Collegati con noi

Spettacoli

Pure le peripezie sessuali di Rocco Siffredi al funerale della mamma sbarcano nel salotto della D’Urso, abbiamo sdoganato tutto

Avatar

Pubblicato

del

Diciamo che la star del porno italiano Rocco Siffredi, tra le sue tante doti nascoste, di sicuro non può vantarsi di aver un grande senso della misura. Ospite da Barbara D’Urso nella puntata di “Live Non è la D’Urso” di domenica 20 ottobre, il buon Rocco, anche per tenere alto il suo buon nome nel mondo del porno, dove avanzano giovani intraprendenti che oltre alle doti nascoste ne hanno altre molto importanti (vedi l’uso dei social, capacità rare di guadagno sul web), si è abbandonato a parlare di porno nel mentre svelava il suo dolore per la perdita della madre.

E così tra un dolore e l’altro, grazie ad una finta domanda di prezzemolo Alda D’Eusanio, il pornoattore si è lasciato andare ad una confessione che ha fatto sobbalzare persino la brava conduttrice, Barbara D’Urso, che pure di pelo sullo stomaco ne ha da vendere. Era già passata la mezzanotte e dunque non eravamo in fascia protetta quando Siffredi ha rivelato che durante il funerale di sua madre, tra un pianto e un po’ di disperazione per il lutto (almeno così dovrebbe essere di norma quando si è al funerale di un congiunto così stretto) si è “fatto” una vecchietta amica della defunta. Lui, Rocco, dice che s’è fatto “solo” praticare sesso orale. E sapete perchè? “Lei, la vecchietta amica di mia madre, mi continuava a stringere, mi continuava a stringere, io mi sono alzato, non so cosa mi sia successo, l’ho tirato fuori…”. Manco a dirlo come è andata, perché a questo punto l’immaginazione è anche meglio dei film di Rocco Siffredi dove, diciamo che non si bada un granché alla trama. Insomma com’è andata a finire, più o meno lo possiamo anche immaginare.

E Barbara D’Urso? Che cos’ha detto? Lei, come al solito, è fantastica quando conduce. Ha sempre un controllo maniacale di ogni momento della sua trasmissione, solo che in questi casi ha rarissime doti di recitazione. È sembrata a metà strada tra lo sbigottito e l’incredulo. “Alda (riferita a prezzemolino D’Esanio, non puoi chiedere a lui ( a Rocco) di raccontare queste cose in televisione. Che ora è? Ditemi che ora è! Alda, ti voglio un sacco di bene, però la prossima volta che ti viene in mente di far raccontare a Rocco Siffredi un bel episodietto come questo, avvertimi prima”, ha concluso cambiando poi argomento. Eh già, perchè l’argomento che aveva voluto trattare, l’aveva esaurito alla grande, senza neanche troppo indugiare nella volgarità. In fondo, un porno attore che si fa l’amica della mamma appena morta al funerale è roba che manco nel porno più trash si può trovare. Ma si sa, se uno guarda i film porno, non è che sta a discettare molto sulla trama. Diciamo che non interessa moltissimo il sottinteso del film, si bada più alla forma. Pardon, alle forme.

Advertisement

Cronache

Violati gli account di Sigfrido Ranucci, il conduttore di Report

Avatar

Pubblicato

del

La denuncia di Sigfrido Ranucci, volto e autore storico di Report, trasmissione d’inchiesta della Rai, desta preoccupazione. “Hanno violato i miei account aziendali, cellulare, email, dati anagrafici, indirizzo e mi è stato detto che gli hacker hanno agito da un Paese dell’Est europeo“. Chi l’ha detto a Ranucci di questa violazione? “Sono stato informato dalla mia banca (Unicredit, ndr)  di questa gravissima violazione che mirava ad ottenere i miei dati anagrafici, l’indirizzo di casa mia, il numero di telefono cellulare e la mail aziendale. Mi è stato specificato che è una violazione ex novo , cosa diversa dall’attacco informatico di cui sono rimasti vittima milioni di utenti di Unicredit”, ha spiegato Ranucci. Che tipo di violazioni sono state commesse? Quali dati sono stati captati? Secondo quanto emerge dai primi accertamenti la violazione ha riguardato tutte le informazioni presenti dal 2015 nell’archivio della banca dove quattro anni fa il giornalista ha aperto un conto. Non sarebbe stato preso un solo euro ma sarebbero state prese informazioni su di lui. Quali informazioni? Quelle tipiche di un conto corrente. Accrediti, addebiti, spese varie. La security della Rai appena  verificare informata dal conduttore di report sta facendo una seria ricognizione delle utenze di Ranucci per verificare se ci sono spyware che possono aver penetrato  un indirizzo mail o un cellulare per poter entrare nell’intranet aziendale. Perchè se così fosse la situazione sarebbe grave. Ranucci è il responsabile della trasmissione, attraverso lui passano le inchieste e tutte le informazioni sensibili relative alle inchieste di Report. Ma quale è lo scopo di questa violazione? E cosa c’era tra i dati acquisiti dagli hacker? C’è un  rapporto tra le violazioni digitali sul conto di Ranucci e le inchieste di Report?  Nessuno può dirlo. Il fatto che gli hacker abbiano agito da un Paese dell’Est non ci autorizza a mettere in relazione le inchieste di Report su Moscopoli e i falsi account social con le violazioni. Certo lo si può sospettare.  Ma bisogna aspettare per capire.

