’intero anno passandola da -5,8% a -5,5%

Continua a leggere

Economia

Whirlpool: lavoratori licenziati, cacciati dalla fabbrica e umiliati con un SMS

Avatar

Pubblicato

del

Il lavoro non è solo retribuzione. Il lavoro è soprattutto dignità. E quel che sta accadendo a Napoli, al sito produttivo della Whirlpool, non è nè questione di lavoro e men che meno questione di dignità. La multinazionale americana, infatti, unilateralmente, dopo aver percepito per anni risorse con accordi di programma finalizzati a mantenere il sito produttivo a Napoli, non solo ha deciso di chiudere i battenti rimangiandosi ogni accordo con lavoratori e con il Governo Italiano. No, Whirlpool ha deciso anche di calpestare la dignità dei lavoratori. Ha fatto sapere che avrebbe garantito la retribuzione fino al 31 dicembre. Ma da primo novembre i lavoratori devono sloggiare. Devono lasciare la fabbrica. E sapete come l’hanno saputo? Una comunicazione affissa nella bacheca sindacale (forse) e messaggi inviati sui telefonini dei dipendenti licenziati con una  lettera raccomandata dalla sera alla mattina. Ecco il testo della comunicazione.  “La Direzione di Whirlpool EMEA S.p.A. comunica la cessazione di tutte le attivita’ produttive presso lo stabilimento di Napoli, con effetto alle ore 00:01 del 1 novembre 2020. Da tale momento i dipendenti saranno esentati dal rendere la propria prestazione lavorativa presso il sito, fermo restando il mantenimento del rapporto di lavoro in essere. Con effetto dal 1 novembre, l’azienda pagherà la piena retribuzione ai Dipendenti fino al 31 dicembre 2020 con riserva di ulteriori valutazioni successive a tale data. L’accesso ai locali aziendali sarà consentito soltanto previa richiesta scritta autorizzata dalla Direzione, per i soli fini del legittimo esercizio dei diritti sindacali derivanti dal CCNL o altre comprovate esigenze personali, e nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza vigenti. Qualsiasi accesso non autorizzato sarà perseguito a termini di legge”.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto