Collegati con noi

Cronache

Pugilato, muore a 55 anni investito leggenda Whitaker

Avatar

Pubblicato

del

Il mondo della boxe e’ in lutto e piange uno dei suoi campioni piu’ acclamati e controversi: Pernell Whitaker morto oggi a soli 55 anni dopo essere stato investito da un’auto a Virginia Beach. Secondo i media Usa, la polizia ha ricevuto ieri notte una chiamata per un’incidente ad un incrocio e quando la pattuglia e’ arrivata ha trovato un uomo in condizioni critiche, che e’ deceduto sul posto. Il guidatore e’ rimasto sulla scena dell’incidente, ma non e’ stato arrestato, mentre solo stamane e’ stato annunciato che la vittima dell’incidente era Pernell Whitaker. “Chiedo di rispettare la privacy della mia famiglia in questo momento difficile – ha detto la figlia Dominique, che ha anche quattro fratelli – Oggi abbiamo perso una leggenda, uno dei piu’ grandi di sempre, mio padre Pernell ‘Sweet Pea’ Whitaker”.

Nato a Norfolk il 2 gennaio del 1964, Whitaker e’ considerato uno dei più grandi pugili della storia, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Los Angeles 1984. E’ stato campione mondiale in quattro categorie: IBF, WBC, WBA dei leggeri, IBF dei welters jr., WBC dei welters e WBA dei medioleggeri. Nel 2007 e’ entrato nella International Boxing Hall of Fame. Le statistiche parlano di 214 match disputati, con 201 vittorie, 91 delle quali portate a termine per Ko, anche se il diretto interessato, che ha cominciato a combattere a livello dilettantistico a soli nove anni, ha sempre parlato di oltre 500 incontri. Epici i suoi combattimenti con Oscar De La Hoya e Julio Cesar Chaves. Dopo la fine della carriera, nel 2001, e’ passato ad allenare. “Era nella stessa classe di Muhammad Ali e Sugar Ray Leonard in quanto uno dei pugili piu’ divertenti che ho mai visto in vita mia”, le parole di Magic Johnson che insieme ad altri leggende dello sport, non solo americano, ha voluto rendere omaggio a ‘Sweet Pea’. Tra gli altri, anche Floyd Maywather ha voluto condividere sul suo profilo social una foto che li ritrae insieme e scattata appena due giorni prima della sua tragica morte.

Advertisement

Cronache

Uccide la moglie per una banale lite e poi chiama la polizia per consegnarsi

Avatar

Pubblicato

del

Un italiano di 65 anni si è costituito alla polizia di Torino dichiarando di avere ucciso la moglie con un oggetto contundente. L’episodio è avvenuto in corso Orbassano, nella periferia cittadina. Da quanto si apprende, l’uomo ha colpito la donna e solo dopo qualche ora ha contattato il 112. Sarebbe stata una lite a scatenare il raptus omicida del 65enne che nel primo pomeriggio a Torino ha ucciso la moglie all’interno della loro abitazione, in corso Orbassano. Come ricostruito dalla polizia l’uomo, che pare soffrisse da tempo di depressione, ha colpito la moglie con una sorta di stiletto, quindi ha atteso qualche ora prima di chiamare il 112. Al momento del delitto in casa c’era solo la coppia.

Continua a leggere

Cronache

Finto disabile girava in carrozzina elettrica in Piazzetta a Capri, i vigili urbani l’ha scoperto e…

Avatar

Pubblicato

del

Un falso disabile e’ stato individuato dalla polizia municipale di Capri mente circolava per fare acquisti nel centro storico nei pressi della celebre ‘piazzetta’, a bordo di un deambulatore elettrico destinato a persone diversamente abili. L’uomo, pur non trovandosi in tali condizioni, lo utilizzava per i suoi spostamenti in un’area interamente pedonale. Dopo averlo identificato e appurato che l’uomo non era in condizioni di disabilita’, i vigili hanno elevato un verbale con un ammenda

Continua a leggere

Cronache

Open Arms, la Spagna indica un suo porto per accogliere i migranti e Salvini esulta su Fb

Avatar

Pubblicato

del

Il premier spagnolo Pedro Sancher ha annunciato di aver offerto il porto di Algesiras, in Andalusia, per lo sbarco dei migranti a bordo della nave Open Arms, da giorni a largo di Lampedusa. “Ho indicato che il porto di Algeciras sia abilitato per ricevere OpenArms. La Spagna agisce sempre nelle emergenze umanitarie. E’ necessario stabilire una soluzione europea, ordinata e di supporto, che guidi la sfida migratoria con i valori del progresso e dell’umanesimo dell’Ue”, ha scritto Sanchez su Twitter. “L’inconcepibile risposta delle autorita’ italiane, e in particolare del suo ministro dell’ Interno Matteo Salvini, di chiudere tutti i suoi porti e le difficolta’ esposte da altri paesi del Mediterraneo centrale, hanno portato la Spagna a guidare nuovamente la risposta alla crisi umanitaria “. E’ quanto si legge, secondo El Pais, in un comunicato della presidenza spagnola, nel quale si annuncia la decisione del premier Pedro Sanchez di accogliere l’Open Arms in Andalusia. Il ministro italiano, Salvini, invece, lascia la spiaggia, si cerca un posto all’ombra, e su Fb ci fa sapere che “chi la dura la vince: la Spagna ha aperto i porti. Non ho risposto agli insulti, alle minacce di morte. Si ragiona con calma e si lavora da ministro”.

 

Continua a leggere

In rilievo