Continua a leggere

Spettacoli

Montalbano, nel 2020 tre nuovi episodi diretti da Zingaretti su Rai 1

Avatar

Pubblicato

del

Nel 2020 andranno in onda tre nuovi episodi del Commissario Montalbano diretti da Luca Zingaretti, dopo la scomparsa di Alberto Sironi, storico regista della fiction di Raiuno campione di ascolti. Lo ha annunciato lo stesso attore romano nel corso di un incontro svoltosi nel Teatro Politeama di Catanzaro. “Abbiamo lavorato – ha detto Zingaretti – con tutto il cast storico di questa serie di cui siamo particolarmente orgogliosi. Un grande successo per la Rai”. Zingaretti nel corso di una intervista ha affrontato tanti argomenti e raccontato una miriade di episodi ed aneddoti che lo hanno accompagnato nella sua carriera, parlando, in particolare, del suo rapporto con Andrea Camilleri e con Sironi, i due papà di “Montalbano” che purtroppo sono venuti a mancare entrambi questo anno. “Fate bene ad applaudirlo – ha detto facendo riferimento al regista – perche’ in vita di applausi non gliene hanno fatti molti”. Presentato dal sovrintendente del Teatro Politeama, Gianvito Casadonte, Zingaretti ha instaurato col pubblico un rapporto di forte intensita’ emotiva e simpatia.

Continua a leggere

In Evidenza

È morto Antonello Falqui, il papà del varietà all’italiana

Avatar

Pubblicato

del

Si è spento a 94 anni il regista che ha inventato il varietà televisivo, Antonello Falqui. “Sono partito per un lungo lungo lungo viaggio…potete venire a salutarmi lunedi’ 18 novembre alle ore 11 nella chiesa S. Eugenio a viale delle Belle Arti a Roma”, hanno scritto i familiari sui profili Facebook e Twitter del regista. Centinaia i messaggi di cordoglio. Tra i primi quello di Fiorello: “Ci lascia il papà del varietà. Il più grande di tutti. Ha fatto sognare gli italiani con i suoi spettacoli. Ho avuto anche il piacere di conoscerlo. Grazie Maestro!”. In Rai dal 1952, Falqui ha firmato grandi programmi televisivi come ‘Il musichiere’ (in onda dal 1957 al 1970) ‘Canzonissima’ (1958-1959 e poi 1968-1969); ‘Studio Uno’ (in onda dal 1961 al 1966) ‘Milleluci’ (1974).

È con lui che Mina è diventata una stella. “L’ho conosciuta con il ‘Musichiere’. Faceva parte degli urlatori. E poichè Mina è impareggiabile da allora è stata sempre scelta”, ha raccontato il regista in un’intervista. Figlio del critico letterario Enrico Falqui, Antonello è nato a Roma il 6 novembre 1925 dove ha trascorso tutta la sua vita, fatta eccezione per una piccola parentesi nel 1952 quando è approdato in Rai, inizialmente nella sede milanese. Si era iscritto all’Università, facoltà di Giurisprudenza, senza portare a compimento gli studi, perchè la sua vera passione era il cinema. Dal 1947 al 1949 ha frequentato il corso di regia del Centro Sperimentale di Cinematografia, diretto da Luigi Chiarini. Nel 1950 è aiuto regista nel film dello scrittore Curzio Malaparte, “Cristo proibito”, girato nel 1950. Oltre a Mina, in tv ha portato personalità come Nino Manfredi, Ugo Tognazzi, Walter Chiari, Johnny Dorelli, Rita Pavone, Ornella Vanoni, Paolo Villaggio, Gigi Proietti e tanti altri. Dal 1990 abbandona il piccolo schermo per dedicarsi all’insegnamento della regia televisiva all’Accademia di Belle Arti di Macerata. Nel 2017 è stato realizzato un film tv dedicato al suo grande varietà, “C’era una volta Studio Uno”, diretto da Riccardo Donna ed interpretato da Edoardo Pesce.

Continua a leggere

In rilievo