Collegati con noi

In Evidenza

Quindici anni di Twitter, il social network che ha “espulso” Trump

Avatar

Pubblicato

del

“Sto impostando il mio twttr”: era il 21 marzo 2006 e Jack Dorsey, allora giovane sviluppatore, collaudava Twitter scrivendo il primo cinguettio della storia della piattaforma. Un testo di pochi caratteri, breve come un sms. Quindici anni dopo Dorsey, ora amministratore delegato della societa’, ha messo all’asta quel tweet e lo certifica attraverso la blokchain. La quotazione ha superato i 2,5 milioni di dollari, l’asta termina il 21 marzo e il ricavato andra’ in beneficienza. Questa storia racchiude l’evoluzione di Twitter, nato per accogliere comunicazioni veloci, di servizio, e diventato un media versatile che punta al profitto e fa politica, come dimostra il bando per sempre dell’ex presidente Trump. Il microblog nasce nel 2006 sulle ceneri di Odeo, un sistema per pubblicare sul web messaggi audio o video via telefono, una specie di podcast ‘ante litteram’. L’inventore Noah Glass (che poi abbandona) fa salire sulla barca Evan Williams (ex Google), il web designer Jack Dorsey e l’ingegnere Blaine Cook. Il primo tweet e’ del 21 marzo di quell’anno, il lancio ufficiale della piattaforma avviene a luglio. Ad accorgersi del social e’ il blog TechCrunch perche’ a San Francisco viene usato per dare la notizia di un terremoto. Da li’ Twitter vola. In un anno triplica la mole di cinguettii e da un utente, Chris Messina, poi andato in Uber, arriva il suggerimento del simbolo del cancelletto per gli hashtag. Il primo hashtag e’ stato usato su Twitter il 23 agosto 2007. Altra grande novita’ per la piattaforma arriva nel 2017 quando raddoppia i caratteri da 140 a 280 attuali. Nel corso di questi 15 anni Twitter ha documentato attraverso gli utenti tanti momenti di storia. Nel 2009 la rivolta in Iran e poi la Primavera araba, nel 2010 il terremoto di Haiti, la cattura di Osama Bin Laden nel 2011. Poi la tornata elettorale americana del 2016 che porta all’elezione di Trump e allo scoppio del Russiagate, con le informazioni fuori controllo in rete, compresi il linguaggio d’odio e le fake news. Problemi che Twitter, come tutti i social, sta provando ad arginare. Dopo l’ultima tornata elettorale americana ha bandito Trump per sempre. Ha anche lanciato Birdwatch, con gli utenti in prima linea a identificare e segnalare tweet con informazioni false. Altra iniziativa e’ contro la disinformazione sui vaccini per il Covid: una etichetta ai tweet ritenuti “fuorvianti” e al quinto tweet non fondato scatta il bando permanente di un utente. Lontano il 2016, in cui la piattaforma era in crisi economica e alla ricerca di una identita’, ora Twitter guarda al futuro: punta a 315 milioni di utenti attivi al giorno e al raddoppio delle entrate annuali entro il 2023. Per arrivare a centrare questo obiettivo, condiviso con gli investitori, il social pensa ad un servizio a pagamento. Si chiamera’ Super Follows e con un abbonamentomensile di 5 dollari circa si potra’ accedere ai contenuti di alcuni profili, come quelli dei creator e dei giornali. E vuole anche rubari spazi a Clubhouse, il social del momento. Ad aprile, dopo una fase di test, rendera’ la funzione di chat audio Spaces disponibile a tutti gli utenti. Anche in questo caso gli Audio Spaces saranno inseriti in un progetto che permettera’ agli utenti di monetizzare con i loro contenuti. Infine, Twitter vuol mettere le mani anche sul business della musica in streaming. Attraverso Square, societa’ di servizi finanziari e di pagamento ‘mobile’, Dorsey si e’ comprato la maggiornaza di Tidal, societa’ di Jay-Z, rapper, produttore e marito di Beyonce’.

Advertisement

In Evidenza

Achille Lauro annuncia il contratto con Amazon

Avatar

Pubblicato

del

Achille Lauro annuncia di aver siglato uno dei piu’ importanti Overall Deal d’Europa con Amazon Prime, che prende il via con la partecipazione al programma Celebrity Hunted, disponibile su Amazon Prime Video. Per due anni l’artista partecipera’ alla produzione di film, serie tv, documentari e formati in collaborazione con Amazon Prime. “Ho avuto l’onore di partecipare al film Anni da Cane e alla serie Prisma anche producendo colonne sonore e inediti.- sottolinea l’artista – Mi preme l’obbligo di ringraziare Nicole Morganti, Head Italian Originals Prime Video, una manager visionaria e creativa come poche ne ho incontrato. Grazie anche a Francesca Bianchini che ha negoziato insieme al mio manager Angelo Calculli un contratto cosi importante per la mia carriera artistica”.

Continua a leggere

Cultura

Tombe di bimbi sanniti svelate in una necropoli di Pontecagnano esposte al Map

amministratore

Pubblicato

del

Oltre a oggetti legati al mondo infantile, come vasi di piccole dimensioni, poppatoi, statuette in terracotta, i corredi funerari delle tombe di due bambini risalenti al IV secolo avanti Cristo trovate nel Salernitano sembrano proiettare quei due bimbi, un maschio e una femmina, verso una vita che non hanno avuto il tempo di avere. Cio’ che sarebbe stato il loro futuro e’, oggi, possibile presumerlo grazie al ritrovamento dei due importanti contesti funerari, portati alla luce di recente a Pontecagnano, nella necropoli occidentale dell’antica citta’ nell’area di via Raffaello Sanzio. I due ricchi corredi sono la novita’ in esposizione nel Museo archeologico di Pontecagnano (Map) Etruschi di Frontiera, in un edificio moderno che accoglie dal 2007, quando e’ stato inaugurato, le testimonianze archeologiche dell’insediamento che si e’ sviluppato a partire dal IX secolo avanti Cristo proprio dove sorge la cittadina alle porte di Salerno. Uno scavo che ha restituito quasi diecimila sepolture.

“Da qualche anno per le giornate europee dell’Archeologia mettiamo in mostra quello che di recente scopriamo o reperti mai esposti”, spiega all’AGI il direttore del sito museale Luigina Tomay. E questo allestimento, ricorda “e’ stato possibile grazie alla collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Salerno che coordina le indagini archeologiche nella citta’ di Pontecagnano Faiano”. I corredi infantili che ora e’ possibile ammirare al Map appartenevano a un bambino di circa tre anni d’eta’ e a una bambina di qualche anno piu’ grande. E hanno si’ piccoli giocattoli, ma soprattutto oggetti tipici delle tombe degli adulti. Nella tomba di bambino 9815, oltre ad alcune statuette e il gioco degli astragali, ossicini di ovini utilizzati come dadi, c’e’ “un ricco servizio di vasellame in bronzo funzionale al simposio, al consumo del vino. Un piccolo cinturone di bronzo indossato, quindi riferibile alla sfera guerriera. E uno strigile di bronzo, uno strumento usato per detergere il sudore dopo la palestra, dunque un oggetto che allude alla pratica atletica”, racconta Tomay.

“Tutto questo insieme di materiali e’ tipico del costume funerario maschile degli adulti, quindi la sfera della guerra, del simposio, l’ideale atletico – ribadisce – questo ci fa capire che, proprio con la deposizione di questo corredo, i parenti del bimbo morto prematuramente hanno voluto sottolineare quella identita’ che avrebbe assunto una volta arrivato al momento di passaggio dall’eta’ infantile a quella adulta”. La tomba di bambina 9674, poi, oltre alle statuette femminili di terracotta, presentava per lo piu’ vasi solitamente presenti nelle sepolture di donne adulte. “Ci sono un lebete nuziale, destinato ai lavacri che la sposa aveva nel giorno delle nozze oppure, per esempio, i vasi che contenevano i gioielli o ancora tutto il set per il trucco”, elenca il direttore del museo. “Una serie di oggetti che alludono al destino che avrebbe avuto, quello di matrona, padrona della casa e soprattutto madre”.

Continua a leggere

In Evidenza

Boeing, primo volo del 737-10: è l’aereo più grande del mondo

Avatar

Pubblicato

del

L’ultimo nato e il piu’ grande della famiglia degli aerei Max della Boeing, il 737-10, ha fatto il suo volo inaugurale oggi segnando una nuova tappa nel rilancio di questo velivolo, che era stato fermato per venti mesi dopo due incidenti mortali. L’aereo e’ decollato da Renton, nello Stato di Washington, ed e’ atterrato a Seattle. “Ha funzionato a meraviglia”, ha assicurato Jennifer Henderson, responsabile dei piloti del programma 737, che era al comando del volo.

Continua a leggere

In rilievo

error: Contenuto Protetto